LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


5 commenti

Caro Signor Presidente Napolitano, lei dovrebbe rappresentare……….

Esimio Signor Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano,

mi permetto di rivolgermi a lei, quale unico referente ormai, per i cittadini senza voce, i deboli del paese che Lei rappresenta. Sottopongo alla Sua attenzione la mia storia e le mie problematiche, la storia di un povero, un disperato. Vorrei che la mia storia in qualche modo servisse come metafora di quelle di molti, di quei moltissimi che si stanno impoverendo in questo paese. Ho nel tempo esposto sulla rete questa mia storia:
http://neuroniattivi.blogspot.com/2010/08/stavolta-faccio-sul-serio.html
Personalmente credo di rappresentare bene il grottesco che in questo paese riduce molti all’indigenza e coloro che la burocrazia estromette da ogni diritto in base a calcoli ragionieristici e ai tagli orizzontali che non guardano mai quante teste e quali cadano dentro al taglio. Avevo deciso Signor Presidente di fare lo sciopero della fame, avevo deciso di dimostrare alla politica che anche un disperato poteva avere il senso dell’orgoglio e della propria dignità, reagire in qualche modo al proprio declino…reputare ingiusto che questo sia definitivo e senza speranza. Ho avuto molte adesioni, presidente, molti amici che mi hanno consigliato di non farlo, di non abusare della mia cardiopatia e di non sfidare la mia invalidità.
Mi hanno dimostrato con la loro solidarietà che c’è anche una strada alternativa, una possibilità che comprenda i molti e che mi liberi da una solitudine e dalla paura della stessa, certo questo non risolve il problema ma lo pone su un diverso piano.
http://veritaedemocrazia.blogspot.com/2010/09/continuo-fare-sul-serio.html
Mi permetta quindi Signor Presidente di sottoporLe questa realtà, così descritta negli articoli segnalanti.
La povertà, signor presidente che descrive questo stato che così tanti nel nostro Paese stanno vivendo e che è una precisa realtà, il burocratese ci definisce i “nuovi poveri” senza, mi permetta, alcun rispetto per la umana dignità della nostra vita.
Come infatti definire degno di un essere umano un assegno di 256 euro al mese per vivere in dignità?
Come non affrontare quindi la discussione sul Reddito di Cittadinanza, sul quale si sta organizzando una petizione per proporre una legge di iniziativa popolare:
http://www.petizionionline.it/petizione/per-una-legge-di-iniziativa-popolare-che-istituisca-il-reddito-di-cittadinanza/1992
o di Salario Minimo Legale che è anche oggetto di petizione:
http://www.petizionionline.it/petizione/per-una-legge-di-iniziativa-popolare-che-istituisca-il-salario-minimo-legale/2008
Caro Signor Presidente, lei dovrebbe rappresentare, credo e davvero mi perdoni se sbaglio, la voce di coloro che sono senza voce o quantomeno la voce di tutti gli italiani, anche di questi ultimi che, mi perdoni il gioco di parole, finiscono proprio per essere ultimi.
Non sempre signor Presidente è una libera scelta, anzi oserei dirle quasi mai e questo paese non può non considerare questi sfortunati o peggio ancora spingerli verso avventure sconsiderate o verso azioni estreme o ancor peggio senza ritorno.
Credo, Signor Presidente, che la crisi e le sue funeste conseguenze abbiano messo questo Paese sufficientemente alla prova per non farci comprendere come un adeguamento ad un quadro europeo in materia di Welfare e di sostegno all’invalidità e comunque di giusto atteggiamento nei confronti delle povertà e degli ammortizzatori sociali sia divenuto prioritario ed indispensabile.

La ringrazio per la Sua attenzione e spero di avere Sue graditissime notizie

In fede
Giandiego Marigo
In allegato: la mia prima lettera e la raccolta delle firme di adesione che ha ricevuto.
http://www.facebook.com/note.php?note_id=457307285730