LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Il processo breve è in realtà una lunga amnistia per la casta governativa

28 commenti

Ricevo e pubblico volentieri questo contributo di un nostro commentatore abituale, Alfonso.

Lorenzo68

Processo-breve, condonati 500 mln  di Claudia Fusani dall’Unità.it

Il processo breve approvato oggi non cancellerà solo i dibattimenti ma anche «almeno 500 milioni di euro» che sindaci, parlamentari, ministri e sottosegretari hanno rubato allo Stato truffando e sprecando. Soldi che devono essere restituiti in base alle sentenze della Corte dei Conti. Ma che il ddl 1880 Gasparri-Quagliariello, più noto come «processo breve», nella sua versione corretta e allargata anche ai procedimenti contabili e societari cancella in un colpo solo. Quando ieri pomeriggio l’aula di palazzo Madama ha messo ai voti la norma transitoria che cancella i processi in corso, il senatore Casson (Pd) lo ha detto chiaro: «Siamo arrivati al vero motivo di questa legge, la norma che non serve solo per cancellare ui processi di Berlusconi ma serve anche anche ad un vostro sindaco, ad un vostro ministro e ad altri che non dovranno più risarcire lo Stato di circa 500 milioni di euro».

Ancora più esplicito Gianpaolo D’Alia (Udc) che rivolto ai banchi della Lega avverte: «Una volta passata questa legge non potrete più fare gli sbruffoni in nome della certezza della pena e contro Roma ladrona perchè non approvate non solo un’amnistia ma anche un clamoroso condono contabile che salverà molti vostri amministratori». Mentre le opposizioni prendono la parola in aula, l’agenzia Ansa pubblica l’intervista al procuratore della Corte dei Conti del Lazio Pasquale Iannantuono che fa nomi e cognomi dei possibili beneficiari della norma: il viceministro Roberto Castelli e il sindaco di Milano Letizia Moratti ma anche lo stesso relatore del processo breve, il senatore Giuseppe Valentino, i deputati Iole Santelli e Alfonso Papa, tutti del pdl. E ancora, cinque membri del vecchio Cda Rai in quota centrodestra tra cui l’ex dg Flavio Cattaneo e l’ex ministro dell’Economia Domenico Siniscalco per la nomina di Meocci.

I gregari imitano il Capo. E se il Capo governa approvando leggi su misura, altrettanto fanno i gregari. Inutile stupirsi, quindi, se il relatore al Senato del processo breve Giuseppe Valentino introduce una norma per salvare se stesso dalla Corte dei Conti. E, se lo stesso fa il viceministro Castelli che, membro della Commissione Giustizia, ha aiutato Valentino a buttar giù il testo del maxiemendamento che oltre alla prescrizione penale ha introdotto anche quella contabile e per le società.

_________________________

L’ultima invenzione di “mavalà” Ghedini e del meschineddu Alzano é un meccanismo secondo il quale se la giustizia non fa in tempo a svolger tutti e tre i gradi del processo entro un certo termine suona la campanella del tempo scaduto e il processo decade, le vittime del reato rimangono fregate ed i delinquenti se la cavano.

Tutti gli italiani soffrono della giustizia lenta e vorrebbero veder sbrigate prima le proprie questioni, ma non è introducendo una mannaia temporale utile ai delinquenti che il problema si risolve, bensì mettendo soldi e volontà politica in una riforma della giustizia. Per migliorare la macchine giudiziaria ci vogliono soldi per i cancellieri, per nuovi giudici , per nuove sedi finanche per la carta delle fotocopiatrici; ci vuole un meccanismo virtuoso di autonomia e di collaborazione con le altre istituzioni, non la guerra continua contro le toghe rosse che avvelena il sistema ed insulta migliaia di magistrati che fanno il loro dovere in condizioni oggettive e soggettive di disagio e di scarse risorse.

Il governo degli impuniti invece cerca altro, vuole una amnistia per il  proprio capo e per gli altri servi del capo che hanno rubato i nostri soldi, come si evidenzia nell’articolo.

La norma transitoria, inoltre,  fa valere questo meccanismo, comunque sbagliato ed inopportuno nel concreto della nostra situazione giudiziaria, anche per i processi in corso, compresi quelli riguardanti il fuggitivo Berlusconi.

Del resto sono mesi che fra Lodo Alfano ed altre forme di impunità, il parlamento è bloccato alla ricerca di uno scudo giudiziario per il premier né costoro si vergognano ad ammetterlo. Tutto ciò rende farsesco e palesemente incostituzionale la  trovata degli scudieri del premier.

Mentre le armi di distrazioni di massa si davano da fare per distogliere l’attenzione, nell’ombra del palazzo si è partorita l’ennesima schifezza a tutela di pochi privilegiati e contro tutti gli italiani.

Chissà che invece non si riesca a svegliarli dal letargo della lunga distrazione mediatica , questi italiani,  usando noi uno scudo , un vero scudo che non sia ad personam, ma valido per tutti gli italiani: la Costituzione.

VERGOGNA PER l’approvazione del processo breve che garantisce l’impunità a Berlusconi.

Partecipiamo tutti all’ iniziativa del popolo Viola del prossimo 30 gennaio davanti alla Prefettura di tutte le città d’Italia.

Alfonso

Annunci

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

28 thoughts on “Il processo breve è in realtà una lunga amnistia per la casta governativa

  1. che dice la Lega che mostrò il cappio in parlamento contro i ladri di tangentopoli di questa bella iniziativa ad personam?

  2. dice che siamo noi i visionari
    …sono stati pagati profumatamente con le candidature alle regionali
    ma loro lo fanno per il popolo padano, naturalmente
    detto da bossi padre, sono riusciti a mettere in lista persino “la trota” come definisce il padre il suo rampollo bossino

  3. ma che devono dire questi leghisti?
    NON HANNO più alcun valore da chiedere ed ottenere
    han perso tutto in nome di una alleanza con un matto mafioso che prima o poi li travolgerà
    Ieri ho letto che da qualche parte nella padania ci sono leghisti che si sono già attivati per scoraggiare eventuali profughi haitiani
    in testa han solo paura e soldi…

  4. Un solo dissidente all’interno del PDL…ma è già qualcosa
    qualcuno comincia a vergognarsi

    • Nel gruppo del Pdl, però, è da registrare un dissenso. E’ quello di Enrico Musso, docente universitario di economia applicata, che prende la parola per dichiarare il dissenso dal suo gruppo. “Stiamo commenntendo un errore grave, quello di non ammettere pubblicamente che c’erano due obiettivi, quello della ragionevole durata dei processi e quello che è diventato una sorta di agenda nascosta, la tutela del presidente del Consiglio”.

  5. anche pecorella è contrario
    franca tu che sei nel’organizzazione del nbd
    perchè non facciamo degli appuntamenti
    davanti palazzo grazioli
    e davanti ad Arcore?
    Tipo: “le donne viola non sono a tua disposizione
    ma sono qui per difendere la costituzione”
    se c’é rosellina vorrei anche un suo parere, ci tengo…

  6. C’è già pronto il gruppo facebook, con più di 8.000 iscrittE:

    http://www.facebook.com/group.php?gid=102311687820

  7. il vostro tanto amato Fini, ha detto oggi che le leggi si giudicano una volta passate camera e senato.

    la legge è partita in un modo, in senato è stata molto modificata ed adesso passa alla camera.

    giudicare alla fine è troppo difficile?

    E’ più semplice sparare a zero per partito preso?

    • per partito preso? ma hai letto gli effetti della riforma su processi come quello verso i casalesi, il cui primo grado durò di più di quanto previsto dal tuo governo con questa controriforma?
      E poi secondo te berlusca rinuncerà alla norma transitoria per cui si applica ai suoi processi in corso?
      E se non ci rinuncia, tu come elettore, ti senti con la coscenza a posto?

    • Fini ve lo potete tenere
      è un altro che gioca sulla pelle degli italiani le proprie lotte di potere
      se il processo breve viene usato per costringere fini ed i suoi almeno al legittimo impedimento
      una specie di pistola alla tempia per dopo le elezioni regionali
      non è che ne usciate molto meglio
      faste comunque tutti schifo
      voi delle destre della libertà condizionale

    • Alla fine… sarà tutto finito e ci potrà salvare solo il referendum.
      Ma è durante il le votazioni e l’iter legislativo che si conoscono le intenzioni di chi ha fatto le leggi.

      • delle persone non schierate a prescindere verificherebbero che testo verrà proposto alla camera fatte le negoziazioni, anche con l’opposizione in vista delle riforme e quindi il testo di legge finale.

        Oggi sul Sole era spiegato molto bene, ma qui non si parla di politica ma di tifo da stadio, quello che fate voi a prescindere.

        • senti
          è stata votata un legge al senato
          non si discute di una battuta per strada
          non arrampicarti sugli specchi
          che scivoli e fai ridere
          parliamo per partito preso?
          ma vatti a nascondere e vergognati
          state facendo diventare “comunisti”anche le persone più moderate possibili solo perchè oneste e non succubi del vostro capo

          partito preso? vaglielo a dire a questa ragazza del post https://laconoscenzarendeliberiblog.wordpress.com/2010/01/22/la-storia-di-mia-figlia-che-se-passasse-la-legge-voluta-da-berlusconi-non-avra-mai-giustizia/
          che tanto la legge non passerà perchè ci penserà il vostro “amato Fini”

          e poi se tanto mi da tanto
          berlusconi rinuncerà al processo breve solo in cambio di qualcosa di peggio
          quindi se modificano questa ne approvano un’ altra peggio
          ma non vedi che stiamo tutti qui sempre a parlare dell’ombelico del tuo boss?
          la verità è che voi berluschi avete portato il cervello all’ammasso dei privilegi di berlusconi ma ti scoccia ammetterlo e tenti di metter su
          difese astruse e ridicole come questa che non bisogna parlare del processo breve per chè potrebbe cambiare…
          ammetti che anche tu vuoi che il tuo papi sia diverso dagli altri italiani e sia speciale per la legge, dillo , come fa Bondi ed altri, e falla finita con qeuste difese ridicole…

  8. Pingback: MASADA n° 1074. 22-1-2010. Il processo breve, la resa al crimine « Nuovo Masada

  9. il processo interrotto ( “breve” è solo la furbata mediatica imposta da RAISET , dovremmo cominciare ad essere autonomi e precisi almeno nel linguaggio)
    è talmente incostituzionale che neanche i fidi berluscones più scudieri del re se la sentirebbero di risbattere il muso controla Corte Costituzionale per l’ennesima volta…

    Probabilmetne è anche vero che lo useranno come merce di scambio per qualcosa di più utile al berlusca ( magari tornare alla immunità parlamentare visto che il PD pare già pronto ad accettarla…)
    ma resta un pessimo disegno di legge votato da pessimi senatori soldatini del re che fanno pena…
    per il loro servilismo

    Di palo in frasca:
    Intanto due bambine sono morte nel crollo di una palazzina a Favara, in Sicilia. Prontamente sono arrivati gli ipocriti messaggi di cordoglio da parte del mondo politico, particolarmente ipocriti i messaggi di coloro che hanno deciso di togliere soldi alla salvaguardia del territorio per darli alla mafia con il ponte di messina.
    Una volta la lega prima di vendersi ad arcore diceva le stesse cose sul ponte, ma ora è passata dalla parte della mafia, vedi interessi coincidenti nel fattaccio di Rosarno…
    e fanno ancor più pena i difensori che si arrampicano maldestri:
    ma volete difendere l’indifendibile?

  10. quindi tu attesti che nel nord non cascano la case per alluvioni frane ecc. come al sud?

    • cascano eccome, ma le case popolari le assegnano, non le tengono 11 anni a marcire.

      E se la magistratura ha aperto una inchiesta, forse qualcosa di chiaro non c’è, non trovi?

  11. Ma non dargli retta né spago, non vedi che parla per partito preso?
    uno che difende il processo interrotto
    è solo uno dei tanti scudieri del papiscemo
    non serve a nulla parlarci

    • io non sono scudiero di nessuno, sei tu che sei privo di argomenti ma parli solo per slogan. Già il tuo amico Alfonso ha fatto una figuraccia, visto che il processo breve nulla ha a che fare con il post della ragazza vittima dei medici, poi oggi la magistratura ha aperto una inchiesta sul perchè le case da 11 anni costruite non siano mai state assegnate.

      Sono scudieri anche loro?

      Ritardato.

      • Se itu che dici che al nord non succede.
        Io sono toscano ma ho amici a Milano che mi hanno già detto che succede anche là (o anche quello è sud) di non assegnare case popolari.

        E comunque la figuraccia per ora l’hai fatta solo tu (vatti a rileggere qualche commento e prova a scendere tra noi comuni mortali, và!) che sei sparito senza rispondere (come al solito) quando gli altri ti facevano notare i tuoi errori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...