LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Integrazione o apartheid? L’Islamically Correct fa più danno che altro

2 commenti

Piscine islamicamente corrette.jpg

In Inghilterra alcuni bambini vengono condannati dai tribunali per comportamenti non conformi all’islamicamente corretto; in Italia nasce la prima piscina per sole donne musulmane; sulle spiagge della Costa Azzurra donne islamiche prendono il sole interamente velate.

Siamo sicuri che sia questa la strada giusta per l’integrazione? E poi, che significa integrazione, integrati con chi, fra chi, in che modo?

Non sarebbe meglio sostituire questo orribile termine coi vecchi concetti occidentali di libertà, tolleranza, uguaglianza, e mettiamoci pure legalità?

Gli stessi concetti da cui sono nati i diritti umani e sociali, identici senza distinzione per gli uomini e per le donne; concetti tramite cui in Occidente si è combattuta e ancora si sta combattendo ogni sorta di segregazione.

I seguenti sono solo alcuni episodi emblematici di una tendenza europea che vorrebbe essere socialmente democratica e aggregante ma si dimostra invece ghettizzante e lacerante.

di A.B. Nardi  continua

Annunci

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

2 thoughts on “Integrazione o apartheid? L’Islamically Correct fa più danno che altro

  1. ora ho capito perché rosellina a questo l’ha trattato a pesci in faccia
    se li merita tutti
    questo tipo fa proprio schifo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...