LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


22 commenti

Il federalismo al contrario ed i grandi eventi

Visto che lo schiaffo preso dagli elettori è stato mitigato dalla vittoria della lega e dallo stop della sinistra che non ne ha approfittato, in faccia a berlusconi è arrivato solo un pizzicotto.

E’chiaro che poi i media di regime trasformeranno questo buffetto in una carezza lieve e profumata, ma si sa, è tutto uno scodinzolar di minzolini .

E’ stato utile al cainano non far discutere per un mese intero in televisione di problemi e di programmi, era quel che si voleva ottenere: lui dappertutto, a reti unificate a far la chiamata alle armi e l’opposizione con voce flebile attaccata al miracolo web di Santoro.

C’è quindi aria di mestizia a sinistra, l’occasione era ghiotta ma diversi errori ( Loriero ?!) ed un manciata di voti nel Lazio ed in Piemonte, non hanno permesso la vittoria.

C’é anche qualcosa di buono: Vendola è ormai un riferimento nazionale da giocarsi per il futuro della sinistra.

Occorrre insistere sui guasti alla democrazia del delinquentone di Arcore ma occorre pure gettarsi ventre a terra sui problemi economici riscoprendo e rilanciando le nostre idee ed i nostri valori, misurati nel quotidiano delle persone in carne ed ossa.

Le cose vanno fatte entrambe e con la stessa forza: antiberlusconismo e sinistra economica.

Oggi vi parlerò di come il delinquente impunito voglia estendere la corruzione che c’é dietro la politica dei “grandi eventi”, che come tutti sanno ormai non prevedono controlli.

E’ chiaro il grande evento lo decide il nano a livello centrale ( ed il federalismo?) ed i comuni eseguiranno. E già perchè invece il famoso patto di stabilità, cosa grandemente stupida ed antifederalista ( ma i leghisti tacciono in cambio di prebende), non prevede più un euro da spendere per i comuni.

Ma se è Lui a decidere come,  quando e perché ecco miliardi  senza controlli e senza rendiconti.

Ecco questo è malgoverno, questa è una cosa concreta che nessuno ha potuto dire in televisione in campagna elettorale perchè gli è stato impedito.

Quindi meno strutture ed asili ( a Milano il 15 % delle famiglie non può pagare le mense dei formigoni boys, i ciellini) e più grandi eventi berlusconici.

Andate a farvi fottere leghisti fascisti ed italioti che avete scelto di dare solo un pizzicotto al nano di arcore, quando si sarebbe meritata una tranvata.

ROMA – La politica dei “grandi eventi” fa scuola. Adesso Palazzo Chigi la “esporta” anche ai Comuni. Cerimonie, manifestazioni di un certo prestigio, perfino grandi celebrazioni religiose saranno gestite anche a livello locale con la discrezionalità e l’autonomia finanziaria di cui godono sciagurate emergenze naturali. Unico paletto, la necessità per gli enti locali di concordare il “grande evento” con il governo. Ovvio.

Non un progetto, ma una norma che tra oggi e domani il Senato trasformerà in legge, nell’ultimo passaggio del decreto Enti locali già approvato dalla Camera il 16 marzo. Con il decreto Protezione civile, l’opposizione era riuscita un mese fa a stoppare la trasformazione del dipartimento in spa, con tutto quello che ne conseguiva. Uno stop maturato anche alla luce dell’inchiesta giudiziaria, delle intercettazioni e dello scandalo che ha coinvolto il capo, Guido Bertolaso, e lambito Palazzo Chigi. Sotto accusa, proprio la gestione in libertà delle emergenze e a seguire dei grandi eventi come fossero emergenze.

L’emendamento che ora allarga le maglie a beneficio (condizionato) dei Comuni è stato introdotto dal governo Berlusconi nel decreto sugli Enti locali, proprio nella prima lettura a Montecitorio, quando il testo è arrivato in aula per essere poi blindato con la fiducia. La norma (il quarto comma dell’articolo 4) è molto tecnica, incomprensibile a un profano, coi suoi molteplici rimandi legislativi. Ma introduce un principio importante, una vera svolta per le amministrazioni locali. Esclude infatti dal saldo finanziario dei loro bilanci – rilevante ai fini del patto di stabilità interno (l’equilibrio dei conti che gli enti devono rigorosamente rispettare) – le spese sostenute per i cosiddetti “grandi eventi”. Un modo per aggirare i vincoli ai quali Palazzo Chigi dovrebbe attenersi, dopo il fallimento del progetto Protezione civile spa? Quel che è certo è che i Comuni non potranno spendere in libertà le risorse che lo Stato concederà loro ad hoc. Perché le “iniziative di particolare rilevanza” dovranno essere dichiarate tali con ordinanza della Protezione civile. Come dire, il bandolo della discrezionalità sarà custodito sempre in cima alla piramide.

Sull’affare “grandi eventi” il PD proverà a dar battaglia con qualche chance in più, dato che tra i senatori della Lega serpeggia un certo malcontento. “Quel che non va è che con questa norma viene ripreso lo schema grande evento uguale emergenza – spiega Luigi Zanda, vicecapogruppo dei senatori democratici – È sacrosanto aiutare i Comuni, vessati dai tagli ai loro bilanci e stretti dai vincoli del patto di stabilità. Ma il governo non può approfittare dell’emergenza reale in cui versano gli enti locali per estendere surrettiziamente una prassi più che discutibile, che ha portato a storture evidenti”.

Denunciamo tutti l’utilizzo improprio e reiterato, da parte del governo, dello strumento delle “ordinanze di protezione civile”, adottato ora anche per consentire agli enti locali “spese in deroga al patto di stabilità”.

Rosselina970


5 commenti

Il Comune di Arezzo taglia le scuole contro lo Stato e contro i bambini

Qui di seguito il Comunicato Stampa scaturito dall’incontro di sabato 21 marzo 2009 tenutosi ad  Arezzo presso l’ITC Buonarroti.

L’Associazione Genitori A.Ge. Toscana e la Consulta provinciale dei genitori di Arezzo denunciano: “Mentre le Regioni fanno di tutto per tutelare le scuole, anche se piccole, il Comune di Arezzo va in piena controtendenza e delibera di accorpare le 9 scuole dell’obbligo esistenti in 6 istituti comprensivi dalle dimensioni già in partenza mostruose”.

Appare del tutto insensato istituire sei nuove scuole rispettivamente di 1.327, 1.259, 1.082, 1.355, 1.220 e 1.143 alunni, quando la normativa sull’autonomia scolastica prevede scuole comprese fra 500 e 900 alunni e il Ministero dell’Istruzione penalizza gli istituti che superano i 1.200 alunni, assegnando il personale di custodia e di segreteria in misura meno che proporzionale.

La scelta del Comune di Arezzo penalizza gravemente i bambini e il loro diritto all’istruzione e va contro la normativa dello Stato e le indicazioni della Regione Toscana. “Occorre garantire ai nostri figli un’organizzazione dell’offerta formativa adeguata e idonea a stimolare le capacità di apprendimento e socializzazione e il diritto costituzionalmente sancito all’istruzione” dichiara Giuseppe Argirò, presidente della Consulta provinciale dei genitori di Arezzo.

“L’esperienza degli istituti comprensivi va avanti ormai da una dozzina di anni ed è dimostrato che si tratta di una forma organizzativa poco gradita agli insegnanti e che ha dato solo episodicamente risultati di pregio -afferma Rita Manzani Di Goro, presidente dell’Associazione genitori A.Ge. Toscana – È vero che gli istituti comprensivi hanno una loro funzionalità nelle zone a scarsa densità abitativa, ma non funzionano quando superano i 1.000 alunni”.

A.Ge. Toscana e Consulta dei genitori di Arezzo hanno chiesto udienza al Sindaco, al Prefetto e al Vescovo di Arezzo e intendono avviare tutte le iniziative di contrasto per ottenere un differimento del provvedimento all’anno scolastico 2010/2011 e poter così informare tutti i genitori interessati e coinvolgerli nel progetto di quella che sarà la scuola aretina, cosa che il Comune di Arezzo ha trascurato di fare.

La vicenda è solo apparentemente locale, perché un simile precedente può innescare un devastante effetto a catena in tutti i comuni toscani e italiani, ed è per questo che l’ A.Ge. Toscana ha deciso di raccogliere l’appello della Consulta dei genitori di Arezzo e insieme hanno dato avvio a un’animata protesta.

Per informazioni: 328 8424375