LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


25 commenti

L’Aquila non c’é più, solo casette di legno lontane e centri comerciali

Si è scritto tanto qui dentro sull’argomento ed anche in anticipo  su tutti gli altri. Aggiungo qualcosa in occasione dell’anno trascorso da quel 6 aprile, ma solo per finire di infrangere il palcoscenico, il set televisivo della coppia B&B divenuta in fretta B$B.

Ignorati gli allarmi del ricercatore Giampaolo Giuliani. Dossier della Polizia accusa: omicidio colposo

C’è un’informativa giudiziaria – riservata – redatta della Polizia dell’Aquila che accusa i vertici della Protezione Civile di omicidio colposo. Omicidio colposo per non aver dato l’allarme alla popolazione aquilana prima della scossa fatale del 6 aprile scorso. Nonostante uno sciame sismico – in corso da quattro mesi e con oltre quattrocento scosse – giustificasse quanto meno la dichiarazione di “stato d’allerta”, se non l’evacuazione (come invece avvenuto in Garfagnana nel 1985). Una “negligenza fatale” secondo gli investigatori. Ora il rapporto dettagliato (con documenti scientifici, interrogatori e perizie) è stato inserito nel fascicolo di indagine della Procura dell’Aquila sul “mancato allarme” nei giorni precedenti la tragedia e si trova sul tavolo del sostituto procuratore Fabio Picuti.

Ho ascoltato  il prefetto de L’Aquila che esorta a non contrapporre”due curve una che dice tutto va bene e l’altra che dice tutto va male” ed ho pensato prima che fosse  un passo avanti rispetto alle trombe suonate a tutto spiano da B&B,  poi invece ho capito che è ancor peggio, quasi una confessione: stanno sgretolando il palcoscenico, se un prefetto di tal guisa dice queste cose vuol dire che la verità è grosso modo tutta negativa.

La rassegnazione della popolazione locale tramortita della sciagura ha a lungo consegnato la ribalta al sogno mediatico dell’avvoltoio  Berlusconi,  per cui l’Abruzzo è una spettacolare parata governativa. Il silenzio connivente di gran parte dei media e della sinistra tramortita per conto suo glielo ha consentito.

Io nel mio piccolo ho fatto di tutto fuori ed anche  qua dentro per provocare qualcosa, per spiegare il giochino sempre man mano più chiaro.

La logica sbagliata dei due tempi: prima protezione civile con potere assoluto: tanto denaro velocemente concentrato sulle new town, alla fine ghetti costati come hotel a 5 stelle. Poi forse chissà mai la ricostruzione…

L’ Umbria e Marche? Lì c’era stato insieme coi soccorsi il ricovero delle opere d’arte e contemporaneamente un piano di ricostruzione. Berlusconi ha giocato tutte le fiches subito e solo sui soccorsi,  sul resto solo chiacchiere o neanche quelle, come quando  ha lanciato l’adozione dei monumenti ma nessuno l’ha seguito.

Non ha mantenuto la promessa di aiutare il  reticolo di piccoli negozi ed imprese con soldi mai visti finendo di uccidere quel tessuto economico che dà un senso anche sociale alla vita di relazione in un quartiere . Così facendo ha preparato invece la mostruosità dell ‘abbandono definitivo della città per i mega centri commerciali “vivibili” e raggiungibili colla macchina dalle casette del canadà…

Un anno perduto anche  per il centro storico: ora dicono “non ci sonprogetti per ricostruire”, “non tocca a noi togliere le macerie”,  “sbagliano questi con le carriole” aggiunge anche l’Arcivecovo de L’Aquila Giuseppe Molinari

Hanno scelto  senza chiedere il permesso un tipo di sviluppo fatto di case di legno che da provvisorie saranno definitive , decentrate nell’anello intorno a L’Aquila, lontane dal centro e dalla vita sociale, senza anima come casette svizzere costruite per le scampagnate a cui nessuno ha spiegato che è per sempre. E poi centri commerciali dove far passare il tempo ai decerebrati senza radici, secondo un ben preciso modello di sviluppo qui dentro già ben evidenziato

Ad un anno dal  terribile terremoto in Abruzzo come redazione vogliamo segnalare il libro inchiesta dell’autrice di “morti bianche”, Samanta di Persio giovane scrittrice aquilana e terremotata .

Titolo: Ju tarramutu. La vera storia del terremoto in Abruzzo
Autore: Samanta Di Persio
Prefazione: Beppe Grillo
Casa editrice: Casaleggio Associati

Con le testimonianze inedite dei Vigili del fuoco intervenuti a poche ore dal sisma Ju tarramuto è un insieme di testimonianze di cittadini terremotati raccolte dalle scrittrice aquilana Samanta Di Persio. Il viaggio nella città distrutta dal sisma del 6 aprile inizia da ottobre 2008, quando ci furono le prime scosse.

I giornali locali dal 14 dicembre hanno iniziato a riportare fedelmente l’intensità delle scosse.

Per quattro mesi gli aquilani hanno convissuto con la terra che tremava, almeno due o tre volte al giorno. Giampaolo Giuliani, tecnico dell’istituto di fisica nucleare del Gran Sasso, a marzo incomincia a rendere pubblici i suoi studi sul radon e quindi la pericolosità di una scossa forte. Inizia a diffondersi il panico nella città.

Molte famiglie dormono in macchina per la paura. Il pomeriggio del 30 marzo c’è la scossa più forte fino a quel momento: magnitudo 4. Viene avvertita da tutta la popolazione. La gente si riversa nelle strade. Il traffico va in tilt. Il prefetto dell’Aquila indice una riunione per il giorno dopo con la Commissione grandi rischi, la Protezione civile, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ed i rappresentanti degli Enti locali. Si aspetta ansiosi l’esito del vertice, al quale i sismologi del posto non vengono invitati. Il 1° aprile la stampa riporta: “Nessun pericolo, i terremoti non si possono prevedere.” Intanto il sindaco ha disposto la chiusura di alcune scuole, perché avevano riportato dei danni.

I Vigili del fuoco raccontano che sono intervenuti in abitazioni private, già prima del 6 aprile, eppure quella notte erano solo in 13. 307 le vittime.

Sarebbero state di più se fosse avvenuto di giorno. Sarebbero state di più se non avessero dormito in macchina. Dopo quattro mesi di sciame sismico non c’erano presidi, punti di raccolta. In ospedale non era mai stata fatta un’esercitazione di evacuazione. Gli edifici pubblici, le scuole sono crollate quasi tutte. Eppure si potevano evitare i morti ed i danni. Il fisico Gaetano De Luca aveva scoperto già dal 1996 che L’Aquila era costruita su un suolo che accelerava la forza del terremoto. La regione aveva commissariato ad Abruzzo Engeneering il censimento delle strutture da consolidare: 149 edifici pubblici e 139 scuole.

Il rapporto costato 5 milioni di euro è finito in un cassetto. Mentre il centro storico è zona rossa, il Governo e la Protezione civile decidono come sistemare gli sfollati. Metà popolazione nelle tende, metà negli alberghi della costa abruzzese. Se inizialmente questa divisione è una necessità, successivamente sarà strategico. I cittadini vengono tenuti lontani dalla discussione per la ricostruzione della città. Le decisioni arrivano dall’alto. Non una new town, ma diciannove new town. Il piano C.a.s.e. prevede alloggi per coloro che hanno perso la casa, prima tremila abitazioni, poi con una sveltina si arriva a quattromilacinquecento. Non si vuole fare un’altra Irpinia. Ma alla fine i conti non tornano. Dopo aver speso settecento milioni di euro, le case non bastano. Si chiedono casette di legno e container. Dall’altra parte ci sono coloro che hanno le abitazioni con danni lievi. Non possono rientrare perché la burocrazia e farraginosa e lenta. E poi gli unici soldi che il Governo aveva messo a disposizione sono stati utilizzati per il piano C.a.s.e. Nel libro la parola ad esperti che spiegano come poteva essere gestita l’emergenza: la soluzione governativa non era l’unica e soprattutto non è stata la più giusta.

il libro è acquistabile online sul sito http://www.beppegrillo.it e noi ne raccomandiamo l’acquisto.

Crazyhorse70