LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


Lascia un commento

Le dimissioni di Berlusconi :chi gioisce e chi no

Poco meno di due anni fa scrivevamo…..

A noi non interessa cosa accade se si dimette Berlusconi e riteniamo che il finto “Fair Play” di alcuni settori dell’opposizione, costituisca un atto di omissione di soccorso alla nostra democrazia del quale risponderanno, eventualmente, davanti agli elettori. Quello che sappiamo è che Berlusconi costituisce una gravissima anomalia nel quadro delle democrazie occidentali -come ribadito in questi giorni dalla stampa estera che definisce la nostra “una dittatura”- e che lì non dovrebbe starci….”

testo integrale dell’appello qui

Ora ( ieri 12/11/2011 n.d.r. )  Berlusconi si è dimesso.

Non grazie ad una  opposizione feroce ( inesistente  quanto  fantascientifica ), non grazie a mobilitazioni popolari, peraltro numerosissime e frequenti . ma  a seguito dei capricci  ( drammatici ) dei mercati…. eccetera, la storia di questi giorni la conoscete benissimo.

Certo che  per l’uomo  “GHE PENSI MI’ “, quello di un milione di posti di lavoro, quello del cancro  sconfitto in tre anni…. peggior fine non poteva capitare.

Con la beffa che alle grida dimissioni, la borsa saliva , e alle grida  no-dimissioni scendeva precipitosamente: peggior sorte non poteva capitargli.

Ieri sera c’era chi gioiva e  chi no temendo  il governo Monti come un governo di lacrime  e sangue.

Perchè ho citato l’appello di due anni fa che io ho lanciato con alcuni amici blogger ? perchè la penso ancora così.

Non importa chi succederà al governo Berlusconi, finalmente è stata scritta la parole FINE  a una gravissima anomalia nel quadro delle democrazie occidentali, che , tra l’altro è andata aggravandosi in questi due anni decretando anche un impoverimento culturale/politico generale.

I gestacci volgari di Sacconi e Formigoni diretti alla folla riunita  in piazza ieri sera ne son stati il chiaro sintomo.

E’ morto il re,viva il re morto.

Ora si volta pagina…….


Lascia un commento

“Santanchè, il master è un falso” Alla Bocconi non ne sanno niente

Giusto per alleggerire la tensione fra guerre e tsunami più o meno nucleari…

Secondo il settimanale Oggi, nel curriculum del sottosegretario compare un riferimento ad un corso in direzione aziendale. Ma negli archivi dell’ateneo non risulta alcuna iscrizione. Poco tempo fa, le dimissioni di un ministro in germania, per aver copiato parte della tesi di laurea

A sinistra il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Daniela Santanché in una posa di saluto che ormai la contraddistingue.

Qui a destra invece mentre piange calde lacrime a causa delle manifestazioni delle donne contro Silvio Berlusconi

 

ROMA – Il Master della prestigiosa Università Bocconi di Milano che Daniela Santanchè ha inserito nel suo curriculum di sottosegretario alla presidenza del Consiglio “è falso”. Così scrive il settimanale Oggi di questa settimana, nella sua versione online e cartacea.

Sottolineando che della Santanchè e del suddetto master ottenuto presso la Sda, la scuola di direzione aziendale dell’ateneo milanese, non esiste alcuna traccia.

Alla verifica richiesta dal settimanale, la Bocconi ha così risposto: “Abbiamo verificato e dalla nostra banca dati degli ex studenti, non risulta che Daniela Santanchè abbia frequentato un nostro master. Non possiamo escludere, ma non abbiamo modo di verificare, che abbia frequentato un corso breve”.  La Sda Bocconi, ha riferito per completezza l’articolo di Oggi, “organizza di continuo seminari di aggiornamento per manager che durano uno o più giornate, e di queste decine di migliaia di persone non conserva traccia”. Ma si tratta di corsi, evidenzia l’articolo, “che non possono essere certo confusi con un master”.

Il settimanale chiude il pezzo con una domanda, citando un fatto di cronaca:  “Pochi giorni fa”, scrive Oggi, “l’astro nascente della politica tedesca, il ministro della Difesa Guttenberg si è dimesso perché si è scoperto che aveva copiato parti della tesi di dottorato. Cosa farà adesso Daniela Santanchè?”

Niente: che deve fare? Dopo quel che ha fatto per ottenere il posto dove è ora non si dimetterbbe nemmeno se la beccassero in flagranza di omicidio.

O in orizzontale o in verticale il kamasutra politico del mignottone banderuola ci porta sempre sorprese; la prossima sarà a breve e verterà sulle operazioni a cui si è sottoposta. Niente di estetico sessuale, bensì il trapianto della mandibola tutta intera, la stessa  di ALIEN( comprensiva quindi di mascella retrattile ) , sì da renderla anche esteticamente una azzannatrice.

Gli ultimi giorni della RSI del banana malato la vedranno protagonista…

Crazyhorse70


1 Commento

Brunetta non aspettare 60 giorni, dimettiti subito

Questo è il titolo del gruppo Facebook che ho appena creato, caldo caldo appena sfornato….