LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Wanted !

11 commenti

( Da Facebook )Rivoluzione Romantica

Ecco la foto dell’aggressore del ragazzino di 15 anni, ricoverato in grave condizioni, dopo l’aggressione di questo delinquente. La polizia in pochi minuti ha individuato gente incappucciata, ma di lui che ci sono video e foto ancora nulla. A nostro avviso perchè non si ha voglia di approfondire…quindi cerchiamo di farlo noi!
Facciamo girare la foto, chiunque abbia informazioni la comunichi!

 

P.S.: Rainews ha appena comunicato ( ore 17 e 40 )  che la procura ha acquisito il filmato per dare seguito alle indagini!
Continuate a mandare le vostre segnalazioni sull’aggressore di Cristiano scrivendo a controlaviolenza@gmail.com

 

 

Annunci

Autore: francacorradini

essere pensante

11 thoughts on “Wanted !

  1. il video da cui è stata estratto il fermo immagine

  2. Cristiano, 15 anni, studente, ha rischiato la vita: aggredito con un violento colpo di casco da un delinquente mentre partecipava alla manifestazione del 14 dicembre a Roma. Chi lo ha colpito faceva parte di un gruppo di tre ragazzi stranamente a difesa di un blindato dei carabinieri. Uno di loro, dopo il colpo a Cristiano, si esibisce in un saluto fascista. Nei giorni precedenti, alcune informative delle Digos parlavano di gruppi di infiltrati dell’estrema destra legati alle curve. Da quattro giorni, Cristiano è ricoverato all’ospedale San Giovanni della Capitale con un grave bollettino medico: frattura del setto nasale, della mandibola oltre a un grave trauma cranico con ematoma all’interno del cervello
    ( da PUGLIAmo l’Italia: NICHI VENDOLA candidato premier 2013 )

  3. Pingback: Wanted foto dell’aggressore ragazzino di 15 anni | Il Blog Della Libertà

  4. Conoscete il doppio legame?

    Guardate qui:

    http://www.facebook.com/note.php?note_id=446592811818

    In virtù di questo, come vi approcciate al fatto? C’è qualche riflessione da fare?

  5. Lo prenderemo per me non ha scampo!

  6. le notizia che ho io: e’ un membro del servizio d’ordine dei Disobbedienti,sembra stia per costituirsi ….
    ha perso la testa pensando di bloccare i lanciatori

  7. non centra ne destra,ne sinistra ne poliziotto o meno,certe cose non devono essere ammesse ne tollerate non ci sono giustificazioni davanti certe azioni estreme

  8. Roma, confessa l’autore dell’aggressione al 15enne

    Un violento colpo di casco durante le manifestazioni degli studenti. I suoi genitori hanno scritto alla famiglia

    Appartiene a un’organizzazione di sinistra e doveva occuparsi della gestione del corteo

    ROMA – Si chiama Manuel De Santis e ha vent’anni, il ragazzo autore della selvaggia aggressione al quindicenne ancora ricoverato in ospedale a Roma. De Santis, che si vede in molti filmati degli incidenti, è in attesa di essere convocato dalla procura della Repubblica. Inizialmente si era sparsa la voce che si fosse già presentato alle autorità accompagnato dai suoi legali, successivamente smentita. Sul ferimento di Cristiano dopo l’esposto presentato dai suoi familiari, la Procura ha aperto un fascicolo autonomo rispetto alla più ampia indagine sugli incidenti.

    La famiglia di Se Santis ha rilasciato, atttaverso gli avvocati, un comunicato: «Adempiendo ad un dovere morale ed al fine di appagare le giuste richieste della famiglia di Cristiano, ferito durante la manifestazione del 14 dicembre, il ventenne Manuel De Santis ha presentato sabato scorso alla Procura della Repubblica di Roma a mezzo dei suoi avvocati, una dichiarazione nella quale si assumeva la responsabilità dell’accaduto. I genitori di Manuel e lo stesso ragazzo, partecipi della preoccupazione della famiglia di Cristiano, chiedono di potersi incontrare privatamente con gli stessi».

    La vicenda è emersa da un filmato diffuso via internet, che testimonia quanto accaduto durante la manifestazione. Questi i fatti: tre giovani cercano di fermare l’assalto dei manifestanti a un blindato dei carabinieri tra via delle Botteghe Oscure e piazza Venezia. Cristiano raccoglie da terra un oggetto, un frutto secondo quanto si è appreso successivamente, e lo lancia verso il cordone di polizia. Dopo un breve scambio di battute, uno dei tre giovani si stacca dal gruppo e colpisce il 15enne in pieno volto, con un casco integrale. Cristiano, con il setto nasale fratturato, è in attesa di essere operato al San Giovanni.

    Dal suo letto, Cristiano ha poi detto: “Il mio voleva essere un gesto non violento, lo slogan era pacifista: lotta dura senza verdura. Di quello che è successo dopo non ricordo nulla”. Il quindicenne è stato poi soccorso dall’ex leader no-global napoletano Francesco Caruso.

    Il giovane apparterrebbe ad un’area di sinistra e per il momento non intende rilasciare dichiarazioni sui motivi del suo gesto. Lo spiegherà al magistrato che indaga sui fatti del 14 dicembre scorso.

    Stando alle ultime ricostruzioni, De Santis era stato assegnato dall’assemblea del suo gruppo politico alla gestione logisitca dei partecipanti al corteo. Nei momenti precedenti all’aggressione stava cercando di far defluire i manifestanti verso un’altra area, e subito dopo sarebbe iniziato il lancio di oggetti verso i mezzi delle forze dell’ordine.

    20/12/2010

    http://www.repubblica.it/cronaca/2010/12/20/news/confessa_l_autore_dell_aggressione-10408748/?ref=HREA-1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...