LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Del Berlusconismo come ideologia

4 commenti

Signori, a quanto pare ci si avvia verso il tramonto politico di Berlusconi. E figuratevi se non ne sono contento.
Tuttavia, avverto la necessità di affrontare taluni argomenti, qui, che non mi sembrano al centro del dibattito. E invece dovrebbero.
Dovrebbero, perché:
1. Siamo probabilmente alla vigilia di una campagna elettorale decisiva
2. Anche se B. si avvicina al suo tramonto (incrociamo le dita però perché ancora non è detto, e finché non lo vedo mandare fax da Hammamet, anzi da Antigua, non ci credo), ciò che è ancor lungi dal tramontare è la sciagurata ideologia che si chiama berlusconismo.
“Ideologia? Ma non erano finite le ideologie?”
Nossignori. B. e soci hanno decretato la fine di due ideologie: il comunismo, per ragioni sin troppo ovvie di convenienza; e il fascismo, per apparente par condicio e per non farsi accusare di fascismo essi stessi.
L’unica ideologia ammessa (all’unica condizione di non chiamarla così) è la loro.

Intendo quindi aprire una serie di post su alcuni presupposti errati che stanno alla base del berlusconismo, smontandoli sul piano teoretico e storico (ma non di rado, persino sul piano della pura e semplice logica).
Il berlusconismo si regge su alcuni assiomi di fondo, che come tali vengono dati per veri a priori, senza bisogno di dimostrazione, e da quelli discende tutta una serie di conseguenze filosofiche e quindi politiche.
Li provo ad enumerare, senza dar loro un ordine particolare.
1. “Meno stato, più mercato” è l’idea di fondo del liberismo, che però B. & C. vorrebbero portare a,lle estreme conseguenze con il cosiddetto principio di sussidiarietà: secondo il quale l’intervento statale è lecito solo ed esclusivamente laddove non arriva la mano del mercato a risolvere le questioni.
2. Il privato è sempre meglio del pubblico. La mano pubblica viene identificata come l’origine ed il ricettacolo di ogni nequizia: dalla corruzione all’inefficienza, dai cosiddetti “privilegi” alle infiltrazioni mafiose, eccetera eccetera.
3. L’idolatria dell’imprenditore e del manager: discende direttamente da (a) e (b), e pone al centro dell’azione politica l’uomo d’azienda, simbolo di azione, efficacia, decisionismo, efficienza, competenza. Ne derivano molte “parole d’ordine” , come la locuzione “l’azienda Italia” e l’idea che per risolvere l’inefficienza del settore pubblico occorra mettervi a capo dei manager.
4. “La lotta di classe è un reperto archeologico.” E’ una vecchia fissazione della destra, che trovò piena attuazione nel sistema corporativo fascista. I poveri e i proletari se ne stiano buoni buoni, che a loro ci pensiamo noi.
5. Nel frattempo, il governo deve solo badare al benessere delle imprese, perché si può distribuire ricchezza solo se le aziende sono nelle condizioni di produrne. Siccome però lo stato liberista non può intervenire nella libera contrattazione tra gli attori sociali, e la lotta di classe è negata, ecco che ogni rivendicazione sindacale viene delegittimata ed etichettata come “difesa di privilegi”.
6. “Con la cultura non si mangia”. Credo fosse Goebbels a dire qualcosa di simile, anche se in modo più brutale, negli anni Trenta, quando affermò che ogni volta che sentiva la parola cultura gli veniva voglia di impugnare la pistola. In altre parole, ciò che conta (l’unica cosa che conti davvero) sono i “dané”, ed il successo economico è l’unico mezzo per misurare la qualità dell’essere umano. Le conseguenze di questa impostazione sono devastanti, dallo sfascio della scuola pubblica, dell’Università e della Ricerca, all’abbandono dei beni culturali e paesaggistici, ma anche all’idea che l’istruzione abbia senso solo ed esclusivamente se “prepara al mondo del lavoro”: la scuola non deve più formare cittadini consapevoli, ma tecnici per l’industria ed i servizi (privati, beninteso).
7. Sarebbe bene avere successo in maniera onesta, ma si sa: siccome la competizione è spietata, e agli imprenditori tocca misurarsi anche con concorrenti non proprio pulitissimi, per stare al passo con i tempi e mantenere profittevoli le imprese occorre mettersi a pagare meno tasse (magari evadendole con il beneplacito del governo), aggirare le norme antinfortunistiche, eccetera.
8. Siccome le aziende sono in mano agli imprenditori, e gli imprenditori investono in esse solo se si sentono sempre più ricchi (e se guadagnano sempre più a breve termine, e con il minor rischio possibile), occorre far si che gli imprenditori possano guadagnare, guadagnare, guadagnare. A qualunque costo. Altrimenti sono legittimati a disinvestire dalle imprese – il che vuol dire tagliare posti di lavoro, e voi di sinistra non vorrete mica una cosa del genere vero?
9. L’unico progresso della società sta nella crescita economica, quindi, sull’altare della quale occorre sacrificare (o almeno far passare in secondo piano) tutti il resto. Dai diritti civili a quelli sindacali, dalla difesa dell’ambiente alle regole democratiche, dalla progressività della tassazione al welfare state.
10. Logica (?) conseguenza di tutto quanto sopra è che non importa se a governare è un losco figuro, l’importante è che faccia guadagnare quelli che mettono in moto l’economia.
11. Per quanto riguarda la competitività, siccome non può essere che un suo deficit possa dipendere dall’incapacità o dall’avidità di manager e imprenditori, i colpevoli debbono essere altri. Quindi, ecco di volta in volta il costo del lavoro, la rigidità della contrattualistica giuslavorista, la farraginosità delle nostre leggi, il peso della burocrazia (i famosi “lacci e lacciuoli”).
12. Il fatto che milioni di disgraziati premano alle frontiere del ricco Occidente a causa della fame endemica, dei regimi sanguinari, delle guerre interetniche o a sfondo religioso, non può dipendere dallo sfruttamento dell’Occidente sul Terzo Mondo, né dalla sciagurata ascesa delle multinazionali (ricordate, l’assioma è che dalle imprese non può venire che il Bene), ma solo da una specie di invidia, da parte di popolazioni sottosviluppate e straccione, che invidiano il nostro benessere e vogliono venire a portarcelo via.
13. La democrazia? E’ tollerata se si riduce al rito delle urne, purché svuotato di ogni sostanziale potere di scelta da parte del popolo, a partire dal suo diritto ad essere informato, e a finire con quello di scegliere le facce che andranno in Parlamento. IL resto dell’apparato democratico (i controlli della Corte dei Conti e della Corte Costituzionale, il ruolo di garante del Presidente della Repubblica, la vigilanza da parte della stampa, l’indipendenza della magistratura, il primato del potere legislativo su quello esecutivo, e così via) vengono percepite e fatte percepire come impedimenti all’esercizio del potere esecutivo.
14. Da (13) deriva direttamente che il capo del governo (notare che lo chiamano così, non più solo “presidente del consiglio”) è l’unica autorità legittimata dal voto popolare. Siccome quest’ultimo è tutto ciò che rimane della democrazia, ecco che si cerca di affermare che qualsiasi tentativo di sfiduciare il governo è bollato come manovra di palazzo, se non addirittura come colpo di stato. Ovvio che anche il dettato costituzionale, laddove dice che il parlamentare è eletto senza vincolo di mandato (ciò per assicurare la sua libertà di voto al di là della cosiddetta “disciplina di partito”), è vissuto come un impedimento all’azione demiurgica del Grande Manovratore.
15. Da (14), all’affermare ogni volta che se cade il governo si deve ri-votare, il passo è breve. Ma diventa ancora più breve se a dirlo è un tizio che detiene l’80% del potere di propaganda elettorale…
(continua…)

Annunci

4 thoughts on “Del Berlusconismo come ideologia

  1. Non ritengo che noi si sia alla vigilia di una campagna elettorale decisiva, credo invece che sarà decisiva quella successiva, nel senso che dopo un sostanziale pareggio elettorale ci sarà probabilmente un governo tecnico allargato per cambiare la legge elettorale ed andare a nuove elezioni dopo un anno, che saranno finalmente vinte dal nuovo centro alleato con quella parte del PD e dell’ IDV che non sceglieranno Vendola e la sinistra.
    Credo infatti che medio tempore la nuova strategia di Fini scompaginerà gli attuali assetti partitici e quindi politici, togliendo sia a destra che a sinistra.

    Quanto al contenuto del tuo post ritengo sia una leggitima ed organica ricostruzione dei mali del berlusconismo, una ricostruzione di tipo socialista classico.

    Concordo sugli aspetti patologici di cui anch’io ho spesso parlato dopo il mio pentimento, ma la tua analisi mi sembra un po’ carente verso gli aspetti positivi, aspetti che allora che allora coprivano domande necessarie di libertà. Tali istanze furono all’origiine della fortuna di Berlusconi, insieme alla sua capacità mediatica ed alla strategia alienica, per dirla come cavallo matto.

    Ci sono istanze di delegificazione ( abbiamo un’apparato legislativo mastodontico e farraginoso, che per fare un esempio, rende molto probabile farsi appioppare un abuso di ufficio dopo poche ore dall’insediamento anche al sindaco più ben disposto verso la cosa pubblica), ci sono richieste di buona e corretta amministrazione e di riforma della P.A., c’é la critica alla funzione politica e non più statutaria del sindacato, un sindacato dei garantiti che lascia fuori tantissime categorie ed intende cogestire più che tutelare.
    C’é la giusta critica al mercato del lavoro eccessivamente legificato e quindi ingessato in regole spesso inutili ed ottocentesche.
    C’é l’intuizione di rendere più prossimo e diretto il rapporto con i cittadini che non va gettato via con l’aqua sporca delle vicende personali di berlusconi.
    Per il resto le tue critiche sono tutte condivisibili ed occorre solo metteri d’accordo se con il termine berlusconismo tu intenda solo la patologia del fenomeno politico che è invece più complesso e per valutare il quale occorre risalire alle origini.
    Forse dico tutto questo per giustificare la mia adesione al movimento di Berlusconi di cui vedo anch’io da qualche tempo gli effetti nefasti nella vita civile e politica, ma ricordo bene cosa spinse il sottoscritto ed altri nel 1993 ad aderire a quella idea di libertà che pare oggi lontana anni luce.

    • Mah, sai, secondo me la destra berlusconica (non B. che aveva a mio avviso intenzioni eversive dall’inizio) ha perso una grande occasione, che è poi quella cui alludi tu nel desiderio di liberalismo.
      Nel tempo, la patologia mentale del capo si è trasformata in ideologia.
      Questo è.
      Accadde anche allo stalinismo, accadde anche al fascismo (in parte). Il nazismo invece era follia sin dal principio, quello è un altro discorso.

  2. Pingback: Ancora sull’ideologia berlusconide / 3 « LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...