LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


Lascia un commento

In diretta la protesta di Pino Masciari al Quirinale

UPDATE- ORE 20 CIRCA

Vittoria  ! Pino Masciari  è stato convocato dal ministero dell’interno per definire l’attuazione della sentenza per il giorno 14 maggio grazie a Napolitano.

Le forze dell’ordine hanno isolato Pino Masciari dai presidianti

photoPino Masciari ha iniziato lo sciopero della fame e della sete.

Le forze dell’ordine hanno diviso Pino Masciari dai presidianti col pretesto di un incontro nel Quirinale.

Questo incontro non è stato concesso, Pino adesso è fuori dal Quirinale senza possibilità di muoversi, a 50 metri ci sono i presidianti sotto il sole, anche loro senza possibilità di raggiungere Pino: la polizia li ha accerchiati.

Questa è la risposta dello Stato? Vergogna.

dal blog di Pino Masciaricollegatevi  al blog per seguire la diretta

Diffondete


1 Commento

Per la certezza della pena

gianluca
Messaggio per ai membri di Amici di Gianluca Congiusta
……..e per tutti coloro che ci leggono qui

Cari amici di Gianluca,Vi invito a firmare la petizione sulla certezza della pena.
Non è una battaglia personale ma una battaglia di tutti quelli che non vogliono essere sottomessi ai mafiosi che godono di sconti e privileggi dopo aver seminato violenza e morte.
Vi chiedo 2 minuti del Vostro tempo.
Solo se saremo in tanti riusciremo a far approvare un decreto legge.
Dopo aver firmato arriverà sulla vostra casella di posta una e-mail con la quale dovrete confermare la vostra firma.
Questo il link per firmare:
http://www.gianlucacongiusta.org/joomla/
Vi ringrazio per quanto farete
Il papà di Gianluca
dal sito  il testo dell’appello

Egregio Ministro,

sono centinaia e centinaia le vittime di mafia i cui parenti ancora attendono giustizia. Migliaia e migliaia le vittime di violenza e reati contro la persona, soprattutto (ma non solo) donne e minori, anch’esse, troppo spesso, prive di un giudizio che riesca ad alleviare la pena dei familiari.

All’incertezza del giudizio si aggiunge un’incertezza ancora più insopportabile: quella dell’effettiva espiazione della pena. Oggi, grazie ad un sistema che permette “sconti” continui, durante e dopo il processo, anche quando si ha una sentenza passata in giudicato che imporrebbe la GIUSTA PENA ai condannati per reati legati alla criminalità organizzata ed a quelli contro la persona, siamo costretti a vedere a piede libero assassini, stupratori, pedofili e violenti.

Riteniamo URGENTE e NECESSARIO ristabilire DEFINITIVAMENTE la certezza dell’espiazione della pena almeno nei reati contro la persona, al fine di restituire la certezza di una giustizia, seppur parziale, non solo alle troppe vittime di violenza (sia essa mafiosa, sessuale, razziale o, comunque, contro la persona ed i diritti fondamentali alla vita e alla dignità umana), ma anche alle loro famiglie, che comunque non potranno mai essere risarcite per le lacerazioni e le perdite subite.

Siamo convinti che tale diritto fondamentale sia utile anche per restituire ai cittadini l’idea e il senso di una giustizia reale di cui purtroppo si trova sempre meno traccia nel vigente sistema giudiziario.