LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

80-97-70

15 commenti

No, non sono le misure di una bella donna da vecchia.

E’ il numero di aggressioni fasciste perpetrate in Italia (di cui si abbia notizia dalla stampa), rispettivamente nel 2005, 2006 e 2007.
BerlusconiManoTesa

Gennaio 2007

1 gennaio 2007: Taranto (Il Meridiano)

Nella notte esplode una bomba artigianale davanti al portone della sede del PDCI. Si tratta del quarto attentato in sette mesi: danni alle insegne, le scritte sui muri e infine la bomba davanti al portone. Svastiche e adesivi di Forza nuova a testimoniare la matrice dei gesti.

7 gennaio 2007: Bolzano (Il Corriere delle Alpi)

Quattro neonazisti fermano un ragazzo di 16 anni ad una festa a Brunico accusandolo di essere omosessuale. Il ragazzino viene ammanettato ad un sostegno delle tende, semidenudato, tagliuzzato con un coltello alle gambe, minacciato e gli vengono tagliati i capelli a zero. Il 30 maggio 2007 uno degli aggressori, di 19 anni, viene condannato a due anni e mezzo di reclusione per
sequestro di persona, violenza privata e lesioni.

13 gennaio 2007: Catania (WordPress)

Un compagno di Rifondazione Comunista viene aggredito nella centralissima via
Landolina da due neofascisti, tra i quali è riconosciuto un noto esponente di Forza Nuova.

Dopo l’aggressione i due si scagliano contro un ragazzo anarchico che passava sempre vicino via Landolina.

24 gennaio 2007: Arezzo (Repubblica)

Profanato nella notte un ex cimitero ebraico: tagliati i rami di un ulivo e lasciati due striscioni “Dieci, cento, mille Shoah” e “Priebke libero” firmati con simboli neonazisti.

26 Gennaio 2007: Roma (infoantifa@ecn.org)

Al liceo Newton uno studente di 16 anni colpevole di aver protestato di fronte ad un volantinaggio dai contenuti fascisti viene aggredito da neofascisti esterni all’istituto: 7 giorni di prognosi

27 gennaio 2007: Adrano (Catania) (ASSUD)

Durante le celebrazioni della “Giornata della Memoria” viene distrutta la statua dedicata a Carmelo Salanitro, docente di liceo ucciso dai nazisti il 24 aprile 1945 nelle camere a gas del Lager di Mauthausen, a cui erano dedicate le manifestazioni.

28 gennaio 2007: S.Martino Secchia (Mo) (infoantifa@ecn.org)

Verso l’una e trenta un gruppo di circa otto neofascisti non conosciuti si presenta nella sede dell’associazione Ekidna a S.Martino Secchia: insulti, provocazioni e il lancio di bottiglie di vetro vuote.

28 gennaio 2007: Trento (Il Trentino)

Due giovani omosessuali vengono insultati e aggrediti nei giardini di piazza Venezia e finiscono al pronto soccorso dell’ospedale Santa Chiara dopo aver ricevuto alcuni pugni in faccia.

31 gennaio 2007: San Donato (Pescara) (Il Centro)

Svastiche, parolacce e vetri presi a sassate: nella notte un gruppo di vandali entra nel parco tra via Po e via Moro, ancora da inaugurare, danneggiando l’area verde e le case.

http://antifa.ecn.org

31 gennaio 2007: Galatone (Lecce) (info-salento)

Ignoti scardinano il pesante portone di ferro della sede di Rifondazione Comunista, distruggono ed incendiano i locali. Nei giorni precedenti scritte e minacce erano apparse sui muri.

Febbraio 2007

2 febbraio 2007: FANO (AGR/Repubblica)

Quattro giovani, teste rasate, giubbotto nero e simboli celtici, aggrediscono due dirigenti dei Ds che vengono giudicati guaribili in sette giorni per lesioni al volto.

5 febbraio 2007: Surbo(LE) (Il Meridiano)

Davanti al Municipio viene rinvenuto un grosso petardo e un foglio su cui è scritto: «Stai attento, la tua casa salterà in aria. Fatti gli affari tuoi». E per firma, una svastica.

21 febbraio 2007: Soliera(Mo) (Ufficio stampa Comune)

Nella notte viene danneggiato il cippo partigiano (staccate le foto e bruciati i fiori) in ricordo dei partigiani Ivo Vecchi e Triestino Franciosi, entrambi uccisi dalle milizie fasciste durante un rastrellamento il 24 ottobre del 1944.

23 febbraio 2007: Rimini (Global Project)

Intorno all’una e mezza circa viene attaccato lo spazio del Lab. Sociale Paz: ripetuti lanci di petardi, scritte nazifasciste, rubate le bandiere. Vengono poi lanciate 2 molotov, una sul retro e una vicino al cancello.

24 febbraio 2007: Fano (Il Messaggero)

Una dozzina di naziskin entra in un locale cantando canzoni fasciste e minacciando i presenti. Una coppia di fidanzati viene aggredita (lui risponde alle provocazioni) mentre sale in macchina: calci e bottigliate alla carrozzeria, parabrezza sfondato ma riescono a scappare.

27 febbraio 2007: Lucca (Corriere/Aprile/Tirreno)

Di notte sulla circonvallazione 2 auto di fascisti inseguono e fanno sbandare quella di un compagno che finisce contro alcune auto in sosta. Poi sputi, calci, pugni, cinghiate in testa e coltellate: prognosi di 30 giorni per le ferite riportate.

Marzo 2007

1 marzo 2007: Palermo (infoantifa@ecn.org e media locali)

Nella notte un’esplosione devasta un’ala del centro sociale Ask 191 occupato di viale Strasburgo 191.

3 marzo 2007: Roma (infoantifa@ecn.org)

Nella notte vengono strappati manifesti, bandiere e imbrattati i muri con svastiche della sezione dei Comunisti Italiani di Labaro-Prima Porta in Via Offanengo, 19.

4 marzo 2007: Udine (Amisnet)

Nella notte viene imbrattato con svastiche e croci celtiche il portone di Radio Onde Furlane.

http://antifa.ecn.org

10 marzo 2007: Rimini (infoantifa@ecn.org)

In tarda serata due auto parcheggiate poco lontano dal Lab. Sociale Paz vengono fracassate da un gruppo di ignoti squadristi.

10 marzo 2007: Bari (infoantifa@ecn.org)

Dopo un’iniziativa a sostegno dell’Ungdomshuset di Copenhagen viene devastata
l’Infermeria Occupata di Bari.

17 marzo 2007: Milano (infoantifa@ecn.org)

Una ventina di skins milanesi muniti di coltelli, tirapugni e manganelli estraibili aggrediscono dopo una manifestazione sportiva, all’urlo di «livornesi comunisti di merda»,due compagni livornesi e un pisano: i 3 riportano molte ferite in particolare  per colpi alla testa e alcune coltellate alla schiena e ai glutei. L’Ansa
riporta l’accaduto come una rissa tra livornesi e milanesi alla fine di una manifestazione di arti marziali.

20 marzo 2007: Cologno Monzese (Il Giorno)

Minacce al capogruppo del PDCI: sul muro davanti a casa le scritte “la tua fine è nelle foibe! Ordine Nuovo”.

21 marzo 2007: Torino (Informa/azione,radio blackout)

Verso le 22.30 due fascisti, dopo aver percosso inutilmente le porte del Barocchio Squat,se la prendono con un occupante della casa arrivato lì in quel momento, tirando fuori delle lame. Il compagno riesce a entrare nella casa e gli aggressori scappano dopo aver bucato le gomme dei mezzi parcheggiati fuori.

22 marzo 2007: Lucca (Il Tirreno)

Dopo un Assemblea di Istituto sull’argomento delle violenze fasciste, studentessa viene seguita e minacciata da 7 ragazzi di estrema destra incappucciati, vestiti con il bomber, gli anfibi, sciarpa della lucchese.

28 marzo 2007: Roma (Il Tempo/quotidiani locali)

Un gruppo di otto squadristi fascisti, a bordo di due macchine, armate di vari oggetti contundenti, bastoni e caschi imbrattano l’ingresso del Centro Sociale “La Strada”. Due ragazzi che si trovavano all’interno del Centro Sociale vengono aggrediti a colpi di bastone. Il gruppo lascia sul posto dei manifesti firmati Azione Giovani.

29 marzo 2007: Roma (Il Tempo)

Un gruppo di estremisti di destra aggredisce alcuni militanti di sinistra nei pressi della sezione dei Comunisti Italiani di Tor Marancia.

Aprile 2007

1 aprile 2007: Roma (infoantifa@ecn.org)

Durante la sera che conclude i tre giorni di festa per il primo anno d’ occupazione vengono lanciate quattro molotov contro il Cantiere Sociale Tiburtino deCOLLIamo mentre un frequentatore assiduo del centro attraversa il viale.

1 aprile 2007: Savona (quotidiani locali)

8 naziskin coperti da passamontagna assaltano un circolo arci tirando pietre e sbarre di ferro, sradicando cartelli stradali, danneggiando due auto in sosta. Una trentina di presenti è costretta a barricarsi dentro. Gli otto vengono individuati e denunciati (tre arresti).

6 aprile 2007 Milano (L’Unità/Repubblica)

Nella notte imbrattate le vetrine della libreria Babele, storico negozio dedicato alla cultura gay: insulti omofobi, svastiche e la firma di Forza Nuova.

13 aprile 2007: Roma (infoantifa@ecn.org)

Un compagno del coordinamento spazio sociale di Ciampino viene aggredito a una fermata dell’autobus da un neo-fascista di zona armato con una spranga di
ferro.

L’intervento di alcune persone presenti impedisce conseguenze peggiori: 11 punti di sutura in varie zone della testa e prognosi di 25 giorni.

15 aprile 2007: Milano (ANSA)

I vigili del fuoco spengono alle 7 di mattina un principio d’incendio causato da bottiglie incendiarie davanti alla sede del Islamic Relief Italia a Milano. L’azione viene rivendicata dal Fronte cristiano combattente. Il 9 aprile 2008 viene arrestato Roberto Sandalo, ex esponente di Prima Linea, accusato di essere coinvolto in questo attentato.

15 aprile 2007: Lucca (infoantifa@ecn.org)

Verso le 20.30 nei pressi dell’istituto Boccherini un giovane ragazzo del liceo classico Macchiavelli viene fermato da una persona con il volto coperto da una sciarpa dei Buldogg e percosso ripetutamente, fino a provocargli la rottura del labbro.

19 aprile 2007: Roma (infoantifa@ecn.org)

Nella notte la sezione del PdCi di Tor Marancia è oggetto di un atto incendiario, per fortuna senza gravi conseguenze, rivendicato con un volantino recante la scritta “Cuore Nero”.

24 aprile 2007: Quarto Cagnino (Mi) (infoantifa@ecn.org)

Un corteo, organizzato dall’A.N.P.I. e alcuni partiti di centrosinistra, viene preso a sassate da ignoti nascosti tra le case all’angolo tra via Constant e via Carlo Marx, è stata presa a sassate da ignoti. Colpita alla testa una giovane donna.

25 aprile 2007: Parma (infoantifa@ecn.org)

In centro, dopo il concerto per il 25 aprile, un venditore di rose viene colpito al volto da un razzista che gli dice “le tue rose di merda valle a vendere da un’altra parte” e aggredisce chi interviene a difesa con insulti fascisti e razzisti.

25 aprile 2007: Milano (Corriere della Sera)

Due bottiglie molotov vengono trovate davanti alla sede dei Ds a Senato, chiuse in un sacchetto di plastica insieme ad un biglietto con scritto: “Il comunismo è finito, andate via”

25 aprile 2007: Torino (La Stampa/Repubblica)

Una svastica, offese ai partigiani e la scritta “Skinheads-White Soldiers” di due metri imbrattano il muro della sede dell’ANPI di Via Orbetello. Viene lasciata una lettera di rivendicazione.

Maggio 2007

1 maggio 2007: Bologna (Zic.it)

Nel quartiere Navile viene danneggiata la lapide dedicata al partigiano Amos Facchini e bruciata la corona di fiori portata il 25 aprile.

1 maggio 2007: Fiorenzuola(PC) (La Libertà)

Celtiche e scritte inneggianti a Mussolini compaiono sulla sede di Rifondazione  omunista.

2 maggio 2007: Milano (Corriere della Sera)

Nella notte un incendio di origine dolosa colpisce la sede di Rifondazione Comunista e del Pdci in via Solari 40.

5 maggio 2007: Roma (Corriere della Sera/AGR)

Un giovane omosessuale viene aggredito all’uscita di una discoteca gay da quattro ragazzi tra i 18 e i 22 anni riportando ferite e lividi al viso e al petto.

10 maggio 2007: Fano (ANSA)

Uno studente liceale di 17 anni che indossa una maglietta con la scritta “Antifascista tolleranza zero” viene aggredito davanti al Liceo classico ‘Nolfi’ da tre ragazzi di estrema destra fra i 15 e i 16 anni.

10 maggio 2007: Roma (infoantifa@ecn.org)

5 ragazzi della Sinistra giovanile che stanno attaccando manifesti alla Sapienza per le elezioni al CNSU vengono aggrediti alle 2 di notte da una decina di giovani fascisti armati di catene, bastoni e bottiglie riportando varie contusioni e ferite al volto.

15 maggio 2007: Milano (ANSA/Il Giornale)

Il presidente del Comitato Provinciale Arcigay di Milano viene aggredito in pizzeria da due persone che mangiano ad un tavolo vicino

17 maggio 2007: Bologna (Repubblica/Corriere)

Alla chiusura delle votazioni per l’elezione del CNSU, davanti ai seggi della Facoltà di Economia, a causa di una discussione sulle operazioni di voto, una ragazza di 24 anni viene aggredita e palpeggiata in modo violento da attivisti
dello Student Office.

18 maggio 2007: Trieste (infoantifa@ecn.org)

Un presidio permanente per il diritto alla casa viene attaccato da una squadraccia fascista che colpisce con un lancio di pietre le famiglie dei senza casa e i militanti presenti: alcuni i contusi e un compagno anarchico ferito alla testa, alle mani e al volto.

18 maggio 2007: Rovigo (Repubblica)

Un ragazzo, considerato omosessuale dal gruppo, viene condotto in un luogo lontano da occhi indiscreti, malmenato e colpito a più riprese in un crescendo di insulti e risate. Il ragazzo sporge denuncia e in base ai riscontri vengono denunciate 11 persone per sequestro di persona, violenza privata e minacce.

19 maggio 2007: Roma (Repubblica)

Nella notte viene bruciata, in via Monte Bianco, la lapide che ricorda l’ uccisione di Valerio Verbano, il giovane militante di Autonomia Operaia ucciso da un commando dei Nar il 22 febbraio 1980.

20 maggio 2007: Brescia (infoantifa@ecn.org)

Alle 4 del mattino, una quindicina di noti fascisti e naziskin provenienti dalle zona di Ospitaletto e dalla Valle Trompia, tentano di aggredire, nei pressi del locale Easy Rider in via Milano, alcune persone che rincasano dal csa Magazzino 47. 50 compagni si dirigono verso il locale Easy Rider e costringono i fascisti, che li accolgono a bottigliate, armati di fibbie e catene, a barricarsi nel locale.

24 maggio 2007: Biella (La Stampa/Il Corriere della Sera)

Ragazza marocchina di 15 anni viene sfregiata con una svastica sul braccio.
L’episodio si ripete identico dopo 2 anni: nel settembre 2005 lo stesso ragazzo, che allora aveva 16 anni, le aveva inciso una svastica sul braccio con una pietra urlandole «sporca negra».

25 maggio 2007: (Il Treviso/Global Project)

Alle 2 del mattino 15/20 militanti di Forza Nuova si dirigono con cinture e catene al chiosco di una rassegna organizzata da Ubik lab e Ya Basta: tre feriti tra presenti e militanti dell’Ubik Lab.

28 maggio 2007: Benevento (Quaderno.it)

Nella notte viene danneggiata la sede del CS Depistaggio: danni all’ingresso principale della struttura, alla sala prove e ai bagni, le cui porte sono state divelte, scritte inneggianti a Mussolini e croci celtiche sui muri.

Giugno 2007

3 giugno 2007: Udine (infoantifa@ecn.org)

Al bar “Bire” un compagno sharp da poco uscito dal CSA di Via Scalo Nuovo viene aggredito da 4 naziskin provocandogli una ferita che richiede 8 punti al volto e probabilmente la frattura del setto nasale.

5 giugno 2007: Roma (infoantifa@ecn.org)

Alle 23 circa, mentre attaccano manifesti contro Bush, tre studenti universitari sono attaccati da quattro individui a volto coperto, armati di cric, bastoni e caschi, presso la Facoltà di Scienze di Tor Vergata. Per uno studente sono necessari punti di sutura al capoed al braccio; un altro, inseguito, riporta fortunatamente solo ferite lievi.

5 giugno 2007: Firenze (Toscana TV)

Croci celtiche e scritte fasciste compaiono di notte contro gli stand della festa nazionale di Rifondazione comunista nel parco di San Felice a Ema, nella zona del Galluzzo.

6 giugno 2007: Lucca (AGI)

Nell’ultimo giorno di campagna elettorale viene imbrattata con croci celtiche
e l’invito al voto per il candidato del centrodestra, Mauro Favilla, la sede
della Margherita di Lucca.

8 giugno 2007: Livorno (nove.firenze.it)

Nella notte viene imbrattato con una svastica e la scritta SS il muro della sede delle associazioni ANPI, ANPIA e ANEI di via Marradi 112.

8 giugno 2007 Pesaro (Corriere Adriatico)

Giovane iscritto a Rifondazione Comunista viene minacciato poco prima di mezzanotte da militanti di Forza Nuova.

8 giugno 2007 Pesaro (Il Messaggero/Corriere Adriatico)

Il centro sociale Oltrefrontiera di via Leoncavallo viene colpito per l’ennesima volta, con sassate che frantumano alcune vetrate. Danneggiato anche il furgone in dotazione all’associazione “l’Asilo”, centro culturale ricreativo degli anziani del quartiere.

10 Giugno 2007: Melzo(MI) (Corriere/AGR/infoantifa@ecn.org)

Dopo un concerto un gruppo di skinhead che provoca i presenti accoltella al volto e all’addome un ragazzo di 20 anni che viene ricoverato in prognosi riservata.

17 giugno 2007 Salerno (La Città)

Nella notte viene devastato il centro sociale Asilo Politico di via Giuliani:
danni per migliaia di euro, fili elettrici tranciati, bagni in frantumi, suppellettili bruciate e scritte fasciste tra cui: “Questo non è un furto, ma un esproprio”, firmato Nar.

21 giugno 2007: Bologna (infoantifa@ecn.org/gay news)

In Piazza San Domenico, nei pressi del Tribunale di Bologna, due gay che passeggiano abbracciati di ritorno da una manifestazione antifascista, vengono
insultati e presi a calci da due militanti di ritorno dal comizio di Forza
Nuova.

28 giugno 2007: Roma (Repubblica/Corriere/Messaggero/L’Unità)

Circa cinquanta persone col volto coperto irrompono a Villa Ada durante il concerto della Banda Bassotti seminando il panico tra la folla e inneggiando al duce. Armati di spranghe e coltelli, gli aggressori lanciano tre bombe carta e accoltellano due persone. Nel febbraio 2008 vengono arrestati 20 neofascisti appartenenti a gruppi ultras della lazio: 4 di loro sono accusati anche dei fatti di Villa Ada.

29 giugno 2007: Milano (infoantifa@ecn.org)

Raid nazifascista nel quartiere comprendente le vie Arzaga, San Gimignano e Montecuccoli, prevalentemente abitato da famiglie di origine Ebraica: vengono
imbrattati in muri con scritte antisemite, svastiche e croci di Davide con sopra una barra

29 giugno 2007: Fano (infoantifa@ecn.org)

Atti vandalici e scritte nazifasciste nella notte alla sede DS in via Puccini (zona Lido): vengono danneggiate due lunghe vetrate dalle quali sono divelte e distrutte le insegne dei Democratici di Sinistra e della Sinistra giovanile.

Luglio 2007

4 luglio 2007: Roma (AbitareARoma.net)

Nella notte la sezione dei DS di via Verga, nel quartiere Talenti, è oggetto di atti di vandalismo: compaiono scritte e simboli nazifascisti e danni evidenti all’ingresso della sezione e alla cassetta postale.

6 luglio 2007: Viterbo (Tuscia Web)

Uno studente universitario viene fermato nei pressi della chiesa di Sant’Angelo da un gruppo di neofascisti e preso a pugni: gli vengono applicati quattro punti all’arcata sopracciliare e tre alla bocca.

11 luglio 2007: Roma (Il Messaggero/Repubblica/Carta)

Una gruppo di fascisti di Fiamma Tricolore, guidati dal loro dirigente Gianluca Iannone, assalta l’occupazione abitativa di Via De Dominicis a Casal Bertone. Armati di mazze, catene e coltelli feriscono 6 persone, di cui una accoltellata all’inguine.

13 luglio 2007: Roma (ADNKronos)

Nella notte si registrano atti vandalici contro la sede dei DS alla Storta e l’incendio della corona d’alloro posta presso la lapide in memoria della Resistenza del 10 settembre 1943 a Piazza Porta San Paolo”.

18 luglio 2007: Firenze (nove.firenze.it)

Su muri a poche centinaia di metri dalla questura compaiono scritte con frasi
xenofobe, simboli nazisti e croci celtiche e minacce di morte al sindaco Domenici e all’assessore comunale alla sicurezza Graziano Cioni.

18 luglio 2007: Viterbo (Tuscia Web)

Il figlio dell’assessore alle Politiche del lavoro della Provincia, Stefano di Meo (Pdci), viene aggredito con pugni e spranghe all’uscita di una discoteca di Civita Castellana da un gruppo di neofascisti che lo riconosce: riporta fratture al setto nasale e alla mandibola e viene operato all’ospedale Belcolle.

19 luglio 2007: Manziana(Roma) (infoantifa@ecn.org)

Compaiono nella notte scritte nazifasciste contro il portone della Sede “Spazio Aperto” di Via Garibaldi 23, sede condivisa dal Rifondazione Comunista, Verdi, Circolo della Tuscia dell’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba e del Comitato Cittadino di Difesa di Manziana.

25 luglio 2007: Catania (infoantifa@ecn.org)

Di notte nell’affollatissima via Landolina tre noti esponenti di Forza Nuova
aggrediscono il coordinatore provinciale dei Giovani Comunisti.

28 luglio 2007: Pesaro (Global Project/Messaggero/Resto del Carlino)

A Pergola, alla festa del Vino, un gruppo di neofascisti provoca una rissa e accoltella alle spalle un ragazzo (due coltellate al fianco e una alla
schiena).

28 luglio 2007: Rimini (infoantifa@ecn.org)

Nella notte di sabato due automobili vengono incendiate davanti al Laboratorio Sociale Paz.

28 luglio 2007: Catania (infoantifa@ecn.org)

I portoni del Centro Sociale Auro vengono bruciati e i muri del centro imbrattati con le scritte nazifasciste, svastiche e celtiche. Molotov vengono lanciate anche contro il Centro popolare Experia ma per fortuna non sono esplodono e vengono trovate la mattina ancora piene di benzina.

30 luglio 2007: Olbia (AGI/stampa locale)

Una banda di naziskin romani (circa 15) aggredisce 4 ragazzi sardi in una discoteca di Porto Rotondo. Uno viene accoltellato e riporta la perforazione del polmone, un altro riporta la perforazione dei timpani e una ferita alla mano, per gli altri lievi ferite. Il gruppo vien trovato in possesso di materiale nazifascista e un naziskin viene arrestato.

Agosto 2007

16 agosto 2007: Brescia (rovato.org)

Assalto vandalico al “Centro Sociale 28 Maggio 1974” di via Europa che ospita
anche il Coordinamento dei Circoli di Rifondazione Comunista della Franciacorta: rotte con spranghe metalliche la vetrata del portone d’ingresso e le vetrate laterali.

23 agosto 2007: Lucca (Lo Schermo Lucca)

Imbrattata con svastica e croce celtica la statua di Garibaldi sulla rotonda di via del Casalino.

24 agosto 2007: Senigallia(AN) (Il Resto del Carlino)

5 fascisti armati di tirapugni e coltelli aggrediscono i presenti all’entrata del CSOA Mezza Canaja in attesa dell0’inizio di una serata reggae.
I compagni intervengono a difesa del centro ma un ragazzo viene ferito con una
coltellata nei glutei che richiede quattro punti di sutura.

27 agosto 2007: L’Aquila (infoantifa@ecn.org)

Una decina di fascisti, tra cui viene riconosciuto il presidente della sezione  giovanile di Fiamma Tricolore, esce verso mezzanotte dal locale “Black Lucifer” e in via Accursio aggredisce un compagno colpendolo alla testa con una catena, procurandogli una ferita che richiede quattro punti di sutura.

Settembre 2007

9 settembre 2007: Roma (infoantifa@ecn.org)

Ennesimo oltraggio alla lapide di Valerio Verbano: buttati i fiori davanti alla foto e rotto il vaso che li conteneva. Nei giorni precedenti era stata  rubata la bandiera della Roma, che un giovane compagno aveva lasciato sulla
lapide.

12 settembre 2007: Roma (infoantifa@ecn.org)

Scritte fasciste e naziste che incitano all’odio ed alla violenza, svastiche e croci   celtiche compaiono sui muri dei licei Tasso e Righi all’apertura delle scuole.

20 settembre 2007: Roma (TGCom/RomaOne)

Quaranta persone, tra i 25 e i 40 anni, con il volto coperto da passamontagna e armati di catene, bastoni, sassi e bottiglie, lanciano alcune molotov contro il campo nomadi di via Tiburtina e poi tentato un assalto. Uno degli aggressori viene arrestato e si dichiara promotore di un comitato spontaneo di residenti della zona di Ponte Mammolo stanchi della presenza dei rom.

22 settembre 2007: Catania (infoantifa@ecn.org)

Alcuni militanti universitari di Forza Nuova aggrediscono in piazza S. Maria di Gesù degli studenti del Collettivo Spedalieri

25 settembre 2007: Busto Arsizio (Varese News)

Partigiano di 84 anni, testimone della barbarie nazista reduce dei campi della morte di Flossenbürg, viene aggredito verbalmente in pieno centro da un gruppo di giovani neonazisti che lo insulta dandogli dello “Sporco partigiano”.

25 settembre 2007: Bologna (comunicati ANPI)

Nella notte vengono sfregiate le due statue bronzee collocate presso Porta Lame, Il Partigiano e la Partigiana, opera dello scultore Luciano Minguzzi.

27 settembre 2007: Bologna (comunicati ANPI/stampa locale)

Viene recapitata, presso la sede dell’ANPI, una lettera di minacce ai partigiani, in particolare al presidente dell’ANPI, firmata “Cuori neri – Curva   Andrea Costa”.

28 settembre 2007: Milano (Il Corriere della Sera)

Due giovani intevengono davanti al locale Gioia 69, in via Melchiorre Gioia, in difesa di un venditore di rose pachistano che era stato preso di mira con insulti razzisti da un gruppo di fascisti. I due vengono accoltellati e feriti in modo grave.

29 settembre 2007: Rimini (AGR/Corriere/Global Project)

Vengono arrestati 11 fascisti di FN (tra cui il responsabile provinciale) con le accuse di violazione della legge antiterrorismo, sequestro di persona, possesso di armi e materiale inneggiante al Terzo Reich. I carabinieri intervengono quando gli estremisti, in possesso di piedi di porco, spranghe e lattine di benzina, si stanno dirigendo verso il Lab. Sociale Paz.

Ottobre 2007

4 ottobre 2007: Palermo (AGI)

In seguito al divieto della questura per un corteo di Forza Nuova appaiono su un forum minacce al questore. Viene identificato e denunciato il 9 novembre un giovane di 21 anni candidato alle amministrative di maggio 2007 nelle liste di Forza Nuova

5 ottobre 2007: Senigallia (Corriere Adriatico)

Un compagno del CSOA Mezza Canaja viene aggredito alle spalle in Piazza del
Duca mentre cerca di difendere una compagna del Centro Sociale riportando 11
punti di sutura ed un polso ingessato.

7 ottobre 2007: varese (Corriere della Sera/infoantifa@ecn.org)

Un fascista provoca un uomo albanese in un bar e lo accoltella: viene arrestato perché riconosciuto della maglietta con l’effigie del duce.

13 ottobre 2007: Bologna (Indymedia/Il Resto del Carlino)

Una squadraccia fascista irrompe nella notte con mazze da baseball al polo Artistico di Bologna in cui era in atto un’occupazione ferendo alcuni
studenti.

13 ottobre 2007: Maniago(PN) (infoantifa@ecn.org)

Un ragazzo SHARP di 19 anni viene aggredito da 3 naziskin all’uscita di un
negozio.

14 ottobre 2007: Torino (La Stampa)

Alle 3 del mattino alcune molotov vengono lanciate sopra il muro di cinta che
delimita il campo rom in via Vistrorio. I Vigili del Fuoco arrivano dopo 30
minuti e il campo viene distrutto. In precedenza si verificano minacce e
aggressioni ignorate dai Carabinieri nonostante le denunce degli abitanti del
campo.

17 ottobre 2007: Bologna (infoantifa@cn.org)

Due militanti dei Giovani Comunisti vengono aggrediti a colpi di spranga da
cinque fascisti all’uscita da un bar di via Irnerio dove avevano discusso di
una manifestazione antifascista.

21 ottobre 2007: Genova (infoantifa@ecn.org/stampa locale)

La mattina, alla stazione di Genova Brignole due militanti del Pdci, padre e
figlio, di ritorno da una manifestazione a Roma, vengono aggrediti da 8
fascisti a calci, pugni e testate.

24 ottobre 2007: Roma (romanotizie)

Scritte di carattere neo-fasciste compaiono sui muri del quartiere Bravetta.

25 ottobre 2007: Pordenone (Il Gazzettino)

Due skinhead di 17 anni aggrediscono nella galleria “Vinci” un operaio di 38 anni, identificato come appartenente ai centri sociali, colpendolo in testa con bottigliate. L’uomo riporta ferite e una prognosi di 20 giorni. I due vengono identificati e denunciati.

http://antifa.ecn.org

Novembre 2007

1 novembre 2007: Faenza (infoantifa@ecn.org)

Due ragazze ed un ragazzo vengono bloccati da 5 giovani fascisti con volto
coperto mentre stanno per entrare al c.s.a. Capolinea. Uno di loro, a volto
scoperto, aggredisce il ragazzo, lo prende a calci e lo accoltella al gluteo.

2 novembre 2007: Roma (Apcom)

Tre ragazzi gay vengono aggrediti alla stazione Termini: uno di loro viene
medicato al pronto soccorso con un referto di 7 giorni di prognosi

2 novembre 2007: Roma (L’Unita’/La Repubblica)

Dopo la morte di Giovanna Reggiani, un gruppo di otto-dieci italiani armati
di bastoni, spranghe e coltelli, tutti con i volti coperti da caschi e
passamontagna, aggrediscono tre romeni a Torre Angela, alla periferia a sud-est
di Roma ferendoli gravemente. Uno rimane in prognosi riservata per una
coltellata alla schiena

4 novembre 2007: Monterotondo (Il Corriere della Sera/La Repubblica)

Un ordigno esplode davanti ad un negozio di romeni. Sui muri disegnata una croce celtica e la scritta: “Ve bucamo la testa”.

7 novembre 2007: Torino (infoantifa@ecn.org)

Una donna rom che risiede in uno dei campi sul lungo stura viene aggredita da due italiani che la picchiano dopo aver allontanato i figli che erano con lei di ritorno dalla scuola. La notte precedente una bottiglia incendiaria viene tirata contro il campo nomadi della Barcaiola, nella periferia torinese, fortunatamente senza danni.

14 novembre 2007: Verona (infoantifa@ecn.org/stampa locale)

Un gruppo di neofascisti aggredisce in modo mirato un militante del centro sociale La Chimica, figlio del segretario provinciale del PdCI.

24 novembre 2007: Bari (Il Corriere della Sera)

Nella notte in viale Unità d’Italia in cinque aggrediscono un ragazzo di 20 anni perché gay.

Le poche persone di passaggio in quel momento non intervengono e il ragazzo riporta varie contusioni e la frattura dell’omero.

24 novembre 2007: Corato(Bari) (CoratoLive.it)

Scritte antisemite e inneggianti al fascismo compaiono sui muri e nei bagni del Liceo Oriani e della città

25 novembre 2007: Treviso (La Tribuna di Treviso)

A S.Leonardo in un bar frequentato da tifosi legati a Forza Nuova e Veneto Skinhead vengono aggrediti a poche ore di distanza un moldavo di 30 anni e un marocchino di 40. Il più grave è il nordafricano che è costretto a recarsi al pronto soccorso e viene espulso perché clandestino.

27 novembre 2007: Finale Ligure (ANSA)

Tre studenti di 14 anni che frequentano l’istituto alberghiero Migliorini scrivono “gay” e una svastica con un pennarello sulla schiena di un loro coetaneo durante l’ora di ginnastica.

Dicembre 2007

16 dicembre 2007: Verona (Il Verona/Adige TV)

Nel bar M27 di via Mazzini quattro militanti di Fiamma Tricolore aggrediscono
tre militari di leva perché meridionali con pugni e un manganello. Uno dei tre viene colpita in testa e riporta ferite gravi. Uno degli aggressori aveva partecipato all’aggressione del militante della Chimica il 14 novembre.

17 dicembre 2007: Torino (Indymedia/La Repubblica)

Un ragazzo marocchino di 18 anni viene aggredito a calci e sprangate da quattro italiani giovanissimi che gli tendono un agguato in piazza Bodoni e viene  ricoverato in prognosi riservata al pronto soccorso.

22 dicembre 2007: Verona (l’Arena)

Andrea Miglioranzi esponente di Fiamma Tricolore minaccia un giornalista di
l’Arena per alcuni articoli pubblicati di recente

Dati e fatti

Annunci

Autore: francacorradini

essere pensante

15 thoughts on “80-97-70

  1. Ovviamente, qui c’è solo l’elenco del 2007 per brevità.

  2. giusto per caso cosi mica per altro solo per caso

  3. Scusa ma questo elenco cosa deve dimostrare?

    Vuoi, per coerenza culturale, pubblicare le aggressioni fatte dai simpaticissimi amici dei Centri Sociali, le auto incendiate, le vetrine sfasciate?

    Se degli emarginati, siano essi Naziskin o Autonomi, si picchiano e fanno atti di violenza a poveracci, questo rappresenta la politica?

    Se così fosse dovevamo rendere fuori legge il PCI perchè esistevano le Brigate Rosse, che si sottotitolavano Partito Comunista Combattente….

    Quanto hai esposto tu dimostra solo che esistono violenti, che sotto l’egida di idee politiche molte volte nemmeno capite, picchiano qualcun’altro.

    Conoscevo personalmente il capo del Fronte Veneto Skin, è stato un mio allievo, e ti garantisco che era uguale ad un capoccia del Magazzino 47 di Brescia (centro sociale di ultra sinistra) e sempre mio allievo.

    Avevano solo voglia di far andare le mani e la politica era solo una scusa, uno non aveva letto il Mein Kampf, l’altro confondeva Marx con Lenin…., almeno quando facevano lo sparring si sfogavano….

    O no?

    O la violenza a destra è odiosa e xenofoba, e quella a sinistra giustificabile?

    Se la pensi così non leggere IL SANGUE DEI VINTI, io e l’autore la pensiamo allo stesso modo, spero non darai a Pansa del fascista…

    PS

    qui nel blog rispondo solo a Mediolungo ed a Dati & Fatti, prego gli altri astanti di ignorarmi come sto facendo io con loro.

  4. Brrr… che cattive compagnie frequenti! 🙂
    No Marco, rassicurati, io sono uno che negli anni settanta perdeva amicizie perché sosteneva che non è vero che la violenza è “fascista” per definizione.
    Quindi non ho tesi antropologiche da dimostrare.
    Questo post è in risposta a un commento dell’ineffabile mediolungo, il quel voleva fatti che dimostrassero una recrudescenza di fascismo, tutto qui.
    Poi io considero anche che queste cose la stampa di regime non le dice, mentre appena un cretino spacca una vetrina durante una manifestazione, quello finisce in prima pagina, se ha un fazzoletto rosso.
    Io non ho dati – reperibili da fonti attendibili e non da FN – che dimostrino una analoga ondata di violenza di sinistra, ma se li hai tu, mandameli che faccio pubblicare anche quelli.

    • fondamentalmente sono persone come tutti, semplicemente vogliono far andare le mani e la politica è la scusa buona.

      Non credo ad una recrudescenza fascista in Italia, le vetrine spaccate in centro a Milano le hanno rotte i simpaticissimi studenti dell’onda.

      Il problema è che c’è tanta rabbia nei ragazzini, quelli più sani la canalizzano nel pugilato e vengono in palestra da me, tanti se la scaricano addosso e si drogano, tanti altri diventano ultras o estremisti politici (pur non conoscendo la politica) e si menano.

      Esiste una rinascita neo nazista vera, ed è preoccupante per la Russia, perchè lì, paradossalmente visto che Hitler considerava i russi “gli slavi” meno che animali, il movimento neonazista è molto forte, hanno decapitato un giornalista e mandato il video per far liberare il loro capo, e mandano in rete video di propaganda dove si filmano in strada a picchiare a sangue ogni immigrato.

      Ma come vedi, questo con il “nazismo” c’entra poco, visto che i tedeschi avrebbero ucciso tutti i russi.

      E’ semplicemente odio scatenato dalla povertà, dalla crisi economica e canalizzato contro il bersaglio più facile, cioè il diverso.

      Sai, si può ancora “etichettare” questi episodi di violenza come “politici” e non capirli e quindi non risolverli, oppure capirli come sfogo di persone ai margini o con problemi economici e quindi concentrarsi sui problemi che li creano e risolverli.

      Se leggi come è nato il Nazismo, Hitler ha cavalcato la rabbia di una nazione sconfitta ed ha canalizzato l’odio e la rabbia per la povertà verso una ideologia omicida.

      La storia si ripete, se si vogliono evitare fenomeni di odio va risolto il problema alla radice, gli anni 60 sono finiti da oltre 40 anni adesso, il mondo è cambiato, l’ideologia non interessa a nessuno, l’odio è motivato da ignoranza, paura del futuro e rabbia.

  5. dati e fatti

    rispondo a te
    non perché aderisco all’invito di chi pensa di scegliersi gli interlocutori come fosse al bar sotto casa sua ma perché
    non leggo altro fra i commmenti che meriti risposta sul tema delle violenze fasciste degli ulimi anni.

    Ti confermo come i dati che hai indicato rappresentino semplicemente il frutto di una semina a lungo operata nella memoria storica politica e culturale in questo paese da chi ha avuto interesse a:
    1 – sminuire , annacquare far dimenticare equiparare i valori dell’antifascismo e della libertà democratica dentro un gran calderone dove tutti i combattenti di allora stessero dalla parte giusta , quella dell’onore dei soldati caduti , sottacendo le diverse scelte e le diverse responsabilità e quindi la differente statura ed il diverso valore tra chi era dalla parte dei liberatori e chi da quella degli aguzzini e massacratori nazifascisti.

    2 – contemporaneamente aumentare , sopravvalutare , mettere sempre piu’ in evidenza anche falsando i numeri e specialmente le motivazioni storiche dei morti nelle foibe del carso e dei morti in seguito a regolamento di conti e vendette subito dopo la proclamazione della fine della guerra nel cosidetto triangolo rosso.

    Sintetizzando sono almeno un decennio che alcuni ci provano con le operazioni 1 e 2 a creare una memoria condivisa spuria , altra e diversa rispetto a quella storica ma finora ( vedi ultime uscite il 25 aprile scorso con numerosi ed inaspettati outing ) non c’e’ ancora riuscito.

    Quanto alle foibe ed a i regolamenti di conto del ’46 e ’47 faro’ presto un post che conterrà anche i retroscena storici dei due eventi , retroscena che comunque attengono alla guerra , per le foibe in particolare alla terrificante occupazione nazifascista della jugoslavia

  6. Sono d’accordo con te.
    Non voglio – e infatti non lo faccio – giustificare in alcun modo né le foibe né alcun altro episodio di atrocità che esuli dalla crudele realtà di una guerra: ad esempio, per me lo “spettacolo” di piazza Loreto e dell’esecuzione senza processo del Duce furono, più che un errore storico e politico, una schifezza sul piano etico.
    Nè giustifico in alcun modo Hiroshima, Nagasaki e Dresda.
    Però, accidenti, se guardiamo ai numeri della seconda guerra mondiale, non c’è confronto tra le atrocità commesse dai nazifascisti e quelle degli alleati.
    E questo non può comunque confondere le acque su chi fosse dalla parte giusta e chi da quella sbagliata.

  7. esatto
    e comunque anche sul valore dei numeri per descrivere il valore di un ideologia storica ho delle perplessità.

    Lo dico chiaramente e ne ho anche scritto in merito alle differenze tra fascismo , nazismo e comunismo.

    Premettendo che sono sempre stato vicino alla linea politica che un tempo si diceva “azionista” e che se avro’ tempo di riaffrontare l’argomento in un post sarò più chiaro , la differenza fra questi fenomeni sia in termini di giudizio teorico filosofico che in termini di realtà politiche concrete in cui quelle teorie si sono riversate più o meno correttamente
    é in re ipsa ed é sensibile , sia in termini teorici che pratici.

  8. Già, i numeri. Si potrebbero fare un sacco di statistiche, ma comunque la si rigiri, quanto a morti e torture, lutti e atrocità, non c’è un regime, non c’è un’idea, per quanto “buona” e “umana”, che si salvi.
    La belva uomo ha fatto le peggiori nefandezze anche nel nome dei migliori ideali.
    In tal senso, non si salvano nemmeno la democrazia e il Cristianesimo.
    Ma ciò non vuol dire che la democrazia e il messaggio di Cristo siano diseducativi.

  9. siete incredibili:
    quando vi conviene
    i numeri sono tutto
    eh dati e fatti?

    Quando invece stalin ammazza
    100 milioni di poveracci nel mondo
    contano piu’ qualche milione di morti
    fatti da hitler

    perché più “voluti”?
    perché “razziali” ?
    perché siete ..incredibili
    per usar un eufemismo e
    non cadere nelle tagliole della corradini

    già mi immagino cavallopazzo
    che pontifica
    pugnette e stronzate
    sulla diversa qualità
    degli omicidi rossi da quelli neri
    filosoficamente piu’ brutti

    evitati il post
    che già abbiam capito
    dove vai a parare
    RISPARMIACELO!

  10. rilassati medio sei un po’…lungo

  11. Mediolungo come al solito non ha capito un tubo.
    Lui chiedeva dati e fatti sulla presenza, n Italia, di un diffuso riemergere di neofascismo.
    Ci aveva sfidati su questo terreno. L’unico motivo per il quale ho postato questi dati è questo.
    Non ho mai avuto intenzione di assolvere Stalin, ci mancherebbe, e nemmeno Pol Pot, se questo lo fa star meglio.

    Poi è chiaro, se mi chiede di parlare di ideologie, il discorso è un altro.
    Dovrei cercare di fargli capire come mai il nazismo è fuorilegge in tutto il mondo e il comunismo no.

    Dovrei, ad esempio, fargli osservare che, proprio stando agl iinsegnamenti di Marx, un comunista “vero” non solo può, ma DEVE lavorare per la democrazia. Un nazista, per definizione, no.
    Dovrei fargli capire che un nazista è, per espressa volontà di Hitler, razzista. Un comunista, no.

    Ma credete che uno come mediolungo sia in grado di capirlo, un discorso come questo?
    Io se permettete nemmeno mi ci provo, a spiegarlo a uno come lui.

  12. spiegare cosa?
    semplicemente non sono d’accordo già conosco la solfa.
    Comunque dati e fatti una volta per tutte abbassa i tuoi pidocchi
    se non gradisci interloquire é un problema tuo ma che io debba stare a sentire le tue stronzate superiori e saccenti solo per educazione , questo no, non me lo ha ordinato il dottore…
    non devi far osservare un cazzo di nulla e niente semplicemente risparmiatemi stronzate

  13. “io non capisco un tubo”, “uno come lui” …

    io sono uno come quelli – tanti – che si sono liberati di te che non servi a nulla
    né sei molto intelligente visto che non capisci il fenomeno berlusconi , ad esempio, che lo capiscono anche i muri…

    io sono uno come quelli – tanti – che alle elezioni vi daranno una nuova a si spera definitiva gettata di calce addosso

    io sono uno come quelli – tanti – che nella vita non ha bisogno come te di farsi grande dileggiando gli altri sul web ed al massimo prende un poco in giro

    e comunque ribadisco che sono uno come quelli – tanti – che si son rotti le balle delle differenze tirate fuori solo per giustificare il comunismo che é in sostanza orrorre e terrore
    e nulla più!

  14. Hai visto?
    Lo dicevo io.
    Non capisce.

    Speriamo che adesso mantenga la parola e la smetta di fare commenti surrealisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...