LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


15 commenti

Le vedove di Prodi

alemanno_gramazioPurtroppo in Italia ed anche sul web, anzi specialmente in giro per il web, molti fan finta di dimenticarsi come si stava sotto l’ex governo Pordi.

Sotto tutti i punti di vista , sinceramente si può salvare poco o nulla

Il mortadella non ne aveva azzeccata una , scontentando tutte le classi sociali anche e specialmente quelle che a lui guardavano con ottimismo.

Piccolo bilancio per le vedove del Mortadella.

8010927090697

Il cuneo fiscale per ridare un po’ di soldi in busta paga : nulla

La lotta alla evasione fiscale: il gettito in piu’ era dovuto allo aumento  delle tasse , quindi han strizzato il sangue dalla rape e lo hanno contrabbandato per recupero di evasione .

I comunisti appoggiavano un governo contro cui in piazza combattevano.

I radicali hanno avuto solo maquillage: le “lenzuolate” liberali di Bersani sono state più o meno solo questo.

La sfiducia popolare raggiunse storici ed inavvicinabili risultati statistici.

La debolezza intrinseca sul fronte della sicurezza e degli immigrati era stupefacente ed il messaggio era: venite , fate come vi pare , rubate stuprate e riceverete un bel premio.

La magistratura rossa garantiva per tutti buoni premi e cotillons.

Il paese dissanguato , depresso sfiduciato e quasi morto è stato consegnato in mano al centrodestra che ora stà ben conducendo in porto la nave nonostante la più grande crisi economica e finanziaria  dal dopoguerra.

Ed ora cosa fa la sinistra ?

Perde pezzi , si arrende ( Veltroni) rispolvera democristiani giovani vecchi nonostante l’età ( Franceschini) non esiste neanche più in parlamento ( sigle comuniste ) ma gode tanto a giocare con la satira contro Berlusconi nel tentativo disperato di scalfirne l’immagine presso la gente .

Risultato : zero , a parte alimentare i dibattiti sclerotici dei salotti radical – chic dove ancora per poco la sinistra tiene banco.

E’ proprio tutto di rifare, per voi, ma per fortuna non ve ne accorgete.

Mediolungo


20 commenti

Veronica Lario Fan Club su Facebook

n68540235696_6833

“Mio marito insegue lo spirito di Napoleone, non quello del dittatore.

Il vero pericolo è che in questo paese la dittatura arrivi dopo di lui, se muore la politica come temo stia succedendo”.

Veronica Lario con questa affermazione rilasciata durante un’intervista a Repubblica , e l’esplicito riferimento all’assenza dell’opposizione in Italia,  si guadagna due gruppi formati a tempo di record su Facebook che stanno aumentando  di consistenza numerica con il passare delle ore.

Veronica Lario Fun Club

Vogliamo Veronica Lario leader del PD

che tocchi davvero raccomandarsi a lei per avere un freno alla , ormai, conclamata follia del consorte ????

Franca Corradini


1 Commento

La Rete ha vinto e resta libera

Da puntoinformatico.it

Roma – La libertà dei cittadini italiani di usare la Rete per informare ed informarsi così come loro garantito dalla Carta fondamentale dei diritti dell’uomo e del cittadino prima e dalla Costituzione poi è salva… almeno per il momento.

I Deputati italiani, infatti, mostrando una maturità ed un rispetto per i diritti fondamentali dei cittadini e degli utenti superiore a quello dei colleghi del Senato, nella notte di ieri, hanno abrogato l’art. 60 del DDL n. 2180, meglio noto al grande pubblico come emendamento D’Alia, approvando l’emendamento Cassinelli. Uno dei più pericolosi attentati alla libertà dell’informazione in Rete ed attraverso la Rete è stato, dunque, sventato.

continua

Più che di maturità dei deputati parlerei di stato di necessità……anche loro conoscono  ( e necessitano….  ) la potenza della rete !

Franca Corradini


9 commenti

La satira con questi non funziona, anzi gli dà forza

6a00d83451654569e200e54f81fab98834-800wiCi sono tanti esempi di satira carina , che fa ridere di cuore o fa pensare.
Corrado Guzzanti in primis.
Le sparate informative moralisticheggianti del vecchio Grillo.
Certe tirate spontanee di Benigni.
Ed anche le ultime contestatissime vignette di Vauro sul terremoto, non erano affatto male.
Il punto è che ridiamo molto ma ciò non produce l’effetto che dovrebbe , non si riversa una valanga dirompente sul satireggiato , non ridicolizza veramente ed infine non sputtana realmente il soggetto che ne è sottoposto.
I motivi .
Un po’ perché alcuni votanti non votano per convinzione ma per eliminazione, non ne parlano mai né appaiono negli exit pool , ma pensano di assicurarsi così facendo una continuità del loro spazietto relativo di garanzia e di impunità , un orticello da coltivare . Altri perché lo vogliono proprio così come viene dipinto , un po’ pagliaccio un po’ ducetto.
In parte accadeva anche coi democristiani , per strada , nei conciliaboli non li difendeva nessuno, poi li votavano in massa, vergognandosi di ammetterlo.
Un po’ è così , ma solo un po’.
In gran parte il motivo è un altro.
La satira per funzionare deve avere come presupposto un primo passaggio: il fatto di prendere molto sul serio chi è al potere.
Il secondo passaggio è combattere quel potere preso sul serio tentando di ridicolizzarlo.
Oggigiorno manca il primo passaggio.
Quando guardiamo in tv certi personaggi ( il premier , Schifani , Gasparri , Maroni o Belpietro , ad esempio) dentro di noi pensiamo che il Lombroso tutto sommato avesse ragione poiché al loro apparire in tv ci compare naturale ed irrefrenabile un sorriso sarcastico sul volto.
Il punto è proprio questo , la mancanza di credibilità : credibile come potente era ad esempio belzebù – Andreotti ; chi lo odiava lo prendeva sul serio…per non dire di De Mita o Kossiga col cappa…lapide-satira
Questi no, con loro la satira non funziona , manca la sostanza su cui far leva per spingere verso l’efficacia , la satira così è stanca , spesso forzata , spesso inferiore alla realtà e qualche volta volgare.
Insomma non serve ed anzi aiuta il soggetto , lo nutre , gli dà paradossalmente linfa vitale , perché una parte dei suoi votanti ( diciamo i meno attrezzati a capire ed accettare la satira in quanto tale ) lo considerano perciò stesso un martire delle libertà , vittima di bugie ed insolenze gratuite.

Cavallo Pazzo


Lascia un commento

Torta e spumante per festeggiare un compleanno …..

Che c’è di speciale direte voi ?

Tutti i compleanni si festeggiano con torta e spumante.

Ma questo è stato un compleanno speciale.

Il compleanno di Angelo Falcone, detenuto in India per presunto spaccio  di droga.

E’ un raggiante Giovanni , che  mi ha appena chiamato al cellulare, a dirmelo.

E’ sbarcato da poco dall’areo che lo ha riportato in Italia dopo aver finalmente riabbracciato il figlio Angelo.

Da due anni quasi venivano negati i diritti internazionali dei detenuti  e disatteso  il patto di reciprocità che peraltro l’India aveva sottoscritto con l’Italia.

Giovanni al settimo cielo, Giovanni che mi racconta  al volo una cosa su tutte : torta e spumante per festeggiare il compleanno di Angelo con secondini e detenuti……..

Per chi desidera partecipare alla gioia di Giovanni e sostenerlo nella sua battaglia  ( che  continua )  ecco il link del gruppo FACEBOOK :

Applicazione dei diritti internazionali ai detenuti italiani all’estero

Il blog di Giovanni Falcone

Franca Corradini


4 commenti

La mafia lo condanna ma lui continua come se niente fosse

rosLa conoscenza rende liberi non è solo un luogo di libero dibattito ma anche di presa di posizione su battaglie concrete.  In che modo?

Parlando piu’ possibile ( il silenzio uccide , specie in certi contesti ) di certe cose e di certe persone ed anche invitando a votare le singole persone che sono di esempio con la loro vita  di un altro modo di fare politica , che un mondo diverso è possibile.

Oggi inizio io con un eroe antieroe.

Omosessuale e cattolico dichiarato, uno tosto che rischia molto e che è già ora un grande esempio.

Rosario Crocetta è il sindaco di Gela , rieletto l’ultima volta col 65 % dei voti.

Vive da anni sotto scorta, nel 2003 si scopri’ che Cosa Nostra aveva assoldato un gruppo di lituani per farlo fuori, poiché aveva paura di apparire come esplicito mandante.

Ma tutti sanno che è condannato a morte direttamente ed esplicitamente anche se la scorta va in giro con la Fiat Punto e forse Mantovano, sottosegretario agli Interni, gli procurerà una macchina blindata anche per la scorta.

Graziosa concessione.

Ieri 25 aprile ha sfilato in corteo davanti a tutti ed ha tenuto un comizio.

Non si sente un eroe ma da anni blocca la mafia degli appalti e poi scopre che le stesse ditte lavorano al nord.

Ha  mandato dentro in 4 anni 853 mafiosi con le sue denuncie .

Ha convinto Confindustria ad espandere le denuncie contro il pizzo.images1

Combatte in silenzio amministrando onestamente e colpendo cosa nostra economicamente : chiude in cantieri  ” sporchi ” ma subito regolarizza gli appalti puliti e le opere da fare , rapidamente sostituendo il marcio senza ostacolare l’opera .

Ha cacciato dal petrolchimico il consorzio Conapro in odore di mafia ma ha subito battagliato ed ottenuto la ricollocazione in altre aziende dei dipendenti

Ecco perché tutti lo amano.

Quando gli chiedono se Berlusconi l’abbia mai chiamato per esprimergli solidarietà scoppia a ridere ma non dice altro.

E’ candidato in Europa per il PD.

Cavallo Pazzo


Lascia un commento

Appello per Pino Masciari ( video di Marisa Masciari la moglie )

Dal blog di Pino Masciari

In esilio. Come in carcere, privato della libertà, ma da innocente. Costretto all’attenzione maniacale, ferito nella dignità di cittadino, onesto e fedele alla Repubblica.

La storia di Pino Masciari è l’emblema della debolezza dello Stato, cioè dei cittadini, di tutti noi. Con moglie e bambini, è obbligato da dodici anni a stare lontano dalla sua terra, ufficialmente per colpa della ‘ndrangheta, armata e minacciosa da impedirgli il rientro nella sua terra.

……………………………..

Gli uomini della ‘ndrangheta sono sanguinari, in agguato quando tutto tace.

E sul caso Masciari c’è un silenzio troppo pericoloso, irresponsabile, forse  complice. Il silenzio della sufficienza, dell’abbandono, dell’ipocrisia.

…………..

Diffondete il video, diffondente il link del blog ed aderite voi stessi alla richiesta di sostegno.

Come scrive Pino ” ogni persona che viene a conoscenza della mia storia mi allunga la vita di un giorno”


4 commenti

Chiù pilu per tutti………….

imma-ed-eleonora-de-vivo

Imma ed Eleonora De Vivo, le gemelline dell'Isola de famosi

Lo avevo appena scritto  in un commento  che la VERA Liberazione è lontana…

Non lontana, lontanissima, quasi un miraggio.

Meglio dell’olio di ricino e degli effetti indesiderati, meglio delle violenze fisiche…..ecco che arriva… Chiù pilu per tutti ..che non fa male, anzi piace tanto.

Niente metodi antichi, modernità… le tre FFF , no ma che dico  erano le tre EEE….

No , No queste sono le tre FFF…che cavolo !!

Poi un bel corso di aggiornamento su come accavallare le gambe in tv  ( con o senza mutande- con o senza autoreggenti – Brambilla docet ) e le elezioni sono vinte .

Dite di no ????

Ci scommetto quello che non ho che tanti maschietti nel segreto dell’urna faranno decidere al proprio arnese : volete mettere vedere in tv “volti” nuovi come questi  al posto delle  grigie facce dei soliti politici e delle loro pancette “atletiche” ?

Tanto  queste bellezze devono solo stare a SEDERE in qualche banco, che ci vuole ?

Credete proprio non sappiano farlo ?????

Franca Corradini

La rossa Angela Sozio, ex  del GF3, tra le protagoniste della paparazzata-scandalo a Villa Certosa causa scatenante della reprimenda infuocata che Veronica Lario consegnò alla stampa all'indirizzo del marito

La rossa Angela Sozio, ex del GF3, tra le protagoniste della paparazzata-scandalo a Villa Certosa causa scatenante della reprimenda infuocata che Veronica Lario consegnò alla stampa all'indirizzo del marito

Attrici e miss candidate del Pdl con la benedizione del Cavaliere

ROMA – Un corso di formazione politica in vista delle elezioni europee. “L’aula” è nella sede del Pdl in via dell’Umiltà. Gli insegnanti sono il ministro degli Esteri Franco Frattini e il vice presidente dell’Europarlamento Mario Mauro. Gran cerimoniere il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. La classe è tutta femminile: alcune giovani parlamentari del Popolo della libertà (sponda Forza Italia) e venticinque giovani possibili candidate “non politiche”. Queste ultime accomunate da un passato nel mondo della televisione o più in generale dello spettacolo.

Le potenziali eurodeputate. Alla lezione ha assistito Eleonora Gaggioli che ha recitato nella terza edizione della fiction Elisa di Rivombrosa. C’era anche Camilla Ferranti, nota alle cronache soprattutto per aver interpretato una parte in Incantesimo, decima edizione. Poi Angela Sozio, pugliese classe 1973, la rossa partecipante alla terza edizione del Grande Fratello. E Barbara Matera, nel 2000 giovane concorrente dell’edizione pugliese di Miss Italia, poi annunciatrice per RaiUno dal 2003 al 2007 e attrice in alcune fiction.

continua su Repubblica