LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


12 commenti

L’inutile pallottoliere del nano corruttore di membri onorevoli

Di Pietro perde pezzi, come razzi.

Alla fine Antonio Razzi avrebbe deciso di lasciare l’Italia dei valori. Il parlamentare eletto all’estero, infatti, parteciperà a una conferenza stampa indetta alla Camera da Noi Sud per annunciare il suo passaggio nel partito guidato da Enzo Scotti e Arturo Iannaccone. A questo punto, a quanto si apprende in ambienti della maggioranza, Razzi sarebbe pronto anche a votare la fiducia al governo Berlusconi il 14.

Un partito, tre membri in posizioni diverse.

Come un sol uomo, tre deputati (Bruno Scilipoti, Massimo Calearo e Bruno Cesario) hanno formato una nuova componente parlamentare (congiunta), hanno organizzato una conferenza stampa (congiunta) e, alla loro prima uscita pubblica, hanno annunciato il voto per il 14 dicembre (disgiunto): uno voterà la fiducia, uno voterà la sfiducia, uno si asterrà. Un bell’esempio di compattezza in un momento difficile per il Paese.
Resta un rammarico: essendo solo in tre, i deputati della nuova componente parlamentare hanno potuto esprimere solo tre posizioni parlamentari diverse. Ma non bisogna disperare: caso mai aderisse un quarto deputato, lo si noterà facilmente. Sarà quello che va in bagno al momento del voto.

Il cerino sempre acceso, fino all’ultimo.

Ma se il governo continua a mostrare i muscoli, respingendo le richieste di dimissioni e di crisi lampo dei finani, questi ultimi non ci stanno e rilanciano ancora. Dopo il vertice di questa mattina di Gianfranco Fini con lo stato maggiore di Futuro e Libertà, nella sede di Farefuturo, gli ex dissidenti del Pdl continuano sulla loro linea: “Dimissioni al buio, o sfiducia senza se e senza ma“, ha sintetizzato uno dei presenti. Italo Bocchino, conferma che «o Berlusconi apre una nuova stagione politica dando le dimissioni e aprendo una nuova fase con un programma socio-economico e la legge elettorale o non si può che votare la sfiducia».

Dentro FLI ci sono un paio di colombe tentennanti come Moffa e Consolo, che potrebbero ripensarci ed andare a fare pipì al momento opportuno. QuelLo che non si capisce è in realtà a cosa serva tutto ciò. Se pur invece di avere la minoranza attuale avesse la maggioranza di 3 o 4 voti , che cosa ci farebbe il cainano di arcore? Vuole ripetere l’esperienza di Prodi appeso alle pipì dei senatori a vita?

Berlusca è ormai finito e qualcuno dovrebbe dirglielo: lui pensa di giocare a muoia sansone con tutti i filistei, in realtà sta giocando a muoia il nanetto con tutti i nani corrotti.

Stacchi la spina al governo, un po’ di dignità alla fine non guasterebbe…

Alfonso