LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse


47 commenti

Lo stato prefascista ha una stampella: i terzisti

Ieri ho intravisto una Rosa Bindi psicologicamente un pò sotto scacco  da quel verme di Vespa ed allora ho capito che qualcuno le ha fatto evidenti pressioni : ora una cosa è abbassare i toni altra è dimenticare le ragioni.

La colpa come sempre sta negli abitatori delle terre di mezzo, località secondo me troppo frequentata anche dal nostro Presidente della Repubblica, che lì trova cattiva compagnia.

Molti che si sentono terzi rispetto alla lotta in corso  per  la  democrazia , in queste ore la menano giù contro chi combatte il berlusconismo a testa alta e senza infingimenti.

A proposito di S.B.  sarà meglio che mi spieghi in parole diverse da quelle usate fino ad ora.

Io considero l’attuale situazione politica itailana simile , molto simile a quella successiva alla fine della prima guerra mondiale. Non mi va in questa occasione di spiegare perchè volendo entrare immediatamente in tema con quanto voglio dire.

Quindi a parere di chi scrive, scontando le naturali evidentissime differenze culturali e tecnologiche dovute al trascorrere  non invano di quasi un secolo,  siamo di nuovo in situazione  prefascista.

Certo ora esistono ancora dei contrappesi interni ed esteri che garantiscono la legittimità formale degli atti di governo, ma non più quella sostanziale.

A causa dell’esistenza di questa formale legittimità ancora in piedi,  ogni atto violento contro colui che rappresenta il  33 % degli italiani  – cifra raggiunta scontando anche quelli che non vanno più a votare schifati dal contesto degli ultimi 20 anni – è da condannare come inutile ed esecrabile. Usare violenza oggi è assolutamente illegittimo ed anzi diventa funzionale al pagliaccio insanguinato che, seppur non mangerà torrone tra natale e capodanno, subito dopo tornerà a fare le corna in giro per il mondo in perfetta salute coi suoi amici dittatori comunisti , quelli che solo lui conosce bene ed ama e coi quali fa affari personali gettando disdoro sul nostro paese.

A noi ci piace batterlo in estrema salute, non ci piacciono le facce sanguinolemnte e tristi del vecchio sbattuto dell’altra sera.  Ma non venisse a parlare di odio lui che coi suoi ne sparge in gran quantità tutti i giorni, come molti qui dentro hanno notato e ben spiegato tant’é che non ci torno più sopra.

Ciò chiarito spendendo le parole (poche) che merita  l’accaduto passo ad altro e cioè mi concentro non tanto sugli avversari diretti ma su quelli indiretti, coloro che come tante rane in queste ore stanno gracidando nello stagno della ipocrisia e dei poteri forti – i loro datori di lavoro –  che pare siano finalmente stati “sostenuti” dal viso pallido con la faccia gonfia, il  loro premier.

Visto come di nuovo gracidano in coro, le altre sei sorelle della editoria?

Data la mia condizione fisica attuale di paziente utente della sanità e considerata l’atmosfera natalizia incombente  vi racconterò una storia come tra il sonno e la veglia, un incubo come fosse una favola, quindi  coltivando chiari intenti metaforici ma non solo.

Forse serve anche per esorcizzare ma vi avverto subito che trattasi di argomenti capziosi ed un pò tendenziosi svelati al solo ed esclusivo scopo di convincervi della inutilità e della pericolosità di una certa etnia: i terzisti.

Negli ultimi tempi ho coltivato una  certa avversità  per questa categoria di persone.

I terzisti sono coloro che “non comprendono tutta la tua enfasi sulla difesa della costituzione” che non ritengono questa ( la costituzione)  minacciata dalle “battute e sfoghi personali del premier”  né condividono il tuo giudizio sulla incapacità di S.B. di governare( “anzi in campo economico ha fatto bene“). Sul “conflitto di interessi” che secondo te inquina l’attività governativa ti rispondono “dovevate pensarci voi prima” (come se questa obiezione sanasse la carenza, che fantastici questi liberali all’italiana…) e ritengono il  tuo giudizio “eccessivamente sprezzante verso le doti morali” dello statista di arcore.

Loro “non dicono di no, ma...” , “dopotutto, comunque è stato votato“, del resto ” si  tratta  di salvare l’Italia e comprendere che occorre venirsi incontro” e che “la verità sta nel mezzo” ed amenità simili a questa,  frutto di una evidente prossimità col mondo degli affari, dove ci si viene incontro sulle somme di denaro e non certo di una particolare sensibilità ai temi istituzionali, come vorrebbero farti credere.

Sui princìpi dire che la verità sta nel mezzo significa essere complici dei delinquenti.

Insomma una versione riveduta e corretta del “ma anche” veltroniano in salsa mediobanca, per capirci.

Parlavo di situazione prefascista e voglio svelarla con una favola.

Per poter parlare fra umani occorre esser d’accordo su cosa è successo, sulla invasione degli ultracorpi, altrimenti è inutile. Ed allora a questo punto io provo a riassumere questa storia così come ora riesco a vederla.

Molti secoli fa dal punto di vista politico, in realtà circa vent’anni fa, un signore importante , il capo degli alieni  chiamati ultracorpi ( il riferimento migliore e più adatto al nostro caso è però il film di Carpenter, ESSI VIVONO ) ordinò ai suoi  un sondaggio molto serio:  capire cosa volevano gli umani di quel tempo. Egli aveva il possesso quasi esclusivo di due droghe formidabili  per gli umani , il calcio e la televisione ed aveva anche tanti debiti e molti scheletri nell’armadio da nascondere . Gli serviva il potere politico “umano” , gli serviva come l’aria e tutto sommato fino ad allora gli era  stato benigno, tranne piccoli focolai di resistenza ormai risalenti nel tempo.

Ma l’alleato che fungeva un pò da cavallo di troia degli ultracorpi nel frattempo era stato scoperto in alcune magagne dai suoi simili e si era dato latitante.  Sicchè il nobile alieno rimase scoperto per un pò in termini di potere e così  fece fare il famoso sondaggio di cui sopra,  che ebbe un esito favorevole alla sua volontà di dominio ed alla sua necessità di nascondimento.

Il sondaggo confermò che gli umani se la passavano male, erano sconcertati e confusi in quegli anni ;  venivano fuori malconci da decenni di uso ed abuso di altre droghe di stato o antistato, erano rimasti un pò tesi per una certa strategia e pare volessero divertirsi edonisticamente dopo decenni di impegno mal riposto, così girava voce.

Pertanto erano quasi tutti molto sensibili e ben disposti verso le lusinghe del calcio e della televisione, droghe peraltro , specie la prima , già pesanti e potentissime all’epoca: con qualche variazione qualitativa e quantitativa entrambe avrebbero creato una dipendenza ancor maggiore ed estesa all’arco intero della giornata.

In definitiva l’alieno capì per tempo che le cose erano messe in modo tale che altro che farli distrarre, divertire e dimenticare i guai precedenti! La situazione era tale da poter spingere la dipendenza in profondità ed addirittura impossessarsi degli umani direttamente

Pian piano la formula segreta delle due droghe funzionò ed i seguito gli umani abbassarono di molto i loro anticorpi, cominciando a vedere nero quando era bianco e viceversa. Le cose , i ricordi, le credenze che prima erano fisse nella memoria come convincimenti sbiadirono pian piano verso la leggenda, mentre enormi stupidaggini che al massimo in passato avrebbero preso il tempo mecessario per una risata incredula , divennero pian piano delle verità, delle nuove credenze collettive.

Il principe degli ultracorpi  aveva chiaro  lo spazio vuoto che gli si presentava davanti:  il sondaggio glielo aveva confermato, molti ultracorpi già avevano preso possesso di tantissimi umani e quindi le condizioni per l’assalto finale erano tutte presenti.

Questa è in breve la storia che gli umani resistenti, i non posseduti, raccontano dopo vent’anni ai loro figli prima di addormentarli, come fosse una favola. Modificano qualcosa nei termini e romanzano un pò alcuni spunti ma lo fanno solo per non tradirsi davanti al neopotere conformista terzista che vuole a tutti i costi normalizzare la situazione.

Questi ipocriti  sanno bene che questa è la vera storia del nostro popolo,  che è la verità di quanto accaduto, ma si comportano e desiderano che tutti si comportino come se non ci fossero delle anomalie enormi, come se insomma non ci fosse stato l’impossessamento alieno ma ci sia un normale  avvicendamento al potere tra umani in condizione di parità e democrazia.

Ci tengono tanto, i terzisti, a questo. E noi dobbiamo deluderli.

E’ inutile dire che i resistenti avevano particolari occhiali che gli permettevano di vedere la realtà e cioé il vero aspetto degli alieni dopo essersi impossessati dei corpi umani.

Inutile perchè i resistenti già lo sanno e ringraziano madre natura, qualche buona lettura o da piccoli le avventure di Che Guevara o quelle di Zorro. Anche la Tigre di Mompracem, Sandokan , aveva avuto il suo ruolo di crescita umana formidabile per i più giovani prima della invasione degli ultracorpi, e quindi rendiamo grazie anche a Salgari.

Gli altri umani , dicevo, purtoppo non possono capire né crederti se non sulla parola perchè dopo la lobotomia per loro Sandokan, per esempio, era divenuto un capo del casalesi.

Inoltre ormai sono quasi tutti visitati internamente dagli alieni.

I terzisti invece potrebbero capire  ma non ti danno soddisfazione,  questi bastardi, e la storia provoca in loro qualche sbadiglio di sussieguo mentre ti guardano “che sei il solito esagerato

Vedete anche voi come sono i terzisti?

E’ una particolare etnia di umani che più di ogni altra ha collaborato con gli ultracorpi : invece di combattere questi ultimi sapendo bene chi in realtà essi fossero , esattamente come lo sapevamo noi resistenti,   si sono dati da fare per ostacolarci, intralciarci e sostanzialmente non veicolare questa storia relegandola nello spazio della fantasia popolare. Una etnia  che ha fatto di tutto per non svelare che il re è nudo, per avallare il suo dominio e l’effetto delle sue droghe.

E’ questa etnia infatti la più colpevole, perchè gli altri, la maggioranza, i posseduti , non contestano alcunchè  vivendo in  un’altra dimensione, quella della droga: chi è drogato non partecipa ai dibattiti ma semplicimente vive da drogato.

Mentre chi drogato non é  conosce bene la genesi dell’attuale dominio degli ultracorpi,  avrebbe gli occhiali per vedere ma non vuole farlo ed anzi condanna e combatte quei pochi umani dotati di occhiali e consapevolezza. Maledetti terzisti , perché?

Questa è la piccola storia del mio rapporto con questa etnia strana , i terzisti, ovvero coloro che sanno la verità ma per imbecillità o interesse la combattono

Fine prima parte

Crazyhorse 70

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 42 follower