LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


3 commenti

Noi fondatori e organizzatori del NBD del 5 dicembre 2009

foto Ansa

foto Ansa

I fondatori  della grande manifestazione del 5 dicembre 2009 comunemente nota  come NO BERLUSCONI DAY insieme a molti collaboratori all’organizzazione della stessa , precisano che il cosidetto Popolo viola nato successivamente allo svolgimento della manifestazione, non è assolutamente rappresentato dal Sig. Mascia, le cui iniziative sono personali oltrechè , a volte , criticabili.

Franca Corradini

Franco Lai

Tony Troja

Giovanna Paschero

Andy Wallace

Silvia Rovelli

Anna Porta

Gabriella Costantino

Stefania Uggeri

Passerini Roberta

Elisabetta Simonti

Gianni Rosa

e altri ancora che , dato il periodo agostano, non siamo riusciti a  raggiungere

 


9 commenti

DELUSIONI 1

nella mia vita ho avuto forti convinzioni.
ed ho cercato di supportarle con la conoscenza e l’informazione.
Sono stato a pelle anticomunista, ma prima di lanciarmi lancia in resta contro quella idea, ho letto IL CAPITALE e poi ho tratto le mie conclusioni, ovvero che il Comunismo assomiglia al Cristianesimo, e sono due idee belle ma folli destinate a scontrarsi con la natura umana, che è cinica e spietata.
Mi hanno colpito i valori di patria, onore, coraggio, d’altronde se inizi a fare arti marziali ad 8 anni è anche ovvio, e mi ha affascinato l’idea di ordine dell’estrema destra.
Mi sono letto il MEIN KAMPF, l’ho trovato delirante nell’antisemitismo e nell’associazione ebraismo – comunismo, ma ampiamente condivisibile per il disprezzo dei politici, del malaffare e la ricerca di ordine e riscatto.
Quindi a 18 anni voti MSI.
Poi, inizi a vedere che non è tutto oro quello che luccica e ti fai ingannare dal grande venditore, Silvione.
Che a parole è bravissimo e nei fatti non fa nulla.
Quindi, speri che almeno la Lega, che dice le cose giuste le faccia.
La Lega è stata la delusione peggiore.
A parole dice le ricette economiche giuste, nei fatti è il partito più inetto e corrotto.
Quindi impari.
Che i valori non esistono, se non per i soldati che muoiono per una bandiera che i politici offendono solo con la loro presenza.
Ti domandi: ma gli altri?
Improponibili.
Nel 2012 propongono soluzioni vecchie a problemi nuovi.
Quindi, uno come me, non vota +.
Perchè gli ideali esistono solo sulla carta, la classe dirigente italiana è indegna e non vale il mio tempo la domenica pomeriggio.
E come me siamo in tanti, ritengo significativo che uno come me non voti +, visto che se non vota uno che non si è appassionato di politica lo capisco, se non vota uno che aveva forte idee, ribadisco AVEVA, è significativo.
Ed è significativo che questo branco di politicanti non si renda conto che l’atmosfera è la stessa che precedette l’avvento del Nazismo, quando la gente si è rotta talmente tanto i coglioni dei politici incompetenti ed ha scelto, visto che Hitler è stato eletto, l’Uomo forte che li ha spazzati via.
In Italia si salvano perchè non c’è una persona con un simile carisma, ma le persone sono disilluse ed incazzate, ed a partire dal Re Sole, passando per gli Zar, quando la gente non ne può più cambia drasticamente.

JD


Lascia un commento

Il libro dei sogni è in realtà un incubo concreto per i soliti noti

Ieri sera il premier in collegamento da Bruxelles con Porta a Porta ha fatto un nuovo show di menzogne con l’aiuto del solito lacchè : “La cancelliera si è scusata per i risolini”, ma lei smentisce. Poi chiede un passo indietro di Bini Smaghi. Gelo di Parigi: “Non servono gli appelli in tv”. Sui licenziamenti più facili: “I lavoratori andranno in Cig”

Insomma, il solito mix di menzogne e figuracce che tanto piace al cittadino medio italico un po’ peone…

L’ultima sortita del pagliaccio di arcore fa venire in mente come l’uso della menzogna sia l’unica strategia messa in atto con coerenza dagli inizi della discesa in campo ad oggi. Anche se non tutte le menzogne di Berlusconi sono uguali, molte hanno la sola funzione di nascondere quelle più importanti.

Spesso si dimenticano,  nel marasma di bugie ed escort, scandali e barzellette sceme raccontate dal premier, le menzogne pesanti, quelle decisive, storiche.

Parlo delle menzogne  ormai memorabili, come quella che avrebbero abbassato le tasse e non avrebbero mai messo le mani nelle tasche degli italiani.

___________________________________________

BANKITALIA: FISCO DA RECORD NEL 2012, LA PRESSIONE SFIORERA’ IL 44%

La pressione fiscale l’anno prossimo raggiungera’ il nuovo massimo storico sfiorando il 44% del pil. Ma per il contribuente italiano il peso di tasse e imposte potrebbe essere anche piu’ gravoso se gli enti locali aumenteranno i prelievi per fronteggiare i tagli ai trasferimenti previsti dalle manovre per centrare l’agognato pareggio di bilancio nel 2013. E’ quanto ha indicato Daniele Franco, funzionario generale della Banca d’Italia, nell’audizione sulla legge di stabilita’ davanti alle commissioni bilancio di Camera e Senato.

La pressione fiscale quindi salira’ dal 42,3% del 2010 al 42,7 nel 2011 e dal 2012 si attesterebbe su valori intorno al 43,8 per cento, un massimo storico (nel 1997 essa aveva raggiunto il 43,6 per cento del PIL). Le stime di Via Nazionale non includono gli effetti dell’attuazione della delega fiscale e assistenziale, che potrebbero determinare maggiori entrate fino a 0,2 punti di pil nel 2012, 1,0 nel 2013 e 1,2 nel 2014. Inoltre – sottolinea l’esponente di Bankitalia – va rilevato che gli enti decentrati potrebbero disporre aumenti del prelievo per compensare i tagli apportati con le manovre estive ai trasferimenti dallo Stato.

________________________________________

Tutti hanno seguito la tragicomica storiella europea del finto duello tra le due destre  del continente, duello che come unico scopo ha quello di distrarre i cittadini meno informati dall’unico vero obiettivo più o meno dichiarato: far pagare ancora una volta la crisi ai soliti noti. Quindi sorvolo sulla storia degli sberleffi e dei tre giorni per ritornare credibili, al minuetto credono solo gli allocchi, Berlusconi è solo la variante affaristico clownesca delle peggiori e malintenzionate destre rabbiose ed antipopolari che purtroppo governano le istituzioni europee. Hanno creato la crisi con la loro fiducia nelle idee iperliberiste, nell’autoregolamentazione del mercato, nel mito della finanza creativa. Le loro banche hanno comprato immondizia spacciandola coi poveri cristi per buoni affari ed ora vogliono far pagare la crisi a chi l’ha sempre pagata, i lavoratori.

Leggendo bene la famosa lettera dei sogni si capisce subito come in gran parte rimarrà tale per molti aspetti . Vediamo alcuni contenuti: l’età minima per le pensioni di vecchiaia si innalza a 67 anni, nuove misure per rilanciare le infrastrutture,  liberalizzazioni dei servizi pubblici, norme di semplificazione, riforma delle professioni, con l’abolizione delle tariffe minime, spinta all’occupazione, in particolare femminile, con i contratti agevolati di inserimento, e per i giovani, viene confermata la già annunciata riduzione dei contributi sull’apprendistato; inoltre si prevede di favorire la stabilizzazione dei rapporti di lavoro.

Quante chiacchiere per non dire che si tratta di chiacchiere e basta altrimenti le avrebbero rese concrete in questi anni. Alcune altre sono ridicoli tentativi di andare contro la volontà popolare espressa nei referendum di qualche mese fa, quello contro la privatizzazione dei servizi comuni locali. Altre ancora come le liberalizzazioni delle professioni sono cose ancora più impossibili, visto l’esercito di avvocati lobbisti che il nano malato si è portato dietro in parlamento e che già ha posto il veto sul tema.  Per altri versi sono anni che si parla del  credito di imposta sulle assunzioni nel Mezzogiorno, ma l’unica cosa che importa a costoro del mezzogiorno è il serbatoio di voti clientelare e mafioso.

Le uniche parti della lettera che a parer mio da sogni o incubi diverranno realtà sono le misure che colpiscono lavoratori pubblici e privati, cosa del resto che rappresenta una costante per il governo Berlusconi, che ha sempre saputo manomettere le buste paga ed ha raschiato il fondo senza pietà .

Del resto come ha detto la ministra infermiera pelvica del premier , la Gelmini, la destra è ideologicamente contraria a mettere le mani nelle tasche deegli italiani ricchi con una imposta patrimoniale.

Ecco quindi che la vere novità possibili e praticabili contenute nel dl sviluppo riguardano essenzialmente  una nuova stretta sul pubblico impiego, con l’obiettivo di ridurre il numero dei dipendenti pubblici, ricorrendo, se necessario, anche alla messa in mobilità, mentre per il settore privato è prevista una revisione delle norme sui licenziamenti per motivi economici, con l’obiettivo di stabilire in questi casi un indennizzo del lavoratore, senza diritto al reintegro.

Il documento prevede infatti “…una nuova regolazione dei licenziamenti per motivi economici nei contratti di lavoro a tempo indeterminato…” che può voler dire soltanto completa mano libera di licenziare per le aziende, visto che esiste già una legge per mobilità e licenziamenti in caso di crisi (la legge 223/1991) ed il famigerato articolo 8 della manovra di agosto. Si vuole arrivare chiaramente anche alla cancellazione dell’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, in linea con quanto previsto dallo Statuto dei Lavori di Sacconi.

Per il pubblico impiego si prevede la “…piena attuazione della Riforma Brunetta…” (che significa taglio degli stipendi con la decurtazione del salario accessorio per il 75% dei dipendenti) e che “…Per rendere più efficiente, trasparente, flessibile e meno costosa la pubblica amministrazione tanto a livello centrale quanto a livello degli enti territoriali (oltre al vigente blocco del turnover del personale) renderemo effettivi con meccanismi cogenti/sanzionatori: a. la mobilità obbligatoria del personale; b. la messa a disposizione (Cassa Integrazione Guadagni) con conseguente riduzione salariale e del personale (e possibilità di licenziamento); c. il superamento delle dotazioni organiche.”, cioè la cancellazione delle “piante organiche” e di ogni relativo elemento oggettivo di valutazione delle funzioni e dei carichi di lavoro e quindi del personale necessario. L’insieme di queste misure portano ad una sola conclusione: futuri licenziamenti anche nel pubblico impiego.

Eppure ci sono ancora degli allocchi che hanno tirato un sospiro di sollievo per la apparente promozione avuta dalla lettera a Bruxelles, quelli che credono che il vero unico avversario della sinistra sia il pagliaccio e fanno il tifo per la destra più seria e credibile di stampo europeo. Siamo alle solite:  i veri nemici della sinistra sono le destre egemoni nella sinistra stessa, da D’Alema a Veltroni, da Renzi a Fioroni pronti sempre a portare l’acqua con le orecchie alla destra , purchè sia solo un po’ più presentabile del nano di Arcore…

Rosellina970


1 Commento

Ma quando finiscono i titoli di coda di questo brutto film?

E ‘ un po’ di tempo che non so più che dire. Non ce la faccio a ripetere sempre le stesse analisi. Dopo il voto per i sindaci e per il referendum che ha portato un po’ di aria pura, si è tornati come se niente fosse nel tanfo del regime ormai crollato. Ma quanto dura questo crollo? Quante macerie devono ancora cascare? I più cinici dicono che i titoli di coda di questo film dureranno tantissimo , diciamo il tempo che serve  – non solo al nano con la testa asfaltata ma anche a qualche decina dei suoi  complici  – per acquisire qualche garanzia futura, qualche salvacondotto, qualche ennesima schifezza con cui contrattare l’uscita di scena senza troppi guai.

Nè puo’ dirsi che dall’altra parte abbiano capito bene la strada da prendere :  nonostante abbiano beneficiato temporaneamente della rabbia elettorale , non sembra abbiano capito l’atmosfera politica presente, basti pensare alle stupidaggini similberlusconiche che ha detto Bersani l’altro ieri  sulla macchina del fango.

In un Italia commissariata da organismi internazionali ed europei e da un ristretto gruppo di operatori di emergenza capitanati da Napolitano, con Tremonti alle prese con uno scandalo che ne limiterà il raggio di azione e le velleità future, a che serve ancora perdere tempo con analisi sempre uguali?

In un paese cristallizzato da un anno e mezzo nella medesima forma ed espressione, con gli squali della finanza che ormai l’hanno messo nel mirino per mangiarselo in un boccone quanto prima e con un premier ormai completamente ed esclusivamente dedito al  ruolo di zavorra inutile e pericolosa, che altro rimane da dire?

Per il resto non val la pena aggiungere niente, queste poche righe sono già troppe, basta leggere la cronaca di un qualsiasi quotidiano di oggi.

Ah dimenticavo: mi sovviene un esempio che non posso non proporre , una sola  piccola chicca tanto per gradire e salutare chi va in ferie.

Con la norma passata oggi al senato, se si commette un omicidio in un bar sparando due colpi di pistola, la difesa potrà portare come testi non solo coloro che erano presenti nel bar, ma tutti coloro che, abitando nel quartiere dove è sito il bar  –  uno per uno rintracciandoli con l’elenco telefonico –  potrebbero in teoria aver udito il rumore dei due colpi sparati. Ed il giudice non potrebbe  valutarne nè la congruenza nè la rilevanza. Dovrebbe ammetterli e basta…

ps. mi immagino la faccia dei vari mediolungo e panattoni : chissà dove sono finiti? Chissà se hanno ancora il fegato di difendere questo regime di corrotti ed incapaci come mai nella storia si era visto?

De resto ognuno di noi conosce sotto casa qualche mediolungo o panattoni e sa bene come reagiscano attualmente: interrogati oggi fan finta di non aver mai conosciuto un tizio di nome Berlusconi, del resto cosa aspettarsi da italiani veri come loro?

La cronaca politica di oggi dal Messaggero.

ROMA – Il governo ha incassato al Senato la fiducia sul processo lungo. Si tratta della fiducia numero 48 posta in tre anni dal governo Berlusconi. Il provvedimento, che torna all’esame della Camera, ha ottenuto 160 voti a favore di Pdl, Lega e Coesione nazionale (gli ex Responsabili), mentre i voti contrari sono stati 139, da parte di Pd, Idv, Udc e Terzo polo. Nell’occasione ha debuttato Il nuovo ministro della Giustizia, Francesco Nitto Palma.

Finocchiaro: Berlusconi strozzato da un dentifricio? «All’assenza dall’approvazione della manovra qui al Senato si rispose dicendo che il presidente Berlusconi era scivolato su una saponetta. Mi chiedo se stamattina, vista la sua assenza, si sia strozzato con il dentifricio – attacca Anna Finocchiaro, nella dichiarazione di voto del Pd contro la fiducia – Abbiamo un premier che non parla al suo popolo. La verita è che questo paese non ha un premier e non ha un governo mentre l’Italia attraversa la crisi piu grave dal dopoguerra. Negli ultimi 15 giorni si ricorda una sola affermazione del Capo del governo, non certo per rassicurare il Paese e i mercati: “se dicessi quello che penso davvero non coinciderebbe con gli interessi del paese”».

«Credo che quando sfilerete sotto quel banco per dire il vostro sì, sentirete sul collo il piede del padrone, dentro di voi qualcosa ribollirà – urla Anna Finocchiaro al termine della sua dichiarazione di voto – Sarebbe il tempo dei liberi e forti e non dubito che molti di voi sarebbero in grado di esserlo e di esprimere la loro natura di liberi e forti e di dare oggi all’Italia la prova che questo governo è capace di badare ad altro che a un premier braccato che si chiude nelle sue stanze».

continua qui

Crazyhorse70


1 Commento

“Trasferisco Roma a Milano”

Dieci ipotesi su cosa farà, dirà, prometterà
Berlusconi ai milanesi per ribaltare il risultato elettorale

da Versi per Versi di ELLEKAPPA

"Trasferisco Roma a Milano"    Silvio Berlusconi

1) Pisapia è il nipotino di Bin Laden

2) Strauss-Kahn è innocente.
E’ stato Pisapia a stuprare la cameriera.

3) Sostituirò la Moratti con Lars von Trier

4) Trasferirò Roma a Milano

5) Trasferirò la nebbia a Roma

6) In caso di sconfitta anche al secondo turno
trasferirò a Milano la spazzatura di Napoli

7) Abolirò il voto di ballottaggio. Basta il giuramento
sulla testa dei miei figli che ho vinto io

8 ) Tutti gli elettori di Milano avranno un posto da sottosegretario

9) Le tasse dei milanesi verranno pagate dai romani

10) Se vinco mi dimetto

(20 maggio 2011)


1 Commento

Meno male: è tornato come prima. Per un attimo ho temuto che avesse capito cosa gli è successo…

Poco fà ho tirato un sospiro di sollievo. Erano giorni che se ne stava zitto tramortito dalla bastonata elettorale ed ho temuto che avesse capito la lezione e che ne prendesse atto cambiando strategia.

Invece no, per fortuna. Poco fa l’ho sentito ripetere a reti unificate, “neanche in Bielorussia” dice Bersani,  le solite cretinate, su comunisti e falciemartelli .  “Confonde le bandiere rossonere con quelle comuniste”, lo prende per il culo lo stesso Pisapia, ma lui imperterrito continua sui centri sociali, zingaropoli, ecc.. Già Bossi mi aveva tranquillizzato ore prima, dando del matto e parlando di zingaropoli a proposito di Pisapia ed il suo programma.

Il solito nano, la solita litania, il solito negare la realtà e far finta che tutto va bene madama la marchesa. iI povero guitto conosce solo qesto spartito, del resto, non è mai stato un cerevello fino, non è capace di analisi politiche, in quel modo è entrato nel 1994 , in quello stesso modo uscirà, senza capirci una mazza, gridando al destino cinico e baro.

Ormai è un peso per la sua parte politica, ma , essendosi circondato di guitti e di servi sciocchi, non ha più nessuno che glielo dica in faccia.

Meglio così, ho tirato un sospiro di sollievo, si ricomincia con la solita menata di stupidate a ripetizione, di invasioni mediatiche , di cortei di servi sciocchi in ogni trasmissione.

Quelle cose che abbiamo sempre evidenziato qui dentro e che piano piano hanno rotto le palle anche ad una parte consistente dei suoi elettori.

In teoria c’era il rischio che quel silenzio lungo fosse dovuto ad autocritica ed alla apertuta di una fase nuova: invece no, per fortuna, sempre lo stesso pagliaccio invadente ,  solo che ora quel che tocca non diventa magicamente oro ma merda.

Mezza C.L. lombarda e mezza lega si sono astenuti ed in piccola parte han votato addirittura il pericolOso comunista.

Addirittura il 17 % di artigiani e piccoli commercianti in più per la lista di Pisapia, rispetto a quella della Moratti.

Se pensa di fargli cambiare idea così, è tutto meglio per noi.

Vai che siamo ai titoli di coda di questo film incubo durato vent’anni…

Lorenzo68


13 commenti

Che cos’é la prescrizione breve e quali effetti produce.

E’ iniziato nell’Aula della Camera l’esame del testo sul processo breve. Della natura di tale norma generale ne abbiamo già parlato. In queste ore , in particolare, è pero’ in votazione  l’articolo sulla prescrizione breve sulla quale vale invece la pena soffermarsi per la prima volta e chiarire di che si tratta.

In sintesi con questa norma si accorciano i tempi di prescrizione per gli imputati incensurati nei processi di primo grado.

Tra gli effetti del nuovo dispositivo sulla prescrizione c’é anche quello di accorciare i tempi del processo Mills in cui e’ imputato da tempo il premier Silvio Berlusconi.

Alfano :”Inciderà in termini molto tenui sugli incensurati” ed aggiunge “Se la norma sulla prescrizione breve passasse sarebbe a rischio solo lo 0,2% dei processi penali. Ogni anno invece si prescrive normalmente il 5% di questi procedimenti”

Il CSM di rimando parla di amnistia travestita e di tantissime vittime di reato che non avranno giustizia.

Il sottoscritto si astiene dal commentare alcunchè considerando sufficiente porre in evidenza il seguente elenco.

Il numero dei processi buttati al macero immediatamente è di circa 5000 , sono procedimenti che ancora non hanno superato il primo grado di giudizio.

Processo Mills per corruzione: imputato Silvio Berlusconi

Strage alla stazione di Viareggio 29 giugno 2009: 32 morti

Crack Parmalat 2003: 80.000 risparmiatori truffati per oltre 14 miliardi di euro

Terremoto a L’Aquila 6 aprile 2009: 278 vittime, di cui 8 ragazzi nella Casa dello Studente

Doping Olimpiadi Invernali Torino 2006

Amianto nei Cantieri Navali di Palermo: 40 operai morti

Calciopoli Napoli 2006

Crack Cirio 2003: truffa per oltre 1 miliardo di euroi casi della clinica Santa Rita di Milano,

Il caso Tarantino e lo scandalo della sanità pugliese,

Il processo Fincantieri di Palermo,

Il processo Eternit

Il caso Ilva di Taranto.

Tutti gli imputati sono incensurati, tutti potranno beneficiare della prescrizione breve. Le vittime rischiano di non avere mai giustizia.

ELENCO DEI REATI INTERESSATI DAL DDL SULLA PRESCRIZIONE BREVE

• articolo 314 del codice penale (PECULATO).
• articolo 315 del codice penale (MALVERSAZIONE).
• articolo 316 del codice penale (PECULATO PER ERRORE ALTRUI).
• articolo 316 bis del codice penale (MALVERSAZIONE AI DANNI DELLO STATO).
• articolo 316 ter del codice penale (INDEBITA PERCEZIONE DANNI STATO).
• articolo 317 del codice penale (CONCUSSIONE).
• articolo 318 del codice penale (CORRUZIONE).
• articolo 319 del codice penale (ATTO CONTRARIO A DOVERI D’UFFICIO).
• articolo 319.ter del codice penale (CORRUZIONE IN ATTI GIUDIZIARI).
• articolo 320 del codice penale (CORRUZIONE INCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO).
• articolo 322 del codice penale (ISTIGAZIONE ALLA CORRUZIONE).
• articolo 322.bis del codice penale (PECULATO/CONCUSSIONE/CORRUZIONE COMUNITA’ EUROPEA).
• articolo 323 del codice penale (ABUSO D’UFFICIO).
• articolo 324 del codice penale (INTERESSE PRIVATO IN ATTI D’UFFICIO).
• articolo 326 del codice penale (RIVELAZIONE SEGRETI D’UFFICIO).
• articolo 328 del codice penale (OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO).
• articolo 336 del codice penale (VIOLENZA A PUBBLICO UFFICIALE).
• articolo 337 del codice penale (RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE).
• articolo 338 del codice penale (VIOLENZA O MINACCIA AD UN CORPO POLITICO, AMMINISTRATIVO O GIUDIZIARIO).
• articolo 340 del codice penale (INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO).
• particolare prevedendo un aumento del tempo necessario a prescrivere il reato di cui all’articolo 347 del codice penale (USURPAZIONE DI FUNZIONI PUBBLICHE).
• articolo 348 del codice penale (ESERCIZIO ABUSIVO DI UNA PROFESSIONE).

• articolo 355 del codice penale (INADEMPIMENTNO DI CONTRATTI DI PUBBLICHE FORNITURE).
• articolo 589 del codice penale (OMICIDIO COLPOSO).
• articolo 609.bis del codice penale (VIOLENZA SESSUALE).
• articolo 609.quater del codice penale (ATTI SESSUALI CON MINORENNE).
• articolo 609.quinquies del codice penale (CORRUZIONE DI MINORENNE).
• articolo 609.octies del codice penale (VIOLENZA SESSUALE DI GRUPPO).
• articolo 416.ter del codice penale (SCAMBIO ELETTORALE POLITICO-MAFIOSO)
• articolo 419 del codice penale (DEVASTAZIONE E SACCHEGGIO).
• particolare prevedendo un aumento del tempo necessario a prescrivere il reato di cui all’articolo 420 del codice penale (ATTENTANTO A IMPIANTI DI PUBBLICA UTILITA’)
• articolo 423 del codice penale (INCENDIO)
• articolo 423.bis del codice penale (INCENDIO BOSCHIVO)
• articolo 424 del codice penale (DANNEGGIAMENTO SEGUITO DA INCENDIO)
• articolo 432 del codice penale (ATTENTATO ALLA SICUREZZA DEI TRASPORTI)
• articolo 624 bis del codice penale (FURTO IN ABITAZIONE).
• articolo 628 del codice penale (RAPINA)
• articolo 629 del codice penale (ESTORSIONE)
• articolo 640 del codice penale (TRUFFA)
• articolo 641 del codice penale (INSOLVENZA FRAUDOLENTA)
• articolo 648 del codice penale (RICETTAZIONE)

• articolo 648.bis del codice penale (RICICLAGGIO)
• articolo 514 del codice penale (FRODI CONTRO LE INDUSTRIE NAZIONALI)
• articolo 583.bis del codice penale (PRATICHE DI MUTILAZIONE DEGLI ORGANI GENITALI FEMMINILI)
• articolo 648.ter del codice penale (IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA’ DI PROVENIENZA ILLECITA)
• articolo 646 del codice penale (APPROPRIAZIONE INDEBITA)
• articolo 614 del codice penale (VIOLAZIONE DI DOMICILIO)
• articolo 610 del codice penale (VIOLENZA PRIVATA)
• articolo 644.bis del codice penale (USURA IMPROPRIA)
• articolo 644 del codice penale (USURA)
• articolo 643 del codice penale (CIRCONVENZIONE DI INCAPACI)
• articolo 2621 del codice civile (FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI)
• articolo 2622 del codice civile (FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI IN DANNO DELLA SOCIETA’ DEI SOCI O DEI CREDITORI).
• articolo 2623 del codice civile (FALSO IN PROSPETTO).
• articolo 2624 del codice civile (FALSITA’ NELLE RELAZIONI O NELLE COMUNICAZIONI DELLE SOCIETA’ DI REVISIONE).
• articolo 2626 del codice civile (INDEBITA RESTITUZIONE DEI CONFERIMENTI).
• articolo 2627 del codice civile (ILLEGALE RIPARTIZIONE DEGLI UTILI E DELLE RISERVE).
• articolo 2628 del codice civile (ILLECITE OPERAZIONI SULLE AZIONI O QUOTE SOCIALI O DELLA SOCIETA’ CONTROLLANTE).

• articolo 2629 del codice civile (OPERAZIONI IN PREGIUDIZIO DEI CREDITORI).
• articolo 349 del codice penale (VIOLAZIONE DI SIGILLI).
• articolo 337.bis del codice penale (OCCULTAMENTO CUSTODIA O ALTERAZIONE DI MEZZI DI TRASPORTO).
• articolo 341.bis del codice penale (OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE).
• articolo 351 del codice penale (VIOLAZIONE DELLA PUBBLICA CUSTODIA DI COSE).
• articolo 334 del codice penale (SOTTRAZIONE O DANNEGGIAMENTO COSE SEQUESTRATE NEL CORSO DI UN PROCEDIMENTO PENALE).
• articolo 335 del codice penale (VIOLAZIONE COLPOSA NELLA CUSTODIA DI COSE SEQUESTRATE NEL CORSO DI UN PROCEDIMENTO PENALE O DALL’AUTORITA’ AMMINISTRATIVA).
• articolo 612.bis. del codice penale (STALKING)

Crazyhorse70