LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


1 Commento

CALMA APPARENTE

    Da qualche mese nel nostro ambiente di lavoro e cioè quello degli appalti di pulizia nelle scuole, regna una sorta di torpore, una specie di limbo dove il tempo scorre come ovattato e silenzioso. Gli animi si sono acquietati. Forse dopo gli ultimi sussulti di amor proprio, consumati nei mesi che precedevano l’appostamento in finanziaria delle risorse per la continuità dei suddetti appalti, una volta ottenuta una piccola promessa (370 milioni di cui non si ha certezza se dovremo o meno dividere con altre categorie), ci siamo sentiti subito appagati e meritevoli di un degno riposo, come se avessimo raggiunto chissà quale traguardo. Non ci hanno nemmeno sfiorato o insospettito i ritardati pagamenti delle spettanze da parte di alcune aziende, i tagli agli storici e quant’altro…no noi siamo tranquilli non ci sono problemi, ce lo dicono anche i responsabili aziendali! Ma soprattutto ce lo dicono i sindacati confederali!  Colleghi, cosa vogliamo di più , noi siamo a posto, siamo intoccabili!!! Persino il Miur sembra contagiato da questa tranquillità. Ultimamente non si esprime nei nostri confronti, non parla più di “tavolo tecnico” di “piano di ottimizzazione”. Niente. Sembrerebbe che tutto possa continuare così in eterno.

    Sapete invece cosa pensiamo noi, cari colleghi? Che “le acque chete non fanno rumore ma rompono i ponti”. Ora più che mai dobbiamo alzare la guardia: ci stanno preparando qualche piattino dei soliti. Tanto per cominciare abbiamo giocato di contropiede: con il sostegno e la collaborazione del sindacato di base RdB, abbiamo già preparato un documento di denuncia che verrà a breve ufficializzato a livello Nazionale e presentato a tutte le Istituzioni coinvolte, alla stampa e ai vari organi di informazione. Questa denuncia attraversa tutta la nostra storia dal principio fino ad oggi, toccando tutte le tappe più importanti a cominciare dall’utilizzo improprio che gli Enti locali hanno fatto di noi Lsu Ata, facendoci colmare vuoti di organico tra i collaboratori scolastici, alla mancata applicazione della sentenza del Consiglio di Stato che voleva riservare il 30% dei posti vacanti in questa categoria agli Lsu, il passaggio forzato alle cooperative. In questo documento si denuncia  inoltre, lo spreco di denaro pubblico che si verifica esternalizzando questi servizi, documentato da tanto di tabelle comparative. E tutte le anomalie e le inadempienze contrattuali delle aziende, dalle più banali alle più importanti, come il calcolo errato del parametro 109 invece del 115 e via dicendo.
    A tutto questo dobbiamo aggiungere il lavoro che si sta facendo attraverso l’organizzazione e l’attuazione di assemblee in tutte le regioni (e di questo dobbiamo ringraziare tutti quelli che si sono prodigati  e si prodigheranno per la loro riuscita), per portare a conoscenza di un numero sempre maggiore di colleghi, che tutti i Governi che si sono succeduti, il Miur, i Sindacati Confederali, le cooperative, in questi anni non hanno fatto altro che beffarsi di noi.
    Infine un breve riferimento ai tentativi di conciliazione che in questo momento continuano ad essere presentati in tutte le province del centro e del sud, per l’ottenimento della contribuzione  e della differenza retributiva, perdute negli anni fino al 30/04/2000. Secondo il nostro modesto parere, questi rappresenteranno una spina nel fianco per il Ministero della P.I. e per gli Enti locali (comuni e province). Il nostro obiettivo è quello di rendere possibilmente più incisiva la  battaglia che da tempo combattiamo, accrescendo sempre più il numero dei sostenitori, in modo da giungere preparati nei prossimi mesi a probabili rivendicazioni che dovremo affrontare e per avere un ruolo più rilevante nella concertazione. Vale a dire che noi tutti saremo rappresentanti di noi stessi, è l’unica strada che può portarci alla stabilizzazione Ata, visto che quelli che dovevano rappresentarci  non hanno mai voluto che ciò accadesse.

Mimmo, coamministratore del Blog EXLSU-ATA – Villapiana lì 23-02-2010


2 commenti

Come è facile far gridare “al lupo al lupo” se non si danno notizie corrette

Vi porto una dimostrazione direttamente da un post  che ho pubblicato su  un  altro mio blog

A scuola di bugie

Due pesi e due misure ?

No, non sono due pesi e due misure.

Nei giorni scorsi alcuni organi di stampa e portali del settore scuola hanno riportato la notizia di aumenti indiscriminati ai docenti di religione.

Se volessi fare della demagogia pretestuosa griderei allo scandalo.

Ma non è il caso, anzi bisogna essere  corretti.

Questo ventilato aumento non è altro che l’applicazione del contratto del 2007 che, unificando  le due voci  che compongono lo stipendio di tutto il personale  ( per la precisione  stipendio base e indennità integrativa ) ha prodotto l’effetto che ogni emolumento collegato debba ricomprendere entrambe le voci e non solo la prima  come succedeva  in passato ( stipendio base ).

Tutto ciò con l’inevitabile effetto di produrre un aumento di  alcuni compensi.

Per dovere di cronaca i primi a beneficiarne sono stati i docenti di ruolo che hanno un orario di cattedra superiore a quello previsto dalla norma.

E di seguito anche chi ha sostituito i colleghi assenti chi  svolge le ore di pratica sportiva ecc.

continua qui : Due pesi e due misure ?

Franca


1 Commento

Diciamo basta a Cisl, Uil, Snals e Gilda ( petizione precari scuola )

Riceviamo e pubblichiamo


Il CPS Nazionale ( Coordinamento Precari Scuola ) prende atto che le OO.SS. Cisl, Uil, Snals e Gilda:

– Si sono espresse favorevolmente all’entrata in vigore già dal prossimo anno scolastico della riforma, qualificandola come “un’esigenza ed un dato di necessità”.

– Dal 30 Ottobre 2008 non hanno mai indetto uno sciopero contro il licenziamento di 150.000 lavoratori.

– Hanno appoggiato l’approvazione del decreto “salvaprecari”che, oltre da essere inutile, è ritenuto dai precari della scuola un’offesa alla loro dignità.

– Hanno appoggiato il nuovo sistema di reclutamento.

– Hanno sottoscritto il nuovo modello contrattuale che non consente più il recupero dell’inflazione reale.

Per i suddetti motivi i precari del CPS invitano Cisl, Uil, Snals e Gilda a mutare da subito la loro politica sindacale.
In caso contrario si procederà alla restituzione della tessera sindacale.

Coordinamento Precari Scuola Nazionale

Petizione da firmare


5 commenti

Quando il riciclaggio diventa risorsa

E’ stato uno degli argomenti più discussi nelle ultime settimane, definito “scudo fiscale”, altro non è che una manovra finanziaria che il governo tenta di portare a termine per dare ossigeno ai conti pubblici, che definire disastrosi è dire poco. Questo ipotetico flusso di denaro sporco che dovrebbe arrivare nel nostro paese, dovrebbe finanziare le attività più disparate dello Stato e tra queste, si presume che rientri anche il rifinanziamento degli appalti delle pulizie nella scuola.

Per la verità, secondo il mio punto di vista personale, sarà sicuramente così se pensiamo che nella scorsa finanziaria “dimenticarono” del tutto di destinare la copertura necessaria a questo scopo. Fu  necessario un ripescaggio degli Ex Lsu Ata nel famoso decreto incentivi del mese di marzo u.s. che assegnò i mancanti 260 milioni di euro, cifra che poi venne resa disponibile a tutti gli effetti il 24 agosto u.s..

La situazione economica  nazionale e internazionale, inutile nasconderlo, è ulteriormente peggiorata rispetto ad allora, quindi mi sembra più che lecito da parte dei lavoratori, nutrire delle forti preoccupazioni e tenere alta l’attenzione, così come stanno facendo in questi giorni. Ma sembra che questo non preoccupi eccessivamente i nostri sindacati confederali Cgil Cisl Uil, loro mettono la testa sotto la sabbia come lo struzzo e portano avanti le stesse precise e identiche rivendicazioni di sempre: Rifinanziare le cooperative, anche se questa rappresenta l’operazione più antieconomica che il governo possa fare. A loro questo non importa, procedono con l’illusione che vada come sempre, come ai tempi che tutto passava inosservato perché qualche spicciolo, bene o male, i politici riuscivano a raggranellarlo, così da accontentare queste orde clientelari.

Ora il panorama è completamente mutato. E’ come quando cade una copiosa nevicata e tutto rimane sommerso dal manto bianco per un tempo indefinito, assumendo un aspetto bellissimo…poi allo sciogliersi della neve, tutte le cose tornano alla vista nella loro forma reale. Questo è ciò che accade adesso in Italia, ma gli unici a non esserne al corrente sono proprio quelli che dovrebbero rappresentare i lavoratori. Persino il Ministro Gelmini aveva espresso questo concetto (peccato che sia stato prontamente messo a tacere): “Gli appalti delle pulizie nelle scuole, rappresentano uno dei tanti sprechi di denaro pubblico che lo stato non può più assolutamente permettersi”. A questo proposito, per tranquillizzare i colleghi Ex Lsu Ata, io penso che il Ministro si riferisse alle coop e non ai lavoratori, che come ha detto più volte anche il Sottosegretario Giuseppe Pizza, svolgono da tanti anni un ruolo fondamentale nella scuola.

A conferma di questo stato d’insicurezza e di difficoltà, giunge il comunicato del Miur del 17 c.m., dopo l’incontro con i confederali. Tra le righe ci accorgiamo che il Ministero si arrampica sugli specchi, nel tentativo di mascherare il vero problema, la mancanza di risorse. Se la Corte dei Conti non dà l’assenso, nessun accordo di spesa può essere sottoscritto. Per rendere più corposo il comunicato e impressionare positivamente i lavoratori, scrivono tanto ma non dicono niente, riconfermano risorse che sono già state confermate (mi riferisco all’esercizio finanziario in corso), promettono impegni che non sanno se potranno mantenere, tutto secondo il solito copione, con la differenza che la situazione questa volta è davvero drammatica.

E i sindacati? Invece di puntare sul risparmio, presentando un bel piano di risanamento a tutela della conservazione dei posti di lavoro con conseguente internalizzazione, cosa fanno?…Continuano ostinatamente a voler portare acqua al mulino dei Consorzi di cooperative. Non si rendono conto di avere ormai addosso gli occhi, non solo dei lavoratori ma dell’opinione pubblica intera e delle Istituzioni.

In tempi di magra, una Nazione ha il dovere di amministrare le entrate con la massima parsimonia…e se il nostro Paese è arrivato al punto di farsi sostenere dai disonesti che hanno accumulato patrimoni all’estero, credetemi, la faccenda è davvero seria.

Villapiana 22-11-2009

Mimmo, co-amministratore del blog di categoria  http://exlsu-ata.blogspot.com


7 commenti

Quale avvenire per le giovani generazioni?

scuole_privateRendiamoci conto da chi siamo governati. Ad esempio, prendiamo in considerazione il “geniale” ministro Brunetta, che si erge (si fa per dire, vista l’altezza) ad eroe e paladino di una crociata antifannulloni. Ebbene, costui è un docente universitario, ossia appartiene all’elite dei professori, a quella categoria dei docenti che guadagnano troppo e, almeno in molti casi, lavorano assai poco. Infatti, lo stesso Brunetta è stato censurato e richiamato più volte proprio per assenteismo dal Rettore dell’Università dove (non) lavorava. Lo stesso Brunetta risultava un primatista dell’assenteismo anche nel Parlamento Europeo: infatti, figurava tra i parlamentari europei maggiormente assenteisti. Insomma, Brunetta è il classico ministro che predica male e razzola peggio.

Passiamo alla Gelmini, che è soltanto il ministro-ombra dell’Istruzione. Il vero ministro che detta la politica scolastica del governo è Giulio Tremonti. A proposito del quale bisogna riconoscere che si sta dimostrando assolutamente incapace di gestire l’attuale crisi economica. Ecco chi sono i nostri governanti: gente inetta e irresponsabile! Si badi bene che il mio non è un discorso fazioso, animato da sentimenti di partigianeria politica. Non critico la politica del governo perché è di destra, mentre il sottoscritto si dichiara di sinistra. Occorre superare tali idiozie, andare oltre queste insulse categorie.

La verità è che sono preoccupato della situazione, sono inquieto per il futuro non solo della scuola, ma dell’intero paese, sono crucciato per l’avvenire delle giovani generazioni. Sono allarmato perché stanno letteralmente smantellando e impoverendo la scuola pubblica, stanno disarticolando la parte che funziona meglio, ossia la Scuola Primaria, che risulta essere tra le migliori del mondo, collocandosi ai vertici delle graduatorie mondiali, almeno in base alle valutazioni internazionali. In tal modo si rischia di condannare i nostri giovani ad un triste futuro di degrado ed ignoranza, quindi di mancanza di libertà, democrazia e giustizia sociale. Dunque, domandiamoci quale modello di scuola e di società, quale avvenire vogliamo consegnare ai nostri figli.

Ma non è solo l’attuale governo ad aver accumulato gravi responsabilità politiche e morali. La storia, in effetti, è molto lunga e risale indietro nel tempo sino agli anni ’90, esattamente al 1998, quando Berlinguer (ministro della Pubblica Istruzione in un governo di centro-sinistra) varò ed introdusse la cosiddetta “autonomia scolastica” e la “parità scolastica”. In altri termini, ciò ha significato un incremento progressivo dei fondi economici destinati alle scuole private e una sottrazione crescente di fondi alle scuole pubbliche. Da ciò è scaturita un’accelerazione storica del processo di dissoluzione della scuola pubblica, a cui la Gelmini sta assestando il colpo letale e finale.

Lucio Garofalo


7 commenti

Quei comunisti del TAR del Lazio commissariano il Ministero della pubblica istruzione…Gelmini scricchiola

ULTIMORA !!!!!!!!!!!!!

A seguito della vicenda delle graduatorie, delle “code” e del “pettine”……Gelmini commissariata

Evento mai successo nella storia della Repubblica

Graduatorie dei precari il Tar commissaria la Gelmini

Il Tar Lazio commissaria il ministro Gelmini sulle graduatorie dei precari. E’ la prima volta che accade, ne dà notizia l’Anief che ha patrocinato i ricorsi dei supplenti inseriti “in coda”, anziché “a pettine”, nell’ultimo aggiornamento delle liste dei supplenti. Se entro 30 giorni il ministero non darà esecuzione alle ordinanze del tribunale amministrativo a viale Trastevere arriverà un commissario che si dovrà occupare della questione. Intanto, sulla vicenda il ministro Mariastella Gelmini ha annunciato l’emanazione di un provvedimento ad hoc che “sana” l’intera questione. Ma il Tar ricorda che eludendo le ordinanze cautelari il ministero ha aggirato la Costituzione e lo ha condannato al pagamento delle spese a favore degli insegnanti danneggiati.

fonte Repubblica


27 commenti

l’eccedenza al 30% nel pentolone a bollire con carota e sedano infilati in bocca ???

(ANSA) – ROMA, 28 SET –

Un tetto del 30% alla presenza di alunni stranieri in classe e corsi di italiano al pomeriggio. E’ la strada indicata dal ministro Gelmini.

Ribadendo che il ministero sta mettendo a punto una circolare per introdurre il tetto (dal prossimo anno scolastico), il ministro ha sottolineato che il 30% ‘e’ un punto di riferimento per favorire la crescita e una migliore didattica nelle singole classi. Ma non c’e’ integrazione se i ragazzi non vengono messi in condizioni di conoscere la lingua italiana’.

fonte ansa

Non perde occasione per spararle e dimostrare la sua  profonda ignoranza del mondo scolastico.

Se nelle classi vi è più del trenta percento di alunni stranieri è evidente che i tassi di immigrazione sono a pari livello sul territorio interessato.

Quindi non esiste possibilità  di diluire la percentuale su altri classi collaterali e di pari grado.

Salvo pochissime eccezioni causa andamento altalenante natalità pro-anno unito ad  eventuali bocciature.

Mi chiedo dove intende mettere l’eccedenza di alunni che va oltre il 30%……………..boh !

Nella sua massima ignoranza presumo  che possa arrivare a proporre di metterli  in un  pentolone a bollire con carota e sedano infilati in bocca………..

Vai Mariastella che domani nel pentolone ci sarai tu !!!!

I precari, ( che non esistono…secondo te  ) domani  sfileranno  a  Roma per dirti quanto  sei inadeguata, bugiarda ed arrogante.

Auguri stellina………

Franca

Gelmini, per stranieri tetto 30%
Ministro, e’ punto di riferimento per favorire integrazione
(ANSA) – ROMA, 28 SET – Un tetto del 30% alla presenza di alunni stranieri in classe e corsi di italiano al pomeriggio. E’ la strada indicata dal ministro Gelmini.Ribadendo che il ministero sta mettendo a punto una circolare per introdurre il tetto (dal prossimo anno scolastico), il ministro ha sottolineato che il 30% ‘e’ un punto di riferimento per favorire la crescita e una migliore didattica nelle singole classi. Ma non c’e’ integrazione se i ragazzi non vengono messi in condizioni di conoscere la lingua italiana’.