LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


Lascia un commento

1° MAGGIO 2015 A MILANO : NO EXPO

Originally posted on Il Malpaese:

1-MAGGIO-2015( comunicato stampa cobas)
1° MAGGIO 2015 A MILANO : MAY DAY NO EXPO

Il 1° Maggio, la giornata che celebra la lotta – le battaglie, i sacrifici,il riscatto – dei lavoratori in tutto il mondo (svilita in Italia dalle kermesse musicali di Cgil-Cisl-Uil) quest’anno verrà abusata dall’imposizione dell’EXPO : l’insieme delle realtà anticapitaliste, tra cui la Confederazione Cobas, si danno appuntamento il 1° Maggio a Milano, per demistificare la vetrina del dominio mercantile e per riproporre “un ‘altro mondo possibile”.

Il logo accattivante “ nutrire il pianeta,energia per la vita”, suona come una bestemmia a fronte dello sfruttamento devastante del pianeta , imposto dalle dominanti multinazionali agroalimentari, che sono tra i principali sponsor dell’EXPO, da Nestlè a Coca Cola, Mc Donald’s ,Barilla,Dupont,..

I principali elementi che danno nutrimento all’ecosistema :

– l’ACQUA , è la risorsa più minacciata dai predatori multinazionali che ne pretendono il controllo privato, anche attraverso…

View original 532 altre parole


Lascia un commento

Il mio 25 aprile

francacorradini:

già pubblicato ma sempre attuale

Originally posted on Il Malpaese:

imagesHo trascorso come tanti del resto innumerevoli feste della liberazione.

Nel tempo questa festa era diventata una cosa di routine ed a parte pochi momenti di commozione verso i diretti protagonisti poi il tempo scorreva come per una festa di primavera .

Ora no.

Ora è diverso, anzi è già un po’ di tempo che risale in tanti , non molti purtroppo, l’esigenza di testimoniare anche formalmente e solennemente  la voglia di resistere .

Non ho intenzione di inseguire le polemiche dovute alle recenti strumentalizzazioni del populista e della sua accolita di novelli democratici che vorrebbero saltare in extremis , per poi normalizzarlo, sul carro del 25 aprile per annacquare tutto.

Se ne stiano a casa loro e continuino la passerella elettorale sui corpi .

Dico questo perché il 25 APRILE non e’ la festa di tutti.

Bando alle tristezze dei miserabili e provo a scrivere i miei appunti sul…

View original 604 altre parole


Lascia un commento

Il Comitato Acqua Pubblica Arezzo per le elezioni comunali aretine

francacorradini:

una grande novità nel panorama politico

Originally posted on Il Malpaese:

comitatoDopo tanti anni di battaglie e di mobilitazione abbiamo dovuto concludere che la politica, quella che occupa e dirige le Istituzioni, è sorda ad ogni istanza che proviene dal basso. Certamente ciò riguarda la gestione del servizio idrico dove persino l’esito del referendum è rimasto lettera morta. Nel 2011 il 96% dei cittadini si è espresso per la gestione pubblica e senza profitto dell’acqua? La risposta della politica in questi 4 anni è stata l’esatto contrario: maggior peso dei privati e più profitti, accompagnati da continui ed ingiustificati aumenti di tariffe.

Ma non è un problema che riguarda solo l’acqua. In generale la cosa pubblica (rifiuti, trasporti, scuola, gestione del territorio etc.) invece di essere gestita nel solo interesse e secondo i soli voleri della comunità viene spesso amministrata per il tornaconto di pochi e contro il comune sentire della cittadinanza.

E’ evidente che abbiamo un problema di funzionamento del…

View original 151 altre parole


Lascia un commento

Espropriati a novant’anni NOTIZIE DALL’EXPO DI MILANO……)

francacorradini:

Un articolo di Federico Berti (che cura un Laboratorio di scrittura collettiva.con Interviste nelle case di riposo )…

Originally posted on Il Malpaese:

federicoberti-slidehome08c-anziani-raccontano2-e1426505979648

Un articolo di Federico Berti (che cura  un Laboratorio di scrittura collettiva.con
Interviste nelle case di riposo )….

“Adesso vogliono espropriare delle case  per costruirci sopra, almeno ho sentito dire così ma sarà poi vero? Mandano via la gente…..”

ecco il testo…. ve lo consiglio molto.

Espropriati a 90 anni

Franca

View original


Lascia un commento

Bilancio di 16 anni di gestione privata del servizio idrico aretino

Originally posted on Il Malpaese:

depuratori-acqua

Nel 1999 quando la gestione era ancora comunale con 200 mc annui di consumo acqua si pagavano 170 euro annui; tale cifra, rivalutata dell’inflazione, corrisponderebbe oggi a 232 euro. In realtà con le tariffe Nuove Acque lo stesso utente con lo stesso consumo di 200 mc di acqua si troverà a pagare nel 2015 ben 563 euro con un incremento del 150% rispetto all’aumento del costo della vita. E infatti da tanti anni le tariffe aretine sono le più care in Italia. Ma tutto questo non è bastato: nei mesi passati alcuni balzelli hanno ulteriormente aumentato il peso delle bollette (deposito cauzionale, partite pregresse …); e altri balzelli si preannunciano per i prossimi mesi ed anni.

QUALITA’ DEL SERVIZIO E INVESTIMENTI

Nuove Acque parla di fantastici investimenti nel corso di questi 16 anni; ma in realtà nulla di tutto questo si è tradotto in un significativo miglioramento del servizio…

View original 988 altre parole


1 commento

COME SBARAZZARSI DEL DEBITO PUBBLICO. PER SEMPRE.

debito pubblico pil coEsiste un modo semplicissimo per eliminare in radice il tragico problema del debito pubblico. Questa soluzione è propugnata da innumerevoli scuole economiche contemporanee e del passato, e suffragata da esempi storici concreti. Eccola:

QUANDO LO STATO HA BISOGNO DI DENARO PER LE PROPRIE SPESE, LO STAMPA.

Ossia, quando lo Stato ha bisogno di denaro per le proprie spese, lo deve stampare da sé, invece di farselo stampare da una banca centrale privata (Banca d’Italia, BCE, FED) o di farselo imprestare da un istituto finanziario privato.

Sembra sbalorditiva l’immediatezza di questa soluzione, eppure proprio la sua logica assoluta ne impedisce la presa di coscienza da parte dei cittadini, assuefatti dalle falsità delle tesi dominanti. Vi sono intere biblioteche di testi scientifici e studi accademici pubblicati che danno contezza esaustiva e articolata di ogni aspetto economico e politico di questa teoria, confutando a una a una ogni obiezione.

Attualmente, nella maggior parte dei paesi e in tutti quelli occidentali, quando lo Stato ha bisogno di denaro, è costretto o a chiedere maggiori tasse o a farselo imprestare dalle banche (che sono tutte – TUTTE – private), creando in questo modo il debito pubblico.

Allora la Banca Centrale (privata, nonostante, per esempio in Italia, sia stabilito dalla Costituzione che debba essere pubblica) stampa il denaro occorrente e lo cede allo Stato in cambio di titoli. Nella UE questa azione è ora demandata alla BCE (sempre una banca privata). I titoli da risparmio acquistati dai cittadini privati sono una percentuale minima del debito pubblico.
Questa operazione è totalmente e assolutamente assurda. Infatti, non solo la Banca Centrale (privata) chiede un interesse su questo prestito, ma addirittura iscrive questa cessione di moneta come debito dello Stato nei confronti di sé stessa al valore nominale, non al costo reale di tipografia. In pratica, ogni moneta da 1 euro viene addebitata per 1 euro, invece che, poniamo, 10 centesimi fra metallo e lavorazione, e ogni banconota da 100 euro viene addebitata a 100 euro invece che a 1 centesimo di costo di stampa tipografica.
Come se un tipografo che stampasse i biglietti dello stadio, il cui prezzo al pubblico per l’ingresso fosse 20 euro, emettesse allo società di gestione dello stadio una fattura di 20 euro a biglietto, invece del costo di tipografia.
A questo si aggiunge l’interesse che viene chiesto allo Stato, e, nel caso il denaro venga imprestato non dalle banche centrali ma dagli istituti finanziari speculativi, tale interesse raggiunge valori da usura.

In questo modo il debito pubblico si gonfia esponenzialmente e irrazionalmente.
Se lo Stato interrompesse questa pratica demenziale, stampandosi direttamente da sé il denaro occorrente, non esisterebbe debito pubblico.

Precisiamo subito alcuni punti fondamentali:

– Le banche centrali non stampano il denaro in base a chissà quale controvalore metafisico o reale cui esso dovrebbe corrispondere o attenersi. Non è più così da quando il denaro ha rinunciato alla sua convertibilità in oro (in Italia, per esempio, dal 1935; negli Usa dal 1971).
Le banche centrali stampano denaro dal nulla: questo denaro non costa loro nulla. Solitamente non viene neppure stampato.

– Stampare denaro non crea automaticamente inflazione, e lo vediamo ogni giorno, dato che anche in questo momento il denaro occorrente viene stampato creandolo dal nulla, solo che adesso lo stampano le banche centrali private invece degli Stati, facendoselo pagare senza motivo dagli Stati stessi, cioè dai cittadini. Se lo Stato stampasse da sé il denaro occorrente, non costerebbe nulla a nessuno e non esisterebbe debito pubblico.

– Questo sistema è sempre stato assurdo, un regalo incivile alle banche private, e ha assunto proporzioni intollerabili da quando non è nemmeno più la banca centrale privata a stampare e prestare il denaro allo Stato dietro un interesse basso, per quanto non dovuto; ma è diventato spaventoso nel momento in cui (in Italia nel 1981) si è stabilito che non debba essere più la banca centrale a prestare denaro al singolo Stato, ma gli istituti finanziari speculativi, dietro interessi da strozzinaggio, mentre oggi la Banca Centrale Europea (privata) debba essere la sola a stampare denaro, ingigantendo i debiti pubblici degli Stati senza alcun motivo (il motivo, in realtà c’è eccome: le banche private da sempre lucrano esattamente su questo).

– In verità, lo Stato Italiano, per esempio, al di fuori del risparmio dei privati cittadini, non avrebbe mai nemmeno avuto bisogno di vendere titoli sul mercato finanziario speculativo per finanziarsi, poiché dal 1992 al 2008 ha sempre avuto un avanzo primario, ossia, al netto degli interessi, ha sempre intascato più tasse di quanto ha speso: quindi aveva abbastanza soldi per pagare tutti i suoi dipendenti pubblici, comprare i prodotti che gli occorrevano, fare i lavori che necessitavano. Mettere sul mercato titoli a debito è stato solo e soltanto un espediente per far guadagnare le banche e gli istituti finanziari internazionali, che sono gli unici mandanti e sostenitori di questo sistema usuraio.

– Il valore del denaro non deve essere rapportato ad altro che al lavoro per cui viene dato come compenso. In una società auspicabile e perfettamente realizzabile, lo Stato chiede lavoro ai cittadini (servizi e prodotti) e in cambio dà loro un quantitativo equo e proporzionale di denaro come compenso, cosicché essi possano a loro volta usarlo per avere da altri cittadini un lavoro (servizi e prodotti). Questo denaro deve essere prodotto dallo Stato dal nulla, senza alcun onere per lo Stato stesso, che è sovrano e quindi legittimato a stampare denaro per i suoi cittadini e per sé medesimo.

– La quantità di denaro da crearsi andrebbe commisurata a quello necessario per gli investimenti produttivi, e la sua copertura economica sarebbe data appunto dai beni e dai servizi conseguenti a questi investimenti (ciò che chiamiamo “lavoro”).

– Questa soluzione non cade dalla luna, ma è stata storicamente già adottata con successo varie volte da alcuni paesi. Gli Stati Uniti d’America nacquero e prosperarono sino a diventare una potenza mondiale stampandosi in proprio il denaro necessario per le spese pubbliche per oltre un secolo (fino a quando i banchieri americani si arrogarono tali privilegi e insensatamente i politici glieli concessero); l’isola di Guernsey dal 1816 a tutt’oggi stampa da sé il denaro occorrente; la Germania nazista divenne ricchissima e rigogliosa con questo sistema, tanto che dopo la sconfitta, alla fine della guerra, non aveva un marco di debito pubblico, mentre gli Usa e alleati si ritrovarono con debiti pubblici stellari; il presidente Lincoln lo fece, e anche Kennedy adottò questa soluzione facendo stampare dallo Stato il denaro occorrente alle spese pubbliche; alcuni paesi arabi lo fanno e lo ha fatto l’Impero Saraceno, così come la Cina Mandarina.

– Il debito pubblico e le imposte non esisterebbero se lo Stato non donasse alle banche private i redditi di questo sistema (signoraggio). Non ci sarebbe bisogno di tasse, perché lo Stato pagherebbe le proprie spese con il denaro stampato da sé, il cui valore è pari al lavoro di cui è compenso.

– Tutto ciò sarebbe compatibile con un’Unione Europea seria e democratica, dove un organismo di controllo verificasse il conio della corretta moneta necessaria ai singoli Stati, al di fuori di ogni ingerenza delle banche private.

Siamo a disposizione per documentare questa tesi con testi, incontri, interviste, bibliografia.
Si prega di darne la massima diffusione al fine di creare un movimento politico e sociale internazionale di ribellione al sistema del debito pubblico fomentato dalle banche private, e patrocinando invece un sistema di Stati sovrani nell’emissione da sé medesimi della propria moneta.

Qui si tratta di abbattere i pilastri ingiusti e antidemocratici dell’odierna struttura economica e politica, tramite una rivoluzione incruenta ma radicale, in funzione di una società finalmente civile e umana.
Ricordiamoci che il Medioevo ha protratto per oltre mille anni privilegi e soprusi inconcepibili, eppure in ciò è stato difeso da classi intellettuali, religiose, e ovviamente di potere, che ne predicavano l’immutabilità. Più vicino a noi, anche l’apartheid ha subito la stessa difesa a oltranza, e ugualmente, per esempio, i mancati diritti di voto alle donne o altro. Fino a che, mutate le coscienze tramite la conoscenza, oggi appaiono organismi sociali evidentemente oscurantistici e anacronistici. Siamo sicuri che un giorno anche il sistema del debito pubblico e dell’attuale tassazione verranno considerati illegittimi, così come la criminale gestione del potere di governo da parte delle banche private, nonostante adesso le teorie a essi contrarie saranno boicottate e derise da chi ha interesse al mantenimento dello status quo.

Andrea B. Nardi
www.andreanardi.it

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 44 follower