LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Giancarlo Caselli e quei suoi errori, che hanno negato giustizia a Paolo Borsellino

Lascia un commento

borsellino
Pubblichiamo  questa nota con allegata lettera pervenuta oggi  alla redazione del blog  ed indirizzata anche  a importanti testate (  Ansa, Repubblica, Manifesto, Annozero, ed altri )

La lettera aperta in allegato è stata già spedita agli indirizzi in essa indicati il 14 luglio us.

Questo è un ulteriore, ma non ultimo grido di aiuto che spero stimoli la sana autocritica di colui che avrebbe potuto sbagliare in buona fede e punta dritto al cuore marcio di quello scenario istituzionale, che necessitò dell’urgente strage di Via D’Amelio per salvare le Partecipazioni Statali ed il suo triste teatrino politico- sindacale, dall’olocausto giudiziario.

Il 16 luglio è un giorno importante: è il giorno che sancisce l’uscita di scena di Paolo Borsellino: con Lui vivo, Vittorio Teresi ed altri a me invisibili non avrebbero più potuto – assolutamente – salvare Fincantieri ed i suoi compagni di merenda.

La mia speranza è aggrappata all’onore di quel Giancarlo Caselli, che si rappresenta come uomo leale alla nostra Costituzione ed alle nostre Istituzioni Democratiche: quest’uomo, l’uomo che noi tutti speriamo sia al di sopra degli interessi politici ed delle infamie stataliste e mafiose non può rispondere con il silenzio dei soliti noti, a quanto scritto nella lettera in allegato.

A tutti voi chiedo soltanto di fare viaggiare il più possibile questa e-mail, che non è contro qualcuno, ma per qualcosa che deve necessariamente appartenere a tutti i cittadini Italiani: il diritto alla Giustizia per i nostri Eroi ed il diritto alla verità per noi tutti.

Grazie

Gioacchino Basile

scarica la Lettera ( formato word )

La lettera aperta in allegato è stata già spedita agli indirizzi in essa indicati il 14 luglio us. Questo è un ulteriore, ma non ultimo grido di aiuto che spero stimoli la sana autocritica di colui che avrebbe potuto sbagliare in buona fede e punta dritto al cuore marcio di quello scenario istituzionale, che necessitò dell’urgente strage di Via D’Amelio per salvare le Partecipazioni Statali ed il suo triste teatrino politico- sindacale, dall’olocausto giudiziario.
Il 16 luglio è un giorno importante: è il giorno che sancisce l’uscita di scena di Paolo Borsellino: con Lui vivo, Vittorio Teresi ed altri a me invisibili non avrebbero più potuto – assolutamente – salvare Fincantieri ed i suoi compagni di merenda.
La mia speranza è aggrappata all’onore di quel Giancarlo Caselli, che si rappresenta come uomo leale alla nostra Costituzione ed alle nostre Istituzioni Democratiche: quest’uomo, l’uomo che noi tutti speriamo sia al di sopra degli interessi politici ed delle infamie stataliste e mafiose non può rispondere con il silenzio dei soliti noti, a quanto scritto nella lettera in allegato.
A tutti voi chiedo soltanto di fare viaggiare il più possibile questa e-mail, che non è contro qualcuno, ma per qualcosa che deve necessariamente appartenere a tutti i cittadini Italiani: il diritto alla Giustizia per i nostri Eroi ed il diritto alla verità per noi tutti.
Grazie
Gioacchino Basi

La lettera aperta in allegato è stata già spedita agli indirizzi in essa indicati il 14 luglio us. Questo è un ulteriore, ma non ultimo grido di aiuto che spero stimoli la sana autocritica di colui che avrebbe potuto sbagliare in buona fede e punta dritto al cuore marcio di quello scenario istituzionale, che necessitò dell’urgente strage di Via D’Amelio per salvare le Partecipazioni Statali ed il suo triste teatrino politico- sindacale, dall’olocausto giudiziario.
Il 16 luglio è un giorno importante: è il giorno che sancisce l’uscita di scena di Paolo Borsellino: con Lui vivo, Vittorio Teresi ed altri a me invisibili non avrebbero più potuto – assolutamente – salvare Fincantieri ed i suoi compagni di merenda.
La mia speranza è aggrappata all’onore di quel Giancarlo Caselli, che si rappresenta come uomo leale alla nostra Costituzione ed alle nostre Istituzioni Democratiche: quest’uomo, l’uomo che noi tutti speriamo sia al di sopra degli interessi politici ed delle infamie stataliste e mafiose non può rispondere con il silenzio dei soliti noti, a quanto scritto nella lettera in allegato.
A tutti voi chiedo soltanto di fare viaggiare il più possibile questa e-mail, che non è contro qualcuno, ma per qualcosa che deve necessariamente appartenere a tutti i cittadini Italiani: il diritto alla Giustizia per i nostri Eroi ed il diritto alla verità per noi tutti.
Grazie
Gioacchino Basile
Annunci

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...