LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


4 commenti

“Memoria di un eccidio – San Polo 14 luglio 1944 il giorno più lungo”

Liceo  Artistico Piero della Francesca di Arezzo e la Soprintendenza dei Beni Culturali di Arezzo  hanno il piacere di comunicare che il giorno 6 maggio 2011 ci sarà la prima del film “Memoria di un eccidio – San Polo 14 luglio 1944  il giorno più lungo”. 

Alla Prima , per esclusivi problemi di spazio, sono invitate le autorità e saranno presenti unicamente attori, comparse, regista,operatori, tecnici che  con il loro apporto  VOLONTARIO hanno fatto sì che questo progetto si realizzasse.

Il giorno 7 ( sabato ) e 8 maggio  ( domenica ) verranno effettuate due proiezioni pomeridiane  ( dalle 17 alle  19 ) aperte a tutti.

La proiezione avverrà nel Museo Statale d’Arte Medioevale e Moderna – Via San Lorentino, 8 AREZZO.

Qui sotto il trailer.

Per informazione chiedere direttamente a me .

Buona Festa !

Franca


Lascia un commento

Appello del Popolo Viola Arezzo e Toscana in aiuto di Emergency Toscana

Servono circa 3.000,00 euro per le spese vive di un Concerto organizzato dal GRUPPO EMERGENCY TOSCANA che si terrà ad AREZZO il 27 GIUGNO 2010 e dove si esibiranno Artisti Toscani , evento seguito dal Trio Medusa su Radio Deejay.

Il Concerto servirà a raccogliere fondi per il funzionamento del Poliambulatorio di Palermo aperto nel 2006 per garantire assistenza sanitaria gratuita ai migranti (con o senza permesso di soggiorno) e alle persone residenti in stato di bisogno.

CHIEDIAMO A TUTTI VOI di fare un piccolo versamento per sostenere le spese del concerto.

Questo sarà il contributo del POPOLO VIOLA AREZZO E DEL POPOLO VIOLA TOSCANO alla realizzazione dell’iniziativa.

SENZA IL VOSTRO AIUTO IL CONCERTO NON SI POTRA’ TENERE !!!

AIUTATE EMERGENCY !

COME EFFETTUARE IL VERSAMENTO :

poste pay : 4023 6005 7022 7035

oppure

Bancoposta :

IT-50-L-07601-14100-000099381402

( intestati a Franca Corradini )
Concerto Emergency Arezzo

L’AMBULATORIO :
Fatta eccezione per alcune figure sanitarie e non sanitarie che garantiscono la continuità e l’organizzazione del servizio, il personale medico, paramedico e amministrativo del centro opera a titolo volontario e gratuito.

Il progetto è stato realizzato con la collaborazione della direzione generale dell’Azienda unità sanitaria locale di Palermo, che ha ristrutturato e messo a disposizione i locali per la conduzione delle attività.

Ambiti di intervento:
medicina di base
odontoiatria
oculistica
pediatria
ostetricia e ginecologia
cardiologia e patologie del metabolismo
supporto psicologico-neuropsichiatrico
otorinolaringoiatria
dermatologia
infettivologia
orientamento socio-sanitario.

evento Facebook con le istruzioni per le donazioni

Il Popolo Viola Arezzo e Toscana in aiuto di Emergency Toscana


5 commenti

No Berlusconi Day: un popolo in viòla per chi vìola la legalita’ e la Costituzione

Questo il titolo di un pezzo di ‘Articolo21 dopo la conferenza stampa di giovedì scorso a Roma .

………….Tra poco si parlerà del NO BERLUSCONI DAY, destinato a passare alla storia come il primo evento italiano organizzato dal popolo della rete. Per molti di noi è come fare un salto indietro di 30 anni: una sala piccola, con tante facce giovani, la voglia di discutere , di scegliere , di contribuire a dare una svolta alla politica di questo Paese. Comincia a parlare Massimo Malerba , portavoce del comitato organizzativo.

Si capisce subito che ha più dimestichezza con la rete e che è quasi intimidito da quel microfono da tenere in mano anche se sa che è strumento indispensabile per far arrivare le parole di questa conferenza stampa al popolo di internet connesso sul sito del comitato promotore della manifestazione del 5 dicembre.

Con fermezza precisa che dietro all’evento non ci sono mandanti politici.  L’idea del No B.Day è nata il 9 ottobre scorso su Facebook:  all’indomani della bocciatura da parte della Corte Costituzionale del lodo Alfano. Un gruppo di persone ha lanciato un appello per chiedere le dimissioni del presidente del Consiglio e subito è partito il tam tam mediatico che ha portato a fondare un sito e un comitato promotore del No B. Day…………

Ottimo “gioco di parole“…….il VIOLA contro chi Vìola

Da venerdì  27  è stata lanciata la campagna viola.

Ai balconi, alle finestre , nelle auto, sulle giacche  di  chi aderisce ci sarà un simbolico pezzo di stoffa viola che potrà essere un lenzuolo, un drappo o un piccolo fiocco.

Perchè il viola ?

Perchè è l’unico colore non legato a simboli  di partito.

Perchè è il colore dell’autodeterminazione.

Roma, il 5 dicembre, sarà invasa dal popolo viola.

Stime delle partenze prenotate danno numeri altissimi… 500 pullman, traghetti e navi prenotate dalla sardegna .. treni speciali dalla Sicilia e dalla Calabria. Forse voli speciali.

Più le partenze autonome  di chi viaggerà in auto o in treno senza essere legato alla nostra organizzazione.

Confesso a  voi , amici del blog, che ho sempre sperato e creduto che il nostro appello trovasse ampio riscontro.

Ma oggi mi sento quasi  intimorita dal successo dell’iniziativa  che va aldilà di ogni più rosea aspettativa.

Io a Roma il 5 ci sarò , e voi ??

Franca Corradini

PS:  Sulla home del  sito trovate il banner da prelevare , vestite di viola almeno  il vostro blog ….


21 commenti

che sia chiaro : il No Berlusconi Day nasce su Facebook il 9 ottobre 2009 per iniziativa di alcuni blogger

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO UN COMUNICATO STAMPA DEL NO BERLUSCONI DAY

13968_1069991610258_1840158410_145635_7115235_n
Il No Berlusconi Day nasce su Facebook il 9 ottobre 2009 per iniziativa di alcuni blogger ( San Precario, Franca Corradini, Giuseppe Grisorio, Freek, Tony Troja ).
La pagina “Una manifestazione nazionale per chiedere le dimissioni di Berlusconi” in pochi giorni si riempie di adesioni.
Ad oggi conta più di 170.000 sostenitori.L’appello pubblicato sulla pagina Facebook e sul  sito http://www.noberlusconiday.org è stato tradotto nelle maggiori lingue, negli ultimi giorni anche in arabo. La stampa estera ha subito dato rilievo all’iniziativa e anche italiani all’estero hanno aderito fondando, sempre su Facebook, gruppi locali come a Barcellona, Madrid, Londra, Bruxelles.

 

L’appuntamento sarà per il 5 dicembre a Roma, da alcuni giorni infatti la Questura di Roma ha dato l’autorizzazione per il corteo, che partirà da piazza della Repubblica alle 14.00 e giungerà a piazza San Giovanni.
Dal momento in cui l’iniziativa ha cominciato a diventare un evento concreto, spontaneamente sono nati gruppi locali da diverse province italiane, che si stanno occupando di organizzare gli autobus per il trasporto a Roma, di stampare volantini e di fare promozione nel territorio anche attraverso gazebo informativi.
Ogni provincia che aderisce all’iniziativa ha una sua pagina Facebook che si occupa di raccogliere adesioni per collaborare attivamente all’evento.

Anche gli artisti hanno aderito al No Berlusconi Day. Il 15 ottobre è stata aperta la pagina Artisti No Berlusconi Day che oggi conta quasi 3.000 adesioni. Gli Artisti hanno appoggiato l’iniziativa unendo, a quello ufficiale, un proprio appello, al quale stanno aderendo come firmatari sostenitori diversi personaggi più e meno famosi del mondo dello spettacolo e della cultura. Il Coordinamento Artisti No Berlusconi Day si sta occupando di organizzare il concerto previsto all’arrivo del corteo a piazza San Giovanni. Al concerto parteciperanno per primi tutti quei musicisti che da tempo esprimono una contestazione alla politica, ma anche musicisti che vogliono solo dichiarare il sostegno mettendo a disposizione il proprio talento. Alcuni di questi artisti sono molto apprezzati sia nel panorama artistico italiano che internazionale. Oltre a musicisti il concerto vedrà la partecipazioni di ballerini, artisti visivi e attori, il tutto condito con contributi dal web, l’elemento unificatore della manifestazione.

Da alcuni giorni al No Berlusconi Day hanno aderito anche gli universitari, che vogliono anche loro far sentire la propria voce distintamente. Si uniscono alla pagina Facebook ufficiale dell’evento anche tutti i gruppi pacifici che da diverso tempo sulla rete esprimono disappunto per la politica Berlusconiana.
Il colore simbolo del No Berlusconi Day è il viola. La scelta di questo colore ha diversi significati che vanno oltre quello comunemente associato al “lutto” cristiano. Il viola nello studio dei significati del colore rappresenta l’energia, la vitalità espressiva, e per diverse culture orientali è il colore dell’autoaffermazione.

Per tutti questi motivi il viola ci è sembrato il colore più adatto a un evento spontaneo che dà voce a cittadini carichi di spirito di iniziativa.La manifestazione si dichiara apartitica perchè non è nata da movimenti politici, ma dalla società civile; ed anche pacifica, non si unisce infatti a gruppi o manifestazioni aggressive e violente contro Berlusconi, anzi intende solo fare presente il messaggio democratico di libera aggregazione e della libera espressione di pensiero.

Comitato No Berlusconi Day


13 commenti

L’avvoltoio che sorvola il disastro

ITALY

Questo non è un bilancio degli aiuti né una polemica sul fatto che il terremoto si potesse prevedere né altro del genere.

Non è il tempo né la persona giusta ( io) per parlarne.

Inoltre lo sò anch’io che in questi momenti occorre un silenzio fattivo ed un contegno  rispettoso.

Chi può aiuta senza intralciare e fare confusione.

Chi non può ascolta in silenzio senza rompere le palle.

Questa regola dovrebbe valere per tutti.

Dirò di più : riconosco anche che un presidente del consiglio può e deve fare qualcosa di particolare in questi frangenti , magari deve far sentire il popolo italiano vicino a chi sta soffrendo e dare un po’ di speranza ; ognuno lo fa secondo il proprio stile; ci si aspetta magari che ciò avvenga con un po’ di convinzione e di rispetto e specialmente coi fatti .

Speravo di non dover più vedere quell’indegno spettacolo degli avvoltoi politicanti in coda luttuosa ed ipocrita appresso le bare , uno spettacolo penoso del passato ormai remoto della prima repubblica .

Ma non credevo che avrei visto e sentito di peggio con la seconda e che avrei dovuto  ingurgitarmi il cavaliere ridanciano , il pagliaccio senza ritegno che strumentalizza tutto anche i cadaveri per farsi la sua allegra propaganda giornaliera.

aereoplanoDall’altra notte ogni giorno questo tizio che non riconosco mio presidente continua a sorvolare i luoghi del disastro con il suo elicottero e la sua scorta ; ogni tanto scende giù a camminare sui corpi e fà conferenze stampa una dopo l’altra intralciando chi lavora duramente con il traffico della sua scorta e promettendo quel che non saprà mantenere ( basti pensare alle promesse ai molisani al tempo della strage dei bambini sotto le macerie della scuola di San Giuliano ).

Ci stà sommergendo di chiacchiere , sempre stucchevoli in periodi normali , ma in questi giorni veramente insopportabili e vomitevoli: ” i fondi ci sono , 30 milioni subito e comunque il ponte sullo stretto non si tocca ” ma ne servirebbero 1 miliardo e 300 milioni  secondo Matteoli , suo ministro; ” i dollari americani non ci servono”   salvo poi correggersi in serata con ” magari Obama adotti qualche monumento da ricostruire”.

E che dire della chicca “Non sarete lasciati mai soli, anzi siccome e’ bel tempo andatevene al mare con le creme ,ve la paghiamo noi la vacanza negli alberghi della costa”?

Va in tv a rete unificate occupando la prima serata a Matrix e Porta a porta usando Vespa come un Emilio Fede d’antan  per fare scenette che propagandino il suo essere uomo del fare  .

” Caro Vespa , se stanno lì dica a Maroni e Matteoli che devono mandarci subito1200 vigili del fuoco e 1000 soldati ” come se ,  senza le telecamere di Vespa , non potesse comunicare con loro altrimenti , quindi una scenetta ad uso e consumo del pubblico-popolo bue che deve essere informato subito del gran lavoro svolto dal premier – soccorritore con l’elmetto di scavatore.

Piu’ che altro un mestatore nel torbido, uno spalatore di merda!

Poi la chicca finale ” vorrei fare L’Aquila 2 come Milano 2 ” che lascia strabiliati.

Scemi noi che pensavamo che ora fosse il momento di ricostruire magari in modo diverso, quando in realtà è solo lui , il Genio , a ricordarci che ora è il momento di costruire come sempre , ex novo ed in altri luoghi .

Non conta che la new-town non c’entri nulla con la storia dei paesi distrutti, ne’ con il patrimonio artistico , ne’ con le radici della gente , ne’ coi centri storici.

Non conta che altro cemento distrugge lentamente , insieme al poco verde rimasto , anche gli “argini” naturali alle catastrofi naturali , con l’ aggiunta , per i terremoti, della scadente qualità dei materiali dovuta alla logica del risparmio e del massimo ribasso dei tanti subappalti a scalare.

Non conta che proprio lui, il campione della deregulation, della assenza delle regole come principio morale , della libertà di fare-come-cazzo-mi-pare-senza-essere-limitato-da-niente-e-da-nessuno è portatore di quel pensiero ( anzi ne è il massimo esponente ) che è fra le cause delle enormità dei danni procurati da eventi sismici di media valenza nel nostro paese, come anche da allagamenti , frane et similia .

Che conta , anzi : una bella Onna con laghetto e prato inglese , pista ciclabile collegata direttamente a L’Aquila, magari; un bel pezzo di svizzeretta residenziale incastonata fra i monti già pregustata dai i ghigni famelici dei palazzinari come lui.

Gli stessi che risparmiano sui materiali e che quindi causano piu’ danni e piu’ morti nei terremoti: gente come lui, insomma , gente di merda che non va mai in galera , né paga mai in alcun modo.

Eppure , miracolo: nessuno lo fischia , anzi gli chiedono un autografo : il popolo bue , anche nelle tragedie lo segue passivo e beato come una puntata del grande fratello in tv quando si è stanchi … si addormentano pian piano con un bel sorriso idiota sulle labbra.

sorrisoMentre loro  , le bestie assopite e lobotomizzate lo lasciano fare , lui continua imperterrito col baillame mediatico ripetuto e giornaliero , uno squallido  teatrino della politica dallo stesso invasore inventato e poi perfezionato negli anni , salvo ipocritamente dire di non farne parte , pur realizzandone ogni giorno prove generali , atti primi e repliche per tutti .

Mentre penso a tutto ciò lo schifo che provo fa pandant con quello per la cronista vespiana che senza vergogna  dice lamentosa ed ignobile ad un padre che ha appena perso un figlio tra le macerie “potete darci un segnale di fiducia?” e quello che le risponde senza picchiarla a sangue ma educato ” lo dovete dare noi a voi , aiutandoci” .

Cavallo Pazzo 70


Lascia un commento

Gaza: comunicato dei Giovani Musulmani

La violentissima offensiva aeronavale israeliana sulla Striscia di Gaza sta assumendo giorno dopo giorno i tratti inconfondibili del massacro.

In seguito a diversi mesi di embargo alimentare, sanitario ed energetico – già drammaticamente denunciato dalle maggiori organizzazioni umanitarie internazionali – la popolazione palestinese è oggi sottoposta a durissimi bombardamenti, che in poche ore hanno già provocato centinaia di  morti e migliaia di feriti.

[Leggi tutto su Ribat-almujahid.com]