LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


24 commenti

Non facciamo la sciocchezza di non andare a votare

Anche il satiro con la testa  asfaltata ha compreso l’importanza delle prossime amministrative.

Vuole che diventino un banco di prova del governo.

So che molti  ( io stessa negli anni ero arrivata a farlo ) in mancanza di alternative valide avevano deciso di non andare a votare.

So che molti schifati dal comportamento  dei politici di qualunque colore avevano deciso di buttare al vento questa grande possibilità democratica.

Le statistiche parlano chiaro, l’astensionismo, già altissimo, è in aumento.

Tutti sapete che non votando favoriamo chi della politica ha fatto  ormai una “professione”, spesso eticamente scorretta, sporca, se non addirittura connivente con il malaffare , mafia, camorra e tutta la merda umana.

Non è il momento di lasciare il campo a questa gentaglia.

Andiamo a votare, mandiamo a votare, invitiamo a votare !!!!

Poi se non trovate nessun nome per cui valga la pena di consumare la penna, esprimetevi graficamente come meglio credete..ma  andate a votare.

Non lasciamo che per un puro meccanismo matematico  diventi maggioranza ciò che invece è minoranza.

Io mi sono candidata in due comuni, Arezzo e Montevarchi  nella speranza che , offrendo il mio nome, il mio essere sempre dalla parte dei più deboli e della giustizia , qualcuno si convinca ad utilizzare questo grande strumento democratico….uno dei pochi che ci rimane.

La mia campagna elettorale sarà questa : non importa chi voterete, ma andate a votare !

Franca


12 commenti

Onora il padre e la madre

Anziani Vecchi

Agli anziani nessun istituto di credito concederebbe mai un prestito. Tranne Claudio Lippi, è vero, ma esclusivamente se hanno una casa di proprietà, meglio se comprata dopo una vita di sacrifici, da scambiare per una una frazione del suo valore di mercato, magari per pagare i debiti di gioco dei figli o le rate della XBox. La ragione è semplice: gli anziani non sono solvibili. Hanno la pensione, è vero – perlomeno fino ad oggi – ma non si sa quanto gli resti da vivere. Non hanno un futuro.

Il sistema non consente a chi veleggia verso la terza età di spendersi un futuro che non ha, ma gli consente di acquistare il futuro degli altri. L’Italia è un paese di anziani, spesso disinteressati alle vicende politiche o irrimediabilmente plagiati da trent’anni di televisione piduista, succubi della più bieca demagogia, che si recano in cabina elettorale e decidono a quale presentatore, cabarettista, pianobarista o comico affidare il futuro dei loro figli e dei loro nipotini. E’ come se venissero imbarcati su un’astronave in viaggio verso un pianeta lontano, dove non avranno mai la possibilità di arrivare, e venisse loro permesso di scegliere leggi e regolamenti che dovranno seguire e rispettare i giovani coloni che sbarcheranno nel nuovo mondo, un luogo sconosciuto e potenzialmente ostile in cui la capacità di adattamento farà la differenza.

Molti di noi hanno genitori che ritengono Emilio Fede un giornalista, credono a quello che leggono su Il Giornale e soffrono di reazioni allergiche al solo sentire nominare un quotidiano come Repubblica o Il Fatto Quotidiano. Per loro è più evocativo un carosello di buone feste in rotazione su Canale5 che non gli atti giudiziari di cento processi per corruzione o per associazione di stampa mafioso, ed è più suggestivo lo studio di Porta a Porta che la realtà di un gelido inverno aquilano con tantissime persone ancora senza casa.
Se glielo chiedi, in fondo non sanno nemmeno perché. Ti vogliono bene lo stesso, ma non sono più in grado di opporre resistenza alcuna allo stereotipo marchiato a fuoco sui loro lobi frontali come i nazisti numeravano i corpi degli ebrei. Sono come elastici o cuscini in lattice: puoi tirarli quanto vuoi, e loro ti lasciano fare, ma quando molli la presa tornano alla loro forma originaria, lugubremente statica, come se nessuna forza deformante, nessuno stimolo esterno, nessuna riflessione o baluginio della ragion critica avesse attraversato le loro menti.

Eppure, se vogliamo cambiare questo paese, dobbiamo parlare con i nostri genitori, discutere con i nostri nonni, convincere i nostri zii e le nostre zie. Sono loro che hanno il timone in mano, sono loro che possono fare la differenza. I ragazzi di Jus Primae Noctis hanno lanciato un’iniziativa concreta, un punto di partenza concettuale per disegnare una nuova strategia di azione più efficace ed incisiva: si chiama Adotta un anziano.
Il concetto è semplice: 2 milioni di italiani sono scesi in piazza o hanno condiviso le argomentazioni del No B.Day, il 5 dicembre scorso. Ognuno di loro ha almeno due genitori: se li adotta e cerca di farli ragionare, ci sono almeno sei milioni di voti da spostare.

Resta solo da capire se il coma sia irreversibile.

Post interamente ripreso da Byoblu di Claudio Messora