LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

IL RITORNO DELLA SCHIAVITU’

Lascia un commento

Roma, 29 dic – Nel documento approvato il Comitato Centrale della Fiom definisce “la scelta compiuta dalla Fiat a Mirafiori un atto antisindacale, antidemocratico e autoritario senza precedenti. Nella storia delle relazioni sindacali nel nostro Paese dal dopoguerra, in contrasto con i principi e i valori della nostra carta costituzionale“. Secondo la Fiom l’obiettivo che si e’ posto il Lingotto e’ “provare a cancellare in modo definitivo il sistema dei diritti individuali e collettivi nel lavoro” e “affermare che questa e’ l’unica condizione per poter investire in Italia”. Il Comitato Centrale ha deciso, oltre alla proclamazione delle otto ore di sciopero generale per venerdi’ 28 gennaio, di “lanciare in tutti i luoghi di lavoro e nel Paese una raccolta di firme contro gli accordi di Mirafiori e Pomigliano” e a sostegno di un contratto nazionale senza deroghe”. Saranno inoltri organizzati in tutte le citta’ presidi per discutere di “lavoro, contratto, democrazia e liberta’ sindacali”.

Sempre a proposito dell’accordo di Mirafiori prendiamo a prestito un intervento di Dario Fo

LA FABBRICA DELLE SCIMMIE – intervento di Dario Fo su Mirafiori e Pomigliano

Questo tragico e grottesco accordo di Mirafiori e Pomigliano ci riporta subito al film Tempi Moderni di Charlie Chaplin, dove si vive per la prima volta nella storia del lavoro dentro una fabbrica con catena di montaggio e assemblaggio automatizzato. Gli operai, Charlie Chaplin in testa, si muovono a ritmi stabiliti, gesti indicati dal programma in una strana danza che sembra festante, ma ha i tempi illogici di una storia di pazzi.

Subito mi viene in mente anche dell’esperimento condotto in un Paese dell’Oriente tecnologicamente avanzato dove, qualche anno fa, si è pensato di sostituire agli operai delle scimmie appositamente ammaestrate. Dopo un certo periodo di addestramento gestuale le scimmie vengono inserite nella produzione. I dirigenti applaudono entusiasti: gli scimpanzé funzionano che è una meraviglia. E non c’è stato neanche bisogno di far loro firmare un contratto.

E’ incredibile: non perdono un colpo, meglio dire, un automatismo. Anzi, atteggiano il volto a un sorriso straordinariamente divertito. Macchina, scimmia, ingranaggi, tempi e metodi rendono meglio che con l’uomo operaio.

Ma dopo sei giorni, se pur rispettando le pause di riassetto e l’orario di mensa, ecco che le scimmie meccanizzate cominciano a dare strani segnali sconnessi. Qualcuna ingoia qualche bullone. Altre saltano sulla catena spruzzando olio lubrificante sul muso dei caporeparto umani, quindi con una sincronia impressionante ognuna posa il proprio cranio sotto le presse che s’abbassano spietate, schiacciando le lavoratrici impazzite.

Non c’è niente da fare: all’impresa moderna sono adattabili e confacenti solo esseri umani appositamente selezionati. D’accordo, anche per i loro cervelli l’automatismo continuo produce un inevitabile marasma fisco. Si può ammorbidirlo e ritardarne quindi lo squak, allenando il cervello degli addetti a un completo distacco dall’azione fisica. Come insegna Graham, il perfezionatore di tempi e metodi nella catena di produzione, per riuscirci il soggetto operante deve distogliere ogni pensiero o ragionamento dalla vita emotiva, dall’inserto mnemonico dei sentimenti. Uscire completamente dal pensiero, dal clima delle emozioni e delle proiezioni intellettive, tipo: “Che sto facendo? Era questo il mio programma? Dove mi porta questo lavoro? Dentro che vita mi sto muovendo? E mio figlio, mia moglie, cosa sto dando loro di me? In che società sto campando, ne val la pena?” Ecco questo, ci avverte Graham, è il cancello del baratro: se lo spalanchi e ti lasci andare nel precipizio sei finito.

A ‘sto punto, torna in primo piano Charlie Chaplin, che come un automa viene risucchiato dentro gli ingranaggi della grande macchina. Anche lui pian piano si rende conto d’essere fatto di bulloni, cinghie di trasmissione, cerchi rotanti, stantuffi e trapani avvitanti.

Una voce meccanica ripete: “Chi non firma i contratti collettivi non ha diritto a rappresentanti sindacali. Chi s’ammala, per i primi tre giorni non riceve stipendio. Marchionne vi dà la vita e ve la toglie. Vi offre una nuova organizzazione del lavoro, prendere o lasciare. Cancella l’espressione ‘sindacato’ e rappresentanza. Sei dentro l’ingranaggio come in una giostra alla quale solo chi accetta di non contare può allacciarsi la cintura. La velocità di rotazione è decisa dalla produzione e tu che non ci stai sei segnato.”

A chi t’attacchi? Alla legge? Al partito della sinistra, a Dalema, Fassino, Bersani? No, inutile. Il segretario è già uscito, non è in sede, arrangiati.

E speriamo che a sinistra ci siano ancora uomini e donne che si indignano come uomini e donne di sinistra.

Dario Fo

__________________________________

Continuiamo a firmare tutti l’appello di MICROMEGA, siamo arrivati a 38.019 FIRME.

Dobbiamo arrivare a sommergere  MARCHIONNE con 100.000 FIRME.

FIRMA L’APPELLO

Alfonso

Advertisements

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...