LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


5 commenti

Vorrei portare in Europa l’esperienza di una persona che ha deciso di fare della battaglia per la legalità e della lotta alla mafia una scelta di vita

In particolare per chi legge dalla Sardegna

Cari amici,

come saprete ho deciso di scendere in campo per una battaglia di libertà.

Ho scelto di candidarmi al Parlamento europeo perché ritengo che questa mia candidatura possa rappresentare una discesa in campo comune, di tutti noi. Vorrei portare in Europa l’esperienza straordinaria di Gela, città che amministro da 6 anni e l’esperienza di una persona che ha deciso di fare della battaglia per la legalità e della lotta alla mafia una scelta di vita, testimoniata dai risultati raggiunti in questi anni, che hanno fatto in modo di far diventare Gela, non più il simbolo della mafia, ma un punto di riferimento concreto di ribellione e liberazione dalla piaga della criminalità organizzata, per la Sicilia e l’Italia.

Il mio impegno continua e vorrei che questa nostra battaglia trovasse maggiore forza in Europa. Mi piacerebbe affrontare questi temi e poterne discutere assieme a voi per costruire un progetto capace di unire legalità e sviluppo in un percorso che è già iniziato e che mi auguro possa crescere e rafforzarsi ancora di più anche grazie al vostro sostegno.

Per questa ragione vorrei incontrarvi personalmente per portare avanti questi temi e confrontarci su quale Europa vogliamo costruire assieme.

Giovedì 28 maggio alle ore 11:00 sarò in Sardegna presso la sede regionale del Partito Democratico, via Emilia 39 a Cagliari.

Sempre il 28 Maggio alle ore 19:00 sarò all’Hotel Mediterraneo di viale Cristoforo Colombo 46 a Cagliari, parteciperò al convegno “La Sicurezza dei Cittadini nell’Europa della Legalità e dello Sviluppo”. Un appuntamento importante per fare il punto sul problema della sicurezza dei cittadini e discutere insieme il programma di legalità e sviluppo che porterò in Europa.
Sarà un grande piacere conoscervi ed incontrarvi.

Vi aspetto.

Rosario Crocetta

http://www.rosariocrocetta.com
rosario@rosariocrocetta.com


4 commenti

La mafia lo condanna ma lui continua come se niente fosse

rosLa conoscenza rende liberi non è solo un luogo di libero dibattito ma anche di presa di posizione su battaglie concrete.  In che modo?

Parlando piu’ possibile ( il silenzio uccide , specie in certi contesti ) di certe cose e di certe persone ed anche invitando a votare le singole persone che sono di esempio con la loro vita  di un altro modo di fare politica , che un mondo diverso è possibile.

Oggi inizio io con un eroe antieroe.

Omosessuale e cattolico dichiarato, uno tosto che rischia molto e che è già ora un grande esempio.

Rosario Crocetta è il sindaco di Gela , rieletto l’ultima volta col 65 % dei voti.

Vive da anni sotto scorta, nel 2003 si scopri’ che Cosa Nostra aveva assoldato un gruppo di lituani per farlo fuori, poiché aveva paura di apparire come esplicito mandante.

Ma tutti sanno che è condannato a morte direttamente ed esplicitamente anche se la scorta va in giro con la Fiat Punto e forse Mantovano, sottosegretario agli Interni, gli procurerà una macchina blindata anche per la scorta.

Graziosa concessione.

Ieri 25 aprile ha sfilato in corteo davanti a tutti ed ha tenuto un comizio.

Non si sente un eroe ma da anni blocca la mafia degli appalti e poi scopre che le stesse ditte lavorano al nord.

Ha  mandato dentro in 4 anni 853 mafiosi con le sue denuncie .

Ha convinto Confindustria ad espandere le denuncie contro il pizzo.images1

Combatte in silenzio amministrando onestamente e colpendo cosa nostra economicamente : chiude in cantieri  ” sporchi ” ma subito regolarizza gli appalti puliti e le opere da fare , rapidamente sostituendo il marcio senza ostacolare l’opera .

Ha cacciato dal petrolchimico il consorzio Conapro in odore di mafia ma ha subito battagliato ed ottenuto la ricollocazione in altre aziende dei dipendenti

Ecco perché tutti lo amano.

Quando gli chiedono se Berlusconi l’abbia mai chiamato per esprimergli solidarietà scoppia a ridere ma non dice altro.

E’ candidato in Europa per il PD.

Cavallo Pazzo