LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Lo stupidario incoerente dei leghisti ha rimpolpato il vecchio napoleone malato ed ora dobbiamo solo sperare nel suo suicidio

7 commenti

vedetta-lombarda

Lo stupidario leghista

Formidabile! Gli rubano dalle tasche centinaia di euro al mese, li fregano con cartelli assicurativi e petroliferi. Le banche riversano su di loro i debiti di mezzo mondo e rubano le loro pensioni e i TFR. Pagano istruzione, sanità e ticket ospedalieri e loro che fanno??
Si incazzano coi “negher” come fossero quelli la causa di tutti i mali che affliggono la “Penisola degli sfigati”.

Da dopo il terremoto il berlusconismo ha quadrato il cerchio e si trova ad agire in completo controllo dei meccanismi e delle procedure di potere economico politico e comunicativo senza essere più disturbato se non da flebili voci contrarie .

E’ riuscito ormai a raccogliere quei frutti sperati da decenni dopo aver tanto seminato ed ora l’anestesia locale e generale dei corpi e delle menti italiche é tale che ci si sente veramente come quei pochi umani in mezzo agli alieni ne “La invasione degli ultracorpi “.

Solo il vecchio Napoleone malato può autodistruggersi , gli altri al massimo possono istigarlo al suicidio.

Ed allora fra una maledizione ed uno scoramento mi è venuto in mente quel che pensava e diceva la Lega circa un decennio fa , quando ancora il potere berlusconico era di là da venire sebbene se  ne scorgessero tutti i presupposti.

Si tratta di accuse ed argomentazioni pesanti che non traggo da qualche articolo dell’Unità o del Manifesto , ma dalla totalità delle edizioni della Padania 1998-1999

Si tratta di dieci domande , molto più forti e pressanti di quelle che La Repubblica non è riuscita a fargli qualche giorno fà perché Napoleone non gradiva…

leggete pure , altro che santoro e luttazzi …Berlusconi mafioso

Chissà se poi qualche leghista é mai riuscito a fargliele queste domande

La lega é comunque il blocco più unito , hanno in origine un’anima popolare e sono i meno sensibili alle campane berlusconiche  ( non a caso invece  Fini é rimasto senza esercito , gli é stato tolto da sotto il culo mentre faceva immersioni o convegni per ripulirsi l’immagine di fascista ,  i vari gasparri e la russa essendo berluscones dalla nascita) .

Sono la parte più “politica” del governo , credono nel loro capo Bossi in maniera fedele ma funzionale al progetto  – il federalismo  – e quindi senza quella completa carta bianca messianica che i mediolungo concedono a  berlusconi.

Inoltre rappresentano l’ultimo partito della prima repubblica.

Nel senso di strutturato , territoriale e popolare.

Ma questo non significa credere che se staccati dal berlusca diventino bravi e buoni ovvero una costola della sinistra come diceva e forse crede tutt’ora quel grande stratega di D’Alema.

Anzi.

Questo significa che i leghisti sono ancor più colpevoli  proprio per questi aspetti normali e popolari , perché hanno portato i loro stupidi germi fascisti e razzisti a sposarsi con quelli federalisti e riformisti fino alla operazione più cinica e bieca , perché consapevole , quella di  render vergine e rimpolpare di anima una delle più grandi mignotte dello statalismo mafioso e corrotto dell’era socialista e democristiana , Berlusconi , che dopo la sconfitta del 1996 era a terra battuto ed era ancora di plastica  , nella fase precaria ed ancora reversibile della costruzione del consenso.

Su questo aspetto condividono le responsabilità con D’Alema che anzi ne ha di più gravi e prima o poi occorrerà parlarne .

Comunque il leghismo  ha giocato di sponda con questo gnomo di plastica e lo ha condotto rimpolpandolo fino a  diventare napoleone , dandogli sangue e sudore ed anima ed appoggio popolare   , dall’incontro del 1994 con Bossi in canottiera in poi.

Tranne quella fase di ripensamento che coincide con quegli anni del BERLUSKAISER MAFIOSO e delle 10 domande : evidentemente era solo un ammiccamento estorsivo  , un tentativo poi riuscito di alzare il prezzo.

E poi da allora si sono di nuovo reincontrati ed i leghisti hanno avuto qualche briciola  ed ora stanno a cuccia.

Hanno preso gusto al potere , li vedi a Roma far la fila davanti ai ristoranti “giusti “,  sono ormai diventati come quelli di roma ladrona che tanto disprezzavano, ma in mano non gli é rimasto nulla dell’ideale cercato, del federalismo e del liberismo antistatalista.

Tutto il contrario é invece accaduto e certo ci abbiamo rimesso noi e la loro coerenza perché l’avvento del piccolo napoleone malato –  a dire della moglie  – é stato accompagnato non dalla crescita di una Italia federalista e responsabile ma solo  da corollari  razzisti pericolosi che a furia di ripetersi sono divenuti normalità, come anche una certa stupidità  ed incultura che aleggia puzzolente nell’aria.

Ci siamo dovuti sorbire  quello che, con il suo “staff” vagava per i treni con detersivi disinfettanti e faceva alzare donne marocchine per pulire il posto dove erano sedute, a volte spruzzando il prodotto anche sulla persona stessa. Borghezio quello che, per coloro che emigrano, vuole i “vagoni piombati”o che ha proposto di sparare a vista agli scafisti. E’ quello che nel 2000, a Torino, sempre con il suo staff di padani, sotto un ponte dette fuoco a un dormitorio di stranieri, incendiando il “letto di paglia” dove dormiva un rumeno, e per questo condannato a due mesi e 20 giorni in appello. Nel 1993  prese una multa di 750.000 lire per aver picchiato un bambino marocchino.

Per non dire della loro coerenza , in tema di ambiente ad esempio.

Mirabile, in tal senso, la sparata della Lega contro il termovalorizzatore  di Latina: un no gigantesco che campeggia sui manifesti e sul sito del Carroccio.
Salvo che per la stessa Lega  lo stesso tipo di impianto sia invece indispensabile ad Acerra o nelle località settentrionali dove gli uomini di Bossi guidano comuni e province.
“No al termovalorizzatore, trattati da Terzo Mondo” si legge sui manifesti firmati Lega Nord Lazio. C’è da restare allibiti.
Ma come, un partito di governo, espressione del nord portato a modello durante la crisi sui rifiuti di Napoli, che si batte contro la realizzazione di un termovalorizzatore  dopo che lo stesso governo ha aperto quello di Acerra?

E sugli immmigrati ?

Predicano male e razzolano malissimo

Nel vicentino ad esempio , effetto boomerang clamoroso per chi predica la legge dei “paròni in casa nostra “e razzola la propaganda anti-immigrati.

Renato Zanetti, 57 anni, assessore alle attività produttive e presidente degli artigiani di Cartigliano, nel vicentino, «ospitava» nel capannone di famiglia il più classico dei laboratori «made in China».

E’ l’imprenditoria tipica del Nordest che sbraita in difesa del modello indigeno e dimentica allegramente la coerenza di fronte ad un po’ di schei.

Ecco i giornali locali :” Scoperti otto lavoratori «schiavi» nel capannone di famiglia di un assessore del Carroccio a Cartigliano Un laboratorio con le finestre oscurate, dormivano in una botola, al lavoro giorno e notte”

Per non dire del sindaco di Verona, Tosi, che ha sistemato la moglie , già dipendente regionale , come segretaria della neoassessora che lo ha sostituito in giunta.

Un bel salto vero? e l’hanno fatta passare come un esempio di grande risparmio…

Sempre per la coerenza

In parlamento qualche settimana fà hanno votato contro un emendamento che prevedeva di lasciare il 20% dell’IRPEF ai comuni .

Su Malpensa hanno fatto il diavolo a quattro contro Prodi per poi abbassare  le penne ed abbozzare oggi ottenendo dal berlusca molto meno di quello che avrebbero prima ottenuto.

L’unico risultato vero qual’e’?

Che berluskaiser é diventato napoleone e dobbiamo sperare che la moglie sappia quel  che dice e che quindi prima o poi il malato in un raptus di autoesaltazione si suicidi…

Crazyhorse70

Annunci

7 thoughts on “Lo stupidario incoerente dei leghisti ha rimpolpato il vecchio napoleone malato ed ora dobbiamo solo sperare nel suo suicidio

  1. cavallo pazzo sei matto come un cavallo
    ora ti é pure presa la fase onirica ed hai le visioni insieme a donfrengo

    quanto alla lega
    ha capito che solo berlusconi avrebbe potuto portare il federalismo che unisce nord e sud

    e poi “germi fascisti e razzisti”
    ma dove li vedi?
    Lo sai quanti immigrati ha fatto fuori il tuo zapatero coi suoi respingimenti?

    siete alla frutta
    meglio così per noi

  2. “Il federalismo unisce nord e sud”???
    Ma se spiegasse, una volta, un’asserzione, senza bisogno che sempre si debba chiedere su cosa basa i suoi assunti…?!

    Costui non vuol vedere i germi razzisti e fascisti, gli farò un post apposito.
    Per quelli razzisti, basterebbe fargli l’elenco di tutte le volte che i leghisti si son lasciati andare a dichiarazioni grondanti rdisprezzo razziale se ob addirittura istigazione alla violenza etnica.
    Per quelli fascisti, anche qui si può fare un bell’elenco. Prossimi giorni provvediamo, eh.
    Che c’entra poi Zapatero, coi respingimenti?
    I respingimenti li hanno fatti tutti, anche i governi di centrosinistra, con i quali per esempio è cessato il flusso migratorio dall’Albania.
    Non sono i respingimenti in sé l’oggetto del contendere, ma tutta la politica dell’immigrazione.
    Non è il fatto in sé di considerare illegittima l’immigrazione clandestina, ma come e con quali ricette affrontarla.
    Ma per la sua mente semplice, forse anche questo è troppo.

  3. Sempre per la coerenza:

    Il 20 marzo del 99 il senatore Miglio l’ideologo della Lega Nord, dichiara in un intervista al Giornale:

    “Io sono per il MANTENIMENTO DELLA MAFIA E DELL’ANDRANGHETA, perchè bisogna che alcune manifestazioni tipiche del sud vengano COSTITUZIONALIZZATE”

    Ciao e scusate per i diecimila morti.

  4. il caldo vi fà sentire male e dire cazzate , cambiate droga oppure sospendete le visite ai sert durante l’estate e ricordatevi che il metadone non é che faccia benissimo pur se non é l’eroina, ma insomma …

  5. Come al solito, è a corto di argomenti, e si rifugia in battute. Le battute piacciono anche a me, ma io argomento.

  6. è bene che la gente capisca che gli insulti virulenti dei leghisti – come quello di oggi di Borghezio sui napoletani – sono direttamente proporzionali alla rabbia ed alla frustrazione per il venir meno deella efficacia della loro lotta politica, sempre più subalterna agli affari del boss di arcore. Sono in difficoltà e strepitano…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...