LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


1 Commento

Gli impresentabili che ci fanno rimpiangere le veline ( da San Precario )

A pochi giorni dalla sfuriata mediatica di Veronica Lario, che ha mandato in fumo in un sol colpo le candidature delle “escort” del Pdl (ad eccezione di Barbara Matera) c’è da chiedersi se non siano preferibili veline e letteronze alle schiere di “impresentabili” che affollano le liste della prossima tornata elettorale europea. Ciarpame puro al 100%, un quadro un po’ trash e un po’ losco dentro il quale c’è davvero di tutto: dai figli di Casa Savoia ai fans della mortadella. Vediamoli assieme:

Nino Strano. Un condannato dai modi sobri, eleganti. In Senato non si tira indietro quando si tratta di apostrofare i propri rivali politici con locuzioni del tipo “Sei un Cesso Corroso! Sei un Frocio Mafioso! Sei una Checca Squallida! Sei una Merda!”. E’ da poco stato condannato a 2 anni e 2 mesi di reclusione per abuso d’ufficio (assieme al Sindaco Scapagnini, medico personale di Berlusconi, quello che gli prepara intrugli e supposte di lunga vita per farlo arrivare a 120 anni, ricordate?), nonché indagato per la voragine del bilancio catanese. Dite “Impresentabile”? Per lui è un complimento.
Clemente Mastella. A volte ritornano, anzi nel suo caso ritornano sempre. Già , perché la politica italiana non pu fare a meno dell’Homo Corruptus per eccellenza, del testimone di nozze del braccio destro di Provenzano, dell’inventore dell’indulto salva-Previti, dell’Ammazza-De Magistris, delle clientele e del Voltagabbanismo isterico.
Aldo Patriciello. Povero Aldo, uno dei pochi sfigati a cui è stata negata l’immunità Parlamentare (europea), e forse per questo ha deciso di riprovarci. Come si possa votare di questi tempi un imputato per reati urbanistici e violazione di norme ambientali (processo “Piedi D’Argilla”) non è dato sapere ma così è. L’Accusa è Micidiale: aver messo sabbia nel cemento armato utilizzato per la costruzione dei Piloni della Variante. Al Patriciello non piace farsi mancare nulla, e per sedare ogni dubbio può sfoggiare anche una Condanna Definitiva per Finanziamento Illecito. Pregiudicato doc, non poteva che arrivare dalle fila Udc.

Vito Bonsignore. Oh, eccoci ai grandi Classici. Condannato in via definitiva a 2 anni per Tentata Corruzione, e dico tentata, perché non fece in tempo ad incassare la Grana. La Magistratura non glielo permise. Ma non preoccupatevi troppo, ha un conto in Liechtenstein da 5,5 milioni di €. Gli permetteranno di vivere comunque dignitosamente. Democristiano purosangue, anche Don Vito ha optato per passare dall’Udc al Pdl. L’Unione dei Cuffaro non gli dava abbastanza garanzie. D’Impunità.


9 commenti

Il Teatrino dei tonni e la mattanza

tonnoTutti hanno capito che era orchestrato ma nessuno che provi a resistere alla tentazione di stargli appresso.

E così lui perpetua i soliti giochino ed una marea di tonni abboccano.

Resoconto della pesca con la rete a strascico.

ATTO I)  Lui fa lo scemo con due squinzie in cerca di gloria , facendo scrivere i servi piu’ vicini a lui della possibilità di candidare letterine e veline, addirittura con corsi e selezioni.

ATTO II) Strali scandalizzati di ciò che rimane della sinistra ufficiale ed ufficiosa pensosa e triste sulla amoralità e sul merito .

Senso di stantio e di triste rito anche in chi sarebbe d’accordo ( con gli strali ) .

Pezzi scandalizzati sul femminismo ed i diritti lesi delle donne da parte di chi in concreto , per dirne una , è dai tempi dello statuto dei lavoratori che ha smesso di occuparsi di condizione della donna che lavora.

La variante aggiuntiva Veronica è solo un giochino un po’ piu’ raffinato e tendenzioso che si inserisce opportunamente nella solita trama.teatrino

Tutti zitti ed attenti , parla la moglie , per qualche scemo addirittura un modello politico per il futuro : eccola che esplode e  ribatte che sta  perdendo la pazienza .

ATTO III) Lui stralcia 4 nomi , nega tutto , fa l’offeso con gli strepitanti e con la moglie ed ottiene il solito ritorno di immagine del martire che fà tanto e viene disturbato e vilipeso dalla traditrice.

Lei in realtà ha detto anche altro , solo per rendere culturalmente credibile ed appetitosa la sparata in certi ambienti-tonni ( Napoleone e la prossima dittatura ) ma il coro ufficiale dei servi della Comunicazione di Regime sommerge tutto coi fischi , anche e specialmente la parte accettabile ed interessante.

ATTO IV) Come da copione il buon senso comune riconosce e sommerge la ex attrice di accuse di ingratitudine e di “ ma da che pulpito…” e  bastona lei perché disturba il manovratore e lo “ tradisce “ col nemico .

Risultato : rimane sullo sfondo del tutto inefficace il lato interessante , in primo piano vince il povero Premier non capito dalla moglie irriconoscente  e traditrice.

Coro ed applausi.

5 punti in più nei sondaggi e di nuovo il vento in poppa grazie al solito giochino di distrarre , far parlare di sé ed anzi controllare e “stimolare “ positivamente il corpo elettorale.

Ed ai sinistri come al solito la figura degli speculatori d’accatto che non accettano il responso elettorale o ben che và, di chi guarda nel buco dell’altrui serratura .

Intanto passa un nuovo primo maggio semioscurato con tanta musica retorica e poco altro sul merito dei problemi del non lavoro.

Che fare. Quindi?berlusconi_lario_871977061

Non ho ricette ma almeno evitiamo di buttarci nella rete a pesce, appunto come i tonni .

Proviamo a stare di sguincio , fuori dal teatrino, dentro i problemi , dettiamo noi l’agenda , controinformiamo.

E’ ora di finirla col gossip orchestrato e con la ricerca del personaggio da contrapporre , anche questo significa essere vittime dell’agenda di Berlusconi

Altro che Veronica fans club , lei è solo una comparsa ben pagata e funzionale ai giochino elettorali del marito padrone.

Cavallo Pazzo