LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Maternità insultata

2 commenti

Due sono i grandi insulti che ha ricevuto la maternità in Italia…….

IL PRIMO ( anzi l’ultimo )

gelmini2Il congedo di maternità è “un privilegio. In perfetto sincronismo con la festa dei lavoratori, questa è la sconcertante dichiarazione al Corriere della Sera di Mariastella Gelmini, ministra dell’Istruzione. La quale, non contenta, prosegue: “Una donna normale deve certo dotarsi di una buona dose di ottimismo, per lei è più difficile, lo so; so che è complicato conciliare il lavoro con la maternità, ma penso che siano poche quelle che possono davvero permettersi di stare a casa per mesi. Bisogna accettare di fare sacrifici”.

Forse, cara ministra, sono poche quelle che possono permettersi di tornare a lavorare, in quei cinque mesi. Probabilmente Lei non sa neanche cosa significhi, con uno stipendio da operaia o da impiegata, avere un figlio. Per Lei, il problema più grande sarà trovare un paio di tate tuttofare, che La seguano nelle trasferte a Roma portandoLe la Sua bimba per le poppate. Le notti in bianco, occuparsi della casa e dei figli, fare la spesa, pulire, cucinare, far quadrare il bilancio familiare, pagare le bollette e le rette degli asili nido non sono problemi di cui Lei risentirà, dall’alto della Sua posizione privilegiata. Con quale coraggio, e soprattutto con quale faccia, chiede alle lavoratrici madri dei ‘sacrifici’?

CONTINUA


IL SECONDO ( anzi il primo e ben più grave .. )

Festa mamma,1,6mln madri italiane povere

Save the Children:1mln con figlio piccolo non arriva a fine mese

Festa mamma,1,6mln madri italiane povere (ANSA) – ROMA, 4 MAG – Oltre 1,6 milioni di mamme italiane sono povere. L’Afghanistan, invece, e’ quello dove le madri stanno peggio.

Lo rileva Save the Children. Secondo l’11/mo ‘Rapporto sullo Stato delle Madri nel mondo’, la condizione delle madri nel mondo non gode ancora di ottima salute.

Nel nostro paese, ad esempio, oltre 1,6 milioni sono povere e un milione ha un figlio piccolo ed ha serie difficolta’ ad arrivare a fine mese.

Nel rapporto l’Italia si colloca al 17/mo posto su 160.

1.600.000 LEGGASI UNMILIONESEICENTOMILA………………

una enormità !!!

Bene ora veniteci a raccontare dello Stato Sociale , dell’applicazione dell’articolo 3 della Costituzione , delle Pari Opportunità , dei servizi sociali, delle scuole materne, degli asili nido, delle provvidenze alle famiglie mono reddito, delle provvidenze alle famiglie in difficoltà, veniteci a parlare del lavoro che manca, della povertà che avanza, della disperazione che ne  segue …….

………..venite, venite..  Destra, Sinistra e  Centro , venite, venite  …..che vi sputiamo !!

Franca

Annunci

Autore: francacorradini

essere pensante

2 thoughts on “Maternità insultata

  1. nn ho parole la gelminis econdo me si fuma troppe canne!! saro duro ma secondo me questa anche se ha avuto un bimbo non sa cosa vuol dire avere cuor di mamma perchè dentro e cattiva a cuore nero!! ciao

  2. Al solito: l’imperativo del sacrificio è connaturato al genere femminile. Con quanto espresso nell’articolo la ministra Gelmini si rende perfettamente funzionale alla necessità da parte di questo governo e di buona parte della politica italiana di perpetrare quegli schemi concettuali che mantengono le donne in una condizione di sostanziale subalternità alla volontà e allo strapotere degli uomini. Subalternità mascherata da iniziative di falso riconoscimento del loro peso politico e del ruolo nella vita sociale e nella quotidianità, il cui disconoscimento rende le donne ancora più pedine nelle mani degli uomini e del loro potere, al punto da rendersi oggetto di pubblica riprovazione quando dimostrano di non sapere nemmeno distinguere tra diritti acquisiti (almeno tali dovrebbero essere nella coscienza collettiva delle donne!) e privilegi, annullando in questo modo la memoria delle conquiste di precedenti generazioni, raggiunte sì con tanti sacrifici. Alla ministra Gelmini suggerirei, quindi, di sperimentare le innumerevoli difficoltà di vita delle donne “normali”, come lei le chiama, invece di rispondere ossequiosamente ai disegni del sistema attuale, prima che la sua stessa figlia possa rischiare di essere annientata.

    Margherita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...