LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Un barlume di luce dalle piazze rischiara infime manovre di palazzo per far fuori il maiale malato…

15 commenti

“La crisi che non c’e'” dicono i ministri del governo. Viviamo in un paese con pil a meno cinque-meno sei. La crisi economica è stata negata per un anno e mezzo. Poi è divenuta sorpassata. A settembre ci sarà la ripresa. Un pò tutti ci dicono che sarà un autunno duro per l’occupazione. Forse sposteranno la fine della crisi a gennaio….

Viviamo in un paese in cui cresceva il ricorso record e massiccio alla cassa integrazione. Eppure la crisi non esisteva. Viviamo in un paese in cui sono stati cancellati mediaticamente i licenziamenti, i precari. Le morti bianche scomparse dai giornali. E’ tutto fiabesco, tutto bellissimo. Chi prova a rovinare la fiaba è automaticamente un disfattista. Magari passibile di denuncia. L’elenco di chi ha cercato di raccontare il paese vero, quello che fatica ormai ad arrivare alla seconda settimana non è breve.femminista1

In questo paese deve essere rappresentata la fiaba del Mulino Bianco. Peccato che la realtà sia così distante, sideralmente distante dalla fiaba che ci raccontano.

Il dato del PLI è il peggiore dal 1980, anno in anno in cui è cominciata la rilevazione statistica.

Gli effetti nefasti della crisi economica hanno maggiormente colpito le fasce più deboli della popolazione, a partire dalle famiglie a reddito fisso che, a seguito della perdita del posto di lavoro, o della cassa integrazione, hanno perso potere d’acquisto e quegli introiti fondamentali per poter andare avanti.

La conseguenza di tutto ciò è che in Italia i consumi lo scorso anno sono scesi dell’1%, ma per quest’anno, secondo quanto sostiene la Federconsumatori, le attese parlano di una contrazione dei consumi del 2,5-3% con ulteriori ripercussioni negative che il nostro Paese rischia di trascinarsi anche per l’anno 2010.
«Ci stiamo giocando il sistema produttivo ed economico». Queste sono le parole del Presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia,che avendo il polso della situazione reale ( la protesta operaia dai primi di agosto si è estesa in tutta italia anche perché stanno chiudendo o hanno già chiuso 400 aziende mediograndi) ha pensato bene di intrupparsi recentemente con Epifani per tentare di ammorbidirlo in vista dell’autunno caldo.

Ma cara confindustria se é per quello che ti muovi avresti dovuto incontrare altri non la CGIL che da molti anni  quel che fa é soprattutto accodarsi alle proteste spontanee i corso, dopo averle sconsigliate…

Nelle realtà vera, dai primi di agosto ad oggi la protesta operaia si è estesa in tutta italia, spesso in forme nuove  e comunque sottraendosi al controllo delle caste sindacali di regime e proponendo nuove e fantasiose forme di lotta di base ( basti pensare ai precari della scuola o all’esempio positivo della lotta degli operai della INNSE e di altri che ne hanno raccolto il testimone).

Il Governo ? E’ presente dappertutto meno che in economia dove non ha fatto né intende fare nulla : Tremonti e Brunetta nervosamente ripetono che é tuttto un incubo e che ci sveglieremo meglio di prima…

operaioin lottaIntanto sono tutti occupati con manovre e trappole di regime per far cadere il vecchio maiale malato ed ormai imbarazzante.

Dico sinceramente che non  me ne può fregare di meno se questo vecchio deficiente cadrà per essere inciampato su qualche pillola di viagra o per il ricatto di qualche mignotta.

Non me ne frega nulla se Casini, Fini, Rutelli e Montezemolo con la Cisl e Formigoni con tutta comunione e liberazione manderanno in pensione il satrapo malato ed imbarazzante perché così vogliono certi poteri internazionali o il vaticano.

Non seguo volentieri queste ipotesi dietrologiche, ma non perché siano assurde.

In un paese dove Kossiga è trattato con rispetto ed Andreotti  – il mafioso solo  fino al 1980  – è considerato uno statista tutto è possibile…

Me ne frega poco perché in realtà non sarebbe una vittoria delle mie idee, della mia piccola italia “ che suda che soffre e lavora, smettiam di soffrire che è l’ora …” ma sarebbero i soliti giochini di quella parte paludata di politicanti che non perdono mai perché giocano sempre sulla pelle degli altri, conto terzi.

Anzi dico senza timore che il grande stronzo che ci governa farebbe bene a cadere così, farebbe quasi una figura dignitosa e finalmente onorevole, come finora mai gli è capitato, perché cadrebbe a causa di un a trappola di regime ( democristiano)

Trappole  parenti  –  non troppo alla lontana, peraltro –  di quel mondo che con la strategia della tensione 30 anni fa ha ucciso centinaia di persone innocenti nelle piazze e nei vagoni dei treni, quel mondo che con l’uccisione di Moro ha cambiato il corso della storia indirizzandolo verso la destra qualunquista che ci governa da Craxi in poi…

Dall’altra parte la sinistra moderata è assolutamente inesistente sia nel palazzo ( ed infatti è fuori gioco anche negli scenari politicanti di queste ore dove Casini e Fini la sostituiscono) sia nelle piazze che cominciano invece a riempirsi di lavoratori e studenti e che lasciano un barlume di speranza a chi voglia proporre una opposizione di classe.

Eppure  sarebbe il momento giusto per insistere sui temi economici, per insistere con l’opposizione sociale e far sì che le luci che vengono da molte fabbriche aumentino e si uniscano far loro, fino a divenire bagliori  sempre più forti :  mai come ora il governo si trova con la graticola e sull’orlo di una crisi di nervi e  sarebbe sommamente giusto mandarlo a casa per le scelte politiche fatte o omesse e non per storie di pisello e vaticano…

Difatti, anche un passante svogliato e distratto si accorgerebbe dell’estremo nervosismo nel governo: prendiamo i primi sei ministri che vengono in mente.

Berlusconi sbotta di nervi ogni santo giorno sblaterando contro intere categorie ( giornalisti , opposizione, magistrati ), con quella faccia marrone come il cotto e piena di strane pieghe innaturali, che dopo il lifting quando ti guarda con quegli occhi tirati a mandorla sembra un mostro giapponese perennemente incazzato . Forse si è reso conto che ha sbracato troppo con mignotte ed affari poco puliti e sa che ha le ore contate…

Brunetta sclera contro il festival del cinema di Venezia ed insulta tutti i registi ed attori italiani dandogli dai fannulloni comunisti , forse vuol far dimenticare il flop subito dalle sue finte battaglie contro i fannulloni che in realtà nascondevano solo ed esclusivamente duri tagli al personale , altro che sprechi. Dietro la cortina fumogena della lotta all’assenteismo? Niente

Tremonti predice la fine del conflitto sociale proprio ora che si sta invece riaccendendo in tutta  Italia a causa della chiusura di circa 400 aziende medio grandi così dimostrando di essere un economista previdente. Come quando si vantava di aver previsto la crisi: difatti ci azzeccò talmente tanto che dopo crisi dei prodotti finanziari americani dovette cambiare la legge finanziaria prima impostata sulla Robin Hood Tax contro le banche, poi con previsioni di grossi esborsi in loro favore

La Gelimini e la Carfagna stanno sempre su dritte e rigide come avessero ingoiato una scopa elettrica e ciò accade da quando si sono scoperte le intercettazioni hard su come si organizzassero a fare le infermiere pelviche del premier. Sarà per questo che la prima si vendica falcidiando 25.000 precari in una sola mattinata d’agosto e la seconda è impazzita ed al G8 delle donne e la violenza nel mondo si è trasformata in Emma Bonino e si è messa a predicare contro il maschilismo e le donne oggetto, senza peraltro arrossire un po’ per la vergogna?

Frattini ha sempre più accentuato un tic nervoso che gli fa pulsare l’occhio destro ad ogni domanda si politica estera : sarà perché non ce la fa più a fare la controfigura del premier che va in giro per il mondo e fa come cazzo gli pare facendo perdere credito al suo ministero ad ogni dichiarazione tant’è che lui sempre più spesso si chiede che ci sto a fare io se non conto nulla ed ha iniziato ad andare dall’analista ?

Ed invece mentre qualche falò comincia a rischiarare le piazze e le coscienze in un autunno di lotta e promesse,  il potere che conta con giochi di palazzo mette fine lentamente ma  ferocemente all’esperienza berlusconica…

Rosellina e Torba

Annunci

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

15 thoughts on “Un barlume di luce dalle piazze rischiara infime manovre di palazzo per far fuori il maiale malato…

  1. d’accordo per una volta su un punto chiave: trattasi di giochini infimi ed infami che nulla hanno a che fare con la realtà ed i bisogni dell’Italia.
    Se serve scendermo in piazza noi e non sarà semplice ai democristiani fare liberamente i loro giochini contro la sovranità popolare.
    Viva Silvio Berlusconi
    Via l’Italia

  2. moriremo democristi in salsa obama vaticano
    del resto il maiale malato ci ha troppo sputtanato in giro per il mondo
    frattini ultimamente non viene neanche invitato alle riunioni per la guerra in Afghanistan
    e solo putin può reggere le conferenze stampa con questo guitto deficiente da bar sport
    ma non si vergogna neanche un pò chi l’ha votato?
    Si vede che di impersonificano nel guitto deficiente
    Fini ha un passato fascista ma almeno mostra di aver capito qualcosa della democrazia pur in ritardo
    e comunque é vero che son nervosi e cominiciano a sclerare
    l’ipotesi della trappola di palazzo mi pare plausibile e concreta
    io aggiungerei anche scaiola, quello che diceva che Biagi era un rompicoglioni

  3. siete ridotti a fare il tifo per il vaticano e la cia
    siete inesistenti visto che la sinistra al momento la sta facendo fini e casini
    siete degli ectoplasma con la base sociale solo nei centri sociali e fra i precari ( gli operai vi sputano da tempo…)
    ed avete anche il coraggio di parlare?
    Vergognatevi voi
    noi siamo onorati delle nostre idee italiane e convinti e non abbiamo pecorari scani o ferreri da nascondere…

  4. Purtroppo è vero, la sinistra è evanescente. Meno evanescente, sempre meno spero, è il rifiuto di metà dell’opinione pubblica verso il berlusconismo.
    Dopo tutto, non m’importa granché se la democrazia sarà salvata senza il PD. Basta che sia salvata.

  5. la democrazia salvata ?
    Ma da chi ? Da cosa?
    Siete incredibili: nel 1993 la gioiosa macchina da guerra di un pci ancora non ben travestito se avesse vinto avrebbe quelli si
    gettato l’italia sul lastrico ed in un regime illiberale
    e se non fosse stato per l’intervento personale di berlusconi
    ciò sarebbe successo
    oggi tutti – dico tutti – i più grandi giornali legati a forti interessi contrapposti
    e tutte le trasmissioni tv di genere politico più seguite
    tirano a segno su silvio berlusconi

    talvolta anche i ” suoi ” giornali
    vedi il feltri di qualche tempo fà…
    ora ci si sono messi anche giornali di partito della destra come il secolo
    e tu che ti chiami dati e fatti ti smentisci sempre
    ed hai il coraggio di negarlo…
    con voi sinistrati dai tempi di Ochetto avremmo avuto la fine della civiltà liberale

    e la vostra supposta superiorità morale?
    Squagliatasi dietro agli scandali delle banche della Unipol, delle regioni in cui avete scassato la sanità, dei bassolino e dei loriero, dei rifiuti e dei 100.000 forestali
    dappertutto siete inefficienti e supponenti…
    Detto ciò ancora mi parli di democrazia in pericolo e ti accodi alle trappole di regime e di palazzo?
    Oltretutto queste storie son la prova che silvio berlusconi non ha mai
    gestito il proprio potere nel modo conj cuii lo dipingono
    berlusconi é quanto di più lontano dalla logica delle trappole e dei regimi
    visto quel che gli sta capitando e che a quanto pare
    non ha potuto evitare
    come avrebbe fatto un d’alema per esempio
    un vero uomo di potere
    stalinista
    ma sapremo resistere a queste schifezze nascoste nel buio…

  6. Ritengo questo articolo un volo di fantasia di una opposizione oramai alle corde.

    Rutelli sta corteggiando Casini perchè in vista della vittoria di Bersani, tutta quella che era la Margherità leverà le tende e cerca un soggetto politico diverso.

    Certo è che i numeri non cambiano, PD + UDC ed un pezzo del PD + l’altro pezzo del PD staccato con rutelli + UDC, il risultato è sempre uguale.

    La Lega è il perno dell’alleanza.

    Fini sta alzando la voce non perchè gli freghi nulla degli immigrati o altro, ma semplicemente perchè si stanno facendo i giochi delle regionali.

    Dove la Lega si prende il Veneto ed il Piemonte, la Lombardia rimane a Formigoni (non in area Fini) e Fini vuole mettere suoi uomini in posizioni di potere, altrimenti ci rimette di proprio potere interno.

    Fa sorridere che voi crediate che i politici, di qualsiasi colore compresi quelli che voto io, dicano cose perchè ci credono e non perchè hanno un loro interesse.

    • fini é andato alla festa dell’UDC ed ha fatto un comizietto tirando fuori una proposta sul testamento biologico copiata di sana pianta da un messaggio di Paolo VI di molto tempo fa…
      voglio dire che il tipo se ha deciso di uscire allo scoperto avrà dei motivi e delle alleanze che non conosciamo ma che sono immaginabili

      ci sono dei calcoli possibili che danno una maggioranza senza bossi e sostituendo berlusca
      per non parlare dele ambizioni di formigoni e di tremonti
      fossi in te non darei molto per scontato che sia fantapolitica
      né lo dà per scontato bossi che comincia ad innervosirsi ed a muoversi come nei momenti di crisi del passato,
      facci caso…

      • e se anche fosse una agitazione per via delle regionali
        un governo può avere una crisi per qualsiasi motivo
        chi si ricorda più i motivi veri o apparenti della crisi di Prodi?
        Non ci crederai ma sto cercando di analizzare le cose senza mischiarle con le mie speranze…

  7. a me fa sorridere invece essere interpretata al contrario e cioé che una scriva
    che non gliene frega nulla dei giochini di palazzo
    ed un’altro risponda che gli fa sorridere
    che la prima creda alla sincerità dei partecipanti ai giochini di palazzo…

    e poi se vuoi giocare a quello che la sa tutta dei giochini politicanti
    stai sottovalutando che é proprio il fatto che la lega sia il perno dell’alleanza il problema per molti del centrodestra
    come stai sottovalutando che Fini gioca anche per il quirinale e che a sinistra é ormai in buona parte ( purtroppo ) sdoganato ed a destra molti lo apprezzano in silenzio

    e che berlusconi ha veramente rotto le palle in giro a tanta gente e non solo al pd …

    comunque il tono dell’articolo ripeto era tutt’altro. Per la sinistra , quella vera , se berlusca cade per trappole interne al potere
    non cambierebbe nulla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...