LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Marchionne , lettera aperta : caro proletario, perchè cazzo ti muovi mentre ti bastono? Stai fermo, è per il tuo bene…

2 commenti

Continuando la serie “del nano abbiamo proprio detto tutto e da tempo, ora solo prese per il culo fino al giorno x” propongo per ridere e pensare la lettera aperta di Marchionne ai nuovi schiavi ops.. scusate alle maestranze, ripresa dal Misfatto su Altrapolitica insieme alla vignetta qui sopra.

di Sergio Marchionne

Cari impiegati, nel modo migliore (si spera). Cari opevai, cari sottoposti, cari manovali. Cari indossatori di qualcosa di blu che non è un maglione ma una tuta. Cari proletari, ecco: proletari. Cari proletari. Voi, soprattutto voi. Cari proletari e care famiglie dei proletari, a volte, spesso, acquirenti. Acquirenti anche di, che so?, Multiple.Gente quindi dallo stomaco forte,gente capace di tutto. Cari capaci di tutto, e quindi, per estensione, cari politici. Politici di destra, politici di sinistra, non importa.
Politici. Politici che per anni hanno foraggiato la Fabbrica Italiana Automobili Torino con belle sovvenzioni grassocce guardandosi bene dal comprare una Fiat ché quando serve sfilare con una macchina italiana tirate fuori ancora una Lancia del 1950 e chi se ne frega. Voi, cari sovvenzionatori. E poi cari sindacalisti. Cari sindacalisti che non firmate, che vi opponete o che opponete un ragionamento. Perché non era questo che era stato richiesto. La domanda era“quanto siete d’accordo?”senza se e senza ma.Voi ce li avete voluti mettere, i se e i ma, è chiaro che poi uno si risente. Cari voi che avete voluto interloquire, quindi. E cari distributori di benzina, cari costruttori esteri, cari stabilimenti americani che prima acquisisco, poi no, poi sì, poi ri-no, poi di nuovo sì.   Cari altalenanti destini di tutti i giorni. Perché io ho in mente un piano.Non fatevi ingannare dal fatto che sembri Veltroni coni capelli,cari ingannatori fisiognomici. No, non fatelo, cari voi. E non fatelo fare neanche ad altri come  voi. Italiani e non . Ma soprattutto non. Perché la Fiat, ricordatelo, senza l’Italia starebbe meglio. Io, che sono canadese così come Riotta è americano e che ho girato il globo più che come un giramondo, come un girocollo, conosco la vita, cari ignoratori della vita. E è per questo che a voi, agli altri, a quelli che ci sono stati, a quelli verranno dopo, a quelli che rimangono nel frattempo, mi sento di dire una cosa. Una e una soltanto. Fatevi i cazzi vostri. Perchè la (business) class non è acqua.    (testo raccolto in una riunione condominiale da il Misfatto)                     

Rammento solo l’utilissimo fondamentale tempestivo intervento di Piero Fassino a favore di Marchionne e dell’accordo ma ormai la classe dirigente del PD è in un limbo da dove è meglio che non venga svegliata troppo presto ( è ancora in una situazione non corporea, nell’antimateria),  non avendo deciso cosa vuole ed avendo chiaro solo cosa non vuole più: tutta una vita a difendere le tute blu, vuoi mettere qualche anno tutto dedicato alla difesa di maglione blu il padrone dal volto umano?

Crazyhorse70

Annunci

2 thoughts on “Marchionne , lettera aperta : caro proletario, perchè cazzo ti muovi mentre ti bastono? Stai fermo, è per il tuo bene…

  1. Riporto una interessante discussione trovata nel web con Fassina ( pd) che riferendosi a Sofri interviene sul referendum a Mirafiori

    ” Caro Sofri, ecco qual è la vera sfida che il Pd propone al dottor Marchionne.

    Per evitare al Pd una difficile discussione su Fabbrica Italia, è stata tempestiva, come ironicamente osservato ieri da Adriano Sofri su questo giornale, la data del 13 gennaio per la riunione della direzione nazionale?

    In realtà, no, perché i lavoratori e le lavoratrici delle Carrozzerie Mirafiori incominciano a votare alle 22 dello stesso giorno, quindi il Pd potrebbe deliberare in tempo utile la sua posizione ufficiale sul referendum.

    Ma mi chiedo: è davvero questo il punto? E’ compito di un partito indicare a un uomo o a una donna di scegliere tra un lavoro regredito e la disoccupazione prospettata dalla Fiat in caso di bocciatura dell’accordo” firmato prima di Natale?

    O, piuttosto, a Mirafiori come a Pomigliano, lavoratrici e lavoratori si aspettano che un partito riformista si dedichi a costruire le condizioni per evitare una scelta obbligata?

    E, prima ancora, dato l’ambizioso cimento, non si aspettano di ascoltare parole di verità sul contesto dentro al quale si muovono le loro vite?

    Caro Sofri, per dire la verità e individuare la strada da seguire, svolgere la direzione del Pd prima o dopo il 13 non fa differenza.

    La verità è che a Pomigliano e a Mirafiori non vi è stata e non vi è scelta: siamo di fronte a un atto unilaterale di Fiat, dove è evidente la regressione del lavoro, ma è assente la minima contropartita nell’apertura della governance dell’impresa, anzi si torna alle rappresentanze dei lavoratori e delle lavoratrici nominate dai vertici sindacali.

    L’agra verità, caro Sofri, è che il referendum è la scelta obbligata perché i rapporti di forza tra capitale e lavoro sono squilibrati come mai nell’ultimo secolo: il capitale finanziario fa shopping nel mercato globale del lavoro, mentre le forze politiche e sindacali, riformiste o radicali, sono prigioniere nelle gabbie nazionali.

    La verità è che abbiamo fatto finta, sia chi ha firmato sia chi si è tirato fuori, sia chi tra le forze politiche si è schierato con gli uni sia chi è in supporto degli altri, di essere ancora nel ‘900, quando il lavoro negoziava con il capitale sul comune terreno nazionale e lo sciopero era un’arma efficace.

    Dobbiamo essere realisti per non smarrire il nostro orizzonte di trasformazione della realtà nel segno della dignità del lavoro.

    Dobbiamo respingere le interpretazioni strumentali e le letture culturalmente subalterne dei nostri “pupi” del teatro del cambiamento senza bussola.

    Non è vero che siamo di fronte a “un accordo giusto e necessario”, come non è vero che l’interesse del lavoro coincide con l’interesse del capitale: nel 2011, anno con mesi e mesi di cassa integrazione in vista, soltanto il dottor Marchionne attende oltre 100 milioni di euro di capital gain sulle sue stock option Fiat, più del totale dei salari e degli stipendi pagati dalle Carrozzerie Mirafiori in un anno di lavoro pieno.

    Non è vero che la competitività di un’impresa dipende in misura prevalente o finanche significativa dalle condizioni del lavoro o dalla contrattazione di secondo livello come i giuslavoristi alla moda ripetono.
    La competitività deriva dagli investimenti: Volkswagen paga il lavoro il 30 per cento in più di Fiat in Italia, produce con orari ordinari inferiori, contratta lo straordinario con il sindacato ma, nonostante la crisi, conquista quote di mercato.

    In conclusione, caro Sofri, la data della direzione non cambia il compito del Pd: dobbiamo dire la verità e invitare tutti i protagonisti a riconoscere i risultati del voto di Mirafiori, impegnarsi a ristabilire le condizioni di piena agibilità sindacale in Fiat e, così, alimentare una controffensiva per riportare il lavoro a fondamento dell’ordine democratico, in Italia e in Europa.

    autore: Stefano Fassina

  2. Pingback: La versione comunista dello stato di cose presente « Le terre della gramigna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...