LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


1 Commento

Pausa domenicale : oggi tocca al teatro

Dal blog   “fratello” il Caffè della conoscenza , una breve recensione scritta dopo aver assistito ,  ieri sera,alla prima deLa casa di Bernarda Alba ” .

foto scattata all'esterno della ex-segheria-le attrici attendono di entrare in scena

foto scattata all’esterno della ex-segheria

Ex segheria di Vallombrosa-23 maggio 2009

Ero preparata ad assistere ad  una nuova magia dell’attore/regista catalano Arnau Marin ma , come spesso succede,  la realtà supera la fantasia…..

In un ambiente per niente idoneo ad uno spettacolo teatrale ( la ex segheria di Vallombrosa ) un “casa”  ovattata di tessuto bianco assiste immobile , ma al tempo stesso permeabile, alle passioni, alle tragedie di una famiglia matriarcale dove ,  chi osa sfidare le convenienze di un ambiente  rigido , conservatore e perbenista  è  “punito”  dalla follia o  gesti estremi.

continua sul caffè : Uno spettacolo da non perdere : La casa di Bernarda Alba

lo spettacolo è finito....

lo spettacolo è finito....


L’opera  : da wikipedia

La casa di Bernarda Alba (titolo originale in spagnolo: La casa de Bernarda Alba) è un’opera teatrale in tre atti scritta nel 1936 da Federico García Lorca. L’opera fu scritta da García Lorca alcuni mesi prima della sua morte e fu rappresentata per la prima volta a Buenos Aires nel 1945.

Assieme alle altre tragedie Yerma e Nozze di sangue, La casa di Bernarda Alba fa parte di una trilogia incentrata sul ruolo della donna e sulla sua sottomissione nella Spagna rurale degli anni trenta.


16 commenti

Il sinistro politicamente corretto si allontana dal mondo reale e produce caste corrotte

antikomunist

Quando leggo alcune reazioni al processo Mills oppure certe fantasie di Crazyhorse70 sul bilancio di un anno di governo non so  se prender mano alla pistola o farmi intenerire per tante energie sprecate.

Facciamo la seconda che ho detto e sforziamoci di spiegare anche a loro quel che tutti molto prima di loro GRAN CERVELLONI han capito.

Dico così perché non state comprendendo il nocciolo della questione, ci GIRATE intorno , guardate lontano col binocolo , vi girate dappertutto ma non vedete la soluzione ad un palmo del naso, lì pronta diretta e facile facile.

Quindi scriverò ancora di Berlusconi , questa volta guardando l’altra faccia della medaglia.

E cioè non perché vince Berlusconi ma perché perde la sinistra .

IL SINISTRO POLITICAMENTE CORRETTO SI ALLONTANA DAL MONDO REALE E PRODUCE CASTE CORROTTE

La gente sono anni anzi decenni che sente far politica in un certo modo ma oggi quell’atteggiamento non lo capisce più.

Non ne può più di parole d’ordine come se ci fosse ANCORA QUEL MONDO di conflitto tra sistemi , che non c’e’ piu’, se non nella testa di ferrero vendola bertinotti ed altri…

ma anche in d’Alema veltroni e Franceschini ed altri ancora c’e’ come UN VECCHIO riflesso DI UN ALTRO PERIODO STORICO.

Discorsi ideali sui MASSIMI SISTEMI , politica estera irreale ,  bontà e buonismo in quella interna verso i poveri italiani e del mondo , integrazione degli stranieri COSTI QUEL CHE COSTI , esigenza di CULTURA COME educazione delle masse , sociologia da 4 soldi che complica fenomeni sociali di facile lettura , assemblearismo chiacchierone che non decide mai.

TUTTO CIO’ é fuori dal tempo.

Quando c’era un CONTESTO POLITICO REALE DI SCONTRO DI CIVILTA’ cio’ era in un certo senso giustificato.

L’idea che trascinava molti   ( ma mai il sottoscritto e gran parte degli italiani , per fortuna ) era che c’era un MODELLO ECONOMICO POLITICO ALTERNATIVO E PIU’ GIUSTO chiamato socialismo o comunismo, in altre parti del mondo e che prima o poi democraticamente o meno OCCORREVA IMPORTARLO IN ITALIA.

Ma oggi che tutto cio’ si é scoperto essere NULLA e NIENTE PIU’ che vecchie teorie irreali e perdenti nella storia tutto l’AMBARADAN che si trascinava appresso queste idee E’ DIVENUTO UNA CANCRENA INSOPPORTABILE.

Voglio dire molti di voi hanno l’istinto condizionato, riflesso di parlare e capire il mondo in un certo modo che é figlio di quelle teorie e non serve piu’ a nulla, FALSIFICA LE ANALISI.

Ecco perché oggi vi manca l’analisi della realtà che non capite piu’:

dagli operai agli imprenditori, da come risolvere le questioni ambientali dentro il meccaniscmo economico ( se non volete esser tutti dei pecorari scani )  e non fuori da questo, dal fatto che la SICUREZZA non é un problema del cazzo per borghesi fascisti, ma un GRAVISSIMO PROBLEMA REALE DEL POPOLO ANZI SPESSO DEI PIU’ POVERI.

LAVORO ED ECONOMIA

Il sindacato tutela sempre meno lavoratori e lo fà come una casta corrotta che in realtà tutela se stessa.

Per supergarantire una stronza che non lavora mai ed ha un bel contratto a tempo indeterminato e che fra permessi e cazzi e pugnette stà sempre a casa

ed é quindi lei la sfruttarice che ricatta il datore

per permettere cio’ il sindacato manda al macello milioni di giovani disoccupati e con contratti precari…

INFATTI

quella stronza al riparo del suo immeritato contratto A VITA é stragarantita fino ai peli del culo

quella enorme quantità di disoccupati  lavoratori preacari FRA CUI magari C”E GENTE CHE LAVORA sul serio stan lì senza tutele E SENZA DIRITTI

Se si toglie qualche diritto del cazzo alla stronza di prima ( tipo non poter essere MAI LICENZIATA, grazie al meccanismo dell’art, 18 l.300/70 )

POI puoi magari ALLARGARE I DIRITTI E LE GARANZIE PER TUTTI QUELLI OGGI FUORI

non vi pare che il ragionamento fila e che solo qualche brutta zecca maledetta potrebbe darmi torto  ?

Eppure qualche anno fà eravate tutti col Cofferati a menarla sull’art.18  , vero?

I soldi non puzzano di profitto ingiusto, i soldi nel capitalismo girano e fanno star bene le persone e creano posti di lavoro.

Le chiacchiere invece MASSACRANO LE BALLE

E servono solo A SFRUTTARE IL COGLIONE CHE CI CREDE !

Siccome é l’economia quel che conta ( come diceva lo stesso MARX ) e non le pippe mentali sulla costituzione ed i giudici e le libertà di stampa

ecco che perdete e riperderete proprio sul fronte della economia reale, su quello che una volta chiamavate

I BISOGNI

mentre oggi siete tutti presi a fare l’esegesi di DAVIGO e delle corti di giustizia:

che brutta fine avete fatto!

BERLUSCONI é GIUNTO sulla scena

proprio NEL MOMENTO DI MASSIMA esplosione di questa contraddizione , di questa progressivo allontanarsi dei REDUCI sinistresi DALLA GENTE ED I SUOI PROBLEMI REALI.

QUINDI HA SFRUTTATAO BENISSIMO QUESTO VUOTO e lo ha RIEMPITO in maniera magistrale

Ma di questo ne ho già parlato in un altra lezione ( La vera rivoluzione l’ha fatta Berlusconi ), voglio dire post, ah ah ah

ed adesso tutti al mare

anche i compagnucci ogni tanto un po’ di sole e di donne fan star bene , é vero ?

Un superMEDIOLUNGO  in forma