LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


Lascia un commento

L’Arbitrato ISDS nel TTIP: la proposta di riforma è fumo negli occhi

Originally posted on Stop TTIP Italia:

La Commissione Europea ha presentato martedì la propria posizione sulla riforma dell’ISDS, il meccanismo di risoluzione delle controversie fra investitori e Stati che intende includere nel TTIP. Le modifiche proposte non rimuovono i gravi rischi democratici, sanitari e ambientali che questa clausola scarica sui cittadini contribuenti. E non risolve la questione: un ISDS, riformato o no, non serve tra due Paesi, come UE e Usa, che hanno una giurisprudenza efficiente e funzionante.

isds

[Roma, 7 maggio] – La Commissaria europea per il Commercio, Cecilia Malmström, ha reso pubbliche le correzioni all’ISDS (Investor to State Dispute Settlement), clausola richiesta a gran voce dalle lobby dell’industria transatlantiche fin dalle prime battute del negoziato TTIP. L’ISDS consente il ricorso a corti di arbitrato internazionale da parte di gruppi privati, qualora vedessero i propri investimenti messi a rischio da provvedimenti cautelativi varati dai governi in USA e UE. Contro questo sistema, che fornisce alle aziende…

View original 979 altre parole


Lascia un commento

GIOVANI IN GAMBA ( 2° PUNTATA )

francacorradini:

i giovani e e loro idee per un lavoro

Originally posted on Il Malpaese:

daniele ascione un piatto preparato da Daniele

Dopo il primo incontro con i giovani catanesi ( Giovani catanesi ….in gamba.. ) incontriamo  oggi un giovanissimo babbo romano che ,dedicandola al piccolissimo fIglo ,ci rilascia una deliziosa intervista.

La sua professione  CUOCO ….precisamente personal chef .

 “Sono Daniele Ascione . di Roma ho 20 anni sono e nonostante la mia giovane età ho un bambino di 1 anno e 7 mesi , la mia ragione di vita, vivo con la mia ragazza, e da quando è nato Leonardo ho sentito il dovere di darmi da fare, lavorando, fortunatamente facendo ció che amo.

A 16 anni ho lavorato per la prima volta in una cucina, ma diciamo che ho cominciato ad avere grandi responsabilità nel mio primo vero ristorante( Le garage Restaurant) a Testaccio , ho lavorato poi come capopartita ai primi nel ristorante (al 59) al centro di roma a due passi da Piazza…

View original 157 altre parole


Lascia un commento

EXPO2015- VENTI DI GUERRA

Originally posted on Il Malpaese:

010658151 PER ORA NULLA DI GRAVE.. ma sotto sotto, a poche ore dall’inaugurazione, si preparano preoteste di vario genere.

Corteo studenti e antagonisti: striscioni, vernice e fumogeni.

“Striscioni con le scritte “No Expo”, “Expo=mafia”, ma anche “Un altro mondo è possibile” o “Grande evento uguale grande bufala”. Poi lanci di vernice colorata e fumogeni. Studenti e antagonisti hanno sfilato in corteo per le strade di Milano il giorno prima dell’inaugurazione dell’esposizione. Due manifestanti sono saliti sulla struttura di “Expo Gate” e hanno srotolato uno striscione. Poco dopo è stata imbrattata la sede dell’Enel in via Broletto e due grosse scritte con vernice rossa sono state tracciate in piazza Duomo e davanti alla sede di Unicredit in piazza Cordusio.

Momenti di tensione davanti alla sede di Manpower, azienda incaricata della gestione del personale per Expo 2015 e al centro delle polemiche nei giorni scorsi per aver diffuso la notizia che…

View original 108 altre parole


Lascia un commento

1° MAGGIO 2015 A MILANO : NO EXPO

Originally posted on Il Malpaese:

1-MAGGIO-2015( comunicato stampa cobas)
1° MAGGIO 2015 A MILANO : MAY DAY NO EXPO

Il 1° Maggio, la giornata che celebra la lotta – le battaglie, i sacrifici,il riscatto – dei lavoratori in tutto il mondo (svilita in Italia dalle kermesse musicali di Cgil-Cisl-Uil) quest’anno verrà abusata dall’imposizione dell’EXPO : l’insieme delle realtà anticapitaliste, tra cui la Confederazione Cobas, si danno appuntamento il 1° Maggio a Milano, per demistificare la vetrina del dominio mercantile e per riproporre “un ‘altro mondo possibile”.

Il logo accattivante “ nutrire il pianeta,energia per la vita”, suona come una bestemmia a fronte dello sfruttamento devastante del pianeta , imposto dalle dominanti multinazionali agroalimentari, che sono tra i principali sponsor dell’EXPO, da Nestlè a Coca Cola, Mc Donald’s ,Barilla,Dupont,..

I principali elementi che danno nutrimento all’ecosistema :

– l’ACQUA , è la risorsa più minacciata dai predatori multinazionali che ne pretendono il controllo privato, anche attraverso…

View original 532 altre parole


Lascia un commento

Il mio 25 aprile

francacorradini:

già pubblicato ma sempre attuale

Originally posted on Il Malpaese:

imagesHo trascorso come tanti del resto innumerevoli feste della liberazione.

Nel tempo questa festa era diventata una cosa di routine ed a parte pochi momenti di commozione verso i diretti protagonisti poi il tempo scorreva come per una festa di primavera .

Ora no.

Ora è diverso, anzi è già un po’ di tempo che risale in tanti , non molti purtroppo, l’esigenza di testimoniare anche formalmente e solennemente  la voglia di resistere .

Non ho intenzione di inseguire le polemiche dovute alle recenti strumentalizzazioni del populista e della sua accolita di novelli democratici che vorrebbero saltare in extremis , per poi normalizzarlo, sul carro del 25 aprile per annacquare tutto.

Se ne stiano a casa loro e continuino la passerella elettorale sui corpi .

Dico questo perché il 25 APRILE non e’ la festa di tutti.

Bando alle tristezze dei miserabili e provo a scrivere i miei appunti sul…

View original 604 altre parole


Lascia un commento

Il Comitato Acqua Pubblica Arezzo per le elezioni comunali aretine

francacorradini:

una grande novità nel panorama politico

Originally posted on Il Malpaese:

comitatoDopo tanti anni di battaglie e di mobilitazione abbiamo dovuto concludere che la politica, quella che occupa e dirige le Istituzioni, è sorda ad ogni istanza che proviene dal basso. Certamente ciò riguarda la gestione del servizio idrico dove persino l’esito del referendum è rimasto lettera morta. Nel 2011 il 96% dei cittadini si è espresso per la gestione pubblica e senza profitto dell’acqua? La risposta della politica in questi 4 anni è stata l’esatto contrario: maggior peso dei privati e più profitti, accompagnati da continui ed ingiustificati aumenti di tariffe.

Ma non è un problema che riguarda solo l’acqua. In generale la cosa pubblica (rifiuti, trasporti, scuola, gestione del territorio etc.) invece di essere gestita nel solo interesse e secondo i soli voleri della comunità viene spesso amministrata per il tornaconto di pochi e contro il comune sentire della cittadinanza.

E’ evidente che abbiamo un problema di funzionamento del…

View original 151 altre parole

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 44 follower