LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Santa Lucia, il governo si porta via. Rissa tra agenti immobiliari blocca l’Italia da tre mesi…

33 commenti


La rissa tra i due compari, i due fondatori del pdl ha raggiunto il più basso dei livelli in uno scontro tra le più alte cariche. Ora sono andati a fare a botte nelle antille, con personaggi improbabili e barbe finte che neanche nei peggiori film del genere…

Ed il paradosso è che mentre si prendono a coltellate i seguaci di Fini assicurano che la prossima settimana voteranno comunque la fiducia a quel malfattore che usa i servizi deviati e quant’altro oggi aggiungerà Fini nel suo video messaggio nel web.

Il problema è la casa di Montecarlo, prima viene questa e poi l’Italia.

E’ evidente che sia un pretesto per nascondere l’enorme fallimento di questa  destra che ha iniziato a governare tra le fanfare gli applausi ed  i 100 parlamentari in più ed ora è ridotta alla compravendita degli ascari per sopravvivere.

L’importante è che di questa incredibile debacle non si parli: non solo i giornali di famiglia ( Libero, Il Giornale, Panorama, Chi e tanti altri…) ma anche i giornali “veri” , tutti o quasi accodati a seguire la campagna meschina sui 60 mq disputati, uno  scontro di potere tra il camerata Fini ed il duce Berlusconi ridotti ad una rissa tra agenti immobiliari.

L’unica domanda a cui Fini dovrebbe rispondere è questa: cosa aspetti a sfiduciare Berlusconi che consideri un pericolo grave per la democrazia?

Ma il problema non è solo sottolineare il male delle destre ed il loro lento tramonto, bensì costruire una alternativa che li mandi al più presto a casa.

E questo va fatto subito, sia se ci sarà il conto alla rovescia per le elezioni di marzo, sia che il nano si travesta da Andreotti e galleggi ancora per un po’ nei liquami da egli stesso prodotti.

Il problema è il PD.  Diviso tra guardoni , autolesionisti ed inciucisti , non riesce a gestire neanche il blocco sociale che , un po’ dimagrito, gli deriva dall’essere stato PCI.

Prima o poi dovremmo affrontare questo argomento, partendo dalla constatazione che mai nella storia si sono avuti progressi, riforme o alcunchè di avanzato avendo come motore il PCI. Le iniziative ( dalle riforma agrarie nel mezzogiorno, allo statuto dei lavoratori, alla riforma del diritto di famiglia, al divorzio e l’aborto ed ogni altra conquista ) hanno sempre visto i dirigenti del PCI protagonisti ultimi e meri certificatori delle lotte altrui.

Sono sempre stati trascinati da questo o quel movimento, da questa o quella pressione della base. La base del PCI, a cui riconosco una grande generosità di militanza e passione,  la vera  protagonista dei cambiamenti, spesso senza l’appoggio del partito.

Io sono anarchica, ma la storia non ha nascondigli e va riconosciuta e raccontata per quel che è.

Qualcosa del genere a quanto sta accadendo oggi, auspicabilmente.

Molti, anche a sinistra,  si stanno appassionando ai metri quadri di Tulliani, con una attività guardonistica che sfocia nell’onanismo della sconfitta annunciata.

C’è invece  qualcuno fra coloro che si dicono di sinistra pronto a mettere sul tavolo le questioni serie del lavoro, della scuola, dell’acqua, delle energie rinnovabili, dei rifiuti che rispuntano da sotto il tappeto, della mafia che investe indisturbata, delle tasse sui salari che vanno tagliate?

C’é qualcuno di costoro dell’opposizione graziosa a sua maestà, pronto a lasciare l’aula quando il banana farà il suo famoso discorso a fine mese?

C’é qualcuno che si dice di sinistra pronto a condurre seriamente la battaglia del salario minimo garantito ?

L’unica nota positiva è questa della manifestazione del 16 ottobre 2010 lanciata dalla FIOM, ripresa dala parte più consapevole del popolo viola che ha spinto per l’appello di  Micromega :  l’esigenza di riunire le lotte a difesa della Costituzione con quelle operaie è insopprimibile e il non averlo capito dimostra il grave limite di una parte del Popolo Viola, che indulge in un atteggiamento piccolo borghese ed autoreferenziale, più interessato ai media che ai contenuti, forse determinato a sterilizzare gli entusiasmi, alla mera conservazione di un serbatoio di voti per il PD.

Ma come ho spiegato prima, niente si è ottenuto nella storia senza prendere a calci nel sedere il corpaccione dell’ex PCI, un elefante rigico e lento, oggi magari un elefantino, che arriva per ultimo ed ha la tendenza a sedersi sopra le conquiste ottenute dal sacrificio altrui.

Dai morti di Reggio Emilia in poi.

Rosellina970

Annunci

Autore: rosellina970

ricercatrice univeritaria-ufficio contratti

33 thoughts on “Santa Lucia, il governo si porta via. Rissa tra agenti immobiliari blocca l’Italia da tre mesi…

  1. BLoccata l’Italia?

    Veramente Berlusconi non è mai entrato nella querelle e il Governo continua a sfornare provvedimenti ( è di eri l’apporovazione in CdM riforma della sanità ).

    Semmai sono i giornaletti e la tv che non parlano d’altro.

    Una questione di marketing.

    • Eccone un’altro sintonizzato sul film Festival di Giffoni……!

      • Il governo si esplica in provvedimenti e questi si leggono nella Gazzetta Ufficiale. La stampa è fondamentale per il dibattito e tutto quel che si vuole ma l’azione di governo si giudica soprattutto sulla Gazzetta Ufficiale e sui decreti, le circolari ministeriali, i regolamenti non su Repubblica o il Giornale.
        Vero peraltro che Berlusconi non è entrato se non per pochissime battute sulla questione.
        Infine l’autodefinizione come “anarchica” spoglia chi scrive di qualsiasi referenza democratica. Può certamente scrivere e parlare ma non ha e non avrà alcune voce in capitolo in quanto antidemocratica. Le altre argomentazioni son talmente vecchie e perdenti che rassicurano il popolo moderato.
        PS: la nostra costituzione è ben scritta ma vecchia, vischiosa, una vera palla al piede. Appena tornerà a vincere il centrosx si udranno le stesse richieste di potenziamento dell’esecutivo che circolano dagli anni ’80. Però se lo dice Berlusconi è un duce…Inutile dibattere a lungo, non resta che vincere sempre alle elezioni e non farci caso

        • hai una concezione dell’anarchia da reazionario ed ignorante
          io sono un moderato e considero Rosy molto democratica anche perchè , a differenza tua, non ti fa perdere tempo con provocazioni sterili ed idiote.
          A proposito di moderati: tu ed il tuo capo non lo siete mai stati, lui è un eversore malato tu uno con cui è inutile dibattere nè a lungo nè a breve

        • Come?? Anarchica= antidemocratica?
          Ma questo dove ha studiato, al CEPU?

    • certo : marketing di Arcore…

    • Speriamo non sia come la riforma della scuola un’elegante manovra per spostare risorse in capitoli consoni ai loro sporchi affari .

  2. A mio parere la vicenda di Montecarlo è una grossa montatura, l’unica cosa che si deve appurare è se la casa se Alleanza Nazionale, abbia effettivamente incassato la cifra dichiarata, che non via stata pagata una parte in nero. Per il resto credo che se Tulliani è il proprietario della casa, in quanto riconducibile alla società offshore che l’ha acquistata, Cosa finora non provata nemmeno dalla “famosa lettera di del ministro della giustizia di S Lucia in quanto usa il condizionale senza dare nessuna certezza. E’ molto più verosimile che Fini sia stato ingannato da Tulliani, e non credo che ci sia nulla male di fidarsi del cognato, anzi in questo caso Fini sarebbe una vittima, non un colpevole

    • continuo a non capire questa condiscendenza con Fini come se in questi 15 anni fosse stato su Marte
      e come se le sorti della democrazia potessero essere affidate a lui…

      questa è pura subalternità e guardonismo

  3. SONO D’ACCORDO CON TUTTO QUELLO SCRITTO , OGGI RIFONDAZIONE SI UNISCE A DILIBERTO , BERTINOTTI VA CON VENDOLA ,IL PROBLEMA DELLA SINISTRA IN GENERE E’ CHE FRA DUE PERSONE TUTTI E DUE VOGLIONO FARE IL SEGRETARIO DAL 1800 A OGGI,DIRE OPERAI E PENSIONATI E’ UNA LITANIA CHE NON SERVE A NULLA , NON SONO UN GRILLINO ,COMUNISTA-ANARCHICO???MA SONO VERAMENTE TUTTI MORTI,SONO STATO MANDATO A CASA DUE ANNI PRIMA DA SINDACALISTA PERCHE’ NON AFFIDABILE , COME SI FACEVA O SI FA A DIRE PCI,PSI,DC,O ALTRO SE LE MOSCHE BIANCHE VENGONO EMARGINATE E GENTE COME LA IOTTI, E ANDREOTTI O STANNO LI’ FINO ALLA TOMBA. UGO

  4. Cara Rossellina, ho 61 anni e il PCI l’ho vissuto a lungo. Il problema reale a sinistra sono proprio quelli come te che pensano il rosso più rosso, il vero più vero, il falso più falso ma, finiscono per crearsi delle gabbiette irreali di mondi paralleli, quasi che per cambiare, in un paese burocratosabaudo, le cose basti essere normali e ragionevoli.
    In Germania la burocrazia era sciaguratamente efficente anche sotto il nazismo, in Italia non è capace nemmeno ad autogratificarsi in democrazia.
    Credo che la vera realtà sia non cercare la pagliuzza in casa e litigare per chi la vista prima, in un teatrino di prime donne ma, denunciare il trave nella casa del potere e non dargli respiro, un potere che ha ridotto il paese in un avanspettacolo di nani, ballerine, escort, caporali (ex colonnelli), mafiosi, mercato buoi, etc.
    L’unico valore che riesci a fare è una analisi storica, molto personale, contro chi comunque rappresenta l’Italia migliore, invece di essere una critica, uno stimolo, un pungolo per questa sinistra, autosinistrata e una contestazione senza mezze misure a questo potere oligarchico, dissennato e venditore di incubi spacciati come sogni. Un caro saluto. Ry

    • finchè avrete d’alema veltroni letta e marini come capibastone
      nessuno , neanche l’ultimo operaio ancora consapevole, potrà seguirvi

      la storia insegna che bisogna prendervi a calci nel sedere per smuovervi

      e la mia è una posizione dialettico-affetuosa

      a proposito : cosa ne pensa il tuo partito di Marchionne, che fino a l’altro ieri lo portavate in giro come una madonna pellegrina?

      Sono i fatti e non le chiacchiere che mi portano a quelle conclusioni che tu dipingi come una caricatura dimenticando che io stessa ho riconosciuto quella parte essere la migliore

      un saluto caro ed a pugno chiuso

  5. tanto per fare un operazione di mero servizio che a qualcuno potrà interessare, riporto qui sotto il dibattito nato tra ieri ed oggi sul sito di BELLA CIAO intorno al post di ieri di cavallo matto sulla manifestazione del 16 ottobre e sul popolo viola da lui dipinti come “fighetti”
    concordo sulle critiche a cavallo per il termine un po’ troppo alla santanché, ma per il resto mi sembra roba seria e gli faccio i complimenti.

    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 00h37 – Di torba – 79.*.219.***
    del resto così è nato il ’68 hasta siempre

    Rispondere a questo messaggio

    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 01h47 – Di Francisco – 151.**.171.**
    Ottima premessa, fuori soprattutto le fighette viola, portatori di qualunquismo fascistoide: gli anni 60 “preoccuparono” molto il potere, studenti e operai insieme, è a quello che bisogna riferirsi, mai più soli ché uniti si vince!

    Rispondere a questo messaggio

    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 08h50 – Di pietro – 79.**.230.**
    non condivido lo sfottò per il movimento viola. Saranno fighetti ma hanno fatto qualcosa mentre i virilississimi compagni della sinistra italiana si guardavano l’ombelico o sfogliavano margherite.

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 08h49 – Di 87.**.43.***
    “le fighette viola”… manca solo “vogliamo gente con le palle” poi siamo pronti per gli stadi… 😉

    Rispondere a questo messaggio

    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 11h29 – Di 93.**.160.***

    Effettivamente … un conto è la sacrosante critica politica al giustizialismo/tardo-girotondismo … un altro è buttarla su questo tono … le “fighette” ….

    Termini più da Larussa o da Gasparri che da “comunisti” ….

    K.

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 12h02 – Di Francisco – 151.**.171.**
    Beh, se avete qualche dubbio provate a chiederlo a loro stessi e compari, tipo quella compagnia reazionaria anticomunista a 360° del M5s che ha messo in piedi Grillo. L’altra sera Santoro ha dato una bella anticipazione di quel che ci aspetta: dopo mesi di pausa estiva porta Grillo a farsi pubblicità e Di Pietro in trasmissione, salva Fini dalle grinfie di Berlusconi, zittisce prima un operaio incazzatissimo, ne fa vedere un altro con la bambina accanto, già, la tv del dolore, poi concede quel minuto a uno sfogo sacrosanto ma informe… non poteva fare un’informazione sul lavoro, no? Il 16 ottobre cos’è, una scampagnata per il lavoratori? Cerchiamo di cambiare strategia per piacere, basta con questi infiltrati fascioleghisti, siamo stanchi noi compagni, vogliamo contarci una volta per tutte, e se a qualcuno disturba che le bandiere siano tutte rosse diamo la possibilità anche ai movimenti, ok, ma a quelli reazionari e populisti no, proprio no grazie! Io penso che se i fighetti viola e grillini, apparentemente antagonisti ma realmente contigui al sistema capitalista sfruttatore, si presentano in piazza succederanno dei casini, provate a dare un’occhiata ai loro siti e alle loro riunioni, fingono di andare a sinistra, fingono molto bene sapete, al punto che vi danno del fascista se v’azzardate a metterli davanti al loro populismo qualunquismo d’accatto… aria e acqua pulita? Certo, ma solo per loro, non gliene frega niente dei disperati! Come vedono rosso ti scannerebbero, cercano spazio in un vuoto creato dalla disattenzione e dalla stanchezza, ma una volta riempitolo so bene che ne faranno di quel vuoto. Le leggi per un parlamento pulito ci sono, basta informarsi e non farsi deviare dalle chimere… siamo stanchi di questo giustizialismo a senso unico verso i baroni della politica, chissenefrega, avremo tempo per toglierceli di torno, ora bisogna unirsi e far numero contro l’attacco ai diritti del lavoro, subito e pure uniti e forti, sarà il segnale per fargli abbassare la cresta a questo potere criminale il 16 ottobre stesso. Siamo su Bellaciao? Siamo compagni? Ok, non dico tutta falce e martello, ma basta con gli infiltrati, qui e fuori. Saluti comunisti.

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 13h45 – Di 79.**.43.***
    detto tutto ciò, forse sfugge la cultura machista nell’uso di “fighette”… manca solo “checche isteriche” e “noi non abbiamo l’anello al naso” poi si è ammessi al processo di biscardi (ammesso esista ancora)

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 14h03 – Di Francesca – 151.**.171.**

    Hai scritto: “detto tutto ciò, forse sfugge la cultura machista nell’uso di “fighette”…”.

    Scusa, ma credo che per fighetti e fighette si voglia intendere i borghesucci tutti lindi e pinti… quelli che per andare a una manifestazione passano prima dal centro commerciale per comprarsi la giacca viola, la sciarpa viola e le scarpe viola…

    Comunque mi sembra veramente sciocco soffermarsi solo su questo termine e trasformarlo in oggetto di critica quando la lotta che viene messa sul piatto con questo sciopero è di fondamentale importanza in questo momento e quando la realtà dei lavoratori è tornata a essere un inferno.

    Così perdiamo d’occhio i problemi e gli obiettivi della lotta. Attenzione! Così non si parla dello sciopero e si finisce per parlarsi addosso, ma cosa più importante ci si distrae dagli obiettivi della lotta.

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 13h46 – Di torba – 79.**.213.***

    sono fighetti perchè lontanissimi dalle esigenze e dai bisogni dei lavoratori

    sono fighetti perchè guardano gli operai come fossero fossili o le farfalle infilzate da un collezionista

    sono fighetti perchè adorano i loro nomi sui giornalie sono uniti solo dalla peculiarietà di spararle grosse su berlusconi, ma non dire nulla nè emozionarsi per le mort bianche o per il salario garantito

    sono fihetti perchè sono indifferenti alla realtà e partecipano anche loro al circo mediatico che serve per farla diomenticare

    io sono un operaio e rivoglio i miei compagni

    l’unica cosa seria che ho letto negli ultimi mesi è questa cosa del 16 ottobre


    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 15h30 – Di pietro – 79.**.230.**
    certe volte sembra di stare in un manicomio!

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 15h49 – Di Francisco – 151.**.171.**
    Ma manicomio de che, scusa? Qui si tratta di stilare un bilancio delle esperienze passate, il minestrone del tutti contro il nemico per alcuni ma meno nemico per altri porterà a una resa dei conti nei momenti decisivi delle scelte, momenti in cui le sopite divisioni diverranno strumento di rottura, mandando a farsi fottere le lotte passate. Partire da una piattaforma condivisibile è necessario per arrivare uniti e compatti al traguardo. Oggi chi è il nemico numero uno se non il padronato sfruttatore? Siamo tutti d’accordo? Si può dibattere di questo, sì o no? Speriamo ancora nelle lotte intestine del capitalismo per festeggiarne la morte e andare al potere? Ma la storia c’ha insegnato che questa idra da mille teste è dura a morire, proprio in virtù delle nostre “indecisioni”… partire compatti e fratelli dall’inizio è già un buon viatico per ottenere successi, non a caso il potere ha trasferito la lotta di classe esclusivamente all’interno delle meno abbienti. Questa pessima abitudine di liquidare il confronto con due parole è devastante!!! Non si farà mai chiarezza così.

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 16h17 – Di viviana – 151.**.229.**

    Io sono con Pietro e mi guarderei bene dal chiamare fighette viola i cittadini che protestano, o dal dire che le proteste di Grillo o del popolo viola se ne fregano dei lavoratori, visto che risulta chiaro proprio il contrario. . Oltre a ciò, mi guarderei bene dai tipi che qui si firmano Francisco e sul blog di Grillo si firmano Sodano o Giulia Maggiore , e che là sono stati bellamente smascherati e messi in berlina, il loro unico scopo è quello di mettere zizzania tra coloro che sono contro Berlusconi, offendendo questi e quelli con epiteti ingiuriosi e dando di fascisti a tutti, mentre diffondono diffamazioni pretestuali e false sul web su questa o quella persona, talmente pretestuali d afar sospettare che sia una strategie precisa con cui fingendo di difendere una certa ideologia in realtà si seminano divisioni interne e odi reciproci in virtù di balle non provate.

    Io continuo a insistere per una opposizione che raccolga temporaneamente tutte le forze utili a defenestrare Berlusconi. Mi pare ovvio invece che chi lavora così alacremente a creare delle crepe tra i suoi avversari faccia totalmente il suo gioco.

    Credo che chi fa questo lavoro di sabotaggio conclamato sul blog di Grillo possa essere un sabotatore anche di bellaciao, e, se le mie conoscenza della psicologia valgono qualcosa, siccome chi divide impera, potrei ipotizzare che il presunto Sodano alias Francisco alias Giulia maggiore non sia altri che uno sbirro che sta alle calcagna dei blog col preciso compito di spargere zizzania e inimicizia, là dove ci sarebbe invece bisogno di una unione per una opposizione comune.

    Io da questo Fancisco- Sodano ho preso le distanze perché mi puzza di Digos. Poi fate voi

    viviana

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 16h44 – Di Francisco – 151.**.171.**
    Hai detto bene, reputo un dovere stare alle calcagna di un movimento che mischia le carte, che chiama fascisti e censura i compagni come me, sì cara Viviana, i COMPAGNI COME ME, Giorgio Sodano, non stuzzicarmi, sennò creo un sito fatto apposta per smascherare le tue simpatie fascistoidi, anche se non ce n’è bisogno. Berlusconi è il dito della luna, è cotto da solo… perché non dici a QUESTI COMPAGNI quanto il vostro movimento se ne strafotte della classe operaia? Quanto lotta contro il pubblico? Quanto spera e promuove l’alzamento di un tetto dell’età pensionabile? Quanto lecca Fini e Montezemolo? L’azionariato capitalista? Perché non venite il 16 ottobre il piazza a dirle queste cose? Perché non lo dici che sono bannato da VOI perché sono un compagno mentre tu sei una ruffiana che s’intrufola dappertutto? Ma non dovevi mandarci dei camerati a riempirci di botte? Vuoi che riporto qui quello che hai scritto insieme a quella feccia? Viviana, datti pace: ANTIFASCISMO SEMPRE!!! Reputo un dovere sabotare un blog di un movimento fascista, e ne sono fiero… forse è questo che vuoi dire ai compagni? Beh, digli che sono due mesi che ho rotto il vostro fronte subdolo di infiltrati, a cominciare da te. TUTTO DOCUMENTATO, adesso dovrei usare il vostro linguaggio: “vattene da quegli stronzi di PCL, quei poveracci di BELLACIAO, fasciocomunista…” Hai scelto una brutta giornata, te lo dico io. Io Digos? Che pagliaccio sei, macché pagliaccio!!!

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 16h49 – Di PUGNO CHIUSO – 109.**.221.***
    IL 16 OTTOBRE NO BORGHESI GRILLINI -VIOLA- CAPITO VIVIANA,NOI COMUNISTI SIAMO PER LA LOTTA DI CLASSE,E PER UN GOVERNO DEI LAVORATORI,QUINDI I FIGHETTI SE NE STIANO A CASA.

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 16h53 – Di 93.**.189.**

    Si, indubbiamente a volte sembra di stare in un manicomio …

    E’ noto che non amo il “giustizialismo” in tutte le sue forme … pensare di risolvere il tutto con giudici e polizia è lontanissimo dalla mia sensibilità … e la legalità in quanto tale, in un paese dove sono ancora vigenti un sacco di leggi fasciste fatte nel 1942, non mi sembra una discriminante valida ….una dimostrazione pratica fu la campagna grillina “parlamento pulito” che metteva sullo stesso piano Dell’Utri ed il povero Caruso che aveva condanne e carichi pendenti per occupazioni di case, manifestazioni non autorizzate, gli scontri di Genova e cose simili ….

    Una volta detto questo, però, il problema è politico e non “antropologico” … il termine “fighetti”, da esponenti del Pci, fu spesso usato anche contro i movimenti rivoluzionari degli anni settanta … Berlinguer arrivò a definirci “diciannovisti”, cioè poco meno che fascisti ….

    Ricordo benissimo che pur non essendo solo studenti o comunque giovani ( eravamo fortissimi all’Enel, negli ospedali, nelle ferrovie ) e comunque avendo persino troppo il mito della classe operaia, non a caso ci definivamo “operaisti” … eppure, quando militavo nell’autonomia romana, quasi non passava giorno che qualche burocratello del Pci o della Cgil non ci desse proprio dei “fighetti” … magari solo perchè portavamo i capelli lunghi e vestivamo in un certo modo …

    Quindi, non è questo il punto … è una cazzata quelle degli indumenti viola comprati nei centri commerciali prima delle manifestazioni …. sono anni che il viola, prima ancora che nascesse l’omonimo movimento, è il colore più di moda in Italia e la roba viola la trovi su qualsiasi carrettino e pure sui lenzuoli dei vu cumprà …. non ci attacchiamo alle cazzate appunto antropologiche da barzelletta e parliamo di politica ….

    Anche io vedo, nella iniziativa della Fiom, un possibile momento unificante dell’opposizione sociale, una volta tanto su posizioni comunque legate al lavoro ed alle contraddizioni socio/economiche che continuo a considerare quelle principali ….

    Però, proprio per la enorme potenzialità di quella iniziativa e pur con tutte le sacrosante riserve sulla Fiom ( che non è dappertutto come quella di Pomigliano e Melfi …) , credo che quella mobilitazione debba essere oceanica … e quindi non si può cominciare ragionando sul “pochi ma buoni” …

    Chi non viene il 16 Ottobre ha oggettivamente torto … ma da questo a esserne contenti mi sembra veramente da manicomio …

    K.

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 17h23 – Di Francisco – 151.**.171.**
    Mi soffermerei sulle ragioni del perché non vengono, nessuno dice di esserne contento. Ma se queste sono alla base della partecipazione non vedo come uscirne. Ho sempre pensato che i grandi numeri che incutono timore al potere più sono compatti e più vincono, più sono divisi e più allungano l’agonia. Reputo quella del 16 ottobre una chiamata storica dopo decenni di divisioni, non ricordo un granché di partecipazione viola alle lotte operaie… forse anche viceversa, un po’… ma è necessario un fronte ampio e soprattutto unito. Si parla della ricostituzione di un nuovo grande partito di classe, tutto lo cercano, tutti lo vogliono, non facciamoci fregare dai revisionismi. I tempi sono cambiati. C’è bisogno anche di una ricostruzione dei rapporti generazionali, non ammetto un movimento che pensa che tutto è vecchiume e tutto debba andare al macero! Tra venti giorni potrebbero cambiare molte cose in questo paese, approfittiamone per sostenere questo cambiamento. Saluti comunisti.

    Rispondere a questo messaggio
    Il 16 ottobre contro il regime Berlusconi – Marchionne e senza fighette viola…
    25 settembre 2010 – 16h57 – Di Francesca – 151.**.171.**

    Secondo me tu soffri di manie di persecuzione. Quello di cui si parla qui non è mai affrontato con questi toni sul blog del tuo guru. Di Pietro è solo un furbo ometto politico che ha capito perfettamente che il problema dei lavoratori in lotta è quello di non avere una rappresentanza politica. Quindi sta solo cercando di riempire un vuoto come ha fatto grillo col suo populismo e qualunquismo. I lavoratori in lotta e i movimenti che lavorano e costruiscono giorno dopo giorno sul territorio non hanno niente a che fare con i viola o con i grillini. Grillo è solo un liberista e Di Pietro, che ti vieni a difendere su questo blog definendoti no global, è un ex questurino che ha affossato la commissione parlamentare sui crimini commessi contro il movimento del G8. Credo che i tentativi di distruggere la validità delle parole dell’avversario ridicolizzandolo e dandogli del complottista rispondano più a un atteggiamento imparato da un certo Berlusconi. I magistrati che lo vogliono processare sono rossi, come chiunque critichi grillo è un complottista o troll. Grillo vuole eliminare i politici di professione, vuole eliminare i finanziamenti pubblici all’editoria, il canone Rai. Vuole attentare alle basi della libera circolazione delle informazioni. Io voglio che le mie tasse servano a permettere a tutti di avere un’opinione e diffonderla attraverso giornali e TV. Le strorture ci sono e vanno corrette. Ma da qui a distruggere il finanziamento pubblico ce ne passa. E cosa dovrebbero fare giornali come il Manifesto? Farsi servi della Casaleggio come Di Pietro e Grillo? Dovrebbe essere tutto regolato dal mercato? E’ questa la libertà che ci volete regalare? NO GRAZIE!!! Vallo a raccontare a qualcun altro Viviana.

    Anche quest’ossessione per defenestrare Berlusconi è qualunquista. Berlusconi è politicamente finito. Il problema è il berlusconismo. Populismo, qualunquismo, canzoncine e coretti da stadio. Il problema è sociale. Stanno minando le basi della nostra società: la scuola, l’università, il lavoro! Tutto questo non lo ha fatto Berlusconi, ma un sistema di potere molto complesso che lo ha usato per i suoi scopi. Berlusconi in cambio ha avuto appianati i suoi debiti e rimandate le sue condanne. Ma quello che stanno facendo alla nostra società era scritto già nei piani della P2. Vogliono distruggere il tessuto lavorativo, sociale e culturale di questo paese. Con le televisioni Berlusconi ha fatto un ottimo servizio a questa causa. Ma attribuire a un solo uomo la causa di tutti i mali di questo paese è superficiale e sciocco, per non dire fuorviante.

    Siamo qui per parlare di lavoro e diritti dei lavoratori, non per raccogliere voti per qualche fascista o qualunquista mascherato sotto il populismo e il qualunquismo che tanto vi affascina.


    Rispondere a questo messaggio

  6. la proposta di fare del giorno 16 ottobre una grande giornata di lotta che unificasse tutti è partita da qui

    http://www.facebook.com/pages/Tavolo-di-coordinamento-delle-forze-democratiche/136630273043336

    • ho sempre saputo che la mia sorellina era la parte migliore del popolo viola

      sorellì ti dedico questo bel commento di 1 manifesto su oknotizie

      “Santa Lucia” è una preghiera laica, universale, per tutti, splendida senza cadere mai nella retorica, ricca d’immagini evocative e commoventi. È dedicata a coloro che non vedono le cose evidenti, le cose importanti, vincitori e vinti, ritratti con uno sguardo amorevole e dolce.

      Santa Lucia, per tutti quelli che hanno occhi e gli occhi e un cuore che non basta agli occhi e per la tranquillità di chi va per mare e per ogni lacrima sul tuo vestito, per chi non ha capito.

      Santa Lucia per chi beve di notte e di notte muore e di notte legge e cade sul suo ultimo metro, per gli amici che vanno e ritornano indietro e hanno perduto l’anima e le ali.

      Per chi vive all’incrocio dei venti ed è bruciato vivo, per le persone facili che non hanno dubbi mai, per la nostra corona di stelle e di spine, per la nostra paura del buio e della fantasia.

      Santa Lucia, il violino dei poveri è una barca sfondata e un ragazzino al secondo piano che canta, ride e stona perchè vada lontano, fa che gli sia dolce anche la pioggia delle scarpe,

      w santa lucia… quella cantata da De Gregori

      vedrete …che silvio ci aprira’ la prossima convention ..quella dei millantatori delle liberta’

      viva l’italia …sempre di de gregori …l’ha gia’ fraudolentemente usata per aprire l’incontro di Atreju

      come vedete e’ il solito… mistificatore dell’ammore e della libbberta’ sua 🙂

      • Grazie cara..
        ci sono molti viola belli e sani…
        purtroppo allontanatisi nel tempo nel vedere l’incocludenza del paginone e i metodi da purga staliniana nel gestire ( SOFFOCARE ) il dibattito..

        Purtroppo sembra di vedere una longa manus che ha teso a dividere il movimento avendo paura delle sue potenzialità
        Purtroppo, sicuramente, questa non è la mano nè di Berlusca nè di qualcuno di destra….
        Cose già viste,vero sorella?

  7. FINI e tutta la sinistra con DI PIETRO, siete una banda di V I G L I A C C H I: nn Avete lasciato lavorare un Governo votato dal 75 % degl’Italiani, avete fatto tutto di piu pur di nn farli lavorare Cera giusto Veltroni all’inizio del mandato che voleva fare Gabinetto shadow ” OMBRA” ma e stato subito defenestrato ed e arrivato il grande Franceshini big deal.

    • questo commento delirante di webggio ( avevate 100 deputati in più e non avete combinato un cazzo ed ora andate in giro a dire che non vi hanno fatto lavorare…ma vai in miniera te ed il tuo padrone, schiavo!!!) dimostra che con questi distinguo e questo benaltrismo della sinistra pura e dura non andremo da nessuna parte

      io ho fatto il post di ieri per rendere visibile ogni iniziativa rivolta a far fuori il nanomaledetto e voi , specie rosy, vi alambiccate con la storia delle finte risse.

      La rissa è seria e vera ma anche fosse solo per il potere , andrebbe seguita lo stesso perchè io a differenza vostra mi sono rotto le palle di subire il governo più assurdo e ridicolo della storia e ne voglio uscire prima possibile, anche alleandomi con il diavolo in persona, se serve per fottere il nano di arcore

      voi evidentemente no

      riporto un commento che ho visto in giro poco fa e che rende ancor meglio la situazione reale

      ebbasta con questa storia del distogliere: non è che distolgono da altri problemi, sono loro il problema primo, principale, fondamentale. è come se quando ti entrano i ladri in casa ti stuprano la famiglia ti massacrano di botte e ti rubano tutto tu dicessi: eh il fatto è che mi distolgono dai miei veri problemi.

      E lo sentiamo da anni questo ritornello da parte di una sinistra di merda, basta veramente. Il conflitto di interessi? Non è quello il punto, non distoglieteci dai veri problemi. Ma Vfc, rivfc e ancora vfc.

      Con rispetto parlando.
      Sancio

    • Votato dal 75% degli Italiani?
      Pazzesco.

  8. Cari Amici, questo è un Paese medioevale che non ha conosciuto la Rivoluzione francese. Di analisi, però, ne sono state fatte a migliaia e oggi, non interessano più. Io sono un conservatore – liberale. Se la sinistra è diventata liberista (che è diverso da liberale), se la destra è diventata schiavista, qualcosa non va. Non possiamo più aspettare il PD o la sinistra per cambiare una situazione oramai insostenibile. Occorre trovare in noi e solo in noi la forza e l’animo di farlo – ovviamente con metodi legali e legittimi -.
    Ciao a tutti!
    Prudentissimo

    • L’odiosa rivoluzione francese purtroppo è arrivata anche da noi. Il guaio è che non abbiamo avuto quella straordinaria davvero, quella americana!
      PS: nemmeno i libri di storia d’ispirazione marxista usano più l’aggettivo medievale in senso tanto spregiativo

  9. Fini e finiani stanno solo facendo una pietosa commedia il cui scopo è solo quello di prolungare la vita a questo indegno governo visto che IN OGNI OCCASIONE DI VOTO VOTANO SEMPRE A FAVORE.
    Allora, quando fanno finta di opporsi al berlusca DI COSA PARLANO?????
    E’ tutta una ennesima presa in giro per noi cittadini.
    E’ tutta una commedia per farci accettare i famosi 5 punti all’ordine del giorno del prossimo consiglio dei ministri che … vedrete!!! SARA’ L’ENNESIMA SUPPOSTA PER IL POPOLO!!!!
    d e v o n o – a n d a r e – f u o r i – d a i – p i e d i!!!!!

  10. Vorrei sapere chi ha postato questo blog? Chi lo ha fatto ha commesso un’errore enorme,scrivendo che sono 3 mesi.Ma doveva scrivere che sono circa 20 anni che ci ammorba per non finre in galera e se ha fatto qualche legge lo ha fatto per compiacere alcuni suoi compagni di merenda e il resto delle leggi che continua a fare e continuerà a fare sono leggi che servono a lui e ai suoi soci a delinquere.Ora il processo breve cancennerà tanti processi e tra questi + della metà dei suoi,anche se dopo cercherà di annullare gli altri 50 circa che gli restano.Appecorati,guardate le csoe come stanno e guardate come siamo ridotti rispetto alle altre nazioni europee.Ultimo psoto ,fanalino di coda,Multe dall’unione Europea che arrivano quotidianamente con TIR,ma voi beatizzate chi è causa di tutto questo.Bravi,meritate il mongolino di carta igienica usata e riciclata.

  11. Almirante sarebbe stato il primo ad opporsi all’odierna deriva della destra italiana, mai tanto vilipesa e sputtanata da Berlusconi e compagni. Il Capo del Governo non è un uomo di destra, ma semplicemente un affarista che da anni va ripetendo la stessa solfa senza mai incidere davvero con una riforma organica sul sistema paese. I migliori interventi del centrodestra in questi anni sono stati merito soprattutto dei singoli ministri: Brunetta (che è un ex socialista), della Gelmini sulla scuola e di Tremonti sulla tenuta dei conti pubblici. E l’ottimo lavoro della Lega sul territorio va in direzione opposta alla tradizione berlusconiana.

    Se fosse per Berlusconi ci saremmo fermati all’Ici, che tanti danni ha creato alle casse dei comuni, per non parlare dell’eterna tentazione di mettere mano alla Giustizia con provvedimenti che a tutto servono tranne che a migliorarne l’efficenza e la qualità del servizio ai cittadini (non mi esprimo sulle porcate tipo lodo Alfano o legittimo impedimento).

    Se non fosse stato per Fini, e la sua idea di una destra moderna ed europea, saremmo continuamente vittime di una leadership populista, senza progetti concreti e piani di sviluppo per il nostro paese, a parte le pantomime dei giuramenti in pubblico ed i soliti proclami demagogici.

    Grazie a Fini ed ai suoi uomini, Granata su tutti, la destra italiana può ancora sperare di riternersi liberale e moderna, legalitaria, attenta al rispetto ed alla tenuta delle Istituzioni, ragionevole e aperta culturalmente anche alle idee non storicamente di destra.

    Bisogna cambiare per non perire.

    • Rosellina ma da quale secolo A.C. ci stai deliziando?
      Esci un attimino di casa, guardati intorno, fai qualche viaggetto all’estero prendendo un aereo. Da 12.000 metri di quota, guardando in basso, con un po’ di fortuna potresti vedere la ‘luce’ e renderti conto delle tante stronzate che hai messo nero su bianco. Rileggendoti potresti addiittura pagarmi una cena per sdebitarti dei consigli.
      Un bacio sullo zigomo destro
      Bruciapelo

      • facile parlare di stronzate, senza argomentare

      • leggo queste turpitudini anarchiche : ma costei è fuoriuscita or ora da qualche macchina del tempo che l’ha tenuta ibernata per decenni?
        Di quanti decenni è fuori dalla storia il rifarsi a categorie ottocentesche ormai ridicole e che han causato stragi e lutti a profusione?
        Ribadisco : si tratta di turpitudini e sono pericolose come dimostrano gli ultimi eventi violenti ( dall’attentato a Berlusconi a quello a Bonanni e Belpietro ) eseguiti dall'”anarchismo moderno”, diciamo meglio dai seguaci staccioni e miserabili di figure ormai fuori dalla storia.
        Inoltre questa signora si lascia andare a giudizi storici tagliati con l’accetta ed estremistici che non hanno alcun fondamento, come questa idea sul PCI ELEFANTE da prendere a calci, che più che un giudizio storico mi sembra una chiamata alla violenza…

  12. Pingback: Santa Lucia, il governo si porta via. Rissa tra agenti immobiliari blocca l’Italia da tre mesi… | Informare per Resistere

  13. Fini sarà quel che sarà, e porta la responsabilità storica di aver sdoganato per 15 anni il berlusconismo, ricevendone in cambio la sdoganatura dei fascisti e nei razzisti, nessun dubbio su questo.

    Però rimane il fatto che da anni oramai è l’unico a destra ad avere delle posizioni, ed un comportamento istituzionale, almeno presentabili.
    E per le posizioni che assume oggi, io dico che se avessimo avuto negli anni tanti avversari come lui, anziché i Brunetta e i Bondi, gli Schifani e i Dell’Utri, i Bossi e i Borghezio, forse la sinistra non sarebbe mai approdata a Palazzo Chigi, ma l’Italia sarebbe in condizioni di salute ben migliori delle attuali.
    Mi riferisco alla democrazia, alla saldezza istituzionale, al senso dello Stato.

  14. concordo ed aggiungo che sarebbe stata convenienza di Fini accettare le lusinghe e le profferte indubitabilmente ricevute , specie nelle ultime settimane, per ottenre più potere rimanendo all’ombra per un altro pò…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...