LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Polverini: fra complotti e burocrazia

5 commenti

La lista del PDL nel Lazio è stata esclusa per una “leggerezza da dilettante”. Questi i titoli che scorrono, accompagnati dalle dichiarazioni di Silvio Berlusconi, che poveretto si è trovato vittima di una boicottatura a suo dire, delle liste per le regionali nel Lazio che non sarebbero state consegnate in tempo.

Il ritardo c’è stato, di ben 50 minuti ad opera di Alfredo Milioni, sul quale si vocifera che avrebbe ritardato per proporre nuovi nomi e toglierne qualcuno poco desiderato. Il guaio è fatto e “quer pasticciaccio di via Polverini” rischia di compromettere ancora di più l’equilibrio, già precario, del PDL che ha visto come conseguenza persino uno scontro fra La Russa e Alemanno. Quello che però fa spavento ancora una volta è la conseguenza e le reazioni che sono derivate dalla mancata consegna. Si è riuscito a ricorrere contemporaneamente all’Ufficio Regionale, poi al Tar ed eventualmente al Consiglio di Stato, senza però disdegnare delle azioni civili e penali visto che nessun ufficio poteva, secondo loro, rifiutare la documentazione. Insomma, dietro questa gaffe ci sarebbero complotti burocratici e forzature ufficiose che avrebbero “impedito fisicamente” la consegna delle liste. A fare capo al complotto sarebbe la burocrazia stessa, rimbomba la Polverini, che ha lanciato addirittura a Napolitano l’appello di non uccidere la democrazia in questo modo. Va bene che l’autocritica non è mai stata caratteristica dominante della destra, del PDL, ma che addirittura si faccia ricorso contro le regole è altrettanto imbarazzante. Nessuno pensa al disprezzo di quest’ultime che puntualmente torna a galla quando vi sono mancanze ed errori umani. Soprattutto dopo lo scandalo della Protezione Civile, la burocrazia ostacola e basta, meglio affidarci alla clemenza del Capo dello Stato. Regole e termini dovrebbero essere cambiati per il favore di qualcuno, bisogna anzi interpellare i magistrati. Quei “talebani” che dovrebbero rimediare all’abuso, piuttosto che difendere un diritto. E se la Bonino non si augura leggi ad listam dopo quelle ad personam, la parola complotto rimbomba sempre di più.

La prima forma di questa “cospirazione” è quella di annientare la Polverini perchè “finiana”, visti i rapporti noti fra Fini e Berlusconi. La seconda fa pensare a una vendetta di Storace contro Fini, che non avrebbe inserito nessun suo adepto nella lista. Ma quella più probabile sembra essere anche quella più evidente per il PDL: degli uomini di sinistra hanno impedito fisicamente la consegna delle liste. Magari costruendo dei muri di cemento o mettendo barricate di ferro con transenne speciali. Qualcuno però si dimentica di chi aveva il compito di consegnare questa benedetta lista di nomi. Alfredo Milioni non è nuovo a stravaganze del genere. Il soggetto in questione, come racconta Repubblica, pare essere un tipo distaccato dai suoi uffici ma protagonista di episodi imbarazzanti, giustificati poi come errore d’ufficio, che lo hanno reso abbastanza famoso nel municipio di Roma. Nel 2006 alla vigilia delle Comunali sparì per un giorno intero, spegnendo telefono e lasciando i suoi compagni in giro a raccogliere nuove firme, nel 2004 da assessore al Bilancio allegò all’insaputa di tutti un documento con cui il consiglio del municipio XIX aveva bocciato, l’edificazione del parco vincolato di Casal di Marmo, infine nel 2008 urlò e sbraitò in consiglio “stronzi” contro esponenti del PD. Insomma, il personaggio in questione non sembra essere poi il garante di una missione “eroica” come quella della consegna delle liste, ne tantomeno si perde l’abitudine solita del PDL di infischiarsene delle leggi scomodando magistrati, capi di Stato e tribunali.

Ma d’altronde se è tutto un complotto per loro è lecito infischiarsene, sono polveroni che devono essere risolti

Nicola Sorrentino

Annunci

Autore: francacorradini

essere pensante

5 thoughts on “Polverini: fra complotti e burocrazia

  1. la solita burocrazia dove si annida la sinistra per ostacolare il cambiamento:
    ma vi sembra bello vincere così?
    Vergogna!!!

    • Senti Presidium. Se fossero stati gli altri a presentare le firme in ritardo, non avreste fatto forse lo stesso? Anche peggio.
      La legge, e le regole, non ammettono l’ignoranza.
      E poi, diciamocelo, se non siete nemmeno buoni ad arrivare prima che chiudano gli uffici, vi pare che potete amministrare un a regione?
      Ciao

  2. cretinetti
    ma non vedi come sta ridendo storace: ora dovranno votare tutti la sua lista o una di quelle minori
    e poi “praesidium” si scrive così
    ignorante

  3. io invece non vorrei infilare il dito nella piaga ma basterebbe pensare al fatto che sono fascisti, ex o post
    ed hanno poca dimestichezza con la democrazia.
    Se li facevi partecipare ad una gare di corsa col sacco o allo schiaffo del sopldato
    magari vincevano perchè vanno spesso in palestra
    ma bazzicare la democrazia e le regole…è un’altra cosa!

  4. La tesi del Milioni secondo cui ” sarebbe andato a farsi un panino” non è che regga molto a meno di non ipotizzare un brusco calo glicemico. Come si spiega che avrebbe lasciato metà dell a documentazione, poi sarebbe uscito per il famoso panino con l’altra metà e poi sarebbe rientrato? Non poteva farsi il panino dieci minuti dopo aver assolto gli obblighi?E’ del tutto evidente che aveva scelto deliberatamente di rientrare dopo l’orario obbligatorio poichè a quel punto nessun compagno di partito avrebbe più potuto cambiare ciò che lui aveva modificato e cioè l’elenco dei candidati in cui aveva inserito degli amici e levato altri nomi a lui personalmente sgraditi.Ciò però apre un nuovo ennesimo verminaio: come vengono fatte le liste? Appare ovvio che non i candidati non vengono scelti per le loro capacità, ma per simpatie ed antipatie a capicorrente e che ci sia un vero e proprio mercimonio dei posti in lista che finisce in una lunga ed estenuante trattativa tra capiparanza di stampo mafioso che non fa onore alla democrazia e chiarisce ( se mai ce ne fosse bisogno) perchè l’Italia sia, in generale, così mal amministrata. Però una domanda mi sovviene quasi spontanea: ma chi ha dato l’incarico a Milioni di portare le carte conoscendo i suoi rimarchevoli precedenti?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...