LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Ustica 30 anni dopo, un breve ricordo di Alberto, mio cugino…

2 commenti

In trent’anni non ho mai scritto nulla di quanto sto per  dire.

Solo qualche parola di ricordo , o poco più.

Oggi ho deciso di farlo per esorcizzare lo strappo di quel filo che mi legava ad Alberto..

Dice  bene il giornalista dell’Ansa ” un dolore  ancora vivo …. ” troppo vivo.

Un funerale senza un corpo da seppellire ….atroce, straziante, ma ci si fece forza in quella calda giornata estiva quando ci trovammo al cimitero di Bologna per commemorare Alberto ( Bonfietti ) mio cugino.

Ricordo che cercavamo tutti di sorridere, ricordo i volti dei suoi compagni che non conoscevo….

Ricordo i volti dei suoi compagni che mi erano noti dalla stampa ( Boato,mi pare Sofri .. non ricordo bene )  i compagni di Lotta Continua  con cui lavorava e collaborava…

Alberto era una persona dolcissima, sempre sorridente…….

Era più grande di me di qualche anno, quando basta perchè io, prima  bambina, poi adolescente , lo vivessi di sfuggita nelle rare visite che faceva a casa di mia nonna Marena a Suzzara.

Di lui  in famiglia si parlava come di un eroe romantico, le sue gesta le apprendevo da mia nonna che le narrava con malcelato orgoglio , e  finta  indignazione  ( soprattutto per le sue molteplici avventure amorose ) e con gli occhi che le brillavano.

Ricordo che qualche mese prima di quel maledetto 27 giugno, io avevo 26, anni decisi di contattarlo per conoscerlo “alla pari”.. da adulto ad adulto.

Allora abitava a Mestre ed io a Lecco.

Mi feci  dare le coordinate per telefonargli , per scrivergli…..

Non feci in tempo.

Una telefonata di mia madre, la mattina del 28 giugno,  ruppe per sempre il mio sogno di poter  parlare con lui   “da grande” finalmente.

Franca

 


 

 

Annunci

Autore: francacorradini

essere pensante

2 thoughts on “Ustica 30 anni dopo, un breve ricordo di Alberto, mio cugino…

  1. quelli che sapevano, tipo i controllori del traffico aereo, sono spariti per morti sospette, tipo per “incidenti” e per “suicidi” (vedi Wikipedia Stage di Ustica)addirittura uno si è impiccato alla maniglia della porta con la cintura dell’ accappatoio . Come dire che qualcuno si impicca in un arbusto di rosmarino !

  2. Pingback: Italia, Francia, Stati Uniti e Libia: Ragioni di Stato « NOTTE CRIMINALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...