LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


6 commenti

SuperBrunetta spaventa di nuovo parassiti e malati immaginari

TornoSubitoMentre molti rivoluzionari un tanto al chilo si appassionano per manifestazioni dal web alla piazza di Roma, io preferisco parlare di problemi della gente in carne ed ossa.

E si perchè non pare che Santoro , Travaglio e Floris, per esempio, siano fatti si carne ed ossa.

Brunetta è ormai certamente uno dei migliori ministri di questo governo, solo che dopo questa estate si è un attimo distratto per  occuparsi – giustamente – di stigmatizzare quella la sinistra cattiva e distruttiva mandandola a quel paese e così facendo ha lasciato la briglia sciolta ai parassiti ed i falsi malati che sono subito riapparsi sulla scena.

Se li tratti bene e gli dai fiducia loro ti tradiscono, quindi meglio ammorbidirli con la  faccia brutta ed il pugno duro, questi mangiapane a tradimento.

Ecco in sintesi la storia vera delle fasce di reperibilità.

Tornano ad allargarsi le fasce di reperibilità dei dipendenti pubblici in caso di malattia. Con un effetto a fisarmonica nel giro di un anno sono passate da quattro a undici ore, poi sono scese di nuovo a quattro (dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19) e ora saliranno a sette (9-13, 15-18). Lo ha annunciato in una conferenza stampa a Palazzo Vidoni il ministro della Pa Renato Brunetta che collega la misura a un nuovo incremento delle assenze, registrato nei mesi di agosto (+16,7 per cento) e settembre (+24,2), rispetto allo stesso periodo del 2008 e dopo oltre un anno di forti riduzioni. L’assenteismo torna alla ribalta e il titolare della Funzione pubblica – benché dichiari di essere “francamente stufo di fare il cerbero” – corre ai ripari.

Brunetta ha combattuto alacremente i comportamenti opportunistici  di questi parassiti ed aveva introdotto una trattenuta della componente accessoria del salario, legata alla presenza e alla produttività, come nel settore privato; inoltre aveva allungato la durata della reperibilità per i controlli  fiscali, estendendola praticamente a tutta la giornata, con un’ora di “pausa” dalle 13 alle 14.

Poi alla luce dei  dati soddisfacenti  dei monitoraggi che avevano mostrato una riduzione del 38% delle assenze ( 14 milioni di giornate lavorate in più ) aveva modificato di nuovo l’orario di reperibilità uniformandolo al privato ( forti le grida di successo dei sindacati dei fannulloni, grandi fannulloni anch’essi , anzi i primi fannulloni: usano i distacchi sindacali per non far nulla…) dando un segnale di fiducia e disponibilità.Il_malato_immaginario

Poi l’inversione di tendenza che lo ha fatto ricredere.
Da quest’estate, difatti,  le assenze sono tornate a crescere, con un +16,7 ad agosto, e un +24,2 per cento a settembre (una tendenza che troverebbe conferme anche a ottobre secondo i primi dati acquisiti).
Poiché non c’è evidenza che ci sia stato in questi mesi un aumento del rischio malattia causato da eventi epidemiologici – spiegano dal ministero – ci sono due possibili spiegazioni” per l’andamento registrato. La prima: “è la conseguenza dell’aggiustamento dei comportamenti individuali che segue una fase iniziale di iper reazione determinata dall’effetto annuncio, che potrebbe aver spinto le assenze sotto il livello fisiologico”. La seconda: “è il segnale della ripresa di comportamenti opportunistici”, dovuto alla modifica delle fasce di reperibilità: “Tanto più sono estese – ha spiegato Brunetta – tanto meno c’è propensione all’assenteismo. Questa è stata una grande delusione, ma anche una lezione.
A breve provvederò a emanare il decreto per rimodificare la reperibilità portandola a sette ore, prevedendo comunque alcune eccezioni in considerazione di particolari patologie. Per colpa di qualcuno – ha chiosato – non si fa credito a nessuno”.

Questi statali parassiti e paraculetti del quartierino rosso-bianco sono come bambini viziati e maleducati, occorre sempre tenerli sotto scudiscio e prenderne un paio e metterli dietro la lavagna.
Vergogna, mentre la gente per bene  lavora loro passano giornate intere a casa a grattarsi la pancia e quando “lavorano” escono di straforo tutte  le mattine per fare la spesa e per la colazione-aperitovo-brunch o per giocare a lotto.
Licenziamoli tutti.
Mediolungo