LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

La mia verità sul No Berlusconi Day e perchè niente sarà più come prima dopo il 5 dicembre 2009

56 commenti

Come è stato possibile che poche persone su Facebook abbiano creato questo ambaradan che ormai detta l’agenda politica del paese?

Quale è la forza vera , forse ancora sconosciuta , del web che cambia lo stesso concetto di partecipazione popolare, che modifica le relazioni umane quantitativamente e qualitativamente in modo tale che presumibilmente nulla sarà come prima dopo il 5 dicembre 2009?

Io non sono in grado di rispondere a queste domande in modo esauriente, posso solo raccontarvi come la sottoscritta , mezza schiappa del web, abbia avuto la fortuna di star vicino a questa storia, di sentirne l’odore attraverso la sua amicizia e la sua disinteressata collaborazione con Franca Corradini.

Franca Corradini lavora ad Arezzo, è una direttrice amministrativa combattiva che ha sempre lottato per la trasparenza amministrativa nella scuola. Ha condotto battaglie interne ed esterne sul web contro la corruzione e le sacche di malversazione, spesso da sola ma mai veramente isolata . Perchè aveva ed ha un alleato forte, il web.

Lei ha quasi sempre messo la sua faccia ed il suo nome, talvolta è stata costretta ad utilizzare dei nick nei momenti più delicati (  uno dei quali mi pare fosse Robin ) quando solo il web è stato suo amico centuplicando il suo messaggio nelle mille voci che si disperdono in mille rivoli dappertutto e con ciò garantendole la necessaria pubblicità, garanzia per se stessa e le proprie battaglie.

La conosco ormai da un paio  d’anni , ma dico subito  – e così scandisco immediatamente uno dei temi del post – che il concetto di tempo nel web è molto relativo. Conoscersi sul web crea una complessità di rapporti ed una profondità di scambi che fa sì di ottenere in pochi mesi una reciproca conoscenza di livello tale che nella vita cosiddetta reale si raggiunge con almeno il  triplo del tempo.

Posso dire che Franca  è una donna tosta in concreto, nei fatti. Io ho la prova provata di quel che dico.

Lei non ha mai avuto paura di iniziare battaglie anche da sola come ho detto perchè  ” sola” nel web non lo sei mai;  nel senso di isolata, intendo, specie una come lei  che sa utilizzare il web in questo modo.  Mi ha sempre detto dell’importanza di internet ed io spesso non le credevo ma ha smentito ogni mia prudenza o riluttanza. Prima organizzando da sola una serie di battaglie che l’hanno resa famosa nel suo ambiente, la scuola, vero punto di rifermento nel tempo per molti.

Poi organizzando insieme a San Precario il NO GELMINI DAY e mobilitando tutta italia : annuncio il 1 settembre sul blog  a scuola di  BUGIE ed il il 5 successivo la mobilitazione con grande successo.

Matura poi nel tempo,  in particolare dopo la sentenza sul Lodo Alfano, l’idea del NBD  a tre mesi esatti di distanza dal No Gelmini Day

Erano pochi , fra gli altri San Precario, come dicevo, che  si  definisce “  un tizio che nessuno conosce e che, vi garantisco, è un cittadino comune che lavora, rispetta le regole e le leggi e che è mosso dal desiderio di vivere in un Paese normale “

E poi oltre alla coppia già sperimentata nella giornata contro la Gelmini c’erano e ci sono tutt’ora  altri  eroi del web come Giuseppe Grisorio, Franz Mannino, Zio Elio, Tony Troja e il gruppo Freek

Ma come si è passati da una idea semiclandestina che i primi tempi provocava sorrisi ironici e fastidi espliciti a quella che sarà sicuramente una giornata di svolta epocale per la stessa idea di partecipazione politica in Italia?

Questo è quel che dice San Precario che  la vede così “  come una straordinaria esperienza, come le pratiche innovative che ci hanno consentito di costruire questo percorso e che ci porteranno alla manifestazione del 5 dicembre; una manifestazione che, a mio avviso, avrà effetti importanti nel quadro politico e che sarà, per livello di partecipazione e di contenuti, tra le più importanti della storia della Repubblica

Io non sono in grado di spiegare l’alchimia magica che sottende a questi miracolosi eventi ma so bene che c’é una ragione,  c’é qualcosa di sommamente giusto e razionale in tutto ciò.

Pensiamo in concreto alle forme della partecipazione politica, utilizzando come esempio gli aspetti logistici ed organizzativi.

Chi ha fatto politica sa l’importanza di permettere alla gente di ritrovarsi, mettere a disposizione risorse economiche e logistiche solide, collaudate e durature.

Questo è proprio il compito che la costituzione italiana affida ai partiti politici : l’articolo 49, secondo il quale tutti i cittadini hanno il diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere “con metodo democratico” a determinare la politica nazionale.

Non è questa la sede adatta per discettare del metodo democratico e del perché per ragioni storiche –   talvolta giustificate altre volte un pò meno –  molti partiti   hanno spesso rifiutato nel corso degli anni di compiere fino in fondo il passo verso l’associazione riconosciuta, anche se si può tranquillamente affermare che lo scopo fosse quello di non esser sottoposti al controllo dello stato.

Se poteva esser giustificabile tale atteggiamento nel PCI antisistema degli anni ’50 certo non lo era successivamente né per quel partito né per tutti gli altri perchè quello che era considerato un illegittimo controllo politico in realtà era e nel tempo sicuramente sarebbe stato per tutti  solo ed esclusivamente un controllo a garanzia della democrazia interna, verificando in sostanza la compatibilità democratica degli statuti. E qui il riferimento è invece al partito azienda di Berlusconi.

Dico questo per ricordare ogni aspetto – anche quelli negativi – del  partito come mezzo, come filtro politico tra lo stato ed il cittadino, un filtro che comunque ha funzionato nel tempo proprio con questo scopo : organizzare la partecipazione politica. Questo è quello che facevano una volta i partiti specialmente a sinistra connotandosi poi loro stessi per la partecipazione popolare alle scelte , alle lotte. Unire studenti ed operai , intellettuali e braccianti agricoli in unico idem sentire fu una delle caratteristiche  principali delle stagioni di lotta ormai lontane nel tempo.

Oggi non c’e’ più , anzi da tempo manca questa  funzione, le  sedi dei partiti  sono vuote e  si riempiono solo in vista di elezioni. Come sempre quando c’e’ un vuoto politico per una legge fisica quel vuoto viene immediatamente riempito da altri. Ed andiamo alle dolenti note del berlusconismo, ma qui ci fermiamo, perchè il punto é che quel vuoto non può nè deve a tutti i costi esser riempito come lo è stato fino ad oggi.

C’é anche altro che può riempirlo questo vuoto, un mezzo neutro non un contenuto patologico.

Questi altri è il web e ciò è facilitato dalla natura stessa intrinseca del mezzo.

Difatti quella attività di filtro e di agevolazione alla partecipazione avviene sul web in pochi microsecondi, in maniera piena e consapevole, con modalità chiare e estremamente diffuse .

Basta scorrere le pagine locali su Facebook dedicate al «No Berlusconi Day» per rendersi conto di come prende forma una manifestazione dal basso: trovare le persone necessarie per riempire un pullman è un gioco da ragazzi, così come non è più un problema cercare la persona giusta per svolgere questo o quel lavoro. Qualcuno ha bisogno di disegnare un banner, lo scrive in bacheca e in un baleno arriva il grafico. Lo stesso accade per trovare le persone per scegliere la società dai prezzi più convenienti, o la tipografia a cui far stampare i volantini. Saltano le mediazioni, cambia il peso del tempo e dello spazio nelle relazioni ( da http://unita.it/news/italia/91340/cos_nasce_una_protesta_dal_basso.)

Da tempo ormai internet permette di svolgere questa funzione con grande efficienza e funzionalità. La buona volontà, la velocità di ideazione ed esecuzione, la capillarità della diffusione delle informazioni, sono aspetti che  rendono superabile ogni ostacolo , anche quello talvolta fastidioso e misterioso dell’anonimato.

Perchè si crea un lavoro che é in fieri, sicché work in progress  diventa tale da selezionare di per sè i compiti e le aspettative , da specificare e professionalizzare il metodo prima ancora dei protagonisti. Ed in ultimo anche questi, rendendo l’anonimato di alcuni  non più un ostacolo ma talvolta addirittura una risorsa, uno degli ultimi terreni adatti al frutto anarchico, uno sberleffo , professionale e quindi inattaccabile, alla autorità costituita.

Mi fermo qui perchè sono una mezza schiappa del web ma sento fortemente che nulla dopo il 5 dicembre 2009 sarà come prima.

Rosellina

Annunci

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

56 thoughts on “La mia verità sul No Berlusconi Day e perchè niente sarà più come prima dopo il 5 dicembre 2009

  1. il post è piuttosto interessante ma vorrei conoiscere qualche cosa in più sugli obiettivi politici della manifestazione
    i cui contorni mi sembrano ancora un pò sfumati

  2. l’ho messo anche su ok notizie per chi fosse interessato c’é qualcun altro che espone gli stessi dubbi nei commenti http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=296508f991cc70e1

  3. anch’io come l’autore del post credo che la forza del web sia ancora misteriosa e tutta da scoprire.
    Rimango ancora stupito su alcuni particolari, i soldi, per esempio: come hanno fatto ” gli eroi del web” a trovare e gestire tutti quei soldi che servono per un manifestazione così grande . Intendo viaggi musicisti ecc. ecc.
    Ritengo comunque che le manifestazioni di piazza appartengano al neolitico ed aspetto le elezioni regionali per dare una lezione al cavaliere. A questo proposito non saprei ancora chi votare per contrastarlo, certamente nessuno di coloro che lo hanno aiutato i questi anni, nè Casini nè Fini nè Bossi per capirci…

  4. ci voleva il web per fare una cosa assolutamente originale e mai fatta prima: una manifestazione contro Berlusconi

  5. Beh, il web è già stato determinante per l’elezione di Obama. Non per essere pessimista, ma vedrete che tra poco i politici nostrani ci metteranno gli occhi addosso. Spero che non ci mettano addosso anche le mani…

    Detto questo, su Franca sono d’accordo. E’ una persona con la schiena diritta. A volte un po’ intemperante sul piano verbale ma mai scorretta(ho avuto una storica “scazzottata” con lei, a suo tempo, lo so bene, ma anche allora mi è parsa in perfetta buona fede).
    Per questo non ho mai dubitato del fatto che avesse genuinamente cambiato idea, trasformandosi in antiberlusconiana convinta.

    Era da un po’ che volevo dirglielo,e ringrazio Rosellina di avermene dato l’opportunità.

    • I politici “Metteranno gli occhi addosso”, ma non ne hanno le capacità e soprattutto non hanno l’intelligenza e lungimiranza politica …..
      ( PER FORTUNA NOSTRA )

      altrimenti lo avrebbero già fatto

  6. io vi sarò vicino con il pensiero ma faccio una richiesta, se possibile non sventolate bandiere di nessun genere, mi piacerebbe vedere tanta gente in piazza con striscioni che contestano ma non vorrei vedere bandiere di nessun colore proprio per evitare che venga riconosciuta come una manifestazione di partito o sindacato piuttosto che una manifestazione nata dal popolo per la sua rabbia e insoddisfazione.

  7. il V DAY è stato un evento del web, tanto clamore, zero tituli come direbbe qualcuno…

    è legittimo che Franca manifesti il suo pensiero, ma da qui a pensare che cambi qualcosa, ne passa.

    • Marco, qualcosa è già cambiato
      abbiamo smosso l’acqua stagnante della politica italiana….

      e uno..

      • scusa Franca, ma cosa hai smosso?

        i politici hanno smesso di rubare?

        i magistrati hanno smesso di fare politica?

        bersani ha detto qualcosa di sinistra?

        anche grillo ha alzato un polverone, poi tutto dimenticato.

        la politica si cambia facendosi eleggere e dal di dentro, dalle piazze l’hanno cambiata Hitler, Lenin e Mussolini ma eravamo in un altro secolo.

        • ma come puoi non vedere quel che tutti vedono?
          La tua mi sembra una presa di posizione poco obiettiva, per non dir di peggio:
          – sono giorni che a sinistra litigano per partecipare o meno al nbd
          – a destra stanno verificando se lanciare una contromanifestazione
          – in politica l’aspetto dei media conta eccome, berlusconi ci ha costruito tutto, e mediaticamente il nbd è esploso
          – siamo ancora a diversi mesi dalle elezioni e seguendo il tuo discorso fra una elezione e l’altra la politica non esisterebbe: il consenso si costruisce pian piano
          – mancano ancora molti giorni al 5 dicembre …altro che zeru tituli
          zeru tituli a questo governo che prima parla di sicurezza e poi la manda in malora
          lo sai anche tu immagino che senza le intercettazioni non avremmo preso Raccuglia, il numero due della mafia e Maroni si gloria di cose che non gli appartengono perchè sono stati proprio
          quei “panzoni” di poliziotti e quei giudici toghe rosse ed assassini che con pochi mezzi e NONOSTANTE questo governo che si occupa solo del premier e dei suoi problemi
          si danno da fare ed ottengono risultati tutti i giorni
          zeru tituli a te che rosichi per motivi personali delle iniziative altrui
          lo capisco ma cerca di sforzarti ed ammetti la realtà
          altrimenti diventi solo un tifoso, un ultras che dice sempre le stesse cose
          mentre il mondo cambia

          • ma tu pensi davvero che questa manifestazione rimanga “della rete”?

            E che non sia strumentalizzata?

            Ho letto l’uso che fa Di Pietro dell’evento, usandolo per scippare voti a Bersani.

            E questo è utile alla “vostra causa”?

            Rinforzare l’Italia dei Valori Immobiliari?

            Io ho sempre, fin dall’inizio e quindi non accusarmi di fare il tifoso, detto che questa manifestazione era legittima ma inutile.

            Tutte le manifestazioni, secondo me, sono inutili.

            Ha cambiato qualcosa l’adunata di 1 MLN di persone di Veltroni a Roma?

            Il Gay Pride rende la gente meno omofoba?

            La piazza ha cambiato la politica nel 900, non certo oggi.

            Oggi la politica la cambi, se vuoi, solo dall’interno facendo politica attiva ed avendo le leve del potere.

            Il risultato del No Berlusconi Day sarà portare voti all’IDV togliendone al PD, e quindi avere un pagliaccio come Di Pietro ancora più forte.

            E chiaramente questo fa sponda al governo, che avendo come controparte uno che urla, andrà avanti a decreti legge.

            Franca sta facendo una battaglia da idealista quale è, e già sul carro sono saltati i soliti marpioni pronti a sfruttare il ritorno mediatico gratuito che Franca gli sta dando.

            Altro che accusare me di rosicare, apri gli occhi.

            Il mondo non si cambia dal basso, Obama è un bluff che sta già saltando adesso, il mondo si cambia con estremo pragmatismo e concretezza, Macchiavelli lo diceva secoli fa.

            E per favore, visto che sono sempre stato coerente su questo evento, evita di accusarmi di rosicare o minchiate simili, io apprezzo gli sforzi di Franca ma li ritengo inutili.

            Volete fare qualcosa di serio, entrate nel PD e cambiatelo dall’interno, quello è un modo serio di fare politica attiva ed ottenere cambiamenti, essendo dentro e tirando le leve del potere.

            E detto da me che voto Lega, è detto tutto.

            • Dici alcune cose molto giuste, ma… G.W.Bush e Berlusconi sarebbero esempi di estremo pragmatismo e concretezza?
              Per gli affari loro sì. Ma come governanti, beh… lasciamo andare.

              • Bush è un idiota, ma Obama che salva le banche americane usando il debito pubblico e NON CAMBIA un singolo dirigente, nè direttore generale nè amministratore delegato di NESSUNA BANCA, e lascia che prendano benefit milionari sulla crisi, è peggio di Bush.

                Non è il massimo quando uno è peggio di un altro, ma puntare sulla sanità pubblica e lasciare INALTERATO il sistema di Wall Street che ha causato la crisi mondiale, non me lo rendono questo gran governante…

        • ho detto … uno.. li abbiamo svegliati dal torpore…
          E’ la prima volta nella storia italiana che è la base ad autoconvocarsi.

          Grillo ha aderito al nostro evento.
          Di Pietro idem
          Dario Fo idem

          ma la nascita del NBD è assolutamente una nascita dal basso.

      • nessuna cosa cambia se non ci si crede intensamente!Ho
        67 anni e grossi problemi di salute in famiglia.Ma salvo imprevvisti ci sarò.E credo che sarà un torrente
        impetuoso dalla forza inarrestabile.Salvatore

  8. VI RACCONTO UN ANEDOTTO

    Stamani ero invitata ad una diretta radio a rappresentare NBD

    Gli altri due ospiti erano : Sonia Alfanoi IDV e Straguadagno organizzatore del SI Berlusconi day…

    .lui ad un certo punto continua a menarla sugli elettori, la volontà degli elettori ecc.

    ed io .. ho una brutta notizia per lei.. tra noi ci sono anche gli elettori del PDL..
    e lui : come fa a saperlo?

    lo so perchè io ho votato berlusconi …..e sono nel comitato promotore del NBD, ergo….

  9. ora sono io che sfotto te, rosellina…
    che ci fa una come te su tocqueville?

  10. guardate un pò qui……come è popolare il nano anche tra i suoi ..
    è un sito del PDL

    http://www.clubdellaliberta.it/index.php?pagina=sondaggio&sondaggio=8

    😀 😀 😀

  11. Giovedì sera siamo ad Annozero

  12. Franca bellissimo questo aricolo di Rosellina, che ho letto anche sul suo blog Bellaciao … SEI UNA GRANDE!

    Sul serio Anno zero? 😉

  13. DOMANI SERA MI POTETE SENTIRE IN DIRETTA SU QUESTA RADIO DALLE 21,15 IN POI

    http://www.facebook.com/event.php?eid=222644645936&ref=mf

  14. … rendendo l’anonimato di alcuni non più un ostacolo ma talvolta addirittura una risorsa, uno degli ultimi terreni adatti al frutto anarchico, uno sberleffo , professionale e quindi inattaccabile, alla autorità costituita.

    Bellissimo post concluso in modo poetico
    sei grande!!!

  15. Pingback: MASADA n° 1035. 19-11-2009. La conoscenza rende liberi « Nuovo Masada

  16. Scusatemi se sfrutto questo articolo (che mi è piaciuto molto) per chiedere una cosa a Franca Corradini o a chiunque altro sia nel comitato promotore del NBD.
    Ho letto su alcuni giornali che l’IDV avrebbe imposto la presenza di Di Pietro per un discorso; siccome sono un suo elettore (ma non un tifoso) vorrei sapere se è vero.

    E vorrei anche dire a Marco Panattoni che sul blog di Di Pietro c’è bello chiaro e tondo che lui non è un promotore del NBD e si è solo UNITO alla manifestazione. Solo alcuni giornali dicono che lui sia il promotore (insieme ai “comunisti”) perchè, probabilmente, hanno piacere a mettere un pò di zizzania tra coloro che partecipano al NBD.

    E per quanto riguarda il “buffone”: non sò come si possa chiamare lui così con al governo personaggi del calibro di Berlusconi, La Russa e Bossi.
    Questione di gusti, probabilmente.

    • Ciao Gronchif
      posso dirti con certezza che non è vero.
      Sul palco saliranno solo cittadini normali.
      Niente politici , niente autorità.
      Posso dirti anche , che non è mai stato chiesto niente del genere.

      Di Pietro ha chiesto scusa del possibile equivoco della sua prima dichiarazione ed ha più volte ribadito che la manifestazione nasce dalla rete.

  17. STASERA ALLORA SIAMO AD ANNO ZERO , CONFERMO.
    Ci rappresenta Giuseppe Grisorio.

    http://noberlusconiday.wordpress.com/2009/11/19/il-griso-portavoce-di-nbd-stasera-a-anno-zero/

  18. Franca,

    ho visto il cameo ad Annozero.

    ed esprimo la mia personale opinione.

    il tizio che hai mandato era troppo supponente, con quell’aria di sfida a tutto ed a tutti ed anche Santoro lo ha liquidato velocemente.

    Sul contenuto politico, quando ha detto che chiedete le dimissioni del Silvio, Santoro ha detto “una cosa da poco” ed il pubblico HA RISO.

    La Bindi, molto più concretamente, ha detto che verrà all’evento perchè a lei fa piacere l’odio verso il Silvio, ma che lei si augura di batterlo alle prossime elezioni.

    Santoro vi ha dato un piccolo cameo, che è stato presentato male dal tuo inviato e sull’effetto reale della manifestazione, le risate in studio ad ANNOZERO all’idea che il Silvio si possa dimettere per la piazza o questo cambiare qualcosa, da gente che come voi odia il Silvio, ti hanno già risposto.

    La politica si fa dall’interno, come la Bindi, ed è dall’interno che si cambiano le cose.

    Vuoi cambiare qualcosa?

    Usa la notorietà che ti darà questo evento per entrare in politica e cambiare le cose dall’interno.

    • Egregio PANATTONI
      non è più l’era dei banchi di scuola .Internet è un
      crogiuolo inimaginabile di multiformi esperienze è sarà qui dove si formeranno le opinioni nel futuro .
      Il ruolo dei partiti è finito o quasi.Avranno un senso
      solamente per selezionare una classe dirigente con la
      speranza che riescano a farlo bene.I partiti non sono
      ancora disposti a comprederlo perchè hanno ancora una
      pesante ancora al passato.Ma l’opinione libera sarà
      nella rete che permette di cogliere gli inumerevoli
      stimoli provenienti dalle più disparate esperienze
      umane.La strada delle giovani generazioni sarà questa.
      Voglia gradire i saluti di un indomabile vecchio.
      Salvatore FONTANA

      • in italia usa Internet il 5% della popolazione, il restante 95% vota senza usarlo.

        quindi quello che dice lei sarà forse così tra 30 anni, certamente non oggi, visto che il quotidiano italiano più letto è LA GAZZETTA DELLO SPORT.

        veda lei.

    • Ciao Marco
      la Bindi è stata davvero brava concordo.

    • Secondo me le risate erano dovute a ben altro, come pure la battuta di Santoro. Per la serie: “SSeeee…. figurati se quello lì lascia il cadreghino, proprio adesso che deve aggiustarsi i processi!”

      • concordo con dati e fatti
        per altro verso la inadeguatezza del ragazzo che ha rappresentato il nbd da Santoro è assolutamente fisiologica
        da sempre i movimenti nascono pieni di dielttantismo e velleitarismo
        ma trascinano, quando sono reali, i partiti su posizioni più avanzate
        basta analizzare la storia della sinistra in italia
        solo per rimanere dentro i nostri confini

  19. franca sei brava in radio e tv ma
    ti prego parla con meno rapidità
    e scandisci un pò di più
    le parole

  20. L’affermazione di Marco su quel 5% di persone che in Italia navigano su Internet. Mi ha incuriosito. Così ho dato un’occhiata in giro, e qui (http://www.gandalf.it/mercante/merca83.htm#heading01) ho trovato una tabella, secondo la quale i navigatori nel ns Paese sono poco più di 20 milioni, il che corrisponde a un terzo della popolazione italiana totale (33%)

  21. Questo qua su sta fuori come un balcone, forse legge i dati istat di 20 anni fa.
    Censis: italiani pazzi di Internet
    Gli utenti della Tv arrivano a quota 97,8% della popolazione, il cellulare sale all’85%, la radio all’81,2% (in particolare, l’ascolto della radio dal lettore mp3 e’ tipico del 46,7% dei giovani tra 14 e 29 anni), i giornali al 64,2%, i libri al 56,5%, Internet al 47%.

  22. … rendendo l’anonimato di alcuni non più un ostacolo ma talvolta addirittura una risorsa, uno degli ultimi terreni adatti al frutto anarchico, uno sberleffo , professionale e quindi inattaccabile, alla autorità costituita.

    Ricordiamoci che siamo sempre in una società con potere legislativo, esecutivo, e giudiziario..facile fare gli eroi dal web..vorrei sapere chi è quel cretino che ha prestato il suo nome per questo evento.
    Un partito?

  23. COMPLIMENTI UNA REPLICA COSTRUITA AD HOC , MA FALSA FIN DALLA PRIMA PAROLA… SAN PRECARIO E’ ANCHE STAO TOOLTO DA INTERNET PER INDAGINI IN CORSO CHE LO RIGUARDAVANO, BELLE LE PAROLE FALSE

  24. Se vogliamo riconquistare un pò di dignità sulla scena
    della opinione pubblica mondiale e per il rafforzamento di quella parte individuale che ci appartiene a titolo personale come cittadini,la prima
    cosa da fare:CACCIARE BERLUSCONI dalla nostra rappresentanza politica(come Italiani).
    W NO BERLUSCONI DAY

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...