LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

In tutta Italia il 30 gennaio sit-in davanti alle Prefetture in difesa della Costituzione

7 commenti

20068_272760996487_269308481487_4965915_2972449_nDi fronte all’ennesimo tentativo di saccheggiare la Costituzione, che si concretizza principalmente nelle manovre del Governo per garantire impunità a Berlusconi (a partire dal nuovo Lodo Alfano) e nei proclami irresponsabili di qualche ministro che chiede addirittura la cancellazione dell’Art. 1 (L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro…), abbiamo soltanto due strade: o assistere passivamente al delirio distruttivo dell’establishment berlusconiano o reagire con la prontezza e la determinazione democratica che la situazione richiede. Noi scegliamo la seconda.
La Costituzione della Repubblica Italiana nata dalla Resistenza antifascista rimane, ad oltre 60 anni dalla sua emanazione, il principale strumento di garanzia del patto di convivenza civile di una società che fonda le proprie basi sul principio di uguaglianza tra i cittadini e l’anticorpo più efficace contro il rischio di nuove derive autoritarie.
E’ per questo che ad ogni cittadino democratico compete difenderla. Noi siamo tra questi.

Invitiamo i cittadini e le forze democratiche del Paese ad organizzare sabato 30 gennaio, contemporaneamente in tutte le città italiane,sotto le Prefetture,  sit-in in difesa della Costituzione.

Promuovono Comitato 30 gennaio – pagina del Popolo Viola

La nostra mail: comitato30gennaio@hotmail.it

Info: 347-1657207 (Daniel)

Annunci

Autore: francacorradini

essere pensante

7 thoughts on “In tutta Italia il 30 gennaio sit-in davanti alle Prefetture in difesa della Costituzione

  1. basta con l’effetto narcotico del dopo attentato
    vota il popolo viola http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=49e51851f22bf3b9 che distrugge la “melassa dell’amore” e riprende la lotta a difesa della costituzione.
    Tutti in piazza!

  2. lasciate un posto…due posti a Bersani e Dalema e forse verrà anche Rutellino
    stanno preparando i cartelli:

    Silvio per favore
    adesso tocca un pò a noi
    intanto silvio si sta riducendo le tasse, l’autoriduzione come nel ’68

  3. in effetti non pare che l’opposizione si sia risvegliata ancora dal trauma della statuina
    mentre il bugiardo di arcore ha ripreso velocemente la sua politica rivolta a distrarre tutti con le bugie sulle tasse e le aliquote mente i suoi tentano di far passare ben 4 leggine ad personam, tanto per non rischiare…

  4. siamo pronti a ricominciare
    ma perchè non una manifestazione unica ?

  5. c’é qualcuno di voi che sa spiegarmi cosa accade al pd?
    che tipo di sonnifero si sono somministrati?
    delle volte a pensar male si fa peccato ma ci si piglia…
    da quando d’alema e bersani hanno ripreso in mano il partito…

  6. POPOLO VIOLA (HOMO LIBERTUS LIBERTUS)
    La Costituzione Italiana è totalmente o talmente satisfattiva del benessere sociale del singolo individuo, ma così tanto, che a costui, non necessita più aggregarsi in lobby, gruppi o partiti, onde ottenere una forza numerica di contrapposizione da opporsi ad alcunchè. Il singolo, definito Cittadino, è per sua natura detentore di tutti i Diritti inviolabili dell’uomo universalmente riconosciuti. Prima della sua entrata in vigore (1° gennaio ’48), nella fase storica della moderna emancipazione, durata secoli, i precari equilibri momentanei, sono state conquiste, frutto di battaglie e rivoluzioni cruente. La fase storica antica, dell’emancipazione, è durate millenni, dalla Magna Grecia, che per prima ha introdotta la democrazia contrapposta alla monarchia, come forma di governo delle Citta-Stato,. L’homo Libertus di allora, dovette, pochi e sparuti, aggregarsi in gruppo, per sovvertire l’ordine precostituito, tirannico, per opporsi in forze alla mancanza del più elementare diritto umano, o all’abuso perseverante. Ecco la sola ragione, che trova origini storiche, della presenza di gruppi, fazioni o partiti, pure segrete come Carboneria e Massoneria, che a tanto sono servite, oggi vietate espressamente dalla Costituzione perché non hanno più senso di esistere, in quanto lo scopo è raggiunto. L’esistenza di una Costituzione panacea di tutti i mali storici, rende non solo obsoleti ed inutili i partiti ma li marchia come malefici ed istiganti a compattare le file dei figli bastardi della Repubblica, disgregatori e tuttora detentori di abusato patrimonio e potere.
    Definirsi Comunisti, Destra, Socialisti, Democristiani, o Sinistra, nonostante l’incipit statuito dai nostri magnifici Padri Costituenti, ne riporto alcuni, come Togliatti, Gramsci, Calamandrei, Dossetti, La Pira, De Gasperi, così come tutti gli altri, significa essere ancora a quel livello di barbarie, antecedente la Carta, e non essere avanzati neppure di un millimetro. Colpa grave, non avere compreso ed assodato, dai rimandi ragionati, l’arcano costituente, che chiude il cerchio intorno all’Homo Libertus Libertus. Detto ciò, qualsiasi Italiano non permeato di Costituzione anche solo per ragioni di incolpevole ignoranza, la cui colpa è da imputarsi totalmente allo Stato, parola in Italia omonima di Partiti, che lo hanno immedesimato negli ultimi 60 anni in tutte le sue espressioni, è un indegno figlio della Repubblica, ovvero con parole mie, da tribuno, un “figlio bastardo della Repubblica”. Lamberto Roberti

  7. Pingback: Il processo breve è in realtà una lunga amnistia per la casta governativa « LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...