LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


5 commenti

Attenzione al genere femminile !

 

ITALIA = nome proprio  di genere femminile

Repubblica = nome  importante di  genere femminile

Costituzione = nome  importante di  genere femminile

 

Pace = nome  importante di  genere femminile

 

Società = nome  importante di  genere femminile

Libertà = nome  importante di  genere femminile

Democrazia = nome  importante di  genere femminile

Giustizia = nome  importante di  genere femminile

Solidarietà = nome  importante di  genere femminile

Eguaglianza  = nome  importante di  genere femminile

Fratellanza = nome  importante di  genere femminile

Solidarietà = nome  importante di  genere femminile

Dignità = nome  importante di  genere femminile

Onestà = nome importante di genere femminile

 

Indignazione = nome inquietante di genere femminile….

 

Donna = nome  importante di  genere femminile

 

ma in Italia c’è attenzione per il genere femminile ???


4 commenti

La festa alle donne……….

Oggi 5 marzo 2011 la notizia dell’ennesima ..Festa alle donne…. perpetrata dai soliti maschi governati nelle azioni dal  solo loro organo sessuale.

Sospesi dall’impiego i carabinieri accusati di violenza sessuale

Il provvedimento deciso dal comando generale dell’Arma. I tre militari sono sotto inchiesta in seguito alla denuncia di una donna di 32 anni che ha raccontato di essere stata stuprata nella caserma del Quadraro mentre era in stato di fermo

Sospesi dall'impiego i carabinieri accusati di violenza sessuale

ROMA – Sono stati sospesi dall’impiego per motivi disciplinari i tre carabinieri coinvolti nella presunta violenza sessuale su una donna in stato di fermo nella stazione Roma-Quadraro. Il “provvedimento autonomo” è stato deciso dal comando generale dell’Arma a titolo precauzionale.

La donna, 32 anni, era stata fermata per un furto di vestiti. Ha denunciato di essere stata stuprata dai tre militari e da un vigile urbano nella notte tra il 23 e il 24 febbraio. I quattro sono indagati per violenza sessuale e nei prossimi giorni verranno sentiti nuovamente dai magistrati, così come la donna. Gli inquirenti vogliono verificare i dettagli delle ricostruzioni fornite dalle parti in causa.

Prima della sospensione dall’impiego i tre carabinieri erano stati trasferiti in reparti lontani da Roma, mentre il vigile è stato spostato dalla “viabilità esterna” a un ufficio interno.

Nel corso della giornata alcune donne e attivisti dei centri sociali hanno protestato davanti alla caserma del Quadraro lanciando contro l’edificio uova e bombe carta. Un uomo è stato arrestato: durante una perquisizione all’interno della sua abitazione sono state trovate tre bottiglie incendiarie oltre ad una tanica di benzina.

Fonte ansa

Purtroppo nulla di nuovo.

Lungo è l’elenco che si potrebbe fare, ma ve lo risparmio.

Ma qualcosa di nuovo c’è ed è l’avvocato Taormina a farcelo sapere.

Abbiamo toccato il fondo.

Se non vivessimo in un periodo storico dove tutto è ammesso, tutto è concesso….dove la morale comune è diventata uno straccio per la polvere, ci sarebbe di che stupirsi e scandalizzarsi.

Ma nel decadentismo imperante  degno di un Sodoma e Gomorra….sentire un avvocato del peso di Taormina dire….  “ma erano fuori servizio” … ( i carabinieri sospesi ) solo un pensiero sfiora la mia mente….una sorta di contrappasso dantesco…

Lascio lavorare la vostra immaginazione…….

franca c.

( scusate il rosso.. è intenzionale )


2 commenti

Nè veline, nè madonne solo donne !


Al grido anche di questo slogan  ( coniato da Elisabetta Simonti una delle prime ad aderire all’appello del No Berlusconi Day ) un immenso corteo ha sfilato le vie del centro di Arezzo.

Mai visto un corteo così ad Arezzo !

Mai vista tanta gente comune anche aggregatasi all’ultimo momento.

Tante donne , ma anche tanti uomini e bambini.

E gente alle finestre che applaudiva o picchiava sui coperti e sulle  pentole.

Nessuna bandiera di partito,solo qualche maglietta della CGIL e  fasce bianche simbolo dello sdegno delle donne.

La gente ha voglia di manifestare, non aspetta altro che qualcuno li mobiliti.

Voglia di dire basta, voglia di pulizia.

Si è visto chiaramente.

Oggi è stato quasi un No B. day, forse ancora più popolare e trasversale.

Che sia l’inizio del nostro Egitto ????

Lo voglio credere.

Franca C.


1 Commento

Europa islamica ?

La visita di Gheddafi in Italia dire che  mi ha sconcertato è dire poco.

La speranza che la religione islamica diventi la religione  di tutti i paesi dell’Europa…è a dir poco allucinate.

tanto quanto aver dato pubblicità a questa esternazione…..( noto con grande rabbia-giusta- dei leghisti )

E poi sulle donne…..

200 hostess. ….500  secondo altre fonti…pagate, non pagate non è chiaro

la lettura del Corano a queste hostess..

i tentativi di conversione….

forse qualche conversione….

le lezioni di come si trattano le donne….

Gheddafi: donne in Libia più rispettate che in Occidente

«Il colonnello ha detto che in Libia la donna è più rispettata di quanto si pensi in Occidente. In Libia si preferisce che la donna faccia dei lavori più femminili, ma ciò non significa che non sia libera di scegliere, Per spiegare il colonnello ha fatto l’esempio di una donna che guidi un treno o di una donna minatore: in Libia le donne possono fare questi lavori, ma si preferisce che facciano qualcosa che sia più adatto al loro fisico». Questo è quanto riferisce Elena Racoviciano, una delle 200 hostess convocate oggi per allietare il capo di Stato libico. Che ora incontra il premier Berlusconi nella tenda da beduino montata nel giardino della residenza dell’ambasciatore libico a Roma. Subito dopo Berlusconi e Gheddafi inaugurano una mostra fotografica nella sede romana dell’Accademia libica.

C’è chi contesta il leader libico. «Siamo qui per consegnare la laurea “horroris causa” al colonnello Gheddafi», ha dichiarato il senatore dell’Idv Stefano Pedica, che sta facendo un sit in di protesta, insieme ad un gruppo di manifestanti dell’Italia dei Valori, davanti all’ambasciata libica.

E attacca: l’agenzia che ha fornito le hostess al leader libico Muammar Gheddafi «va chiusa perché istiga alla prostituzione. Hanno dato un’idea indegna dell’Italia e delle ragazze».

segue qui

perchè ?

mi chiedo il  perchè di questo circo, a cui non sono mancati gli animali ( cavalli ) , le tende beduine installate nei cortili di  “zone ” libiche…e tanto altro ancora

mi chiedo se siano  solo frutto di una provocazione orchestrata da una mente malata….

e se fossero invece segnali di un picco discendente dell’arretramento culturale  in cui l’Italia è sprofondata  alla velocità della luce negli ultimi due anni ?

penso che non so cosa sia meglio e intanto, con una mano alla fronte , cerco di  resistere ai conati che mi assalgono………

Franca C.


5 commenti

Controinformazione a 4 mani sulle ultime magagne del governo: superpost estivo con notizie , commenti, rabbia, musica e “sottile” ironia … 1° PARTE

controinformazione

ROMA – Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nella ricorrenza del 65° anniversario cavallo pazzodell’eccidio nazifascista di Sant’Anna di Stazzema, ha inviato al Sindaco, Michele Silicani, un messaggio in cui rivolge a tutti i convenuti alla commemorazione il suo partecipe e solidale pensiero: «Nostra democrazia nasce dalla Resistenza, il sacrificio per la Patria è viva eredità morale»

Nell’anniversario di Stazzena mi piace ricordare per l’ennesima volta che l’Italia nasce dalla Resistenza contro il nazifascismo e chiunque voglia essere cittadino italiano e non un  minus habens deve riconoscersi in questi ideali.

Per qualcuno un po’ duro di comprendonio ribadisco quindi che l’Italia non nasce dalla Repubblica sociale inventata da Hitler per tenere in piedi un mussolini oramai finito , gonfio e pronto per piazzale loreto né ha origine dai programmi di Canale 5 o dalla residenza di Villa Certosa , quelle che ospita mafiosi, servizi deviati , mignotte e spacciatori di cocaina.

No ,  nasce dalla Costituzione Italiana Antifascista come recita anche la XII disposizione transitoria e finale (comma sorrisoprimo) della Costituzione e successivamente tutta una seria di leggi dello Stato che regolano la materia e vietano anche  l’apologia del fascismo. Quindi per concludere vorrei dire a coloro che fanno a gara a dirsi più italiani degli altri che fra un emigrato che giura sulla costituzione e diventa cittadino ed un fascista che la nega la risposta è assolutamente scontata: italiano è solo il primo, l’altro è appunto un minus habens , ovvero uno che ha meno ( cervello, diritti, tutto) , un rifiuto, un escluso –  come dicono loro, uno sfigato –   un estraneo alla democrazia uno più o meno come questo nella foto.

Anzi questo bel video lo dedichiamo a costoro, visto che gli piacciono le adunate marziali

By Crazyhorse70 e Torba di Gramigna

_________________________________

I docenti non possono partecipare “a pieno titolo” agli scrutini e la loro materia non può avere effetti sul credito

ROMA – Frequentare l’ora di religione non può portare crediti aggiuntivi agli studenti che si presentano agli esami di maturità e, in ogni caso, gli insegnanti di religione non possono partecipare a pieno titolo agli scrutini. Lo ha stabilito il Tar del Lazio accogliendo, con la sentenza n. 7076 i ricorsi presentati a partire dal 2007 da alcuni studenti, supportati da diverse associazioni laiche e confessioni religiose non cattoliche, che chiedevano l’annullamento delle ordinanze ministeriali firmate da Giuseppe Fioroni e adottate durante gli esami di Stato del 2007 e 2008.

Risposta del clero e dei suoi baciapile :

L’Ora di religione parte integrante della cultura italiana» Prof di religione e scrutini, la Cei contro il Tar : «Sentenza vergognosa»

I vescovi: «Dai giudici decisione che danneggia la laicità dello stato e alimenta diffidenza verso le toghe»

MILANO – Affondo della Cei sulla sentenza del Tar. I vescovi parlano di «decisione vergognosa» e «pretestuosa».

La Gelmini  – una delle due favorite dell’harem per intenderci  – si dice già pronta dall’alto della sua dirittura morale  a chiedere il ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione troppo laica. GelminiVSCarfagna

Chi meglio di lei può essere a guardia della morale pubblica?

Nonché degli insegnamenti della chiesa?

Per ora lei é la sua collega sono divenute esperte più che altro sulle iniezioni pelviche ( leggi qui ) però chissà col tempo…

Stessa commedia sulla pillola Ru486 di cui l’Agenzia del Farmaco ha chiesto di recente la commercializzazione .

Via libera a maggioranza dall’Agenzia del farmaco
alla commercializzazione della pillola abortiva

ROMA – La Ru486 arriva in Italia. Dopo una riunione durata più di quattro ore, è arrivato giovedì scorso in tarda serata il via libera a maggioranza (quattro contro uno) dall’Agenzia italiana del farmaco alla pillola abortiva.

Il Consiglio di amministrazione dell’Aifa ha infatti approvato l’immissione in commercio nel nostro Paese del farmaco già commercializzato in diverse altre Nazioni.

La Santa Sede: «scomunica per chi la usa e per chi la prescrive» La Ru486 arriva in Italia
Dura condanna del Vaticano.

Il vaticano digerisce benissimo la dissolutezza del premier ed il suo cattivo esempio, purché questi garantisca che non si tocchino i privilegi vaticani sull’ICI , sull’8 per mille, sulla bioetica, sulla eutanasia ed il resto va tutto bene, al massimo blande ed indolori accenni alla moralità pubblica , ma niente di grave.

Berlusconi puo’ anche essere trovato con le mani addosso a ragazzine  o con il naso sporco di coca, l’importante che non dica mai nulla su quegli argomenti che si discosti dai dettami del clero.

Quante stronzate questi baciapile.

La Ru-486 rappresenta invece per le donne un’opportunita’ di poter scegliere un metodo meno invasivo e mortificante per attuare un’interruzione di gravidanza, e alle donne che scelgono questo metodo abortivo deve essere secondo me evitata l’imposizione del ricovero coatto. Le polemiche del clero e dei suoi servi sono pretestuose

In Italia l’IVG (Interruzione Volontaria di Gravidanza) viene praticata solo con intervento chirurgico, anche se la scienza si e’ evoluta e ha trovato nuovi metodi, meno dispendiosi economicamente e meno traumatici per la donna, come quello farmacologico della RU486.

Un esempio: oggi l’ulcera e’ curata farmacologicamente e nessuno si immaginerebbe di tornare indietro, quando solo la chirurgia poteva essere di aiuto.
Perche’ se, nel nostro caso, la scienza si aggiorna la pratica non la dovrebbe  seguire a ruota?

Alcuni confondono ancora  la pillola abortiva RU486 con la pillola del giorno dopo (pdp) che è un farmaco utilizzato come metodo di contraccezione post-coitale (ossia contraccezione di emergenza) durante le 72 ore successive a un rapporto sessuale. Il principio attivo è il progestinico levanorgestrel , una sostanza presente anche in molte pillole contraccettive, impiegata però in un dosaggio 20-30 volte maggiore (750 microgrammi).

Questo farmaco non va confuso con ciò di cui invece parliamo oggi, ovvero la pillola abortiva Mifepistrone, nota come RU-486,  dalla quale si differenzia sia per i tempi di assunzione che per i meccanismi di azione.

Vedi qui per altre informazioni

Crazyhorse70


Lascia un commento

Ripubblicazioni estive di vecchi post : il video dossier “Amore civile”

sabato 10-11  maggio 2008 –  Roma Sala delle conferenze Piazza Monte Citorio

Convegno promosso dai Radicali  “AMORE CIVILE”

12 maggio  2008 Conferenza stampa

“Amore Civile, unioni civili, riforma del diritto di famiglia: conquiste di civiltà”

sala Stampa della Camera dei Deputati.

L’ultima intervista del filmato, dove scorrono le immagini del film ” Compleanno “, è quella che ho  realizzato io ( Franca Corradini ) intervistando una donna che subisce violenze in famiglia.



3 commenti

“ebbrezza sessuale”, è possibile misurarla ?

Immagino di sì, leggendo la notizia qui sotto.

Una condanna per violenza sessuale  era forse troppo per  chi soffre  di mano morta, ma l’assoluzione perchè il fatto non  sussiste………… è pochino davvero.

Mi rimane questa grande curiosità, come avrà fatto la Cassazione a stabilire che  non vi  era intento libidinoso ?

Ribadisco e ripropongo quanto scritto tempo fa:

Verrà il giorno che ad essere violentati saranno gli uomini…

Franca Corradini

CASSAZIONE: TOCCARE LE COLLEGHE, SENZA LIBIDINE SI PUO’

Toccava le colleghe di lavoro, in maniera scherzosa, come modo di fare abituale, senza provare alcune “ebbrezza sessuale” o intenti libidinosi. Per questo la Cassazione ha confermato l’assoluzione di un lavoratore extracomunitario Kadri O. dall’accusa di violenza sessuale per la quale, in primo grado, era stato condannato ad un anno e due mesi di reclusione (pena sospesa dalla condizionale). In appello, invece, Kadri era stato assolto, il 28 novembre 2008, con la formula perché il fatto non sussiste.

Durante il processo, nato da una denuncia sporta da una collega di Kadri, stanca delle sue mani ‘lunghe’, era emerso che la stessa parte offesa – rileva la Cassazione nella sentenza 30969- “aveva riconosciuto che Kadri O. era solito praticare degli scherzi di cattivo gusto toccando le colleghe di lavoro e così ponendo in essere un comportamento di certo poco raffinato e abituale”. Tuttavia dalle stesse testimonianze era emerso che nel comportamento dell’extracomunitario non era ravvisabile alcune “ebbrezza sessuale” in quanto, toccando le colleghe a destra e a manca, “non voleva soddisfare la propria libido”. Contro l’assoluzione di Kadri O. è stata la Procura generale della Corte d’Appello di Bologna a fare ricorso in Cassazione per chiedere il ripristino della condanna inflitta in primo grado, il 17 maggio ’99 dal Tribunale di Ferrara. Ma il reclamo non ha avuto successo.

( notizia Ansa del 2009-07-24 17:02 )