LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Rumorosa manifestazione al grido di “L’Italia non è un bordello”a Firenze

6 commenti

( Firenze, 29 gennaio 2011 foto di Lucia Panascì )

Stamani, ed è il secondo sabato successivo che lo fanno, un CACEROLAZOS… manifestazione rumorosa con coperchi e pentole a Firenze.

Sono cittadini comuni stanchi del fango in cui l’Italia viene trascinata sempre di più ogni giorno che passa.

Stanchi della mancata attenzione dei veri problemi della gente.

Stanchi di un governo…..bordello.

Qui sopra una delle tante foto scattate e un articolo  fresco di “stampa” sull’evento.

Replicheranno il 5  e il 12 febbraio, e saranno sempre più numerosi !!!!

Qui l’evento Facebook : CACEROLAZOS : L’ITALIA NON E’ UN BORDELLO!

Questo il loro invito :
Facciamo casino in strada con pentole e mestoli. Contro Berlusconi? Si.

Ma anche contro il clima, l’atmosfera, l’aria che si respira nel nostro Paese in cui succede ormai di tutto ma ribellarsi sembra così difficile. Noi ci proviamo.

Le pentole – provare per credere! – fanno un gran baccano. L’idea è buona. Capita, una volta su mille, ma capita, che forme di protesta di questo tipo si rivelino contagiose: parte un gruppetto, qualcuno lo copia, l’idea si diffonde. E’ quello che cerchiamo di fare, anche sfruttando la rete. Quindi facciamo girare il messaggio ma, soprattutto, andiamo in piazza. Perché la rete va bene per diffondere ma è in PIAZZA che ci si fa vedere e sentire. Portate cartelli, fischietti, trombe…ma soprattutto PADELLE, COPERCHI E MESTOLI!
P.S. Non quelli del servito buono perché si ammaccano…è testato!

Franca C.


articolo da www.gonews.it

Caso Ruby, rumorosa protesta con mestoli e pentole

Manifestazione al grido di “L’Italia non è un bordello”

Allo slogan “l’Italia non è un bordello”, centinaia di persone stanno manifestando a Firenze per criticare e condannare le feste del premier ad Arcore.

I manifestanti, che stanno rumoreggiando battendo con mestoli su pentole, si sono riuniti nella centrale piazza Sant’Ambrogio e sfileranno rumorosamente fino a piazza della Repubblica dando vita a un cosiddetto ‘cacerolazo’, rumorosa forma di protesta con pentole, coperchi e mestoli. “Protestiamo contro Berlusconi – spiega un manifestante – ma anche contro il clima pesante e d’inerzia che c’é in questo momento nel Paese. Vogliamo far vedere ai turisti che l’Italia non è solo un bordello”. I manifestanti hanno poi sottolineato che “la protesta è nata da un gruppo di genitori e ha poi trovato vari consensi. Se la manifestazione riesce, siamo pronti a replicarla il prossimo sabato. A Firenze – hanno aggiunto – qualcosa si sta muovendo e speriamo che questa forma di protesta sia adottata anche in altre città”.

Annunci

Autore: francacorradini

essere pensante

6 thoughts on “Rumorosa manifestazione al grido di “L’Italia non è un bordello”a Firenze

  1. Però nell’articolo del link la foto non è della manifestazioni di stamani, attenzione.

  2. bravissimi,facciamolo anche a milano se il nano avra’ la spudoratezza di fare la sua manifestazione contro i magistrati.Non lasciamolo più parlare:facciamo casino fino ad assoredarlo

  3. ma pensate alla vostre corna invece di andare in giro con pentole e coperchi: andate a lavorare

    “L’ira di Giorgio Napolitano si abbatte su Pier Luigi Bersani. Non bastava la guerra interna che gli sta facendo Walter Veltroni, dopo la bocciatura di Umberto Ranieri alle primarie napoletane e il caos che sta seguendo al congelamento del risultato, adesso è il presidente della Repubblica a gelare il segretario del Pd.

    Colpevole di una cattiva gestione della partita politica della sua città natale e della sconfitta del suo pupillo. I danni che ha fatto ai democratici la vittoria del candidato di Nichi Vendola alle primarie di Milano diventano bruscolini alla luce di quello che sta avvenendo a Napoli. Non tanto per lo scontro tra i due, tre veri aspiranti a diventare sindaco. Ma perché rischiano seriamente di far perdere al segretario del Pd la sponda del Colle. Era noto e arcinoto infatti che Napolitano che tiene molto al destino della sua città, dopo tutte le emergenze di questi anni avrebbe gradito che a palazzo San Giacomo fosse andata una persona che stima come il suo pupillo Ranieri. Il quale avrebbe fatto di tutto per portare a una situazione civile la città, magari proprio con la benedizione del Quirinale. Bersani però non si è mai impegnato molto per trovare una soluzione che garantisse Ranieri tanto che il responsabile del Pd per il Mezzogiorno si è dovuto autocandidare…”

    SE VI IMBROGLIATE FRA DI VOI PENSA UN PO’ COSA POTRESTE FARE ALLE ELEZIONI VERE…

  4. qui non si tratta più solo di menzogne e false promesse, qui siamo di fronte ad un vero delinquente che si crede impunibile e questo avviene non solo per le sue malefatte e per la sua deformazine mentale, ma anche perchè molti italiani non riescono a fare 2+2=4 e sono come abbacinati dal pagliaccio.
    E’ ora di rompere l’incantesimo grazie al quale Berlusconi tiene in ostaggio questo paese e non lo si puo’ piu’ fare restando chiusi in casa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...