LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

E’ sulle indagini il vero effetto nefasto del ddl intercettazioni…

Lascia un commento

Dal punto di vista della libertà di informazione l’effetto intimidazione c’é eccome, tra multe e divieti vari, pochi giornali avranno il coraggio di puntare sullo scoop giudiziario. Almeno in Italia.

E già perché non è difficile prevedere una fuga di notizie verso siti web stranieri nei prossimi anni. E le intercettazioni così non spariranno, ma saranno a portata di clic: nei propri pc di casa, nei telefonini, negli iPad e in qualsiasi altro aggeggio elettronico in grado di connettersi alla rete.

Importanti gruppi editoriali italiani poi sono già presenti all’estero e potrebbero lì pubblicare le intercettazioni: prendete il  gruppo Rcs che potrà utilizzare alla bisogna, per esempio, il giornale  conservatore El Mundo; oppure, come già si sente in giro,  altri gruppi editoriali, così come alcuni blogger e gruppi politici (IdV in testa) sarebbero disposti a registrare siti all’estero pur di rendere pubblici dialoghi telefonici dai contenuti più deflagranti.

Quindi di tutta questa storia rimarrà il sapore di una prova di forza di Berlusconi contro i media rivali, con un effetto più politico mediatico che sostanziale. Inoltre il premier ha voluto infilare i paletti definitivi nel rapporto con Fini, del tipo: oltre un certo punto non vai!

Diciamo una lezione di principio assolutamente ed inutilmente intimidatoria versus la libertà di informazione. Una cosa di cui non sentivamo il bisogno e che invece avrà effetti negativi molto più sostanziali nel settore indagini giudiziarie.

E’ proprio sulle indagini infatti  che il ddl produrrà i suoi frutti nefasti. Non c’é un addetto ai lavori, nella magistratura o nelle forze dell’ordine che non preveda problemi per la forte restrinzione all’uso di uno strumento principe di indagine come le intercettazioni, spesso, anche ultimamente, risolutore di molti casi scottanti di gravi reati,  sia quelli dei colletti bianchi e dei politici che quelli del cosiddetto allarme sociale ( rapine,  stupri, violenze, ecc.).

Per non dire degli effetti anche nella lotta alla mafia, direttamente o indirettamente colpita anch’essa da questa disposizione.

Avrei giurato che Fini avrebbe opposto molti e ben più sostanziosi ostacoli all’andamento di questo ddl e mi stupisco di vederlo soddisfatto di modifiche così poco risolutive ed anzi farraginose.

Allungare i tempi delle intercettazione con l’ulteriore termine di 72 ore di volta in volta  autorizzabile da un collegio di giudici , mi sembra molto poco soddisfacente e foriero di lungaggini e spese ulteriori assolutamente inutili. Il giudice monocratico decide da solo sull’omicidio volontario, mentre sulle intercetazioni abbiamo bisogno della garanzia di altri tre giudici?

Probabilmente non ha considerato motivi sufficienti per far cadere il governo le giuste ragionevoli motivazioni dell’opposizione a questo sciagurato ed inutile ddl.

Oppure vorrà giocarsi altre carte sulla manovra finanziaria, prospettandosi che in deifinitiva all’italiano medio interessa veramente solo dell’economia, come è peraltro plausubile.

Comunque si sta chiudendo con il 34 ° voto di fiducia , grave per un maggioranza di governo così  larga in entrambi i rami del parlamento, l’ennesima brutta pagina del governo nel settore giustizia ed in quello della informazione.

Dal punto di vista economico, invece, il tempo scorre inesauribile e non ci si schioda da una manovra che tiene buoni i conti in una fase di tempesta finanziaria, stile prodi-padoaschioppa insomma , ma per ciò che concerne lo sviluppo e le riforme è l’ennesima occasione persa…

Per non parlare della casta, nei confronti della quale  non si è fatto nulla. Sono spariti in una notte i buoni propositi di colpire gli emolumetni dei politici ed i costi ingiustificabili del sottobosco governativo, anche locale.

AlfredoCantera

Advertisements

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...