LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Lezioni dal Financial Times

6 commenti

Evidentemente anche al Financial Times sono diventati tutti comunisti.

segnalazione di Daniele S.

Berlusconi “esempio deleterio” (fonte Corriere della Sera )

27 Maggio 2009 09:07

ROMA – “Un pericolo, in primo luogo per l’Italia, e un esempio deleterio per tutti”. Cosi’ il Financial Times, in un editoriale, definisce il premier Silvio Berlusconi. “Non e’ evidentemente Mussolini – scrive il quotidiano economico inglese – ha squadroni di veline al seguito, non di camicie nere”; ma e’ “un uomo molto ricco, molto potente e sempre piu’ spietato”.

E il pericolo rappresentato dal presidente del Consiglio e’ di “ordine diverso da quello di Mussolini”, prosegue il Financial Times: “e’ quello del potere dei media, che mina i contenuti seri della politica e li sostituisce con lo spettacolo. E’ quello di una spietata demonizzazione dei nemici e del diniego di garantire basi autonome ai poteri concorrenti.

E’ quello di mettere una fortuna economica al servizio della creazione di un’immagine forte, fatta di asserzioni di infinito successo e sostegno popolare”. Sotto accusa, per il giornale, anche “l’assenza’ della sinistra, le “istituzioni deboli e talvolta politicizzate” e soprattutto “un giornalismo che ha accettato spesso un ruolo subalterno”. (Agr)

Berlusconi: Financial Times, Berlusconi “esempio deleterio”

27 Maggio 2009 09:07 POLITICA

ROMA – “Un pericolo, in primo luogo per l’Italia, e un esempio deleterio per tutti”. Cosi’ il Financial Times, in un editoriale, definisce il premier Silvio Berlusconi. “Non e’ evidentemente Mussolini – scrive il quotidiano economico inglese – ha squadroni di veline al seguito, non di camicie nere”; ma e’ “un uomo molto ricco, molto potente e sempre piu’ spietato”. E il pericolo rappresentato dal presidente del Consiglio e’ di “ordine diverso da quello di Mussolini”, prosegue il Financial Times: “e’ quello del potere dei media, che mina i contenuti seri della politica e li sostituisce con lo spettacolo. E’ quello di una spietata demonizzazione dei nemici e del diniego di garantire basi autonome ai poteri concorrenti. E’ quello di mettere una fortuna economica al servizio della creazione di un’immagine forte, fatta di asserzioni di infinito successo e sostegno popolare”. Sotto accusa, per il giornale, anche “l’assenza’ della sinistra, le “istituzioni deboli e talvolta politicizzate” e soprattutto “un giornalismo che ha accettato spesso un ruolo subalterno”. (Agr)

Annunci

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

6 thoughts on “Lezioni dal Financial Times

  1. Giusto per stimolare la memoria:

    il boss della mafia trapanese Vincenzo Virga, accusato di essere il mandante dell’omicidio di Mauro Rostagno, è quello stesso che fu condannato per estorsione in associazione col braccio destro di Silvio Berlusconi, Marcello dell’Utri, anch’egli condannato per lo stesso crimine.

    Il giorno della condanna di Dell’Utri e Virga, il grande giornalista Bruno Vespa dedicò la puntata di “Porta a Porta” alla cinquantasettesima ricostruzione dell’infanticidio di Cogne.

  2. Quando vedremo Vespa prendere le distanze da Berlusconi, avremo la certezza che Berlusconi è finito.

  3. sbagli
    saranno passati già almeno 3 anni dal suo funerale

    a proposito di connivenze e dimenticanze successive alla morte del boss, forse questa seguente é anche peggio perché c’e’ di mezzo il sangue,
    nel senso dei legami ma anche della morte oltraggiosa e sanguinolenta della coppia claretta – duce fino a piazzale loreto:

    non so’ dove ho letto, mi pare sulla Stampa, di come leggiadramente Edda Ciano si divertiva al confino post guerra villegiando e scopando col partigiano segretario del pci delle Eolie sette mesi dico sette mesi dopo piazzale loreto…

    lettere da innamorata , gelosie verso la moglie di lui , una storia calda ed appassionata a pochi mesi dalla morte del duce,
    altro che queste stronzatine a freddo del papi e delle veline che appassionano tanto

    Morale dela favola?
    E’ vero che al cuor non si comanda
    né che il sangue ed i suoi legami debbano a tutti costi giustificare vendette o faide perenni
    pero’insomma …

    poco orgoglio di famiglia?

    scarsi e fragili legami parentali?

    vendetta postuma ricordando il marito Ciano sacrificato da mussolini ai nazisti?

    A voi la scelta ma pensandoci bene
    tale evento spiega

    IL VERO MOTIVO DELLA FIAMMA NEL SIMBOLO DEL MSI

    Sarà per questo che la fiamma del msi ha bruciato per decenni sulla tomba di mussolini nelle effigi fascistoidi ed in ogni simbolo elettorale?

    E volevano far credere che la fiamma stesse lì
    rappresentando lo spirito del duce, che si sprigiona dalla sua tomba per simboleggiare improbabili rinascite…

    ma quale spirito ! ma che rinascite…
    hanno mentito !
    trattasi di grande incazzatura post mortem

    e quindi la fiamma
    in verità
    ha simboleggiato per decenni
    la probabile incazzatura del nonno per quella mignotta della figlia Edda concupita da un comunista isolano a cadavere ancora caldo e ancora appeso a piazzale loreto

    una incazzatura durata 60 anni
    come la fiamma appunto che
    ora si é spenta perché
    da lassu’ lui ha perdonato

    • Scusa ma fatico a seguirti.
      Chi sarebbe morto da almeno tre anni?
      E poi che c’entra il noto orientamento scopereccio di Edda Ciano con quanto sopra?
      (En passant, pare che la coppia Edda-Galeazzo fosse, diciamo così, moooolto aperta, anche quando lui era vivo).

  4. Chi sarebbe morto da almeno tre anni?

    berlusconi
    prima che vespa ne prenda le distanze deve essere morto da almeno tre anni

    il resto é un cazzeggio notturno per sfottere il vincolo di sangue , l’unità e l’orgoglio familiare dei mussolini
    piuttosti labili nei fatti
    nonostante tanta retorica

    comincio a perdere colpi se il mio cazzeggio lo capisco solo io

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...