LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


1 Commento

Morire di non lavoro……

Aumentano i suicidi di chi rimane senza lavoro ed ha  famiglia che non riesce a mantenere…..

Aumentano i suicidi di  piccoli imprenditori che si sentono responsabili di mettere sul lastrico i  dipendenti e  le loro  famiglie ……

Aumentano i “clienti” delle mense per i poveri della Caritas…

Aumentano i senza tetto….

Aumenta la disperazione e la rabbia di chi non sa come fare a vivere…

Aumentano le mamme  povere, spesso sole con  figli piccoli ( 1.600.000 in Italia )…………

In questo scenario di guerra c’è anche chi riesce ad essere ottimista e trova la forza di organizzarsi e resistere.

Su Facebook è nato un Gruppo :

Mai Più Disoccupati

“Noi rifiutiamo di consegnarci a un sistema economico fondato non sul lavoro, ma sulla sua progressiva scomparsa.”

Il primo degli eventi  previsti da questo gruppo è

1° MAGGIO 2010 – 1° MAGGIO 2011: LA BANDIERA DEL LAVORO AD OGNI FINESTRA !

per contribuire a sensibilizzare l’opinione pubblica nazionale sul dramma occupazionale che minaccia la nostra identità, il nostro “progetto di vita”, il nostro stesso diritto di vivere …

ESPONIAMO DA UNA FINESTRA LA NOSTRA BANDIERA DEL LAVORO A PARTIRE DAL 1° MAGGIO, PER 1 ANNO, PERCHÉ NESSUNO DIMENTICHI CHE SIAMO TUTTI UNITI PER OTTENERE DEI RISULTATI CONCRETI !!!

Realizza la Tua personale BANDIERA su un tessuto bianco sul quale avrai scritto, col colore che più Ti sta a cuore e a caratteri ben leggibili: LAVORO !
Coinvolgi nell’Iniziativa gli Amici col passaparola, condividi l’Evento sulla Tua bacheca e invialo come messaggio!
_____________________________

– non c’è lotta che non abbia la sua bandiera…
– la bandiera del lavoro è una protesta continua, ben visibile e non ignorabile,
– la bandiera del lavoro esprime una protesta non violenta, perciò non attaccabile!
– ognuno di noi dispone di una finestra, un lenzuolo, un pennarello indelebile: la nostra protesta può essere dunque condivisa da TUTTI e diventare … contagiosa!
– esporre la bandiera del lavoro costituisce un primo passo per intraprendere INSIEME la nostra protesta!

RIVENDICHIAMO UNITI IL NOSTRO DIRITTO AL LAVORO!
UNA SOCIETA’ SENZA LAVORO E’ UNA SOCIETA’ SENZA FUTURO ! ”

Franca


2 commenti

Se tagli la sicurezza almeno prestaci i soldatini per spingere le macchine senza benzina

Dopo l´inchiesta su Roma e Napoli (500 auto ferme in garage) la indagine conoscitiva dei sindacati sul parco auto di Palermo ha individuato centoquaranta auto della polizia guaste e ferme in garage. Le riparazioni non si possono fare, mancano i fondi a causa del taglio sulla sicurezza deciso dal governo. Il questore corre ai ripari con una sorta di Risiko delle volanti, spostando dieci auto da un ufficio all’altro .

Il dato è allarmante: su 530 tra autovetture e moto assegnate alla questura, 140 sono ferme alla caserma Lungaro, nella sezione Motorizzazione. Dal guasto di pochi euro per una frizione fuori uso si passa anche a spese da mille euro per motori sui quali gravano migliaia di chilometri.

A rischio è la sicurezza dei cittadini. Alcuni poliziotti anticipano di tasca propria i soldi per piccole riparazioni alle vetture, pur di evitare di doverle lasciare in officina.

Potrebbero utilizzare i militari che il governo ha inviato nelle citta’.
La polizia nelle macchine e i militari dietro a spingere. Ottimo esempio di collaborazione tra forze dell’ordine…

Le forze dell’ordine stanno facendo un gran lavoro nonostante questo governo, che in concreto, oltre a lodarsi ingiustificatamente per la cattura dei mafiosi:
-ha tagliato i fondi alle forze dell’ordine, al punto che molti commissariati non hanno i soldi per la benzina o le riparazioni agli automezzi.
-ha varato una legge criminogena che consente il riciclaggio a prezzi di favore del denaro sporco (lo scudo fiscale).
-ha in progetto una legge che renderà le indagini estremamente difficili (legge sulle intercettazioni)
-ha proposto un altro provvedimento che consentirà di arrivare più facilmente al proscioglimento per decadenza dei termini (processo breve).
-sta disapplicando il 41 bis, al punto che ci sono casi in cui ai boss della criminalità viene consentito di stare insieme per l’ora d’aria.

Questo è quel che pensiamo quando vediamo politici sbrodolarsi a Porta a Porta celebrando la cattura di pericolosi latitanti: nonostante voi ce la facciamo…

Questo che segue è la busta paga di un agente di PS:

stipendio netto: 700 euro; indennità di rischio: circa 500 euro netti; straordinari ( in media fra notturni festivi e ordinari) 7.50 euro l’ora.
Indennità ordine pubblico in sede ( tipo i celerini) 10 euro circa; fuori sede 15 euro circa.

in media uno stipendio oscilla fra i 1.200 euro netti ai 1.600 euro ( con le ossa tutte rotte, 55 ore di straordinario e qualche notturno in più)
in caso di morte in servizio 200.000 euro ai familiari più pensione di 100 euro circa ( alla moglie o figli).
in caso di morte fuori dal servizio prima dei 14 anni di servizio:banane!

Tali  stipendi dimostrano come le forze dell’ordine siano le meno pagate (rapporto stipendio/potere d’acquisto) in europa e come anche quest’anno la crescita sia stessa inesistente.

Infatti , oltre al settore delle telecomunicazioni una quasi inesistente crescita delle retribuzioni si è registrata per le forze dell’ordine e il comparto militare/difesa con incrementi frazionali e rispettivamente pari allo 0,2% ed allo 0,3%.

PER CONCLUDERE: una breve storia su quel che accade sempre più spesso durante i rifornimenti di benzina...

Lorenzo68