LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

FIOM : 16 ottobre una boccata di ossigeno tra i miasmi…

2 commenti

La crisi morde sempre di più ( 8 milioni di poveri, 3 milioni di disoccupati, cassa integrazione e mobilità dappertutto, precari in aumento e senza alcuna tutela), il tessuto sociale è in completo disfacimento ( violenza ed insicurezza aumentano nella città, altro che tolleranza zero) la criminalità organizzata impera ed ha ormai le proprie salde radici in politica fino al parlamento. Il governo del prestigiatore è ormai occupato continuamente a guardarsi l’ombelico in modo sterile ed autoreferenziale, lo hanno capito anche molti tra i cialtroni che lo hanno votato e sostenuto, mentre intere classi sociali e generazionali sono fuori da ogni rappresentanza politica e giuridica.

I media a differenza che in passato ( sotto il governo Prodi seguendo  i TG e la altre trasmissioni di orientamento sembrava che l’Italia fosse in mano alla criminalità rumena e stesse per cadere nello stupro etnico della intera popolazione femminile) hanno l’ordine di sminuire stemperare alleviare e far dimenticare.

Oppure censurare e colpire le voci del mondo reale che ogni tanto fanno capolino da qualche  – pochissime – trasmissione di approfondimento.

Vedi la recentissima vicenda del Direttore della RAI, Masi, che come un guerriero Kamikaze a cui non hanno ancora detto che la guerra è finita, esegue gli ordini del capo con la bava alla bocca anche a costo di trovarsi la cittadinanza onoraria dello Zimbabwe e colpisce appena può la trasmissione Anno Zero di Michele Santoro. Possibile non si renda conto che tutti hanno letto le intercettazione dell’indagine di Trani? Cosa deve rappresentasre Berlusconi per uno come questo Masi, se per lui è disposto a sprofondare nel fango e rinunciare ad ogni dignità e reputazione?

In questa situazione di degrado e di crisi cresce di giorno in giorno lo spessore politico della manifestazione di sabato prossimo  a Roma della FIOM, a difesa dei diritti del lavoro, conculcati della nuova strategia di Marchionne, che intende approfittare del berlusconismo per far digerire un ritorno alla relazioni industriali degli anni ’50.

Comprensibile, dal suo punto di vista; meno comprensibile la situazione di stallo e di confusione dell’opposizione parlamentare più numerosa – il PD – il cui segretario si arrotola la maniche della camicia e minaccia sfracelli porta a porta ma è il ruggito di un amministratore di condominio il cui eco non arriva neanche ai più vicino dei suoi collaboratori, ed infatti  arriva l’ordine di non aderire ma partecipare alla manifestazione a titolo personale. Vergogna

Anche Maroni che gioca a fare il Kossiga provocando poco fa con la storia degli incidenti previsti mostra l’importanza crescente della manifestazione , con il crescere della tensione e delle relative strategie poste in essere per approfittarne.

Sempre più cittadini, studenti,lavoratori, popolo viola, disoccupati, grillini, neocomunisti, vendoliani, indignati ed i tanti  senza rappresentanza si avvicinano al corteo del 16 con una nuova speranza unitaria : ritrovare una boccata di ossigeno che faccia ripartire l’opposizione dal basso, mentre nel palazzo decisa la caduta del nano, si prendono le misure del come e del quando finirlo.

Crazyhorse70

Annunci

2 thoughts on “FIOM : 16 ottobre una boccata di ossigeno tra i miasmi…

  1. sabato si rimette in moto una vera opposizione?

  2. sento un aria nuova che sale: un nonsocchè di friccicoso
    chissà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...