LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


7 commenti

Brunettolate……..

Tanto per cominciare Brunetta sta spacciando come sua invenzione la P.E.C.…………

Cos’è la P.E.C. ?

dal sito CNIPA

La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica nel quale è fornita al mittente documentazione elettronica, con valenza legale, attestante l’invio e la consegna di documenti informatici. “Certificare” l’invio e la ricezione – i due momenti fondamentali nella trasmissione dei documenti informatici – significa fornire al mittente, dal proprio gestore di posta, una ricevuta che costituisce prova legale dell’avvenuta spedizione del messaggio e dell’eventuale allegata documentazione. Allo stesso modo, quando il messaggio perviene al destinatario, il gestore invia al mittente la ricevuta di avvenuta (o mancata) consegna con precisa indicazione temporale. Nel caso in cui il mittente smarrisca le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte, conservata per legge per un periodo di 30 mesi, consente la riproduzione, con lo stesso valore giuridico, delle ricevute stesse.”

La disciplina della PEC è del DPR 11 febbraio 2005, n. 68 (G.U. 28 aprile 2005, n. 97)  : modalità di utilizzo della Posta Elettronica Certificata (PEC) non solo nei rapporti con la PA, ma anche tra privati cittadini.

…... quindi  ante-ante -Brunetta…..

Bene,  con un provvedimento ad hoc ( di Brunetta questa volta  )  ogni cittadino, per poter dialogare con la Pubblica Amministrazione si può dotare di posta elettronica certificata GRATUITAMENTE su questo sito :  https://www.postacertificata.gov.it/.

Ovviamente la Pubblica Amministrazione deve essere dotata di PEC.

Peccato che la PA debba rivolgersi a gestori privati per averla, quindi pagando.cifre modiche…ma in euro sonanti…

Che svista!!!!!!!!!!!

e pensare che ogni amministrazione  pubblica possiede  mail “ufficiali” fornite centralmente ( esempio : @istruzione.it,@tesoro.it , @poliziadistato.it ecc. )

Perchè non certificare quelle o almeno fare convenzioni speciali per ridurre le spese delle Amministrazioni ????

Per Brunetta “faccina”  rossa arrabbiata, bocciato anche  questa volta ….

Franca


4 commenti

Le emoticons di Brunetta ( demagogia e fantascienza )

emoticons

….proseguo , con notevole  ritardo ( …..FANNULLONA  nel pubblico e nel privato… !!!!! ) il resoconto della venuta  del Ministro Brunetta ad Arezzo.

Nella prima parte ( Le emoticons di Brunetta ) non anticipavo, quanto ormai è divenuto di dominio pubblico .

L’uso  delle emoticons, le faccine ( indifferente, scontrosa, sorridente )  per valutare il  servizio del pubblico dipendente nei confronti dell’utente.

Brunetta, nel crescendo di consensi ( grazie anche ad un linguaggio molto sciolto – ci scappano anche i “cacchio” – le pause ad effetto, la ricerca dell’applauso è palese in alcuni passaggi… ) scopre che gli utenti della Pubblica Amministrazione sono i cittadini….

Ma và ???images

Scopre che per prenotare una ecografia ci vogliono mesi, scopre che i dirigenti  pubblici non fanno il loro dovere,  scopre che a volte gli impiegati agli sportelli sono più acidi di un limone acerbo….

Ma và ????images

Ed ecco l’idea che il cittadino utente  deve valutare il   servizio avuto alla fine della prestazione, chi avrà tante faccine sorridenti avrà  aumenti di stipendio, chi avrà le faccine scontente ………caxxi suoi…. fino al licenziamento.

Peccato che Brunetta non  abbia scoperto che :

faccina

  1. l’installazione delle macchinette per le emoticons ha un costo non proprio contenuto
  2. che l’utente potrebbe non essere sincero nel valutare il servizio  nel timore che l’impiegato acido diventi, la prossima volta , CAUSTICO….
  3. che, soprattutto , non tutti i servizi al cittadino passano da uno sportello…..
  4. ……………..eccetera, eccetera , eccetera

Biancaneveeeeeeeeeee …….   ecco  Brunettolo , il demagongolo…..ora i nani sono otto !!!!!

Franca Corradini



1 Commento

Le emoticons di Brunetta

emoticons-smileys-clip-art-thumb3131758Sabato pomeriggio ero determinata ad intervenire all’incontro con il Ministro Brunetta per stigmatizzare un paio di cosette.

Ma ho commesso due errori gravissimi e per questo motivo  non sono riuscita a parlare.

Errore numero UNO : ho sottovalutato l’interesse degli aretini ( terra storicamente di sinistra )  ad ascoltare la riforma della Pubblica Amministrazione  di  Brunetta.

Errore numero DUE : ho sottovalutato ( non è un gioco di parole ) Brunetta.

Sono partita da casa 15 minuti prima che iniziasse l’incontro al Minerva  sicura di trovare ancora posto nell’ampio parcheggio dell’Hotel.

Trovo coda sulla tangenziale in quella direzione ed inizio ad avere qualche sospetto.

Mi dico “forse la polizia ferma le auto e le controlla…cose del genere.. “

In breve: debbo parcheggiare a diverse centinaia di metri di distanza, dopo una ricerca affannosa di un posto macchina  qualsiasi ( che non fosse un  passo carrabile ), arrivo dopo mezz’ora e guadagno a fatica un posto ( in piedi ) nei corridoi laterali.

Più di mille persone accalcate ovunque.

Fuori dall’Hotel 6/7 appartenenti al Partito Comunista Combattente , con bandiere rosse  e falce e martello,  imbarazzati dalla scarsità numerica si defilano velocemente.

In un corridoio nasce una debole protesta vocale contro Brunetta, ma ecco il  colpo di scena, cioè il mio secondo errore.

Brunetta è un ottimo affabulatore ed un discreto “figlio di buona donna” ( per sua stessa ammissione…..ma non serviva  fin troppo evidente anche senza  la sua confessione ).

Usa un linguaggio molto sciolto ( ci scappano anche i “cacchio” ), pause ad effetto, la ricerca dell’applauso è palese in alcuni passaggi…

Ma è con l’affermazione che la sua –  riforma della Pubblica  Amministrazione non è niente di nuovo è solo  una rinfrescata agli strumenti c’erano già…………..le leggi Bassanini !!!!! ( fine  anni 90 )- che il debole brusio si zittisce .

Ed io ascolto perchè so che è vero.

Gli strumenti c’erano……e  questa era una delle  cose che volevo stigmatizzare

Le emoticons che c’entrano ??

La prossima volta, continua…..

Viene troppo lungo il pezzo.

Le regole del web sono inflessibili, l’attenzione sul web è breve, brevissima..

Franca Corradini ( continua )

P.S. . Per chi non lo sapesse Bassanini è un rappresentate dell’opposizione che , tra l’altro, si è complimentato con Brunetta per questa specifica operazione.