LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Roma, seduti a un tavolino di un bar di piazza Vittorio Emanuele…nasce il colore viola….

3 commenti

foto Ansa

Sembrano passati secoli da quella piovosissima giornata di ottobre in cui, a Roma  seduti intorno a un tavolino di un bar di piazza Vittorio Emanuele si mise ai voti  la decisione del colore da adottare come simbolo della manifestazione  per le dimissioni del Presidente del  Consiglio che si sarebbe tenuta il 5 dicembre.

Io, Francesco Nizzoli, Emanuele De Pascale, Sara De Santis, Maurizio  ( alias Giorgio Rossi ) e Kristel Kaaber incuranti della pioggia passammo una mattinata intera   a cercare di dare forma a quello che sarà ricordato a lungo , senza ombra di dubbio, un evento storico .

Ad onor del vero l’idea del viola era già stata lanciata sulla bacheca della pagina FB non ricordo da chi.

Ricordo che Francesco, mentre raggiungevamo il bar di Piazza Vittorio Emanuele,cercava di perorare la causa con estrema convinzione.

Ricordo che , complice la difficoltà con cui seguivo il gruppo a causa dell’infelice idea di indossare scarpe con i tacchi alti ( che in realtà  la mattina furono una salvezza  per me   dovendo “navigare” nell’acqua torrenziale che accompagnò il mio percorso fino alla stazione  di  Arezzo ), all’inizio fui scettica o quanto meno non totalmente convinta.

Ma ascoltavo Francesco con estrema attenzione.

Francesco mi spiegava che adottare un colore e “spammarlo” in modo virale ovunque avrebbe  aiutato la causa a crescere.

Io ero stata delegata dagli altri  4 blogger con cui il 9 ottobre era partita l’avventura del NBD a materializzare il primo incontro REALE tra  i promotori e gli organizzatori romani.

Dopo tanti ed  entusiasmanti  voli pindarici , iniziammo a concretizzare.

Ed ecco la decisione di adottare un colore che contraddistinguesse il movimento.

Iniziammo per esclusione.

Arrivammo inevitabilmente al viola, unico colore non utilizzato da altri partiti e/o movimenti.

Ricordo che Kristel aggiunse motivazioni alla scelta segnalandoci che il colore viola in alcune culture orientali era il simbolo dell’autodeterminazione.

E viola fu….

E viola è ……

Molte cose sono successe  dopo  quel giorno, anche  discussioni non piacevoli purtroppo  …. ma io conserverò sempre un ricordo molto particolare   ed una certa nostalgia di quell’incontro intorno ad un  tavolino di piazza Vittorio Emanuele….

Franca Corradini


Annunci

Autore: francacorradini

essere pensante

3 thoughts on “Roma, seduti a un tavolino di un bar di piazza Vittorio Emanuele…nasce il colore viola….

  1. In piazza tra i tanti, ad un certo punto mi vedo a fianco un amico che lavora in Confcommercio con la moglie, Segretaria Comunale in due piccoli comuni dell’iterland. Ha una cuffia di lana e una grande sciarpa,ovviamente tutto viola. E’ affettuosamente un po’ ridicola.E mi dice: “ho passato la mia vita ad obbedire tacendo, adesso vado in pensione e ho deciso di voler dire finalmente la mia. D’ora in poi ci sarò anchio e dirò la mia.Ho detto basta”
    Vicino a noi un giovane ha un grande cartello a 2 facce:
    a)Berlusconi utilizzatore finale
    b) Berlusconi bagasseri (cacciatore di bagasse)

  2. E così, Franca, dopo anni di inattività politica, mentre sempre più mi convincevo di essere un sopravvissuto incapace di dare un contributo al necessario cambiamento, arrivano i viola. E riprendo ad essere cittadino. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...