Figliol prodigo….

Standard

12/02/2009, ore 01:43 – E spunta la candidatura a sindaco di Napoli

Mastella a un passo dal Pdl, mancano gli ultimi dettagli

di: Nico Falco

Era già nell’aria, ma a quanto pare mancano soltanto gli ultimi dettagli. Secondo indiscrezioni che rimbalzano nei ‘palazzi di potere’ della politica italiana, Clemente Mastella avrebbe già dato il suo assenso a passare tra le fila del Pdl.
Già un anno fa Mastella aveva annunciato che l’Udeur era interessato “al progetto Ppe” lanciato da Silvio Berlusconi con la lista unica, ma che non era disposto ad entrarvi a qualunque costo, bensì solo a determinate condizioni, altrimenti avrebbe guardato altrove.
“Ci intriga il progetto del Ppe (Partito popolare europeo, di cui per altro già ne fanno parte Udc, Forza Italia ma anche l’Udeur, ndr), – aveva dichiarato il leader dell’Udeur, – ma è un processo che ci deve vedere protagonisti, e che non intendiamo subire. Se qualcuno pensa, specie al nord, che possa nascere a prescindere da noi, faremo le Termopili perché dobbiamo difendere la nostra dignità». Si tratterebbe quindi, se intanto le idee non sono cambiate, di un rientro nella politica ‘che conta’ in grande stile, e non di certo in sordina. Del resto, il lavoro dell’Udeur non si è mai interrotto e anche dopo l’uscita dal governo gli uomini del ‘Campanile’ sono rimasti attivi sul territorio campano con diverse iniziative.

Ma c’è di più: Clemente Mastella sarebbe pronto alla corsa per la poltrona del sindaco di Napoli. Anche questa notizia era già stata annunciata in diverse occasioni dallo stesso Mastella, che però aveva sempre usato un tono ambiguo, a metà tra il serio ed il faceto. Questa volta, però, ci sarebbe ben poco da scherzare.

tratto integralmente da Julie news.

Volevo scrivere qualche commento, ma non ci sono riuscita.

Franca Corradini

Se quelli di destra fanno morire dalle risate, quelli di sinistra fanno piangere…e parecchio !

Standard

Me lo ero perso questo brano.

L’ho visto stamani seguendo i link in entrata  del  blog.

L’ha scritto Tisbe il 29 dicembre ( citandoci )   e  poichè è breve e lo riporto integralmente in calce.

Cara Tisbe, se a te  quelli di destra fanno ridere, a me quelli di sinistra fanno piangere…………..

In questo blog, in un recente passato , ho spiegato più volte anche perchè.

Te lo riassumo in poche parole : la sinistra , quella ” coerente”,  l’ho conosciuta  molto da  vicino .

Talmente da vicino da rimanerne schifata.

Non ultimo il comportamento con le donne……. vicine e lontane…..democratico a parole.

Ora  uso proprio te come esempio.

Stabilire che sia un parametro ideologico a fare  più o meno coerente una persona, è già un errore, una possibile via che porta all’intollerenza.

Intolleranza ( ed ora lo faccio io l’errore  ma solo  nel constatare una realtà ) che appartiene alla gente di sinistra tanto quanto alla  gente di destra.

Sarebbe l’ora di finirla di dividere il mondo in ROSSI e NERI non credi ?

Discutiamo delle nostre idee,delle nostre opinioni, dei progetti, delle  nostre speranze come esseri pensanti e non come appartenenti a schieramenti…..

Ti sembra una richiesta condivisibile o almeno un tentativo praticabile  ?

O il dogma “rosso” non consente questa possibilità ??

Franca Corradini

P.S. : La tua foto in alto l’ho presa dal sito-fantasma che ti annunciava come possibile vincitrice del concorso LA BLOGGER PIU’ SEXY…….

Pensa se lo scherzetto, un pochetto crudele, ti fosse stato condito ( COME CREDO IO  ) dai  tuoi coerenti amici di sinistra …..

ECCO IL PEZZO DI TISBE :

A me quelli di destra mi fanno morire dalle risate. Hanno una coerenza…
Li vedi e li senti tutti presi a giustificare le guerre, convinti di essere i salvatori del mondo. Si immaginano tutti impettiti andare in giro per il pianeta come pionieri dei diritti umani, esportatori della democrazia, del consumismo, del liberalismo e della … cocacola! Già, perché tutta la felicità di questo mondo ce la dà la cocacola.
Sì, loro le guerre le fanno per portare la pace, per esportare il modello occidentale… per esportare i diritti, contro quei cattivoni che impiccano i gay, proibiscono alle donne di studiare, fanno gli attentati uccidendo donne, vecchi e bambini.
Già, questi signori di destra predicano i diritti per le culture altre, mentre in casa propria al primo delitto, al primo errore di un qualsiasi cittadino (meglio se gay, straniero o tossico) invocano il ripristino della pena di morte.
Ragazzi, diritti per tutti.. No, che dico! Diritti solo per gli eletti… Brindiamo!
I cattivi sono cattivi e vanno eliminati fisicamente, i buoni sono buoni e devono vivere felici e contenti.
E chi è cattivo lo decide la destra! Chiaro!?!

Cara COOP siamo un gruppo di mamme iscritte ad una mailing list che si occupa di alimentazione dei bambini e delle bambine

Standard

dire_11267801_23430

dal blog Alibablog ( notizia segnalata nei commenti )

Al dott. Riccardo Bagni

Vice Presidente Coop Italia

Al dott. Claudio Mazzini

Responsabile Innovazioni e Valori Coop Italia

Cari dott. Bagni e dott. Mazzini,
siamo un gruppo di mamme iscritte ad una mailing list che si occupa di alimentazione dei bambini e delle bambine.

Molte di noi sono anche socie Coop in diverse città sparse per l’Italia.

Alcune di noi vi hanno anche già scritto facendovi notare come in alcuni punti vendita Coop si promuovano mediante sconti, latti artificiali per lattanti, i cosiddetti Formula 1, pratica vietata non solo dal Codice Internazionale sulla   Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno dell’OMS, ma anche dalla legge italiana in vigore (alcuni supermercati di altre catene sono già stati multati su nostra segnalazione per questa violazione di legge;     segnaleremo anche le violazioni di Coop Italia, se non saranno prontamente rimossi gli sconti).
Vi scriviamo ora perchè abbiamo visto che sulla copertina dell’ultimo numero di Coop Consumatori è raffigurato un padre che alimenta suo figlio con un biberon.

Questa non è un’infrazione della legge,    ovviamente, e se latte artificiale e biberon non sono identificabili     come appartenenti ad un certo marchio non si tratta nemmeno di una violazione del Codice Internazionale (anche se sicuramente ne viola lo spirito).

Ci siamo chieste perchè Coop Consumatori potrebbe aver deciso di usare questa immagine. a scritta sotto la foto recita: dopo aver salvato le banche, ora c’è da pensare alle famiglie.

Non c’era qualche altra immagine da usare per illustrare questo concetto? In fondo, il latte artificiale per un lattante è, come ben sapete, un prodotto di seconda linea, di qualità molto inferiore a quello di prima linea.

E se proprio volevate rappresentare l’alimentazione di un bambino, perchè non scegliere dei genitori che nutrono un bambino più grandicello con salutari alimenti complementari fatti con amore in casa e non scelti tra quelli, di qualità inferiore, che offre l’industria, Coop compresa.
Quello che vogliamo dire con questa lettera è che volendo rappresentare l’alimentazione infantile dovreste farlo scegliendo il meglio, e cioè il latte materno e gli alimenti complementari fatti in casa partendo da ingredienti freschi e naturali.

Spesso su Coop Consumatori scrivete del vostro impegno per una sana alimentazione, anche allo scopo di ridurre o controllare l’attuale epidemia di obesità.

Se volete essere coerenti con questo impegno, cercate di non usare immagini di alimentazione
artificiale.

E’ come se per rappresentare la masticazione sceglieste l’immagine di una dentiera, invece di quella di denti belli e sani!

Inseriremo questa lettera sul nostro blog http://alibablog.wordpress.com/

Cordiali saluti

Seguono 26 firme