LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Il Crocifisso

Lascia un commento

Molti  anni fa  ci aveva pensato un grande scrittore cattolico, Gilbert  Keith Chesterton , nell’opera “ La sfera e la croce” . Lo scrittore inglese tratteggia un personaggio convinto che il segno del cristianesimo sia un simbolo di barbarie e irragionevolezza, una mostruosità.

Egli cominciò con il bandire il Crocifisso da casa sua, dal collo della sua donna  e perfino dai quadri.

Poi avrebbe voluto abbattere le croci che si alzavano lungo le strade del suo paese, che era un paese cattolico romano. Finalmente s’arrampicò sopra il campanile di una chiesa, né strappò la croce e l’agitò nell’aria, in un tragico soliloquio sotto le stelle. Una sera, la follia  lo ghermì di botto: s’era fermato, fumando la pipa, di fronte a una lunghissima palizzata.  Egli  credette  di  vedere, come in  un fulmineo cambiamento di scena, la lunga palizzata tramutata in un esercito di croci legate l’uno all’altra…

Tutte le cose che lo circondavano avevano ormai l’aspetto del simbolo maledetto: tutto era ormai fatto di croci. L’indomani  lo trovarono nel fiume….

Si  inizia con lo spezzare la croce, ma si finisce con il distruggere il mondo e odiare se stessi e gli altri.

Nel   mondo   regna il peccato e   l’odio  e non a caso il Cristo crocifisso ha le braccia allargate in un gesto di accoglienza che significa perdono per ogni uomo e di misericordia.

E  qui si può parlare di un significato universale della croce perché è  l’icona della condizione umana.

Ogni  uomo nasce crocifisso. Cattolico,musulmano o laico che sia ci portiamo dentro, inevitabilmente, malattie, peccati, cattiverie, meschinità, limiti e  morte.

La vita sulla terra è Crocifissa. Si tratta di una realtà incontestabile, un’evidenza che possiamo far finta di non vedere, ma che rimane nella carne e nella storia di ogni uomo.

Ci sono soltanto due possibilità per l’uomo. Eliminare da ogni luogo pubblico il Crocifisso oppure guardare la croce in faccia e affrontare il tema del senso della propria  vita. Se scelgo la prima strada, subisco da solo il peso delle avversità.  Le sofferenze morali, il dolore fisico e le malattie. Ma in ogni caso , non riesco a esorcizzare il problema della morte, e anche se non ci interessiamo alla morte sarà la morte a interessarsi a  noi.  Inoltre la croce è la vera bandiera della pace perché il cristo muore in croce perdonando i   suoi carnefici . La via della pace è il perdono e questo è un grande insegnamento umano.

Il cristianesimo è una religione divina perché il fondatore  è Dio , le altre religioni sono tutte religioni umane.  Sono il frutto della ricerca che l’uomo fa di Dio. Il cristianesimo , al  contrario nasce perché è Dio a cercare l’uomo. Sul piano della fede in Dio, invece i musulmani considerano i cristiani inferiori. Non hanno sempre torto, anzi. Se per le strade di una nostra città i musulmani si imbattono in una persona che tiene in mano la corona del rosario pensano che sia un convertito all’islam. Non riescono ad associare la vita quotidiana del cristiano  alla necessità e al dovere della preghiera. Come dar loro torto? Questo , dipende da noi e dalla fede dei cristiani che va di moda definire adulta  e invece è solo debole.

Oggi è importante vivere con le differenze perché le idee possono essere diverse ma i diritti devono essere uguali per tutti.

Quindi ritengo  che ognuno possa affiancare al crocifisso  tutti i simboli che ritiene  opportuno.

Bisogna imparare a convivere  con le nostre fedi e le nostre idee  diverse  e non cercare di azzerare tutte le diversità per raggiungere il nulla e collocarsi fuori dalla realtà.

Manuela  Seriacopi

Annunci

Autore: francacorradini

essere pensante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...