LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


Lascia un commento

Gli impresentabili………..che si presentano

Sottotitolo n. 1 : svegliatevi bambine è primavera…..
Sottotitolo n.2 : toglietevi le  fette di salame dagli occhi

una breve carrellata di nomi di onestissimi e retti uomini politici ( fonte Espresso )

C’è chi è ancora sotto inchiesta oppure l’ha fatta franca grazie alla prescrizione o all’amnistia. C’è chi si è salvato per un cavillo. C’è chi è stato riconosciuto colpevole addirittura in Cassazione, ma è lì lo stesso. Da anni. E con tutta probabilità sarà lì di nuovo. C’è chi, invece, avrebbe dovuto star fuori dalla politica ab eterno, perché lo aveva garantito il suo partito vista la pessima prova di sé fornita al Paese e al mondo. Ma che, dopo una sentenza sfavorevole incassata in primo grado, è stato ripescato e riammesso al ballo. Forse perché la pena, dice la Costituzione, è sempre tesa alla riabilitazione del condannato.

Infine c’è lui, l’ineleggibile e l’improcessabile per eccellenza: Berlusconi Silvio da Milano, classe 1936, uno dei quattro mariti d’Italia – con il presidente della Repubblica e quelli di Camera e Senato – che oggi, in virtù del lodo Alfano, potrebbero persino scegliere non di divorziare, ma di strangolare la consorte, certi di non finire davanti ai giudici sino al termine del mandato. Sono cose che voi umani non avreste nemmeno potuto immaginare quelle che emergono dalle liste elettorali depositate in vista delle europee del 7 e 8 giugno.

Se il caso Berlusconi- Lario minorenni ha portato alla precipitosa esclusione di una dozzina di veline, evitando così che gli elettori del Pdl entrassero nelle urne con lo stesso spirito con cui si partecipa al televoto per la casa del ‘Grande Fratello’, molte delle altre candidature fanno adesso rimpiangere le stesse veline.  E per accorgersene basta analizzare i curricula, penali e politici, di una ventina di aspiranti euro-deputati. Popolo della libertà Berlusconi è capolista ovunque, ma non andrà mai a Strasburgo. Se lo facesse, dovrebbe rinunciare alla poltrona da premier e soprattutto vedrebbe ricominciare due suoi processi: quello per i falsi in bilancio Mediaset e quello per la corruzione del testimone David Mills.

continua su L’ESPRESSO


31 commenti

In pochi giorni sono stati varate finalmente misure per la sicurezza dei cittadini italiani

riservaindianaDefecare è una nobile attività fisiologica che  , una volta eseguita  , dà un senso di sospirato piacere per la “liberazione” avvenuta.

Ma non tutti i defecatori sono corretti : alcuni prendono slealmente in prestito il culo degli altri per espletare , cosi’ mantengono pulito il loro deretano.

Nel mondo ed in Europa fanno tutti come gli pare contro gli immigrati ma poi fanno a gare a sparlare dell’Italia insieme all’ONU :   cosa rispondere a questi farisei che vogliono darci ingiustificate lezioni di buonismo ?

Cagate col vostro di culo ,  ipocriti di merda  ,  mi sembra il minimo che gli si può dire

Finalmente regole dure contro gli immigrati

In pochi giorni sono stati varate finalmente misure per la sicurezza dei cittadini italiani

L’immigrazione clandestina che diventa reato , il  giro di vite sulle procedure per ottenere la cittadinanza italiana e il permesso di soggiorno, pene piu’ severe per gli scafisti e carcere anche per chi affitta gli appartamenti agli irregolari

Ancora , norme piu’ dure per i mafiosi, ma pure per i writers che imbrattano i muri.

E in strada scenderanno le ‘ronde’ composte di volontari: non avranno armi, ma potranno segnalare situazioni di disagio e di allarme alle forze dell’ordine.

E saranno in gran parte formate da ex appartenenti alle forse dell’ordine

Sono questi alcuni dei contenuti del ddl sulla sicurezza approvato dalla Camera. Il testo passerà adesso al Senato per il via libera definitivo “entro maggio “, come auspicato dal ministro dell’Interno, Roberto Maroni.

L’Onu ed altri enti inutili rompono le balle sul nostro diritto al  respingimento in mare ma non fanno nulla per aiutare l’Italia a risolvere il problema, acuito dalla sua posizione geografica.

Ed allora visto che a tutti piace cagare col culo degli altri salvo tenersi pulito il proprio : fottetevi tutti chiacchieroni , terzomondisti, comunisti, pacifisti, buonisti ed evangelici dei centri sociali .

Noi abbiamo il diritto ed il dovere di difenderci e lo faremo!

Ipocriti farisei del cazzo!

Meno crimini e più arresti col governo Berlusconi

Intanto per qualche sociologo  della pugnetta che frequenta questo blog comunico che già da ora puo’ dirsi che con questo  governo Maroni-Berlusconi diminuiscono i reati.

Sotto il nostro governo cresce  l’attività di pubblica sicurezza contro la delinquenza e la mafia . Quindi meno reati e più arresti e non solo per l’esaurirsi dell’effetto indulto o per  i nuovi patti per la sicurezza , elementi sicuramente importanti.

Ma principalmente sono le forze dell’ordine ad essere più efficaci del solito , perché si sentono  per la prima volta ben indirizzate e politicamente garantite , e quindi sono loro il vero motivo di cambiamento .

Respirano un’aria di fiducia e di consenso e sono più motivati d infatti proprio questa maggiore attività di contrasto è la sorpresa positiva.

Dai dati del sottosegretario agli interni Mantovano

Aumento delle denunce, incrementate del 3,8% e giunte a quota 364 mila; aumento degli arresti: oltre 82 mila soggetti arrestati per un incremento percentuale dell’11%. Una tendenza registrata anche nel mondo minorile dove i denunciati raggiungono le 12.860 unità (+9,4%) e gli arrestati tremila (+4,6%).

I crimini come le truffe, le violenze sessuali, gli omicidi e le rapine diminuiscono. Tranne il fenomeno degli assalti alle farmacie che invece raddoppiano passando da 131 del 2007 a 267 nel 2008.

Nuovi provvedimenti contro gli stupratori

Pochi giorni prima , il 6 maggio il Consiglio dei ministri ha varato  il decreto legge che contiene “misure urgenti in materia di sicurezza e contrasto alla violenza sessuale”. Fra queste l’obbligatorietà della custodia cautelare in carcere per reati quali violenza sessuale, prostituzione minorile e pedopornografia e turismo sessuale, nonché l’esclusione dei benefici dell’affidamento in prova e della semilibertà per i condannati. A tutte le vittime di violenza sessuale viene garantito il gratuito patrocinio a spese dello Stato. Il decreto assegna poi al ministero dell’Interno altri 100 milioni di euro e prevede l’assunzione di 2500 poliziotti.

La gente collega gli stupri , pur diminuiti grazie alla nuova attitudine delle forze dell’ordine, con  la immigrazione e ciò è confortato dai fatti e dai dati :

nel triennio 2006-2008 le violenze sessuali sono state commesse nel 60,9 per cento da italiani, per il 7,8 da romeni e per il 6,3 per cento da marocchini.

Il Viminale precisa inoltre che i cittadini stranieri (comunitari ed extracomunitari) responsabili di circa il 40% dei reati di violenza sessuale commessi in Italia nel 2008 rappresentano meno del 6% della popolazione

Basta fare una piccola e facile proporzione ed anche i comunistucci della parrocchietta dovranno convenire che sono queste razze slave ed africane ad avere una  tendenza a stuprare di molto superiore alla media.

Alcune razze quindi – su tutti rumeni e marocchini – stuprano con maggiore frequenza.

Non sono io ad essere razzista o pieno di pregiudizi: solo loro che ci hanno mandato qui delinquenti e stupratori.

Anche noi l’abbiam fatto coi siculi che mandarono mafiosi dappertutto un secolo fa ma il dirlo non cambia la questione né i pericoli che corriamo ed a me poi sinceramente non frega un cazzo.

E se mi devo difendere da questa bestie mi prendo pure gli insulti di Franceschini ( “camicie nere” ) che anzi potrebbe esser un complimento ma comunque per lui l’unica camicia è quella di forza.

Fatti veri contro la camorra

Sblaterano sulla  antimafia e si emozionano per scrittori primedonne che fanno milioni di euro per fare gli eroi pagati dalla televisione di stato e nel cinema “impegnato”.

Beh antimafiosi prezzolati e di professione sentite un po’ questa?

Ecco un esempio vero  , non chiacchiere né pugnette ,  di come si combatte la camorra parlando poco e  con l’aiuto dell’esercito

Dati alla mano .

L’ impiego di militari sul territorio nazionale in operazioni di vigilanza, perlustrazione e pattuglia in affiancamento alle Forze di Polizia ha prodotto, secondo Maroni risultati ‘confortanti’ sul fronte della sicurezza anche nel casertano, come indicano alcuni dati forniti dal ministro: dal 22 settembre 2008 al 25 gennaio 2009, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, gli arresti sono saliti da 280 a 731, le denunce da 456 a 1194, quasi quintuplicati i veicoli controllati, da 7100 a 32000. Anche il numero delle persone controllate è aumentato – da 1000 a 66000, mentre sono diminuiti i furti, da 973 a 492, e le rapine, da 85 a 59.

Fatti non pugnette

Mediolungo