LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

L’inutile pallottoliere del nano corruttore di membri onorevoli

12 commenti

Di Pietro perde pezzi, come razzi.

Alla fine Antonio Razzi avrebbe deciso di lasciare l’Italia dei valori. Il parlamentare eletto all’estero, infatti, parteciperà a una conferenza stampa indetta alla Camera da Noi Sud per annunciare il suo passaggio nel partito guidato da Enzo Scotti e Arturo Iannaccone. A questo punto, a quanto si apprende in ambienti della maggioranza, Razzi sarebbe pronto anche a votare la fiducia al governo Berlusconi il 14.

Un partito, tre membri in posizioni diverse.

Come un sol uomo, tre deputati (Bruno Scilipoti, Massimo Calearo e Bruno Cesario) hanno formato una nuova componente parlamentare (congiunta), hanno organizzato una conferenza stampa (congiunta) e, alla loro prima uscita pubblica, hanno annunciato il voto per il 14 dicembre (disgiunto): uno voterà la fiducia, uno voterà la sfiducia, uno si asterrà. Un bell’esempio di compattezza in un momento difficile per il Paese.
Resta un rammarico: essendo solo in tre, i deputati della nuova componente parlamentare hanno potuto esprimere solo tre posizioni parlamentari diverse. Ma non bisogna disperare: caso mai aderisse un quarto deputato, lo si noterà facilmente. Sarà quello che va in bagno al momento del voto.

Il cerino sempre acceso, fino all’ultimo.

Ma se il governo continua a mostrare i muscoli, respingendo le richieste di dimissioni e di crisi lampo dei finani, questi ultimi non ci stanno e rilanciano ancora. Dopo il vertice di questa mattina di Gianfranco Fini con lo stato maggiore di Futuro e Libertà, nella sede di Farefuturo, gli ex dissidenti del Pdl continuano sulla loro linea: “Dimissioni al buio, o sfiducia senza se e senza ma“, ha sintetizzato uno dei presenti. Italo Bocchino, conferma che «o Berlusconi apre una nuova stagione politica dando le dimissioni e aprendo una nuova fase con un programma socio-economico e la legge elettorale o non si può che votare la sfiducia».

Dentro FLI ci sono un paio di colombe tentennanti come Moffa e Consolo, che potrebbero ripensarci ed andare a fare pipì al momento opportuno. QuelLo che non si capisce è in realtà a cosa serva tutto ciò. Se pur invece di avere la minoranza attuale avesse la maggioranza di 3 o 4 voti , che cosa ci farebbe il cainano di arcore? Vuole ripetere l’esperienza di Prodi appeso alle pipì dei senatori a vita?

Berlusca è ormai finito e qualcuno dovrebbe dirglielo: lui pensa di giocare a muoia sansone con tutti i filistei, in realtà sta giocando a muoia il nanetto con tutti i nani corrotti.

Stacchi la spina al governo, un po’ di dignità alla fine non guasterebbe…

Alfonso

Annunci

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

12 thoughts on “L’inutile pallottoliere del nano corruttore di membri onorevoli

  1. MUOIA il nanetto sansone con tutti i FLIstei

  2. bellina la battuta
    bravo Alfonso

  3. Dignità? Coerenza? Signori, siamo davanti a una persona con gravi disturbi della personalità, per di più in rapida evoluzione.
    Questo nanetto non è solo un delinquente e una canaglia, è anche malato.
    C’è poco da illudersi.
    Se non lo si ferma in tempo, chissà di che cosa è capace.

  4. Berlusconi cadrà il 14, ormai puzza di cadavere( politicamente) e lo avvertono tutti compresi i suoi ” fedelissimi” che infatti, nonostante le dichiarazioni pubbliche, in privato stanno già guardandosi attorno. Per il dopo-berlusconi?Un governo tecnico( Draghi)che metta un pò d’ordine nei conti lasciati da Tremoni e Berlusca e poi elezioni.

  5. vergogna calearo vergogna avete tradito i vostri elettori dimettevi

  6. strano che i finiani siano ” traditori” mentre i deputati comprati siano ” fedeli al voto degli italiani”. Io però vorrei capire una cosa: se un deputato viene comprato con soldi privati di Berlusconi dovrebbe fare fattura e pagarci le tasse?E poi: ma se viene comprato con future ” consulenze” ( magari a nome del figlio) me lo mettono nel posteriore due volte?Una prima col voto ed una seconda con le tasse che devo pagare per pagare le consulenze? Quali reati compie il deputato venduto? Falso ideologico?

  7. Tipici personaggi da marchette , privi di dignità umana e istituzionale. E siedono pure nel Parlamento della Repubblica .

  8. Nessuna fiducia popolare nell’interclassimo dei partiti della finta opposizione parlamentare. Occorre far cadere Berlusconi con un ampio movimento di opposizione sociale, unificando le lotte di chi non vuole pagare la crisi dell’economia capitalistica. Rigettando ipotesi governiste e tecniche con cui banche e confindustria vorrebbero proseguire a farla da padroni. Costruire una sinistra comunista ed anticapitalista che sia politicamente indipendente e sponda politica di chi lotta. Il 14 dicembre Berlusconi deve cadere, e dobbiamo impedire che i Berlusconini, controllino il dopo Berlusconi, autorganizziamo la sinistra di classe, riprendiamoci il futuro, derubatoci dal dominio delle classi padronali. La sinistra torni ad essere sinistra.le nostre vite valgono di più dei loro profitti, dei loro cambi di casacca, della loro marcia economia capitalista.

    • Guarda, non mi pronuncio sulle tue idee.
      Solo che sommessamente faccio osservare una cosa: se c’è da combattere i fascisti, si sta tutti uniti, democratici di sinistra, di centro e di destra.
      Le altre lotte si fanno dopo.

  9. si certo,
    ma da come e con chi si fa la lotta prima e durante si determina quel che succede dopo

    guarda l’attuale situazione: berlusconi è un anno che chi lo ha messo lì ha deciso di farlo fuori, ma poichè non son d’accordo tra loro su chi e come mettere al suo posto , lo tengono come uno zombie a bagno maria in attesa del cambio quando sarà il momento giusto , per loro

    se abbiamo una piccola chance di determinare in qualche modo il dopo, è ora che dobbiamo autorganizzarci ed inserire una nostra variabile nel disegno del potere… non trovi?

    E abbiamo solo un modo per farlo, alzare il livello della tensione sociale con le lotte, unendoci tutti

  10. Torba, sarei anche d’accordo con rte, anzi lo sono in linea di principio. Solo che in discorsi come “Nessuna fiducia popolare nell’interclassimo dei partiti della finta opposizione parlamentare” sento echeggiare sfiducia nella politica, qualunquismo grillesco, e in fondo tutto l’elitarismo dalle anoime belle radical-chic di casa nostra, le quali, siccome la sinistra non era mai “abbastanza” (abbastanza radicale, abbastanza rossa, abbastanza pulita, abbastanza “senza se e senza ma”, abbastanza ecologista, e così via), è andata ingrossando le fila dell’astensionismo, contribuendoin maniera determinante a dieci anni di potere berlusconiano.

    Giusta la protesta, giustissima quella sociale.
    Ma insieme e prima, protesta forte antifascista, non astensionismo.
    Una volta si criticava aspramente dall’interno, ma poi si faceva frointe comune contro l’avversario.

  11. bene d’accordo parli con uno che in questi anni oltre a far sindacato con la FIOM ha sempre lottato con Rifondazione nel proprio quartiere ed ora fa lo stesso con la federazione

    l’estremismo parolaio è sempre stata la malattia infantile del comunismo

    sarebbe ridicolo se diventasse ora addirittura la demenza senile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...