LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

6 Aprile 2009 : terremoto – 6 APRILE 2011: processo immediato

10 commenti

Il 6 aprile 2009  avveniva il terremoto annunciato de l’Aquila, con Berlusconi che subito dopo verrà a passeggio sui cadaveri ancora caldi decine di volte nelle settimane successive, sparando a raffica una marea di bugie e nascondendo coi fuochi di artificio le dure verità che solo ora molti si accorgono essere diventate realtà.

Abbiamo scritto molto sul tema e da subito, attirandoci gli insulti di insulsi commentatori per non aver rispettato il periodo ipocrita del lutto, quando immediatamente abbiamo scoperto l’inganno dell’avvoltoio.

E ne abbiamo scritto anche in seguito, parlando con chiarezza del modello di sviluppo scelto per gli aquilani, senza il loro consenso, anzi contro i loro diritti( altri post sul tema, vedi qui e qui ).

Ma non è di questo che voglio parlare, bensì del destino che gioca coi numeri.

Infatti quel 6 aprile fu anche l’apice dell’incredibile consenso berlusconiano: il premier addirittura si apprestava a mettersi il fazzoletto rosso da partigiano in quel successivo 25 aprile, fra i commenti positivi dei loschi terzisti genere pompiere della sera, che per la prima volta e senza vergogna iniziarono a parlarne in termine di statista.

Tutto sembrava andargli bene, due italiani su tre pensavano fosse un buon presidente, anche tra gli elettori del centrosinistra.

Ricordo bene anche qui dentro molti seguaci, alcuni in modo indignitoso e fideistico, cavalcavano sondaggi ed elezioni come prove oggettive del’inutilità ed infondatezza di ogni critica.

Ora c’è un altro 6 aprile, in un contesto in cui il berlusca ha meno di un terzo degli italiani a favore, sommerso nel fango degli scandali giudiziari, delle incapacità reiterate, delle promesse non mantenute, delle menzogne svelate.

Difatti il 6 aprile 2011 l’on. Silvio Berlusconi andrà a processo immediato e ci andrà  senza essersi dimesso, cosa mai successa nella storia della democrazia moderna:  mai in alcuno Stato che adotti le forme anche solo apparenti della democrazia.

E’ un po’ che intervengo solo con battute, vignette o prese in giro – così come mi ero ripromesso  tempo fà –  ma  devo contravvenire al mio intento almeno una volta per evidenziare il destino di una data , il 6 aprile, e per comunicarvi che ho il fondato timore che accada qualcosa di brutto nelle prossime settimane.

Stiamo tutti attenti e con gli occhi aperti in questa notte buia. Accendiamo la luce appena possibile, un bagliore forte sulla scena, come hanno fatto le donne del 13 febbraio.

Occorrerebbe qualcosa di meno, anche solo un lume, ma di continuo ed ininterrotto perchè queste carogne nel buio faranno del male…

Occorrerebbe che si riproducessero all’infinito iniziative come queste : sciopero generale politico, in piazza  finchè Berlusconi non se ne va

A presto

Crazyhorse70

Annunci

10 thoughts on “6 Aprile 2009 : terremoto – 6 APRILE 2011: processo immediato

  1. Il finale dell’articolo è inquietante. Da poco tempo tento anch’io di ironizzare con immagini/vignetta sul mio blog le stranezze del nostro Paese. Ma oggi ho sentito una cappa pesante sulla mia voglia di leggerezza e mi sono limitato a leggere gli aggiornamenti delle notizie e delle interpretazioni.
    Spero che la notte sia breve e non ci sia bisogno di
    illuminare le nostre paure.

  2. …almeno qui dalle mie parti….

    ritengo che levata qualche rara testa calda..rimarra tutto tranquillo…

    ho scoperto più ex berlusconiani…che comunisti…ma ciò che mi ha stupito e che le loro motivazioni attuali contro il berlusca…no sono tanto per il gossip…ma per il tenore della vita… che stanno perdendo…

  3. ho votato sempre DC per poi passare a Forza italia prima e PDL dopo. certo passare da statisti come fanfani,moro ed andreotti a questo schifo….. io non voterò mai più PDL finchè questo scempio e mi riferisco a berlusconi non andrà via. tempo fa non avrei mai pensato di scrivere queste cose ma questo è troppo. va contro tutto ciò in cui ho creduto in una vita ed ho insegnato ai miei figli. ma certo che un paese normale è impossibile? prima avevamo il partito comunista piu grande del mondo occidentale ed ora un premier che pensa ai festini ed a selezionare la classe politica nella sua camera da letto!!! oggi con l’emergenza sbarchi è dovuto correre a roma dai suoi avvocati… ora basta!! lasci il posto a letta o tremonti

  4. – la magistratura ha sempre ragione – Silvio Berlusconi deve farsi processare anche se non esistono i reati – S.B. deve dare le dimissioni subito, prima della sentenza, prima del giudizio, solo perché l’accusano. Questo il ragionamento a sinistra. Diagnosi: encefalogramma piatto.

    • ma anita cosa dici????!! ma chi va a letto con una minore come fa a guardare in faccia i propri figli? come coloro che difendono tali soprusi… vivo in una regione rossa la mia non appartenenza al PCI mi è costata in gioventù scontri verbali e non solo… ma le botte le prendevo (ed a volte le davo) per difendere i miei valori che ho visto sempre riconosciuti nei valori della destra…e non certo le prenderei oggi per difendere questi comportamenti indegni del nostro premier

      • ALLODOLO ALLOCCO , giacomo sei un allocco
        sei caduto nella rete, chiacchiere al vento caro mio, i lobi delle teste dei sinistri sono atrofizzate , dove sono passati hanno lasciato fame e distruzione, a dove volete andare branco di pulci, vi abbiamo spiattellati in tutte le tornate elettorali , con quei capetti con un dete solo , mezze tacche , incapaci , sono solo bravi a distruggere,pietosi guardoni.

  5. nbon è il 6 il numero magico ma il 3.
    Tre donne hanno “incastrato” Silvio .Altre tre hanno in mano il suo destino. Patrizia, Noemi, Ruby. Sono loro le donne che hanno rovinato il presidente del Consiglio. E lo hanno trascinato negli scandali sessuali. Ora tre donne, Giulia, Orsola e Carmen, decideranno il suo futuro. E poi il pm Ilda Boccassini, il gip Cristina Di Censo e il milione di donne in piazza. L’universo femminile, che Berlusconi ha sempre amato, ora lo tiene in pugno.

  6. Fedele e simili, lasciamoli parlare, lasciamo che sfoghino la loro rabbia. SOno alla fine.

  7. ma la faccia finita, la rabbia è la vostra che perdete sempre, sfigato!!!

  8. L’epiteto di sfigato è un capolavoro, davvero.
    Il disprezzo per chi si ritiene inferiore in quanto (letteralmente) sfortunato.
    Il berlusconismo ha sdoganato anche questo, il ritenere lecito, se non addirittura positivo, il dileggio sociale.
    Assolutamkente ridicolo poi l’ “argomento” (chiamiamolo così), di chi alla fine ribatte sempre, non avendo altri argomenti “Perdete sempre”, “la maggioranza degli italiani dà ragione a Berlusconi”, e simili.
    Come se il favore popolare potesse cancellare la realtà e rendere positivi 8 sciagurati anni di fallimento e di declino italiano.
    Ripeto, lasciamoli ringhiare.
    La festa, anzi il festino, sta per finire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...