LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


3 commenti

Roma, seduti a un tavolino di un bar di piazza Vittorio Emanuele…nasce il colore viola….

foto Ansa

Sembrano passati secoli da quella piovosissima giornata di ottobre in cui, a Roma  seduti intorno a un tavolino di un bar di piazza Vittorio Emanuele si mise ai voti  la decisione del colore da adottare come simbolo della manifestazione  per le dimissioni del Presidente del  Consiglio che si sarebbe tenuta il 5 dicembre.

Io, Francesco Nizzoli, Emanuele De Pascale, Sara De Santis, Maurizio  ( alias Giorgio Rossi ) e Kristel Kaaber incuranti della pioggia passammo una mattinata intera   a cercare di dare forma a quello che sarà ricordato a lungo , senza ombra di dubbio, un evento storico .

Ad onor del vero l’idea del viola era già stata lanciata sulla bacheca della pagina FB non ricordo da chi.

Ricordo che Francesco, mentre raggiungevamo il bar di Piazza Vittorio Emanuele,cercava di perorare la causa con estrema convinzione.

Ricordo che , complice la difficoltà con cui seguivo il gruppo a causa dell’infelice idea di indossare scarpe con i tacchi alti ( che in realtà  la mattina furono una salvezza  per me   dovendo “navigare” nell’acqua torrenziale che accompagnò il mio percorso fino alla stazione  di  Arezzo ), all’inizio fui scettica o quanto meno non totalmente convinta.

Ma ascoltavo Francesco con estrema attenzione.

Francesco mi spiegava che adottare un colore e “spammarlo” in modo virale ovunque avrebbe  aiutato la causa a crescere.

Io ero stata delegata dagli altri  4 blogger con cui il 9 ottobre era partita l’avventura del NBD a materializzare il primo incontro REALE tra  i promotori e gli organizzatori romani.

Dopo tanti ed  entusiasmanti  voli pindarici , iniziammo a concretizzare.

Ed ecco la decisione di adottare un colore che contraddistinguesse il movimento.

Iniziammo per esclusione.

Arrivammo inevitabilmente al viola, unico colore non utilizzato da altri partiti e/o movimenti.

Ricordo che Kristel aggiunse motivazioni alla scelta segnalandoci che il colore viola in alcune culture orientali era il simbolo dell’autodeterminazione.

E viola fu….

E viola è ……

Molte cose sono successe  dopo  quel giorno, anche  discussioni non piacevoli purtroppo  …. ma io conserverò sempre un ricordo molto particolare   ed una certa nostalgia di quell’incontro intorno ad un  tavolino di piazza Vittorio Emanuele….

Franca Corradini



5 commenti

No Berlusconi Day: un popolo in viòla per chi vìola la legalita’ e la Costituzione

Questo il titolo di un pezzo di ‘Articolo21 dopo la conferenza stampa di giovedì scorso a Roma .

………….Tra poco si parlerà del NO BERLUSCONI DAY, destinato a passare alla storia come il primo evento italiano organizzato dal popolo della rete. Per molti di noi è come fare un salto indietro di 30 anni: una sala piccola, con tante facce giovani, la voglia di discutere , di scegliere , di contribuire a dare una svolta alla politica di questo Paese. Comincia a parlare Massimo Malerba , portavoce del comitato organizzativo.

Si capisce subito che ha più dimestichezza con la rete e che è quasi intimidito da quel microfono da tenere in mano anche se sa che è strumento indispensabile per far arrivare le parole di questa conferenza stampa al popolo di internet connesso sul sito del comitato promotore della manifestazione del 5 dicembre.

Con fermezza precisa che dietro all’evento non ci sono mandanti politici.  L’idea del No B.Day è nata il 9 ottobre scorso su Facebook:  all’indomani della bocciatura da parte della Corte Costituzionale del lodo Alfano. Un gruppo di persone ha lanciato un appello per chiedere le dimissioni del presidente del Consiglio e subito è partito il tam tam mediatico che ha portato a fondare un sito e un comitato promotore del No B. Day…………

Ottimo “gioco di parole“…….il VIOLA contro chi Vìola

Da venerdì  27  è stata lanciata la campagna viola.

Ai balconi, alle finestre , nelle auto, sulle giacche  di  chi aderisce ci sarà un simbolico pezzo di stoffa viola che potrà essere un lenzuolo, un drappo o un piccolo fiocco.

Perchè il viola ?

Perchè è l’unico colore non legato a simboli  di partito.

Perchè è il colore dell’autodeterminazione.

Roma, il 5 dicembre, sarà invasa dal popolo viola.

Stime delle partenze prenotate danno numeri altissimi… 500 pullman, traghetti e navi prenotate dalla sardegna .. treni speciali dalla Sicilia e dalla Calabria. Forse voli speciali.

Più le partenze autonome  di chi viaggerà in auto o in treno senza essere legato alla nostra organizzazione.

Confesso a  voi , amici del blog, che ho sempre sperato e creduto che il nostro appello trovasse ampio riscontro.

Ma oggi mi sento quasi  intimorita dal successo dell’iniziativa  che va aldilà di ogni più rosea aspettativa.

Io a Roma il 5 ci sarò , e voi ??

Franca Corradini

PS:  Sulla home del  sito trovate il banner da prelevare , vestite di viola almeno  il vostro blog ….

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 42 follower