Hanno pagato 700 euro per un posto di lavoro che forse non arriverà mai ….

Standard

Nella zona di Napoli, in particolare di Torre Annunziata , un certificato falso dove si attesta che la persona ha prestato un mese di servizio , mai prestato, costa 700 euro.

Mi  sono imbattuta più volte , per conoscenza diretta e indiretta , in questo genere di certificati in occasione del rinnovo delle graduatorie di terza fascia del personale ATA.

Un mese di servizio è condizione di accesso per chi non è in possesso del prescritto titolo di studio.

Qualcuno ha pensato bene di arricchirsi alle spalle di poveri disgraziati.

Ho fatto indagini perchè queste cose mi fanno ribollire il sangue.

Ed ecco che ho scoperto il costo approssimativo di questo falso.

I casi di cui sono a conoscenza  diretta veranno esposti alle competenti autorità.

Ma io mi chiedo :

Quante  di queste persone sono inserite nelle  graduatorie di terza fascia ATA ???

Quanti di loro avranno un lavoro grazie a questo sotterfugio ??

Quanti di loro finiscono per alimentare la cultura camorrista e clientelare che continua a perdurare nei meandri dello stato italiano ??

Dimenticavo : quanti sono ( e chi sono .. forse miei colleghi) coloro che hanno gonfiato i portafogli con questa fabbrica di illusioni ?

Non è questo il modo per concimare la cultura mafiosa ??

Franca Corradini

Operai fantasma …..i lavoratori LSU della scuola

Standard

fantasma

Ricevo questa memoria da Mimmo -gruppo di Lsu Ata della Calabria.

Lo pubblico, molto volentieri, integralmente perchè è ben fatta e chiarisce molto bene la storia di questi lavoratori.

Storia su cui tornerò a breve qui ed altrove.

Franca Corradini

Nel 1996,nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole elementari,il personale ausiliario (collaboratori scolastici) era ancora fornito dagli enti locali,i quali,come tutti sappiamo,hanno da sempre problemi di bilancio e quindi si può immaginare quanta carenza vi fosse a quel tempo,di questo personale. A quel punto il Ministero Della Pubblica Istruzione,forse pressato dalle richieste delle scuole,pensò di fare una convenzione con gli enti locali,dando facoltà ad essi di presentare progetti per ovviare,dove ce ne fosse bisogno,alla carenza di personale.

Ma bisognava affrettarsi,la situazione di alcune scuole era insostenibile,quindi per tamponare la situazione,si pensò di reperire manodopera che potesse risolvere i problemi immediatamente e nello stesso tempo essere a basso costo. Una specie di lavoro nero di Stato insomma.

Venne così coniata la sigla LSU ATA,dove confluirono persone messe in mobilità da aziende chiuse e altre provenienti dalle liste dei disoccupati di lunga durata.

Una volta approntato questo esercito,veniamo tutti dislocati nelle varie scuole con svariate mansioni,tutte assimilabili ata (addirittura,come nel mio caso,anche da bidello-cuoco),rappresentando per la maggior parte di queste scuole,l’unico personale ausiliario disponibile. Nei mesi estivi,alla chiusura della scuola,si passava a lavori di manutenzione (biancheggiatura dei locali scolastici,riparazione di porte e finestre,rubinetti ecc…) oppure a prendersi cura di aiuole esterne. Fu così che il Ministero Della Pubblica Istruzione e gli enti locali risolsero i gravi problemi di queste scuole. La retribuzione mensile dei Lsu era rappresentata da un sussidio di 800.000 lire,erogato dall’Inps. Non erano riconosciuti i contributi e non è stato riconosciuto il rapporto di lavoro dipendente,nessun diritto insomma. Solo il dovere di farsi carico di vere e proprie mansioni ordinarie. Questi “progetti” dovevano avere una durata massima di 12 mesi ma la situazione faceva tanto comodo al Ministero e agli enti locali,che la trascinarono con continui rinnovi per 5 anni ancora,fino al 2001 quando il personale fornito dagli enti locali,dovette passare per competenza allo Stato.

E’ in questo momento che ci viene dato il benservito…invece di assumerci come sarebbe stato giusto,alle dirette dipendenze della Scuola (per la professionalità acquisita in 5 anni),succede che i comuni scaricano i loro bidelli allo Stato camuffando tra essi anche persone che nella scuola non avevano mai messo piede(giusto per farsi degli amici),così il fiume cominciava ad ingrossarsi e noi restavamo ancora al palo. Parallelamente nel mondo della scuola,vi era un’altra situazione altrettanto importante:C’erano le graduatorie d’istituto presso scuole medie e superiori,(dove evidentemente non c’era spazio per altri Ata)ferme da 20 anni,con il conseguente malcontento degli iscritti.

Allora il Ministero intravedendo degli spazi nelle scuole Elementari e Materne,nell’anno scolastico 2000/01,aprì le suddette graduatorie e riversò migliaia di persone, in scuole per le quali non avevano fatto domanda e senza nemmeno un’ora di servizio all’attivo,non considerando che in quelle scuole eravamo presenti già noi Lsu da 5 anni e avevamo maturato il diritto sacrosanto alla stabilizzazione. Il Ministero ha fatto tutto questo non curandosi della Legge 144/99 art.45 comma 8,che “riservava” il 30% dei posti vacanti agli Lsu Ata e con il benestare dei Sindacati Confederali (Cgil Cisl Uil),sottoscrisse una convenzione “quadro” tra Ministero della Pubblica Istruzione,Ministero del lavoro,Ministero dell’economia e quattro Consorzi Nazionali di cooperative,assegnando loro le pulizie della scuola,con l’obbligo di “stabilizzare” gli Lsu Ata.

In poche parole,veniamo svenduti in massa alle cooperative e inquadrati ingiustamente come pulitori di 2° livello e a part time,dopo tanti anni di servizio veramente “utile” per la scuola. Questa volta a sfruttarci non è più lo Stato ma delle ditte private,che hanno ottenuto gli appalti,grazie ad amici nelle file della politica e del sindacato. Appalti che a conti fatti e dimostrati più volte,rappresentano per lo Stato,un costo molto più alto della nostra re-internalizzazione. In questi giorni,c’è in atto il riordino del personale Ata, il Ministro Gelmini,stà ingannando ancora una volta gli Italiani,facendo passare per assunzione di precari,un emendamento riguardante gli Lsu della Scuola,dove si vanno a rifinanziare invece gli appalti già esistenti da otto anni,per ingrassare ancora le lobby dei consorzi e quelli che il Ministro dice di assumere,devono campare con 800 euro al mese perché devono pagare il pedaggio alle cooperative. Non solo,ad ogni nuova finanziaria rischiamo il licenziamento,non vengono quasi mai previste le risorse per questi scellerati appalti e bisogna sempre lottare per averle. Il nostro obiettivo rimane quello della stabilizzazione nella scuola,dove lavoriamo da più di 13 anni e abbiamo professionalità sufficiente per far parte a pieni diritti,del personale Ata. Perchè nonostante tutto,abbiamo continuato anche dopo il passaggio con le cooperative,a svolgere insieme alle mansioni di pulizia,anche funzioni di collaboratore scolastico.

E qui emerge un fatto importantissimo:

La presenza delle cooperative nella scuola non è naturale,è un’evidente forzatura a scopo di lucro,in nome di un falso criterio di efficienza e funzionalità.

Gli appalti non sono condivisi nemmeno dai Dirigenti Scolastici,per i quali rappresentano un’ulteriore complessità di gestione.

Il nostro orario di lavoro,nella maggior parte dei casi,và dalle 13,00 alle 20,00. Inevitabilmente si và ad intralciare le attività della scuola,dove ci sono rientri,tempo prolungato,riunioni,progetti,corsi speciali ecc..Siamo quasi quotidianamente in compresenza con i bidelli,così dove basterebbero (per es.) due persone,se ne trovano quattro.

A questo punto mi chiedo e lo vorrei chiedere anche ai nostri politici: perchè non re-internalizzare il servizio uniformandoci ai bidelli,così da ottenere un utilizzo omogeneo di tutto il personale disponibile,senza sprechi ma piuttosto risparmi?

Brunetta il filtro mettitelo tu…. sulla bocca !

Standard

Brunetta: filtri anti Facebook per gli statali

Brunetta
Difficile ignorare l’annuncio del ministro Renato Brunetta, che vuole l’installazione di un filtro per impedire di accedere a Facebook dai pc dei dipendenti pubblici. Come dire: Facebook uguale fannulloni. Una recente ricerca australiana sostiene il contrario: distrarsi online per brevi periodi rende più produttivi.  Non solo: pare che Facebook si stia rivelando anche un luogo ideale per gli incontri di lavoro.
Qualcuno glielo dirà a Brunetta? I filtri fanno solo esasperare chi lavora e vuole comunicare rapidamente, nell’era di Internet. E non c’è certo bisogno di Facebook, per essere assenteisti o fannulloni. Chi crede di risolvere il problema della produttività con i filtri digitali, nell’era pre-Facebook come faceva? O si vuole far credere che i fannulloni esistono solo da quando c’è Internet
?
Perchè un Ministro si deve preoccupare di fare ciò  a cui i vari dirigenti sono preposti ( e molto ben pagati !!!! ) ?ipotesi a ) Brunetta non  sa di avere dirigenti con questi poteri ?

ipotesi b )
Brunetta lo sa e sa che i dirigenti non fanno il loro dovere ?

ipotesi c)
Brunetta sa tutto ciò e fa queste sparate solo per incantare la platea in realtà è connivente con il sistema clientelare mafioso che in alcune realtà è funzionale al mantenimento del potere ( quindi anche il suo) ?

SAPETE  QUALE  E ‘ LA NOVITA’ ??
Che i fannulloni VERI ci sono ancora tutti e se la ridono sotto i baffi !!!!!!!

Franca Corradini

P.S. : Qualche anima buona avverta il ragazzo che i filtri, nella maggior parte delle amministrazioni pubbliche, ci sono già e non riguardano solo Facebook.
Ah, già che ci siete ditegli che al Circo Moira Orfei sono carenti di personale….
ora che ci penso è qui ad Arezzo ( Moira ) stasera quasi quasi ci faccio un salto

Lo staff di Brunetta….

Standard

…non so come sia venuto in possesso di una delle mie mail che uso ormai molto poco..

Sta di fatto che oggi , su questa mail, ho ricevuto la pubblicità del libro di Brunetta.

Mi sono spanciata dal ridere perchè i miei pezzi su Brunetta ,  quelli su questo blog e sul blog della scuola,  hanno collezionato fino ad ora diverse  migliaia di visite e continuano ad essere letti , linkati e commentati .

Beh a questo punto non mi rimane che mostrarvi la pubblicità….e fare ( forse) pubblicitàlibro-brunetta

P.S. : Forse qualcuno ha pensato che  ne avrei parlato, avendo il post più letto questo titolo :

Assenteismo,visite fiscali e genialità di Brunetta

Il titolo in effetti fa pensare ad un elogio…………ma non è proprio così…

Franca Corradini

Prima l’impunità poi l’oblio ( 2° parte )

Standard

continua da Prima l’impunità ora l’oblio ( di Cavallo Pazzo )

cavallo-pazzoE’ altrettanto chiaro pero’ che il governo non e’ mosso da tali giuste perplessità , ma deve avere altri scopi .

Berlusconi infatti enfatizza “particolarmente” queste magagne   solo allo scopo di pilotare, come unica soluzione possibile, l’indebolimento del sistema giudiziario (e della libera informazione, vedi post successivo ) attraverso questo disegno di legge.

A pensar male si fà peccato ma spesso ci si azzecca , dice Andreotti .

Del resto , se cio’ non fosse , il governo adotterebbe soluzioni  semplici ed  immediate :  ad esempio  piuttosto che paralizzare le intercettazioni alla radice basterebbe introdurre un controllo a posteriori sui magistrati, verificando chi durante l’anno ne usi sopra la media oltre una certa percentuale, e lasciando a lui l’onere di provare, a fini disciplinari, che ognuna di esse era strettamente necessaria.

Ed anche sulla riservatezza tanto sbandierata , se si voleva veramente tutelare la privacy dei cittadini sarebbe stato sufficiente prevedere la distruzione delle conversazioni relative a soggetti estranei oppure ai soggetti indagati ma su argomenti non pertinenti all’indagine.

acqua-sporcaIl problema esiste ma non viene risolto ed anzi si tenta di gettare via il bambino con l’acqua sporca, tenendosi altresì quest’ultima…come e più di prima

Vediamo quali sono in estrema sintesi i punti dolenti ,  rinviando per l’esame dell’intero testo chi ha voglia sul sito della Camera dei deputati  – XVI Legislatura digitando sul motore di ricerca progetto di legge 1415 .

1) Tralasciando per ora gli aspetti che riguardano il diritto di cronaca , per poter intercettare ci vorranno “gravi indizi di colpevolezza”. Nelle indagini di mafia e terrorismo basteranno “sufficienti indizi di reato“.  Per poter intercettare il giudice per le indagini preliminari dovrà andare presso il distretto della Corte d’Appello a presentare specifica richiesta, portando con sé tutti i fascicoli relativi alle indagini già fatte, per poi aspettare che un collegio di tre giudici approvi l’intercettazione. E non solo!

Una volta che il suddetto magistrato ha deciso per il provvedimento di intercettazioni, non potrà più decidere su ulteriori provvedimenti che riguardino il medesimo imputato

A chi serve rendere piu’ complicate le indagini?

Chi é il genio che  crede sia una buona idea

moltiplicare i giudici necessari in un  procedimento , includendo quelli che hanno già anche incidentalmente conosciuto la questione, costringendo sostituzioni peraltro  impossibili in certi centri? Ma se ci sono distretti di Corte d’appello con meno della metà di copertura degli organici già ora! Né si prevedono soldi per arruolarne di nuovi. Cui prodest ?

La verità è che in pochi mesi, grazie ad una serie di circostanze , il potere berlusconiano si è esteso incontrastato; sulla giustizia , per non dire del resto, stà facendo quadrare il proprio cerchio con l’ultimo lato  :  dalle  impunità all’oblio.

E poi sui gravi indizi di fatto equivarrebbe ad avere già delle prove del reato commesso. Se ci sono, al contrario, solo indizi lievi e si vogliono ottenere delle prove concrete, queste non si potranno ottenere più con le intercettazioni, altrimenti si verificherebbe (secondo l’estensore del disegno di legge) una lesione della privacy dell’indagato.

Che sarebbe, evidentemente, cosa più grave di qualunque altro reato!

Anche la prevista eccezione per intercettare nei casi di criminalità organizzata è in realtà solo una presa in giro, in quanto solo alla fine delle indagini si potrà dire se anziché una persona, sono coinvolte più persone legate tra loro nel commettere reati. A pensarci bene sarebbe fuori legge anche l’indagine su Provenzano. Nel suo caso le persone intercettate non erano nemmeno, all’epoca, indagate; quando avviene un sequestro di persona le persone intercettate sono i familiari e non perchè siano sospettati di aver sequestrato il proprio caro, ma perchè si spera che i malviventi si mettano in contatto con la famiglia della vittima.

C’e’ chi scherza con la mafia e c’e’ chi muore di mafia …Vi ricordate di Pio La Torre?

p_la_torre_2804_07La mattina del 30 aprile 1982, insieme a Rosario Di Salvo , Pio La Torre fu ucciso dalla cupola di Toto’ Riina per le sue proposte di legge riguardanti il patrimonio della mafia.

Tali proposte prevedevano particolari controlli ad incroci dei conti correnti bancari piu’ altre misure considerate “pericolose ” dai clan .

2) VIA IL MAGISTRATO CHE PARLA TROPPO – La toga che rilascia «pubblicamente dichiarazioni» sul procedimento che gli viene affidato ha l’obbligo di astenersi. E dovrà essere sostituito se iscritto nel registro degli indagati per rivelazione del segreto d’ufficio. Il suo nome non potrà essere citato.

DENUNCIA E SOSTITUZIONE DEL GIUDICE
In caso subisca una denuncia dall’indagato il giudice blocca la indagine che stà svolgendo (“dovere di astensione”)e viene immediatamente sostituito

In questo modo l’indagato potrà scegliersi oltre l’avvocato difensore, anche il giudice. Se quest’ultimo non è di suo gradimento basterà che lo denunci. Senza che avvenga una verifica della bontà della denuncia il magistrato sarà, quindi, immediatamente sostituito.

berluscaprigionieroCerto le Sue cose e quelle dei suoi amici finiranno finalmente nell’oblio  , ma ciò ci costerà molto, forse troppo .

Non avremo piu’ casi come Fiorani, Ricucci, Del Turco, Mautone, Romeo, Tanzi. Stesso oblio per i casi delle cliniche Santa Rita.

Per non dire degli stupri e dei pedofili .

3) LE MICROSPIE

Le intercettazioni ambientali (con microspie) saranno ancora ammesse, ma potranno essere limitate solo al momento del fatto delittuoso. Ciò significa che si dovranno fare solo mentre si commette un reato, ad esempio mentre si fa una rapina, o mentre si paga una tangente, non essendo ammesso farle nei giorni precedenti, né in quelli successivi al fatto.Anche in questo caso niente Provenzano !

4) LIMITI DI TEMPO – Non si potrà intercettare per più di 60 giorni: 30 più 15 più 15. Per reati di criminalità organizzata, terrorismo si può arrivare a 40 giorni prorogabili di altri 20.

PROCEDIMENTO CONTRO IGNOTI – Le intercettazioni potranno essere richieste solo dalla parte offesa e solo sulle sue utenze potranno essere acquisiti

Berlusconi chiude il cerchio della lunga marcia contro la giustizia

iniziata con le impunità e cosi’ facendo tra l’altro prende per il CULO quelli che l’hanno votato chiedendo in buona fede più sicurezza

PER NON DIRE DELLA VIOLENZA SESSUALE: indagini che richiedono spesso, quasi sempre , intercettazioni di tipo esplorativo per l’individuazione dei responsabili.

Lo stupro di Guidonia , per dirne uno recente , sarebbe ancora senza colpevole con questa nuova legge.

Inoltre reati come la corruzione o quelli finanziari sono difficili da evidenziare subito ( sono reati in genere” nascosti”) ed hanno sempre bisogno di piu’ tempo per essere perseguiti.

E comunque il limite mi sembra un vero e proprio invito alla criminalità : resistete due mesi e poi potete cominciare a parlare liberamente usando anche il telefono, tanto nessuno ascolterà piu’…

LIMITE DELLA ENTITA’ DELLA PENA Nel disegno di legge , salvo marce indietro del Governo , sono vietate le intercettazioni per i reati minori, definiti “ bagatellari, di nessuna importanza ” con pene sotto i 5 anni.

Io non credo che il cittadino vittima di reato sarebbe /sarà contento di veder considerare il reato subìto come una cosa senza importanza . Ecco l’elenco dei reati “minori” che non potranno più essere intercettati

- Rapina aggravata
– Estorsione aggravata
– Sequestro di persona a scopo di estorsione
– Traffico d’armi
– Riduzione in schiavitù
– Prostituzione minorile
– Produzione e traffico aggravati di stupefacenti
– Delitti contro la pubblica amministrazione puniti con almeno 5 anni di reclusione (ad esempio concussione e corruzione)
– Pedofilia
– Ingiuria, minaccia, usura
– Molestia o disturbo attraverso telefono
– Abuso di informazioni privilegiate
– Manipolazione del mercato
– Dichiarazione fraudolenta
– Calunnia

- Falsità del pubblico ufficiale

- Lesione personale grave

- Rialzo fraudolento dei prezzi e boicottaggio
– Omicidio colposo
– Incesto
– Sfruttamento della prostituzione
– Estorsione
– Maltrattamenti in famiglia
– Lesione personale grave
– Sequestro di persona
– Furto in casa
– Accesso abusivo a un sistema informatico
– Rapina semplice
– Ricettazione
– Contrabbando
– Associazione a delinquere
– Bancarotta fraudolenta
– Reati ambientali

Naturalmente questo elenco non è esaustivo: si potrebbe continuare elencando Frode Fiscale, Truffa, Stupro, ecc.

Con questo provvedimento, tra l’altro, si limitano le indagini su tutti i reati di forte allarme sociale (furto, rapina, sfruttamento della prostituzione, stupro), a cui il Governo aveva giurato, a parole, di dare battaglia con il decreto sicurezza.

Perché ridurre così drasticamente le prospettive di sicurezza dei cittadini italiani ?

Cavallo Pazzo ’70

A cosa deve pensare il Ministro Brunetta ? le riflessioni di Gerry Ant

Standard

Ed ecco l’opinione di Gerry Ant,  dopo  quelle di Giuseppe Pennella

Bisogna ammetterlo, noi Italiani, pur soffrendo in silenzio, dimostriamo una signorilità d’animo che non ha eguali.

Basta vedere come manteniamo alta la condizione di vita dei nostri rappresentanti al governo.

E ne siamo orgogliosi.

Se lo meritano!

Gli altri popoli, al nostro confronto, sono degli straccioni, meschini e stitici!

NOTIZIE TROVATE DA

“NO PRIVILEGI POLITICI”

15 MILIARDI COMPLESSIVI DI AUMENTO PER STIPENDIO E DEPUTATI, 14 MILIARDI DI AUMENTO PER STIPENDI AD EX DEPUTATI. DICEMBRE 2000 SI AUMEWNTANO LO STIPENDIO DI TRE MILIONI AL MESE. NON SI LIMITANO SOLO A QUELLO MA PRETENDONO MILIONI E MILIONI DI ARRETRATI. APRILE 2001 ALTRO AUMENTO DI STIPENDIO DI 446 MILA LIRE AL MESE. 13 NOVEMBRE 2001 I DEPUTATI SI AUMENTANO LA DIARIA DI 2.200. 000 AL MESE.

OGNI DEPUTATO COSTA L’IMPRESSIONANTE E FARAONICA CIFRA DI 250 MILIONI AL MESE. SONO FRA I PARLAMENTARI PIU’ PAGATI AL MONDO. STIPENDIO (AL 2001 ANCORA IN LIRE MA FIGURIAMOCI OGGI AL 2009) 37.086.079.

PORTABORSE (GENERALMENTE PARENTE O FAMILIARE) 7.084.232. RIMBORSO SPESE AFFITTO (5.621.690 AL MESE). RIMBORSO SPESE CHE NON SI POSSONO DIRE (1.001.320. TELEFONO CELLULARE GRATIS. TRIBUNA D’ONORE NEGLI STADI GRATIS. TESSERA DEL CINEMA GRATIS. TESSERA TEATRO GRATIS. TESSERA AUTOBUS-METROPOLITANA GRATIS. FRANCOBOLLI GRATIS. VIAGGI AEREO NAZIONALI GRATIS.

VIAGGI TRENO CARROZZA LETTO GRATIS. CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE GRATIS. PISCINE PALESTRE GRATIS. CORSO LINGUA STRANIERA GRATIS. AEREO DI STATO GRATIS (SOLO PER MINISTRI, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO O IN CASI DEL TUTTO PARTICOLARI???). USO DI PREFETTURE E AMBASCIATE GRATIS. CLINICHE GRATIS.

ASSICURAZIONE INFORTUNI GRATIS. ASSICURAZIONE IN CASO DI MORTE GRATIS. AUTO BLU CON AUTISTA GRATIS (NON A TUTTI MA QUASI). GIORNALI GRATIS. RISTORANTE GRATIS (FORSE UN RIMBORSO A PIE’ DI LISTA O NO?). LIQUIDAZIONE PER OGNI ANNO DI MANDATO SI INTASCANO UNO STIPENDIO MENSILE.

PENSIONE POSSONO ACQUISIRE IL DIRITTO ALLA PENSIONE DOPO 35 MESI IN PARLAMENTO DOPO UNA LEGISLATURA? MENTRE OBBLIGANO NOI C….. SCUSATE CITTADINI ITALIANI A 35 ANNI LEGGI CAMBIANDO IN PEGGIO E NON IN MEGLIO. ALTRA TROVATA QUEST’ANNO DOBBIAMO UNIFORMARCI ALL’EUROPA CON LA PENSIONE PER LA DONNA.

QUANDO C’E’ DA UNIFORMARCI TUTTI PRONTI. AUMENTO DEGLI STIPENDI A ROMA TUTTI PRESENTI E VOTO UNANIME MENTRE SE C’E’ DI AUMENTARE GLI STIPENDI AL POPOLO NON ESISTE PIU’ L’EUROPA OPPURE NON ABBIAMO FONDI NELLE CASSE.

LA COLPA SE LA DANNO TRA DI LORO, E’ STATO TIZIO O CAIO O SEMPRONIO AD AVER GOVERNATO MALE GLI ANNI PASSATI QUINDI DOBBIAMO O MEGLIO VOI POPOLO DOVETE STRINGERE LA CINGHIA.

L’ IMPORTANTE CHE SPENDIATE E SPENDIATE HA DETTO UN SIGNORE MA CON QUALI SOLDI CHE NON NE ABBIAMO PIU’ IN TASCA E SOPRATTUTTO CON QUALE LAVORO CHE STATE FACENDO CHIUDERE TUTTO). SE LA CRISI NON PASSA NON VI PREOCCUPATE CHE CI PENSO IO A SISTEMARE IL TUTTO…………. .

AMEN

Gerry Ant

A cosa deve pensare il Ministro Brunetta ?

Standard

I suggerimenti di Giuseppe Pennella trovati nei commenti su FB ad un mio vecchio pezzo sul piccoletto…

Potete aggiungere anche  i vostri , proviamoci!

Cara Franca, io sono un dipendente statale.

Ti assicuro che il ministro Brunetta dovrebbe pensare ad altre cose :
1) a diminuirsi lo stipendio del 40% (se fosse coerente);
2) a provvedere ad acquistare il toner per la pubblica amministrazione (recentemente ho regalato io 5 toner costo € 200,00 alla mia amministrazione perchè non aveva i soldi per acquistarlo) ;
3) a mettere la benzina nei serbatoi delle macchine della amministrazione (spessissimo uso la mia auto per motivi di servizio, perchè quella della mia amministrazione non ha benzina);

4) a non sequestrare i dipendenti statali ( mi sembra un sequestro quello di rimanere a casa a disposizione 23 ore su 24 alla visita fiscale);
5) inviare si la visita fiscale, ma garantire anche che la facciano (dovrebbe essere una garanzia per il dipendente statale);
6) a diminuire lo stipendio ai dirigenti (servono solo per firmare la domandina delle ferie…il mio dice sempre che non vuole problemi……..e che i problemi dell’ufficio non sono CAXXI SUOI );

7) dovrebbe il ministro Brunetta (o i suoi amici) diminuire le ore di straordinario per i dirigenti (un solo dirigente percepisce straordinario quanto 85/90 dipendenti);
8 ) obbligare il dirigente a timbrare il cartellino (non hanno obbligo di farlo);

9) verificare davvero se hanno diritto al bonus di fine anno per gli obiettivi raggiunti ( e chi lo dice che hanno raggiunto gli obiettivi?);

10) a diminuire le missioni di servizio ( un altro ben di Dio);
11) a comunicare con i dipendenti;
12) a indirizzare gli impiegati nel loro lavoro;
13) a pianificare almeno le ferie (non riescono nemmeno a fare questo, pensa che a luglio e agosto è un caos la gestione del personale);
14) a non esercitare il loro potere……con le donne …”capisci a me cosa voglio dire…”

non aggiungo altro……….. ma ne avrei da dire….cose pesantissime……….

Biancaneve e uno dei sette nani… !

Giuseppe Pennella

Le emoticons di Brunetta

Standard

emoticons-smileys-clip-art-thumb3131758Sabato pomeriggio ero determinata ad intervenire all’incontro con il Ministro Brunetta per stigmatizzare un paio di cosette.

Ma ho commesso due errori gravissimi e per questo motivo  non sono riuscita a parlare.

Errore numero UNO : ho sottovalutato l’interesse degli aretini ( terra storicamente di sinistra )  ad ascoltare la riforma della Pubblica Amministrazione  di  Brunetta.

Errore numero DUE : ho sottovalutato ( non è un gioco di parole ) Brunetta.

Sono partita da casa 15 minuti prima che iniziasse l’incontro al Minerva  sicura di trovare ancora posto nell’ampio parcheggio dell’Hotel.

Trovo coda sulla tangenziale in quella direzione ed inizio ad avere qualche sospetto.

Mi dico “forse la polizia ferma le auto e le controlla…cose del genere.. “

In breve: debbo parcheggiare a diverse centinaia di metri di distanza, dopo una ricerca affannosa di un posto macchina  qualsiasi ( che non fosse un  passo carrabile ), arrivo dopo mezz’ora e guadagno a fatica un posto ( in piedi ) nei corridoi laterali.

Più di mille persone accalcate ovunque.

Fuori dall’Hotel 6/7 appartenenti al Partito Comunista Combattente , con bandiere rosse  e falce e martello,  imbarazzati dalla scarsità numerica si defilano velocemente.

In un corridoio nasce una debole protesta vocale contro Brunetta, ma ecco il  colpo di scena, cioè il mio secondo errore.

Brunetta è un ottimo affabulatore ed un discreto “figlio di buona donna” ( per sua stessa ammissione…..ma non serviva  fin troppo evidente anche senza  la sua confessione ).

Usa un linguaggio molto sciolto ( ci scappano anche i “cacchio” ), pause ad effetto, la ricerca dell’applauso è palese in alcuni passaggi…

Ma è con l’affermazione che la sua –  riforma della Pubblica  Amministrazione non è niente di nuovo è solo  una rinfrescata agli strumenti c’erano già…………..le leggi Bassanini !!!!! ( fine  anni 90 )- che il debole brusio si zittisce .

Ed io ascolto perchè so che è vero.

Gli strumenti c’erano……e  questa era una delle  cose che volevo stigmatizzare

Le emoticons che c’entrano ??

La prossima volta, continua…..

Viene troppo lungo il pezzo.

Le regole del web sono inflessibili, l’attenzione sul web è breve, brevissima..

Franca Corradini ( continua )

P.S. . Per chi non lo sapesse Bassanini è un rappresentate dell’opposizione che , tra l’altro, si è complimentato con Brunetta per questa specifica operazione.

L’anti-fannullone è…..un copione

Standard


2giu-qrnl70_renato-brunetta_friend_excDivertente questa notizia che mi è stata segnalata da un lettore del blog.

C’è poco da aggiungere, gustatevela.

Solo una cosa : almeno nel mio ambiente ( scuola ) i provvedimenti brunettiani    (  brunetteschi , brunettacci, bruniferi ??? boh ?  )  hanno penalizzato soprattutto chi ha reali problemi di salute.

Come era ampiamente prevedibile d’altronde.

I fannulloni continuano a fare i fannulloni : come sempre, pur essendo presenti  al lavoro …….

Franca Corradini

Brunetta il copione ( L’espresso del 12 febbraio )

Uno dei pochi testi scientifici firmati dal ministro anti-fannulloni è letteralmente plagiato da un ben più noto studio americano del 1980

Non sarà un fannullone, ma un po’ copione sì. Il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta, docente di Economia, ha pubblicato nel 1987 (editore Marsilio), assieme ad Alessandra Venturini, una delle sue (poche) opere scientifiche, ?Microeconomia del lavoro?.

Ora che il politico veneziano ha toccato i vertici della notorietà, non lesinando le critiche ai dipendenti pubblici nullafacenti, insegnanti inclusi, qualche suo (ex) collega è andato a riprendesi il trattatello. E ha scoperto, già a un primo sguardo, che interi brani erano letteralmente tradotti o parafrasati, e numerosi grafici ricopiati pari pari, da un più noto testo americano del 1980 (?Labor Economics?, prima edizione del 1970, edito da Prentice-Hall, Inc.) dei professori Belton M. Fleisher e Thomas J. Kniesner .

continua