LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Popolo viola o popolino di paraculetti?

6 commenti

C’è qualcosa che non va nel popolo viola.

Discussioni interminabili, temi come il lavoro dimenticati, fighetteria e snobismo a raffica, capi e capetti o sedicenti tali che si disputano una rappresentatività che avrebbe dovuto rimanere orizzontale, spesso appaiono nei media persone che sono salite sul carro dopo il successo del 5 dicembre.

Capita di ascoltare con tristezza e rispetto lettere come questa.

Arrivederci, amici miei

pubblicata da Anna Cassandra Porta il giorno martedì 14 settembre 2010 alle ore 21.27

Arrivederci, amici miei vecchi e nuovi.

Questi dieci ultimi mesi della mia vita nel Popolo Viola sono stati esaltanti, a tratti nevrotici, ma mi hanno regalato tanti bellissimi momenti di cui serberò un magico ricordo.

Il mio percorso al vostro fianco finisce definitivamente oggi,.

So perfettamente di averlo detto altre volte e potrei a questo punto non essere più credibile, come nella favola di Pierino e il lupo, ma stavolta la mia decisione è veramente irrevocabile.

Ho letto attentamente le argomentazioni di Mario e, alla luce di quanto avviene ormai da troppo tempo, sia sul piano nazionale che sul piano locale, mi ci ritrovo in pieno nelle sue considerazioni.

Non ho più voglia di percorrere questo sentiero “viola” che poi viola non è.

Non ho più voglia di cercare di costruire, anche se nel nostro piccolo, un movimento “veramente orizzontale”, come era nelle rivendicazioni iniziali, poi tradite da quasi tutti i protagonisti di questo movimento.

Ho purtroppo constatato che nell’indole umana, specialmente italiana, si ha bisogno di un leader, di un capo, di qualcuno che decida per te perché non si vuole avere nessuna responsabilità di nessuna azione né pensiero.

L’italiano, in fondo, ha bisogno di delegare le proprie responsabilità a qualcuno, per poi inevitabilmente criticare le scelte operate da quel qualcuno a cui ha affidato la sua delega.

La mia indole, i miei principi morali, i miei ideali, la mia vita personale non sono questi.

Sarò sempre una sconfitta alla ricerca di questo ideale, ma almeno la mia coscienza sarà a posto.

Non sono mai scesa a compromessi con niente e con nessuno, non voglio farlo neanche adesso, per uno stupido colore che, in fondo, a me non è mai realmente piaciuto: il viola.

Sono contenta di aver conosciuto in questi mesi delle bellissime persone, che, se vorranno, rimarranno mie amiche, ma da oggi in poi la mia strada si separa definitivamente dalla strada del Popolo Viola..

Con affetto

Anna

Oppure con sentimenti opposti capita di ascoltare gente come  tale Silvia Bartolini campionessa del nulla che avanza, una vecchia  paraculetta che sale sul carro senza sapere nulla e solo per apparire

ascoltate

Il vecchio nano malato sta per cadere, sta per autoribaltarsi sotto il peso di enormi contraddizioni, e noi siamo qui a combattere con i soliti giochini di potere ( basti pensare anche ciò che accade nel PD o tra Ferrero e Vendola ) senza essere così in grado di sbatterlo giù noi come popolo, ma solo di guardare come viene fatto fuori da chi a suo tempo lo ha messo lì dove sta.

Ce lo siamo meritato tutto questo quindicennio di scempio…

Rosellina970

Annunci

Autore: rosellina970

ricercatrice univeritaria-ufficio contratti

6 thoughts on “Popolo viola o popolino di paraculetti?

  1. rosy questi dubbi ti fanno onore perchè ci hai creduto fin dall’inizio insieme a Franca

  2. del resto dove ci sono due di sinistra ci sono 5 partiti e sette frazioni

    mi pare un male antico, rosy

  3. La lettera di Anna mette tristezza.
    Il suo spirito genuino va recuperato con un percorso nuovo.

  4. Direi che si tratta di un fenomeno ormai storico di immaturità politica
    Anna si dice felice di…”aver conosciuto persone meravigliose” ,ma vede il bicchiere mezzo vuoto e prende per suo riferimento i soliti teorici che con le parole sanno solo masturbarsi all’infinito
    Naturalmente ha un grosso peso la scelta egoistica di rinchiudersi in se stessa chiudendo occhi ed orecchie e piangere sulle amare sorti della sinistra,ed ora dei viola, e a commentare con disgusto le ormai ventennali uscite del Cavaliere, che a sua volta vede il suo impero sgretolarsi inesorabilmente.
    La contraddizione sembra essere su QUANTO siamo disposti a fare per (ri)conquistarci la democrazia

  5. Mario, come ti ho anche spiegato per mail, io lascio non per immaturità politica, ma per schifo verso un movimento che poteva e doveva essere diverso e non si differenzia minimamente da colui e coloro che vogliamo combattere.
    Lascio perch+ mi voglio bene e sulla mia lapide non scriveranno “Morì per il Popolo Viola”.

  6. Pingback: Prove tecniche di sinistra in movimento…ovvero “anche l’operaio vuole il figlio dottore” « LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...